ads

------------------------------------------------------------------------------------------------

Translate

Slider[Style1]

Style3(OneLeft)

Style3[OneLeft]

Style3[OneRight]

Style4

Style5

“I GIARDINI DEL VOLTURNO”


Giardini del Volturno, la mostra mercato piante e fiori, torna nel parco di San Bartolomeo Casa in Campagna, uno dei parchi più belli della Campania, nella vallata di Cesarano a pochi chilometri dall’antica
Caiazzo, in provincia di Caserta. Dal 4 al 6 Aprile la tenuta, custodita con cura e passione dalla famiglia Marziale e dal 2007 inserita nella lista dei Grandi Giardini Italiani, ospiterà vivaisti e collezionisti di piante da balcone e da giardino, essenze aromatiche ed erbe officinali, orchidee e rose antiche, bulbi, piante acquatiche e da appartamento, bonsai, agrumi in vaso e varietà esotiche, succulente e cactacee.

 Giunta alla sua seconda edizione, la mostra mercato Giardini del Volturno è un vero e proprio “contenitore verde”, l’occasione per appassionati, esperti o anche semplici curiosi di conoscere ed acquistare specie e varietà botaniche uniche, frutto di un costante e attento lavoro di ricerca da parte dei migliori vivaisti italiani.

Giardini del Volturno ha come scopo quello di diffondere la cultura del verde e l’amore per le piante tra grandi e piccini: nei tre giorni dell’evento ci saranno laboratori creativi, mostre, visite guidate al Parco, incontri e conferenze. In esposizione ci saranno anche arredi da giardino, vasi e terrecotte, editoria del settore e prodotti biologici e cosmesi naturale e tutto quanto riconduca al concetto di verde e natura come luogo in cui far rivivere i sensi.

Autorità Portuale Trieste

L’Autorità Portuale di Trieste (Apt) ha sospeso ieri la firma dell'Accordo di Programma per la Disciplina degli interventi relativi alla riqualificazione delle attività industriali e portuali e del recupero ambientale nell'area di crisi industriale complessa di Trieste, perché il testo emendato
dell'Accordo avrebbe portato a una diminuzione di entrate al bilancio dell'Ente non quantificabile (l'attuale canone annuale è pari a 1,6 milioni euro) ed un accollo straordinario di oneri ambientali (circa 10 milioni di euro) non di competenza Apt.

 Spiace che coloro i quali hanno redatto il testo finale dell'Accordo in oggetto non abbiano tenuto conto delle osservazioni trasmesse dall'Autorità Portuale. Per tali argomentazioni e per l'importanza della tematica si è ritenuto di convocare un Comitato Portuale urgente sulla questione lunedì 3 febbraio alle ore 10.30. Vista l'importanza dell'argomento per l'intero territorio provinciale, il Comitato Portuale sarà aperto agli organi di stampa.

“Salerno Bond”, rilasciate garanzie per 5 milioni di euro


Ga.Fi. Sud, il Consorzio di Garanzia presieduto da Rosario Caputo, primo ed unico Confidi della Campania iscritto nell’elenco degli Intermediari Finanziari Vigilati da Banca d’Italia, in sinergia con Confindustria
Salerno e con Banca Sella, sta profondendo il massimo sforzo per il buon fine del progetto “Salerno Bond”. Infatti, grazie alla sinergia operativa con Confindustria Salerno e all’attività condotta presso gli uffici dell’Associazione, Ga.Fi. Sud, nell’ambito dei “Salerno Bond” ha deliberato ed istruito positivamente richieste di garanzie per un importo di oltre 5 milioni €, un risultato importantissimo, raggiunto in soli due mesi ed in una fase economicamente molto delicata.
 “Il successo dei Salerno Bond – sostiene Rosario Caputo, Presidente di Ga.Fi. Sud – è frutto di una collaborazione tra tre attori, accomunati da un obiettivo condiviso: rilanciare il sistema economico salernitano. Al Presidente Maccauro va riconosciuto il merito di aver creduto, sin da subito, in questa iniziativa, che si sta rivelando strumento concreto di sostegno per le imprese locali. A mio avviso, i Salerno Bond si configurano come un “modello” replicabile anche in altri territori”. 
* Il bond di territorio è stato emesso a seguito dell'accordo siglato tra Confindustria Salerno, Banca Sella e Confidi Ga.Fi. Sud. La raccolta del prestito obbligazionario a tasso fisso collocato da Banca Sella, con un rendimento annuo lordo del 3 per cento, è confluita nel plafond riservato alle imprese della provincia di Salerno aderenti a Confindustria che, grazie anche alla garanzia del confidi Ga.Fi. Sud possono richiedere finanziamenti a condizioni agevolate.

Ai 7,5 milioni di euro ottenuti grazie alla sottoscrizione del Salerno Bond, si aggiungono altri 3,5 milioni di euro già messi a disposizione da Banca Sella, che portano così il plafond complessivamente destinato alle imprese salernitane a 11 milioni di euro.

Febbraio al Museo Archeologico di Salerno

Dal 2 al 25 febbraio eventi per tutte le età. Iniziative speciali per San Valentino, incontri con le scuole e proiezione esclusiva del Film “Pompei dal British Museum di Londra”. Un Museo vivo e da vivere, dove grandi e bambini sono spettatori ed allo stesso tempo protagonisti dell’arte. Succede al Museo
Archeologico Provinciale di Salerno da quando l’Associazione Fonderie Culturali, fuori dai soliti schemi e dai consueti orari, promuove un’arte aperta a tutti e confezionata su misura per i diversi gusti ed esigenze. E succederà ancora anche a Febbraio.

 Fonderie Culturali, in collaborazione con la Provincia di Salerno, lancia un nuovo ciclo di eventi che, dal 2 al 25 Febbraio, animeranno il complesso museale di Via San Benedetto, consentendo ai visitatori di catapultarsi per qualche ora verso mondi lontani e sconosciuti. Numerose le iniziative in programma dalla musica al teatro, dalla didattica al cinema, dalla lettura alle visite guidate gratuite fino a divertenti momenti conviviali per socializzare, anche grazie all’utilizzo dell’hashtag #Museovivo, che permetterà di restare sempre aggiornati sugli eventi. Associazione Fonderie Culturali Fondata nel 2008 ad opera di un gruppo di giovani salernitani, Fonderie Culturali è un’associazione culturale senza scopo di lucro.

Luogo di incontro e di aggregazione culturale, l’associazione promuove nuovi modelli di sviluppo economico-sociale, basati sulla valorizzazione e promozione delle risorse culturali identitarie e sull’attivazione di sinergie innovative tra gli attori locali. Museo Archeologico Provinciale di Salerno Inaugurato il 28 ottobre 1928 all’interno del Palazzo di Governo, attuale sede della Provincia di Salerno, il Museo Archeologico Provinciale ha avuto nel corso degli anni diverse sedi.

Nel 1939, a seguito dello scoppio del secondo conflitto mondiale, il Museo fu spostato nella Casina dell'Orto Agrario, per ritornare una volta terminata la guerra nella precedente sede, dove rimase fino al 1964, quando l’allora direttore Venturino Panebianco scelse proprio il complesso di San Benedetto come sede definitiva.

 Il primo allestimento del plesso museale fu ideato e realizzato negli anni settanta dal noto architetto Ezio de Felice. I lavori di manutenzione e restyling terminati nel febbraio 2013 hanno riproposto un allestimento espositivo rispettoso della filosofia del restauro e del design originario.

Porto Lotti: online il restyling del sito web


E' stata pubblicata la nuova versione del sito web portolotti.it che presenta una navigazione più intuitiva e tante novità. Già nella home page sono evidenziati tutti i servizi offerti dalla marina e la seconda webcam con
una spettacolare panoramica sul golfo. Sono state inserite molte foto nuove e le icone dei principali social network per seguire ovunque Porto Lotti. Nella "gallery" è stata creata una nuova sezione fotografica relativa ai più suggestivi itinerari e ancoraggi situati nelle vicinanze del Porto, tra Punta Mesco e Punta Bianca.

Visibile anche la prestigiosa certificazione"MaRINA Excellence" ricevuta, per primi in Italia nel 2013, con il massimo punteggio. L’aggiornamento del sito è funzionale alla comunicazione del calendario di eventi e manifestazioni che arricchiranno la prossima stagione. E’ possibile essere sempre aggiornati sulle iniziative condotte dal Porto registrandosi alle “Breaking News”, newsletter mensile inviata a tutti gli iscritti.

NAPA al Propeller Club Venezia


Il primo incontro del nuovo anno del Propeller Club Porto of Venice è in programma per il 4 febbraio, alle ore 18.00 presso l’Hotel Bologna di Mestre, ed avrà come tema: NAPA, piattaforma offshore e
collegamenti intermodali. Il posizionamento del porto di Venezia rispetto ai porti concorrenti dell’Adriatico e del Mediterraneo.

Ospite e Relatore della serata sarà il Presidente dell’Autorità Portuale di Venezia prof. Paolo Costa. Un importante incontro per fare il punto su quale sarà il futuro della portualità alto adriatica nel complesso rapporto che regola la concorrenza tra i porti, alla luce del grande ed innovativo progetto che nel NAPA prevede la specializzazione delle singole realtà e quali le ricadute sul sistema trasportistico internazionale con particolare riguardo alla movimentazione delle merci generate dalla piattaforma offshore.

 Un interclub in cui saranno coinvolti i porti di Ravenna, Chioggia, Venezia, Monfalcone, Trieste, Koper e Rijeka ed i rappresentanti territoriali di Confitarma, Confetra, Federagenti e Fedespedi.

Logistica urbana sostenibile a Lucca


Come fare per stimolare l'utilizzo dei veicoli elettrici? A rispondere ci pensano gli esperti del progetto europeo Emerald (Energy Management and recharging for efficient electric car driving), invitati dal comune di Lucca, in questi giorni, per discutere di logistica urbana sostenibile e
trasporto merci ecologico. Il progetto, finanziato nell'ambito dell'iniziativa europea “Green Vehicles”, all'interno del settimo programma quadro di ricerca e sviluppo, ha per oggetto l'ottimizzazione dei consumi da parte dei veicoli elettrici e l'integrazione dei veicoli merci nelle infrastrutture di trasporto e della distribuzione di energia.

 L'amministrazione comunale, infatti, ha deciso di aderire al piano europeo, di durata triennale, nell'estate scorsa, proprio per realizzare azioni mirate al raggiungimento di sistemi di trasporto intelligenti e non inquinanti per la circolazione di persone e merci con la massima sicurezza, comfort ed efficienza.

 L'obiettivo generale è quello di verificare le potenzialità di veicoli completamente elettrici di nuova concezione da utilizzare in vari contesti operativi e adatti all'impianto urbanistico medievale. Ecco perché in città sono arrivati i rappresentanti dei più importanti centri di ricerca e aziende attive sul tema della produzione e gestione dei veicoli elettrici per una mobilità sostenibile, che resteranno a Lucca fino a domani (venerdì), dopo aver visitato Luccaport.

Assoporti: il contributo per il rilancio dei porti


“Dare al sistema logistico portuale italiano un rinnovato assetto, in linea con le esigenze strategiche del sistema-Paese; un’organizzazione capace di regolare e programmare le attività connesse alle radici marittime dei corridoi essenziali europei – core ports e core-corridors - che li connettono con i loro mercati rilevanti, italiani ed europei, assumendo anzitutto a riferimento i principi dettati dall’Unione Europea”. 
Partendo da questi obiettivi, che si riallacciano alle linee guida di politica portuale presentate durante l’assemblea associativa di ottobre, Assoporti ha messo a punto il suo contributo, a Parlamento e Governo, sui temi dello sviluppo della portualità, esplicitando, alla lettera, l’importanza di pervenire “a forme di collaborazione e possibile aggregazione funzionale, anche di tipo transfrontaliero europeo, tra le Autorità portuali esistenti, sulla base di un disegno dalle stesse voluto”.

Collaborazione e aggregazione che non può essere frutto di un mero processo di revisione della spesa, visto che oggi le Ap sono fonte di entrata e non di spesa per il bilancio dello Stato. Un contributo che individua alcune proposte specifiche: la realizzazione non solo di un’autonomia finanziaria, effettiva, ma della autodeterminazione finanziaria; la costituzione, su iniziativa delle Autorità Portuali, di intesa con la Regione o le Regioni interessate, di sistemi portuali e logistici di corridoio per la promozione delle infrastrutture di collegamento stradale e ferroviario, avendo riguardo sia alle connessioni tra i terminali portuali e retro portuali e altri nodi della rete logistica del sistema, sia ai corridoi e ai core ports individuati in sede comunitaria.

Quindi le Autorità portuali, protagoniste di un coordinamento e di una regia unica per porti, interporti, ferrovie e reti viarie e misure intese a stimolare un maggior coinvolgimento delle imprese produttive nazionali nella catena logistica e la crescita degli operatori italiani della logistica; inoltre, l’espresso richiamo dei principi che si vanno consolidando in sede UE per quel che riguarda i servizi tecnico-nautici.

Stile di vita come terapia di benessere


Parte da Napoli un’iniziativa finalizzata a migliorare la salute e prevenire le patologie croniche partendo dallo stile di vita del paziente, compresa l’alimentazione. Il progetto, Salute e Benessere, sarà esportato a Expò
2015 e porta la firma della Iwf Europa onlus e dell’Associazione Partenope Dacia che si avvalgono della collaborazione di Confagricoltura Napoli e del Servizio di Epidemiologia dell’Istituto dei tumori Pascale. Non è per caso che l’iniziativa parta da Napoli: un bambino napoletano su tre è obeso e il 47% della popolazione residente nella regione soffre di questo problema perché si nutre in maniera non corretta. E sempre in Campania sono in aumento i casi di tumore.

Nelle aree soggette a scarichi di rifiuti inquinanti di ogni genere sono stati riscontrati fino a 30mila casi di cancro in un anno.
“A parte i problemi legati al degrado ambientale, il progetto mette a fuoco il ruolo che può giocare l’alimentazione nell’insorgenza e nella prevenzione di alcune patologie”, affermano Pietro Romano e Federico Zinna, rispettivamente presidenti di Iwf Europa e Partenope Dacia. “Come un puzzle, dove ogni pezzo deve essere collocato al posto giusto, così la medicina dello stile di vita può offrire un valido supporto ai comportamenti quotidiani partendo dalle motivazioni legate allo stress ed alle emozioni, alla cattiva nutrizione, all’ambiente in cui si vive”. 
Prevenzione, dunque, per i promotori del progetto, agendo sullo stile di vita delle persone e sulla loro alimentazione; una branca della medicina che vent’anni fa non si conosceva scientificamente, ma che adesso è ritenuta indispensabile per prevenire e curare alcune patologie cliniche, come afferma Maurizio Montella, direttore del Servizio di Epidemiologia del Pascale.
“Mentre la mortalità tumorale diminuisce nel Paese, nelle aree a cavallo di Napoli e Caserta cresce. Nel caso specifico, non solo per abitudini alimentari non corrette e per lo stress cui è sottoposto il fisico, ma soprattutto per l’emergenza ambientale che il territorio sta vivendo”.
 Da qui, quindi, lo scopo del progetto: educare i cittadini alla salute, partendo da un’adeguata informazione nella scuola su ciò che si deve mangiare e quello da evitare. D’altro canto, osserva Montella, la ricchezza della tradizione agricola-alimentare della Campania, terra della Dieta Mediterranea tutelata dall’Unesco, garantisce una risposta più che sufficiente non solo per tutti i gusti, ma anche per tutte le necessità dietetiche, siano esse per il mantenimento di uno stile di benessere che per scopi terapeutici.
Eduardo Cagnazzi

Nuovi regali dalle nanotecnologie: telefonini e tv pieghevoli

Sono recenti le notizie di alcune grandi aziende estremorientali sulla immissione nel mercato di televisori e cellulari a schermo curvo, ma sarebbero tecnologie già superate secondo quanto scrivono scienziati statunitensi. Saremmo vicini, secondo ricercatori delle università di
Harvard e Houston, all’utilizzo di un materiale trasparente, flessibile con la conducibilità necessaria per realizzare televisori e telefonini pieghevoli, insomma potremo arrotolare il nostro televisore e trasportarlo comodamente dove più ci piace.

Naturalmente il campo di applicazione di questa tecnologia non si ferma ai Tv ma avrà un ampio campo di uso specialmente nei dispositivi biomedici; per produrre questi schermi flessibili sono state usate nanoreti ad alta conducibilità elettrica realizzate in nanomaglie d’oro, così microscopiche da non essere visibili dall’occhio umano che quindi vedrà il monitor trasparente.

Un 2013 a due facce per l’industria alberghiera.

Timidi segnali di ripresa nel consuntivo 2013 elaborato dall’Osservatorio Compagnie Alberghiere di Associazione Italiana Confindustria Alberghi. Con un Tasso di Occupazione media al 62,7% (+ 4,9% rispetto al 2012) e un costante aumento della presenza straniera, le catene
registrano un ricavo medio per camera disponibile (RevPar) di € 82,50 (+7,2% rispetto al 2012), la performance migliore dell’ultimo triennio. 
“La scelta di bloccare le tariffe ai livelli dello scorso anno – dichiara Giorgio Palmucci, Presidente di Associazione Italiana Confindustria Alberghi – ha garantito un buon rendimento e ha premiato gli sforzi sostenuti dalle nostre Aziende. Abbiamo rischiato e creduto fortemente che l'attrattività del nostro Bel Paese, associata all’eccellenza del servizio offerto ai viaggiatori, ci avrebbe ricompensato”. 
 La politica di contenimento delle tariffe ha salvaguardato i 3 stelle – che hanno confermato gli stessi risultati del 2012 – e premiato i segmenti upscale che, con una variazione del TOC di +5,5% ha visto crescere il RevPar del 5,4% rispetto all’anno precedente. Il segmento lusso ha riportato i migliori risultati (RevPar +11,4%). In particolare a Venezia, le strutture 5 stelle hanno registrato le performance più alte con un +35% rispetto al 2012 che ha riportato i valori vicini al periodo ante-crisi. Unitamente alle bellezze naturali la città lagunare ha tratto beneficio da alcuni importanti eventi. Oltre al tradizionale Carnevale, Leonardo ospite alla Biennale e un fitto calendario di appuntamenti dedicati all’arte, alla musica e allo sport hanno catalizzato l'attenzione dei turisti di ogni parte del mondo. 
“Il 2013 – conclude il Presidente Palmucci – ha visto dei primi timidi segnali di recupero che spero segnino un'effettiva inversione di tendenza ma, siamo ancora troppo lontani dal dichiararci fuori dalla crisi. L’anno appena trascorso si è caratterizzato anche per un carico fiscale abnorme che grava pesantemente sui conti delle imprese e rischia di vanificare gli effetti del mercato. Il 2014 deve segnare un cambio di rotta anche su questo fronte. Solo cosi, alleggerendo il carico fiscale e il costo del lavoro potremo davvero dirci fuori dalla crisi”.

ATENA e ASCOMAC Unimot al SEATEC di Marina di Carrara


Intensa l’attività convegnistica programmata congiuntamente da ATENA Associazione Italiana di Tecnica Navale e da ASCOMAC Unimot – Associazione Nazionale Importatori e Distributori di motori e gruppi
elettrogeni a partire dal Convegno del 7 febbraio mattina dal titolo “Porto: Città – Territorio. Modello di sviluppo sostenibile di Lavoro, Infrastrutture, Energia, Sicurezza”. Il momento di grave crisi del Paese richiede ad ognuno di noi – cittadini, imprese, istituzioni - un contributo di idee, di competenze e di proposte per dare vita a iniziative che creino lavoro e occupazione subito.

L’obiettivo strategico delle iniziative di ATENA e di ASCOMAC Unimot è quello di contribuire a dare risposte anticicliche alla crisi, a partire dall’analisi delle potenzialità dei porti mercantili o crocieristici, economia del nostro Paese, ma anche dei porti turistici e delle marine delle nostre coste, tutti siti meritevoli di una rinnovata attenzione agli investimenti per lo sviluppo dell’intero comparto navale e nautico italiano.

 Inoltre pensare alla ristrutturazione / riqualificazione, della infrastruttura–porto, logistica o turistica che sia, in chiave energetica, informativa, di servizio quale ad es. la demolizione navale, attraverso un nuovo modello di progettazione quale è il BIM, Building Information Modeling. Attraverso questa chiave di lettura, sono stati individuati e declinati alcuni temi e interventi, invitando il 7 febbraio a parlarne imprese, operatori del settore, istituzioni, finalizzati a valorizzare il “Porto: Città/Territorio” con l’unico obiettivo della Sostenibilità: • Infrastrutture portuali a servizio dei distretti industriali e del terziario • Sicurezza del lavoro – Attività logistica, sollevamento, merci, persone • Ciclo vita delle navi e natanti - condizioni e requisiti per i siti destinati alla costruzione/manutenzione/demolizione navale • Hub energetico, informativo, logistico – generazione e consumo di energia da fonti rinnovabili, ed efficiente da GNL etc.

Trasferimento di carico nella rada di Augusta

Si è concluso nei giorni scorsi, all’interno della rada di Augusta la prima operazione di transhipment di prodotti liquidi alla rinfusa. Già da diversi anni una locale Agenzia marittima ha interessato le Autorità Competenti affinché nel porto di Augusta riprendano queste attività di allibo, ossia “il
trasferimento di tutto o parte del carico da una nave all’altra, quando esse sono ormeggiate l’una all’altra”. L’operazione in parola è disciplinata sotto l’aspetto tecnico dal Decreto dell’allora Ministero della Marina Mercantile del 3 maggio 1984 e dall’Ordinanza della Capitaneria di porto n.15 del 4 aprile 1995, e quello commerciale dalla delibera n.42 del 3 settembre 2013 dell’Autorità Portuale, che ha previsto una riduzione della tassa di ancoraggio per siffatta specie di operazioni commerciali.

La prima autorizzazione è stata rilasciata dalla Capitaneria di Porto sul finire del dicembre 2013, preceduta da un incontro con i servizi tecnico-nautici e portuali (Corporazione Piloti Augusta e Siracusa, Società concessionaria del servizio di Rimorchio, Gruppo Ormeggiatori, Gruppo Barcaioli, Servizio Chimico di porto, Società autorizzata al servizio integrativo antincendio e Agenzia marittima raccomandataria Italnoli) in ordine alla fattibilità in termini di sicurezza della navigazione e prevenzione dagli inquinamenti degli allibi nel porto di Augusta. Nel primo mese di attività sono stati già effettuati n° 8 operazioni di allibo con una movimentazione di tonn. 145.000 circa di prodotti petroliferi, tra cui greggio, gasolio e nafta.

Trieste primo porto petrolifero del Mediterraneo


I
Importante conferenza stampa congiunta ieri mattina in Autorità Portuale di Trieste con la presidente dell’Apt, Marina Monassi e la presidente del Gruppo TAL e ad della Società Italiana per l’Oleodotto Transalpino, Ulrike Andres. Il Gruppo TAL, consorzio transfrontaliero che gestisce il più importante oleodotto europeo e di cui fa parte la SIOT di Trieste, ha
raggiunto l’anno scorso il record storico di movimentazione del petrolio greggio. Nel 2013 al Terminale Marino SIOT sono state scaricate 41,3 milioni di tonnellate di greggio da 502 navi a conferma del primato di Trieste quale primo porto petrolifero del Mediterraneo. L’aumento dei traffici è dovuto principalmente a un maggiore approvvigionamento della raffineria di Karlsruhe, una delle più grandi della Germania, che ora viene rifornita esclusivamente dal porto di Trieste tramite l’Oleodotto Transalpino. Inoltre, è stato registrato un incremento della fornitura di petrolio greggio alla Repubblica Ceca che, con l’ingresso dell’azienda statale Mero nell’assetto societario del Gruppo TAL, ha voluto garantire la sicurezza dell’approvvigionamento energetico in alternativa al greggio proveniente dalla Russia.

 È stata una scelta importante resa possibile sicuramente dalla competitività e dall’affidabilità del Gruppo TAL ma anche grazie all’efficienza dello scalo triestino e dal suo regime di punto franco che consente agli operatori di godere di importanti benefici, come ad esempio il pagamento dei diritti doganali dilazionato a 6 mesi ad un tasso d’interesse ridotto.
 “Questa crescita è il risultato di un’intensa collaborazione e di un’azione sinergica con l’Autorità Portuale di Trieste che ha portato all’acquisizione di volumi significativi di traffico, rafforzando il vantaggio competitivo del porto di Trieste - ha sottolineato Ulrike Andres - Operare nel rispetto dell’ambiente e con l’attenzione per la sicurezza rappresenta da sempre una priorità assoluta per la nostra Azienda che investe continuamente nell’innovazione, nelle tecnologie più avanzate e nel miglioramento degli impianti al fine di garantirne massimi livelli tecnologici. Le dotazioni antinquinamento del Terminale Marino sono all’avanguardia nei sistemi di sicurezza in ambito portuale”.

Seatec, dodicesima edizione a Marina di Carrara


Ha inizio tra pochi giorni la dodicesima edizione di Seatec, oltre 440 marchi esposti, 3 padiglioni, numerosi eventi in calendario, in un clima di auspicato rilancio. Sarà una 12esima che promette di essere in linea con
questa prospettiva di ripresa, grazie alle numerose iniziative, come il MedVillage, la convegnistica specializzata e i concorsi che vanno di pari passo a Seatec dal suo inizio: il MYDA, premio per il miglior yacht design e i Qualitec Awards dedicati alle novità tecniche ed estetiche dei prodotti esposti. Lo YARE sarà invece l’area dedicata alla sezione refitting all’interno del padiglione C, in cui le aziende espositrici avranno la possibilità di incontrare gli oltre 110 comandanti in visita con cui sono stati organizzati gli incontri B2C.

Altra delegazione importante sarà quella organizzata in coordinamento con ICE, Toscana Promozione e CCIAA di Lucca, che vedrà complessivamente la presenza programmata di oltre 70 buyers internazionali che parteciperanno ai B2B con gli espositori e avranno la possibilità di visitare la fiera.

Con il MedVillage si è voluto proporre un’area appositamente dedicata ai paesi che compongono la linea costiera del Mediterraneo, in particolare Spagna, Francia, Monaco, Slovenia, Croazia, Grecia e ampliare le opportunità di business tra una più vasta e allargata comunità di professionisti della nautica da diporto.

Questo spazio, con 15 marchi presenti del settore accessori e componentistica, nasce con lo scopo di divenire punto d’incontro per la domanda e l’offerta dei paesi che si affacciano su questo bacino. Quest’anno, uno spazio espositivo è dedicato anche alle startup: quattro realtà che presenteranno nuovi progetti al servizio della nautica da diporto e che rappresentano il forte orientamento all’innovazione e alla ricerca di Seatec.

Vacilla il record Venezia-Montecarlo – pronta una F1 del mare

L’occasione è ghiotta, il Gran Premio di Formula 1 di Montecarlo del prossimo 23 Maggio: niente di meglio per lanciare la sfida ad un record di velocità, anche se sull’acqua. E così un’imbarcazione con bandiera italiana proverà a migliorare il record di velocità sulla tratta Venezia –
Principato di Monaco. Si tratta del prototipo militare Fast Interceptor realizzato dal cantiere navale Vittoria di Adria in provincia di Rovigo, un “formula1” del mare lungo circa 20 metri equipaggiato con due motori che sviluppano 3200 cavalli e che possono consentirgli una velocità di circa 70 nodi.

 Il tentativo del periplo della penisola italiana per un totale di oltre 1100 miglia marine metterà alla prova la struttura del prototipo, realizzata facendo ampio ricorso a materiali compositi, molto resistenti e molto leggeri; il prototipo sarà pronto entro il prossimo Aprile dopo aver effettuato le prove in mare per presentarsi all’appuntamento di maggio e alla curiosità del mondo dello shipping che si è già dimostrato molto interessato alle sue prestazioni.

Terminals, Porti e Investitori al Propeller Club Napoli


Il Segretario del Propeller Club - Port of Naples, Pino Coccia, ha diffuso il programma del convegno organizzato dal Club napoletano lunedì 3 febbraio prossimo presso il salone dei convegni dello splendido
complesso monumentale di S. Domenico Maggiore ove in questi giorni ha luogo la “Mostra Impossibile” dedicata a Leonardo, Raffaello e Caravaggio, il più grande evento culturale napoletano del momento.

 Alle ore 17:00 i soci del Propeller Club potranno visitare la Mostra mentre alle ore 18:00 avrà inizio la Tavola Rotonda sul tema “Terminals, Porti e Investitori Istituzionali: relazione possibile?“ Gli interventi saranno coordinati dal Presidente Umberto Masucci, e ne discuteranno: Sergio Bologna, professore tra i massimi esperti del settore; Francesco Stanislao Parisi, storico spedizioniere e terminalista di Trieste; Marco Simonetti, Vice Presidente Contship Italia; Fabrizio Vettosi, Managing Director Venice Shipping and Logistics S.p.A. Investment & Advisory.

Il governo da’ forfait all’incontro con gli autotrasportatori

Per la seconda volta, a distanza di appena una settimana, il sottosegretario ai trasporti, Rocco Girlanda, dà forfait e rimanda l'incontro con le associazioni di categoria, firmatarie del protocollo del 28 novembre scorso, con all’ordine del giorno le problematiche inerenti la continuità territoriale con la Sicilia. Cosa stanno decidendo al
Ministero dei Trasporti? E soprattutto con chi? CNA-Fita prende atto della “sospetta latitanza” del sottosegretario che forse si è dimenticato che con la Sicilia c’era pure la Sardegna e che con queste ultime due vi era una sequela di problemi da affrontare di cui bisognava verificarne la soluzione attraverso incontri successivi e una super visione finale entro il 31 gennaio 2014.

Tutto ciò non è avvenuto, gli incontri non si sono svolti, e a questo punto è lecito pensare che, una volta rientrata la protesta dei Forconi, la verifica complessiva, per qualcuno forse, si sarebbe dovuta risolvere in una bolla di sapone. CNA-Fita ha più volte ribadito, nelle settimane seguenti alla firma del protocollo e subito dopo la pausa natalizia, che il Governo non doveva indugiare oltre. Come se non bastasse, con l’anno nuovo poi si sono aggiunti i vergognosi quanto ingiustificati rincari dei pedaggi e, a partire da marzo, ci aspetta l’ennesimo aumento delle accise sul gasolio.

Temporeggiare oltre non aiuta a chiarire alla categoria quali saranno le soluzioni da mettere in campo e contribuisce semmai ad aumentare il convincimento di chi ha sempre creduto che non vi fossero, nel Governo e altrove, le volontà necessarie a risolvere le questioni aperte con l’autotrasporto. CNA-Fita, responsabilmente, si è resa parte attiva nel garantire al Governo maggior tempo per rintracciare le soluzioni e portarle su percorsi di attuazione concreti. Ma tutto ciò non è accaduto e per questo è urgente che si affronti tale inconcludenza nella sede più opportuna avvero il coordinamento unitario, Unatras, per le determinazioni del caso.

Howard Frank presidente di Costa Crociere

Carnival Corporation & plc ha annunciato ieri di aver nominato Howard Frank Presidente di Costa Crociere S.p.A, il più grande gruppo turistico italiano e principale compagnia crocieristica in Europa, Asia e Sud America. Nel suo nuovo ruolo, Frank supporterà Michael Thamm, Amministratore Delegato di Costa Crociere S.p.A. Lo scorso novembre, dopo 25 anni di carriera in Carnival
Corporation, durante i quali ha ricoperto dal 1998 sia la carica di Chief Operating Officer che di Vice Presidente, Frank era diventato special advisor dell’Amministratore Delegato e del Presidente di Carnival Corporation. Attualmente Frank è anche Presidente del Comitato Esecutivo della Cruise Lines International Association (CLIA), la più grande organizzazione mondiale dell’industria crocieristica. Costa Crociere S.p.A. che opera con i marchi Costa Crociere, AIDA e Iberocruceros, è la compagnia di crociere n.1 in Europa e l’unica battente bandiera italiana.

La sua flotta, la più grande in Europa, è composta da un totale di 14 navi, tutte battenti bandiera italiana, più una nuova nave in consegna nell’ottobre 2014. Tutte le navi della flotta Costa hanno ricevuto la notazione “Green Star” del RINA, che attesta il rispetto dei più alti standard in materia di protezione ambientale.

Carnival Corporation & plc è la più grande compagnia al mondo del settore crocieristico, con un portafoglio di brand in Nord America, Europa, Australia e Asia, che comprendono Carnival Cruise Lines, Holland America Line, Princess Cruises, Seabourn, AIDA Cruises, Costa Crociere, Cunard, Iberocruceros, P&O Cruises (Australia) and P&O Cruises (UK). Insieme, questi marchi operano con 101 navi, per una capacità totale di 208.000 passeggeri in letti bassi e con otto nuovi navi in ordine con consegna prevista tra maggio 2014 e giugno 2016.

Lavori al porto commerciale di Augusta

L’Autorità Portuale di Augusta, comunica, in ottemperanza alla normativa di cui al Decreto Legislativo n.33 del 14/03/2013 recante “riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”, che il giorno 27 gennaio 2014 il Commissario Straordinario Dott. Enrico
Pujia ha proceduto alla firma del contratto con la RTI Società Italiana Condotte d’Acqua S.p.A. (mandataria), Piacentini Costruzioni S.p.A. (mandante) Cosedil S.p.A. (mandante cooptata) per i “lavori del primo e secondo stralcio della terza fase del porto commerciale di Augusta – Banchine containers” .

 L’importo di aggiudicazione è stato di €. 41.895.209,27 di cui €. 39.567.238,76 per l'esecuzione dei lavori al netto degli oneri della sicurezza, €. 525.000,00 per la progettazione esecutiva ed €.1.802.970,51 per oneri per la sicurezza, con un ribasso complessivo di €. 16.559.585,38. I termini utili per l’esecuzione dei lavori è di 840 giorni. Completati gli essenziali iter amministrativi necessari, si apprestano ad essere avviati gli importanti lavori di infrastrutturazione del porto che renderanno lo scalo augustano ancora più competitivo.

Roma per 1, solo per “numeri uno”

Verrà presentata oggi alla stampa la “Roma per 1”, la nuova regata in solitario che partirà il 6 aprile 2014, contemporaneamente alle classiche Roma per 2 e Roma per Tutti che si svolgono rispettivamente da ventuno e venti anni. Sarà un’innovazione incredibile per la vela sportiva
italiana, perché è la prima volta che si organizza una regata d’altura in solitario di tale portata nel nostro paese e su un percorso lungo e complicato e in una stagione notoriamente difficile e ricca di variabili meteo.
 “Sarà una regata per numeri uno – sottolinea il presidente del Circolo Nautico Riva di Traiano Alessandro Farassino – perché parteciperanno i migliori e perché faremo particolare attenzione nella ratifica delle iscrizioni. L’esperienza maturata in tutti questi anni costituisce la struttura sulla quale abbiamo incardinato questa proposta che noi consideriamo si molto coraggiosa, ma quasi una naturale evoluzione della Roma per 2. Ci sarà una modalità di selezione delle iscrizioni e riferimenti precisi sul bando di regata che verrà presentato domani. Sentiamo ovviamente la responsabilità di una regata difficile, ma siamo consapevoli di avere la competenza e la giusta ‘saggezza’ per svolgere al meglio i nostri compiti. Con la Roma per 1 si aprirà un nuovo orizzonte per l’altura italiana che vedrà il sorgere di numerosi epigoni e di un incredibile numero di partecipanti.“

Presentazione Manuale primo soccorso gente di mare

Il Centro Internazionale Radio Medico (CIRM) nell’ambito delle iniziative intraprese per il proprio rilancio e per fornire alla Gente di Mare un servizio medico di tipo globale, presenterà il Manuale tascabile di Primo Soccorso Elementare Gestione delle Emergenze Mediche ed Automedicazione per i
Lavoratori del Comparto Ittico. Manuale realizzato grazie ad un finanziamento del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. Il progetto prevede anche l’articolata presentazione e la distribuzione del Manuale con incontri dedicati.

Il primo di questi incontri, destinato alla presentazione dell’iniziativa a livello nazionale, si terrà il 31 gennaio p.v., dalle 10:00 alle 12:00, presso la Sala Convegni della sede dell’EUR del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Gli incontri successivi, per illustrare il Manuale e realizzare, nell’ambito delle finalità dello stesso, un breve corso di primo soccorso elementare con le indicazioni delle principale procedure da adottare in caso di emergenze mediche a bordo dei pescherecci saranno realizzati a Napoli, Mazzara del Vallo, Cagliari, San benedetto del Tronto, Ancona, Anzio, Reggio Calabria, Chioggia e Ravenna.

La rivincita del treno

La concorrenza fa bene al mercato, come si sa, ed anche nel trasporto passeggeri, un settore ricco, questa massima ha trovato la sua consacrazione. Infatti l’entrata in servizio della concorrenza sull’alta velocità ferroviaria ha fatto abbassare sensibilmente le tariffe producendo
un effetto virtuoso fra qualità del servizio e tariffe sempre più concorrenziali. Il risultato eclatante di questa tendenza sarà che per la prima volta il treno batterà l’aereo anche per i cosiddetti viaggi d’affari e, secondo le più recenti stime, il sorpasso si materializzerà già nel primo trimestre di questo anno.

 Già durante lo scorso anno la quota appannaggio del treno era salita al 49%, con Milano principale destinazione ferroviaria italiana, seguita da Roma, e proprio la riduzione drastica del tempo di percorrenza tra Milano e Roma ha sancito la vittoria dell’alta velocità su ferro rispetto all’aereo.

Il progetto TOSA riceve premio di Legambiente


Il Gruppo ABB ha ricevuto il premio Innovazione Amica dell’Ambiente di Legambiente con il progetto TOSA, il sistema che consente a autobus elettrici di ricaricarsi in soli 15 secondi durante la fermata per la
salita e la discesa dei passeggeri. TOSA (TrolleybusOptimisation System Alimentation) è una soluzione a zero emissioni fossili poiché l’energia elettrica utilizzata proviene interamente da centrali idroelettriche. La ricarica è così veloce che non interferisce con gli orari degli autobus e migliora l’ambiente urbano e il paesaggio non dovendo ricorrere a linee aeree di collegamento e offrendo al contempo grande flessibilità di percorso.

Il sistema usa un braccio semovente controllato da laser che si connette a una presa per la ricarica sulle pensiline al posto del solito carrello collegato alle linee aeree. Il progetto è attualmente in fase di sperimentazione presso la città di Ginevra. La tecnologia per la ricarica lampo e le apparecchiature di trazione montate a bordo usate in questo progetto sono state sviluppate da ABB e ottimizzate per linee di autobus ad alta frequenza nelle principali aree urbane tramite le quali vengono trasportati un gran numero di passeggeri durante le ore di punta.

Le batterie a bordo possono essere ricaricate in 15 secondi presso fermate predisposte lungo la linea. Al capolinea, un sistema ultra veloce permette una ricarica completa delle batterie in 3 – 4 minuti. Grazie ad un innovativo sistema di azionamento elettrico, l’energia proveniente da un apparato di ricarica montato sul tetto può essere immagazzinata in batterie compatte assieme all’energia frenante del veicolo energizzando sia l’autobus sia i suoi servizi ausiliari come ad esempio le luci interne.

 A ricevere il premio per ABB da Legambiente sono stati Antonio Giacomucci, Responsabile Sostenibilità di ABB Italia e Roberto Diana, responsabile settore ferroviario sempre di ABB Italia,che ha dichiarato:
 “L’elettrificazione delle infrastrutture di trasporto urbano rappresenta per le città un’opportunità concreta per ridurre significativamente le emissioni di CO2 e migliorare la qualità di vita dei cittadini trasformando le città in Smart Cities”.

Msc Crociere raggiunge 2 milioni di fan su face book

MSC Crociere ha superato i due milioni di fan sulla propria pagina ufficiale di Facebook ed entra così nella “top ten” delle pagine Facebook dedicate al viaggio a livello mondiale.
 “Prosegue senza sosta, quindi, la rapida crescita della Compagnia online e sui social media. Questi numeri testimoniano che MSC Crociere riesce a coinvolgere le diverse comunità online attorno all'esperienza unica del viaggio in crociera” ha affermato David Arcifa, Corporate Social Media Manager della Compagnia. 
“Per i brand di viaggi diventa sempre più importante concentrarsi sui social media considerando che i consumatori si rivolgono a Facebook e Twitter per informazioni, suggerimenti e consigli durante il viaggi - sottolinea Jan Rezab, CEO e co-fondatore di Socialbakers, leader mondiale nella social media analysis - con un approccio analitico semplice ed efficace, MSC Crociere ha fatto un lavoro eccezionale nel capire nell’adeguata selezione di contenuti vincenti nell’aumentare l’engagement con il suo pubblico e contemporaneamente essere all’avanguardia per il customer care sui social”.
 MSC Crociere è diventata protagonista anche sugli altri social media. La Compagnia, ad esempio, ha lanciato un anno fa un canale globale di YouTube per incuriosire, attraverso video dai contenuti creativi, le persone che non hanno ancora fatto un viaggio in crociera, condividendo così con un pubblico più vasto lo stile di vita unico di MSC Crociere. Oggi il canale della Compagnia su Youtube conta più di 4,5 milioni di visualizzazioni video.

Nasce nuovo Mediocredito Italiano

Nasce il nuovo Mediocredito Italiano, il Polo per la Finanza d’Impresa del Gruppo Intesa Sanpaolo dedicato al sostegno degli investimenti e dei percorsi di crescita delle aziende, punto di riferimento in Italia per le attività di consulenza per la finanza d’impresa, finanziamento specialistico e leasing. Riorganizzato nel 2008, dopo una storia di oltre 50 anni, con la
specializzazione nel credito a medio-lungo termine alle piccole e medie imprese, Mediocredito Italiano è stato rafforzato attraverso l’incorporazione delle attività di leasing del Gruppo (Leasint, Centro Leasing e ramo leasing di Neos Finance) con un processo di riorganizzazione mirato a supportare il settore produttivo italiano con nuovi strumenti e a contribuire all’avvio della ripresa economica.

Nella stessa data è stata perfezionata anche l’acquisizione da parte di Mediocredito Italiano dell’intera partecipazione al capitale sociale di Agriventure S.p.A., la struttura dedicata all’agroindustria, detenuta prima da Intesa Sanpaolo e Banca CR Firenze. Il nuovo Polo per la Finanza d’Impresa del gruppo Intesa Sanpaolo servirà oltre 80.000 clienti, con un volume di impieghi superiore a 37 miliardi di euro, di cui 28 miliardi erogati alle PMI.

 E’ questa la risposta del nuovo Mediocredito Italiano ai bisogni emergenti delle imprese: la crescita dimensionale per raggiungere massa critica, la necessità di sfruttare la forza delle filiere, gli investimenti in innovazione e internazionalizzazione, l’ottimizzazione della struttura finanziaria per crescere in Italia e all’estero.

Per accompagnare le aziende al raggiungimento di tali obiettivi, il Polo per la finanza d’impresa poggerà su tre pilastri: un’ offerta commerciale completa e integrata per gli investimenti strategici e di crescita, la specializzazione settoriale nell’approccio al cliente, integrazione con la rete territoriale del Gruppo Intesa Sanpaolo.

Federcarrozzieri: “Dalla padella alla brace”

Prezzi standard per le riparazioni auto in officina. E’ quanto propone il Partito Democratico per modificare il criticato decreto legge Destinazione Italia, all’esame delle commissioni parlamentari della Camera. Il tariffario di riferimento verrà redatto dall’Ivass attraverso
metodi statistici, così da combattere le frodi ai danni delle assicurazioni, salvaguardando allo stesso tempo la libera concorrenza fra i carrozzieri. Altra novità sarà costituita dalla possibilità, per gli automobilisti che vogliono ottenere uno sconto sulla polizza, di autorizzare l'installazione della scatola nera.

 Con l'emendamento del Pd, la scatola nera, anziché essere collegata al sistema centrale del ministero, sarebbe agganciata a un collegamento più leggero, gestito e pagato dalle assicurazioni. Non ha tardato ad arrivare la risposta indignata da parte di Federcarrozzieri:
“L’on. Causi e l’on. Gudgeld, non credo si siano confrontati con la segreteria del PD, ma sicuramente sanno bene come accontentare le richieste delle Compagnie assicuratrici. Noi siamo ancora più arrabbiati, fare un tariffario per le riparazioni, vuol dire individuare nella categoria degli artigiani carrozzieri la causa delle frodi e, allo stesso tempo, favorire con i costi standard i centri di raccolta vetture incidentate a marchio Unipol. Come ciliegina sulla torta, una bella scatola nera diretta completamente dalle compagnie, che a quel punto piloteranno le vetture incidentate presso fiduciarie e Hub. Vi sono metodi liberali e enti terzi che possono verificare le nostre tariffe di manodopera, periti terzi e camera di commercio, non deve essere la politica a decidere i costi nelle botteghe artigiane.”

 Federcarrozzieri ha già avviato migliaia di fax in commissione finanza, al Ministero per lo Sviluppo Economico e alla Commissione Attività Produttive della Camera, per comunicare noto il proprio disappunto e le motivazioni che rendono tali provvedimenti illiberali e dirigistici, senza aver ancora ricevuto risposta.

Alessandro Mastrocinque Presidente Regionale della Cia Campania

Sotto lo slogan condiviso e sostenuto attivamente, + AGRICOLTURA x NUTRIRE IL MONDO, più reddito per gli agricoltori, la Confederazione Italiana Agricoltori della Campania ha concluso ieri il ciclo di assemblee Elettive, che ha visto l’elezione di Alessandro
Mastrocinque, nuovo Presidente Regionale della Cia Campania. Dopo esser stato alla guida della Cia Benevento, nonché vice presidente regionale, Alessandro Mastrocinque si accinge a rivestire un ruolo di grande importanza strategica in un momento in cui l’agricoltura sebbene sia l’unico settore economicamente in positivo, vive momenti difficili ed attacchi mediatici a causa dei gravi problemi che l’hanno vista protagonista a livello regionale e nazionale.
 “Sono onorato di intraprendere questa importante sfida - ha dichiarato il neo presidente Mastrocinque - e con una squadra eccellente cercherò di valorizzare al meglio un settore strategico per lo sviluppo economico del nostro paese, capace di produrre reddito e lavoro, creare cibo e ricchezza per la collettività, oltre a sostenere un’agricoltura diversificata e legata al territorio”. 
Tutto ciò giustifica l’importanza e l’attesa per l’incontro e l’elezione di ieri all’hotel Terminus di Napoli, ultimo appuntamento a conclusione delle assemblee elettive nei capoluoghi campani con la scelta dei neo presidenti Salvatore Cucinello (Napoli), Raffaele Amore (Benevento), Guido Coppola (Caserta), Michele Masuccio (Avellino) e Carmine Pecoraro (Salerno). Con il 100% dei voti a favore per Mastrocinque, la Cia Campania ha completato il suo percorso di rinnovamento che vede nella rappresentanza un forte protagonismo degli imprenditori agricoli.

Attesa per la conferma degli sconti dei pedaggi per l’autotrasporto

Il Presidente del Consiglio, Enrico Letta, ha ringraziato ufficialmente il ministro Lupi per «la proposta di arrivare a degli sconti e a degli abbonamenti per la riduzione dei costi per i pendolari e per gli autotrasportatori sulle autostrade» e quindi per avere raggiunto un
accordo con i concessionari.
 «Prendiamo atto delle dichiarazioni del Presidente del Consiglio - ha affermato Cinzia Franchini, presidente nazionale CNA-Fita - che a tutt’oggi però non trovano nessun concreto riscontro nelle comunicazioni ufficiali fatte alle Associazioni di rappresentanza della categoria. In attesa di buone nuove non possiamo che ribadire quanto già più volte detto: quegli aumenti sono ingiustificabili e intollerabili».

Gli azzurri a Miami per l'Isaf Sailing World Cup

Archiviata la prima, intensa fase degli allenamenti invernali a Cagliari che hanno coinvolto gli atleti della Squadra Olimpica italiana, finalmente è arrivato il momento delle regate. Ed è una trasferta di assoluto rilievo, quella in cui sono impegnati gli azzurri della vela. L’appuntamento è con la tappa americana dell’ISAF Sailing World Cup, in programma a Miami (Florida) da
domenica 26 gennaio a sabato 1 febbraio (inizio delle regate oggi), uno degli eventi più importanti del calendario internazionale dedicato alle dieci classi Olimpiche e alle tre classi Paralimpiche, con oltre 550 velisti, provenienti da 50 nazioni, in acqua nella Biscayne Bay.

Regate di altissimo livello tecnico e spettacolare, con tutti i migliori atleti delle discipline Olimpiche e Paralimpiche impegnati nel primo evento di spessore internazionale del 2014 (il terzo dell’ISAF World Cup 2013-2014), una manifestazione, organizzata dalla United States Sailing Association, che coinvolge un numero smisurato di medaglie a cinque cerchi e di campioni Mondiali.

Trenta, in totale, i velisti italiani che saranno in regata a Miami, a cominciare dai quattro equipaggi convocati ufficialmente dalla Federazione Italiana Vela in virtù dell’appartenenza al Team Olimpico Performance Livello B: Vittorio Bissaro-Silvia Sicouri (Nacra 17), Giulia Conti-Francesca Clapcich (49er FX), Flavia Tartaglini (RS:X donne) e Michele Paoletti (Finn).

La temperatura della Terra cresce


Il NOAA – National Oceanic and Atmospheric Administration, ha divulgato nel suo rapporto annuale i dati sul riscaldamento del nostro pianeta, giudicando il 2013 al quarto posto nella classifica degli anni più caldi
mai registrati dal 1880, anno in cui sono cominciate le rilevazione della temperatura con criteri omogenei e codificati. Durante lo scorso anno la temperatura media annuale globale, calcolata tra terra e mare è stata di 0,62 gradi al di sopra della media del secolo scorso (13,9 gradi); queste rilevazioni confermano la tendenza di un aumento globale della temperatura terrestre ed il 2013 è stato il trentasettesimo anno consecutivo dal 1976 in cui la temperatura annua è risultata superiore alla media con il 2010 primo in classifica, l’anno più caldo mai registrato. Confermata anche la tendenza alla desertificazione di vaste aree dell’Africa e dell’Asia centrale, aree in cui la temperatura è risultata particolarmente alta.

Anche la Croazia entra nel club del petrolio


La società norvegese Spectrum ha eseguito esplorazioni sulla morfologia sismica delle coste della Croazia con la sua nave specializzata “Seabird Northern Explorer” per conto del governo del paese adriatico; i primi
dati raccolti indicano l’esistenza di giacimenti di petrolio e di gas, suscitando l’immediato interesse delle più grandi compagnie petrolifere mondiali.

Il ministro dell’economia croato ha divulgato una nota in cui si afferma che esistono concreti indizi sull’esistenza di ingenti risorse, in giacimenti petroliferi inesplorati al momento, lungo le coste croate: la quantificazione delle risorse potrà essere fatta dopo dettagliate analisi dei dati e un ulteriore campagna di esplorazioni, ma già dal prossimo aprile viene annunciato un primo bando per l’assegnazione delle concessioni di estrazione anche se al momento il governo della Croazia non ha ancora definito le superfici da offrire in concessione ne il prezzo di queste ultime.

Commissione Eu, procedura di infrazione contro la Daimler

Il vicepresidente dell’esecutivo comunitario Antonio Tajani ha annunciato la decisione da parte della Commissione Eu di aprire una procedura di infrazione verso la Germania per l’uso da parte della società automobilistica Daimler di un refrigerante messo recentemente fuori
norma. L’iniziativa riguarda il mancato rispetto dell direttiva Mac e potrebbe coinvolgere anche la Gran Bretagna, il Belgio e il Lussemburgo, paesi ai quali sono state richieste spiegazioni prima di procedere all’avvio di un’infrazione.

Le risposte del governo tedesco durante i mesi scorsi alla fase dell’indagine pilota iniziata a giugno dello scorso anno, sono state ritenute insufficienti: i problemi sono nati dall’uso di un refrigerante nell’impianto di condizionamento di alcuni modelli di auto ritenuto inquinante e pericolo perché ritenuto facilmente infiammabile.

Agricoltura, un settore capace di produrre reddito e lavoro


C’è grande attesa per l’Assemblea Elettiva Regionale della Confederazione Italiana Agricoltori della Campania, che si terrà oggi 27 gennaio, alle ore 10,00 nella Sala Positano dell’Hotel Terminus di Napoli. L’elezione del Presidente Regionale Cia concluderà il ciclo delle assemblee elettive nei capoluoghi campani
che hanno visto l’elezione dei presidenti Salvatore Cucinello (Napoli), Raffaele Amore (Benevento), Guido Coppola (Caserta), Michele Masuccio (Avellino) e Carmine Pecoraro (Salerno).

Un appuntamento di grande importanza perché si delineerà il lavoro della CIA del prossimo futuro, considerando che la Confederazione Italiana Agricoltori ritiene l’agricoltura un bene comune, un settore capace di produrre reddito e lavoro, creare cibo e ricchezza per la collettività, affrontare i problemi della sottonutrizione, della difesa del territorio, della tutela dell’ambiente. Artefice di questa agricoltura è l’Imprenditore Agricolo, protagonista nella società e nella sua organizzazione.

La CIA ritiene l’agricoltura un settore strategico per lo sviluppo economico del nostro paese, ma vuole che essa conservi la sua missione principale di produrre alimenti sicuri, e che sia competitiva e capace di valorizzare la multifunzionalità. La CIA vuole un’agricoltura diversificata e legata al territorio, ritenendo le diversità territoriali e le particolarità produttive una caratteristica e una ricchezza del nostro sistema agroalimentare di qualità.

Agroalimentare, la Campania prima per numero di aziende

Secondo i dati forniti dal primo report di AgrOsserva, Osservatorio Ismea Unioncamere sulla congiuntura del settore agroalimentare, la Campania offre un quadro confortante della sua industria alimentare: è giovane ed ha un’alta percentuale di imprese femminili. Nello specifico in
Campania il tasso di incidenza della imprese under 35 è pari ad oltre il 10% (ovvero 882 su 8.334), 2.6 punti di percentuale in più della media nazionale che si attesta all’incirca all’8%; per le imprese femminili la percentuale sale al 26% (in totale oltre 2.100), 3 punti percentuali in più della media nazionale.

 Questi numeri portano la Campania ad essere la regione con il più alto numero di aziende del settore, 8334, precedendo la Sicilia (8103) e la Lombardia (6785).

Mutui, niente più scuse, banche tornino a finanziare la casa

Le famiglie italiane sono le meno indebitate d’Europa, giusto ridare loro fiducia.
 “Lo spread più basso, il minor rischio Paese e il taglio del costo del denaro, devono convincere le banche a riaprire i rubinetti del credito per famiglie e imprese, grazie anche all’accordo Abi-Cdp che mette a disposizione degli istituti di credito 5 miliardi per nuovi mutui casa.” 
Questo il commento del presidente dell’Ance, Paolo Buzzetti, sulla ripresa nel secondo semestre del 2013 della domanda di mutui in Italia diffusa dal Crif.
“Esiste in Italia ancora un elevato fabbisogno di case e queste nuove richieste di mutui lo dimostrano. Le famiglie italiane hanno tutte le carte in regola per ottenere credito, infatti, anche in questi difficili anni di crisi, sono rimaste tra le meno indebitate d’Europa”. 
Secondo l’ultimo studio dell’Ance, infatti, lo stock di mutui casa rispetto al Pil in Italia è fermo al 23%, un valore molto inferiore alla media europea (51,7%), in particolare a quella dei Paesi considerati meno rischiosi, come Germania (45,3%), Francia (42,4%) e Danimarca (100,9%).
“Le parole del presidente dell’Abi, Antonio Patuelli, sulla possibile ripresa dei prestiti delle banche nei prossimi mesi, ci fanno ben sperare - conclude Buzzetti - Adesso ci sono le condizioni per riattivare il circuito del credito, solo così il 2014 potrà essere l’anno dell’inversione di rotta”.

Ance, direttive Ue occasione per modernizzare il settore

“Il prossimo recepimento delle nuove norme Ue in materia di appalti pubblici e concessioni è strategico e siamo pronti a dare tutto il nostro contributo per riformare un settore determinante per la competitività e l’efficienza del nostro Paese”
, commenta il Presidente dell’Ance, Paolo Buzzetti, in occasione del giro
di consultazioni annunciato per il prossimo 28 gennaio, dall’Autorità di vigilanza per i lavori pubblici sull’attuazione delle Direttive Ue in materia.
“Siamo convinti che sia necessario stabilire nuove regole, che permettano la realizzazione di opere pubbliche di qualità in tempi ragionevoli e con costi adeguati”.

La grande nautica a Roma: Big Blu dal 12 al 16 Febbraio


Il mondo della nautica si da appuntamento a Roma dove per l’ottava volta si terrà alla Fiera di Roma Big Blu – Salone della Nautica e del Mare con il titolo, che accompagnerà questa edizione, Abitanti del Mare.
Questo anno l’organizzazione del salone prevede per gli appassionati di sport e discipline d’acqua l’area “Fun Zone” che con i suoi oltre 2000 mq consentirà di praticare tra l’altro beach volley e beach tennis; inoltre una vasca di 600 mq permetterà di provare piccole derive e tavole da surf mentre simulatori di vela, aree di animazione ed uno skate park completeranno l’offerta di “prove” dal vivo. Evento collaterale sarà la seconda edizione di “SubinItaly”, il salone degli sport subacquei con proposte di vacanza diving, offerte di aggiornamento didattico, aziende produttrici di attrezzature sub e incontri con professionisti dell’immersione.

Rimorchiatori Riuniti, primo gruppo nel Mediterraneo


Grazie all’acquisizione del 50% del capitale della società Gesmar, il Gruppo Rimorchiatori Riuniti ha realizzato un’alleanza strategica che ha portato alla creazione del più grande gruppo di rimorchio operante nel
Mediterraneo con oltre 70 rimorchiatori portuali e 10 unità di altura, mezzi veloci per il servizio di supplier alle piattaforme off-shore, mezzi anti inquinamento e navi rinfusiere.

Il gruppo leader nel Mediterraneo e tra i più importanti a livello europeo fornisce servizio di rimorchio nei porti di Salerno, Ancona, Pescara, Ravenna, Trieste, Genova, Termoli, Vasto, Ortona e Malta, mentre svolge attività off-shore in Norvegia, Brasile e Venezuela.

 La metà del capitale della Gesmar è stato acquisito dalla società Setramar, che così dismette un ramo d’azienda giudicato non più strategico, mentre per RR, tradizionalmente operante nel Tirreno e per Gesmar, presente nell’Adriatico, si tratta di un accordo che aprirà grandi prospettive aziendali.

“Regio Prima Latium et Campania” programma le attività 2014

Si sono riuniti ieri a Gaeta i vertici dell’intesa “Regio Prima Latium et Campania” che unisce le Camere di Commercio di Caserta, Latina Napoli, Roma, Salerno e Viterbo. Al centro dell’incontro la definizione di un piano di attività per il 2014, che potesse proseguire sul terreno
tracciato dello sviluppo congiunto dell’Economia del Mare.
 “Il grande interesse dimostrato nel panorama nazionale per un accordo innovativo nelle forme e nei contenuti, prima di tutto tra le imprese” ha commentato il presidente della Camera di Commercio di Latina Vincenzo Zottola, nominato coordinatore protempore “ci conferma che la strada intrapresa è quella giusta. Abbiamo individuato azioni operative che partano dai nostri principali punti di forza territoriali e produttivi e possano accrescere il posizionamento di Lazio e Campania nel Mediterraneo. Nel 2014 vogliamo investire le nostre risorse in eventi e progetti che sostengano le nostre imprese e valorizzino i comparti che ci rendono leader nel mondo”. 
E’ un importante progetto dedicato al charter nautico il cuore dell’azione 2014. Presentato in anteprima al Salone Nautico di Düsseldorf, ha già riscontrato il favore di moltissimi operatori. L’obiettivo è quello di legare in un’unica rete, attraverso anche specifiche forme di incentivi, le imprese operanti nei settori del turismo nautico, della portualità e della valorizzazione delle produzioni tipiche.
 “Secondo l’Osservatorio Nautico Nazionale – ha dichiarato il presidente della Camera di Commercio di Salerno Guido Arzano - il turismo nautico è quello che assicura le maggiori ricadute economiche sul territorio ove si sviluppa. Studi recenti indicano una spesa giornaliera media, per ogni componente dell’equipaggio, di circa € 100,00 ascrivibile a ristoranti, generi alimentari, bar, artigianato, cultura. Considerando che su una barca alloggiano da 5 a 10 turisti, una “barca in porto” rende al territorio circostante, ogni giorno, cifre che variano da 500,00 a 1.000,00 Euro, ai quali vanno aggiunti i costi di locazione, ormeggio, servizi e carburante“.

Il settore auto chiede politica di defiscalizzazione

Federauto, l’associazione che rappresenta i concessionari auto di tutti i marchi commercializzati in Italia, ha incontrato nei giorni scorsi il ministro dello Sviluppo economico Flavio Zanonato per proporre un pacchetto di proposte con l’obiettivo di defiscalizzare il settore a vantaggio sia dei
privati che delle aziende. L’azione di Federauto è volta a tamponare la crisi delle vendite che durante lo scorso anno ha registrato una ulteriore regressione (-7%) delle immatricolazioni rispetto al 2012 attraverso una serie di misure, ad esempio prima fra tutte quella atta ad alleggerire la pressione fiscale che grava sul settore.

Settore, quello italiano, che è già fanalino di coda in Europa e che non vede altra soluzione per reagire alla crisi dei consumi che ha investito in generale il paese e in particolare l’auto, se non una politica di defiscalizzazione sia nell’acquisto che poi nell’utilizzo. Se non saranno messi in campo interventi incisivi il settore resterà schiacciato da una opprimente pressione fiscale, senza alcuna possibilità di ripresa.

Alla scoperta dell’Iran

Scoprire l’Iran può essere uno dei viaggi più affascinanti della nostra vita. L’ex Persia, paese musulmano ma non arabo, è ricco di storia, cultura e tradizioni. I tour partono dalla capitale Teheran, con il suo bellissimo Palazzo Golestan, recentemente iscritto nella lista del Patrimonio
Mondiale dell'UNESCO, costruito nel 16° secolo, quando la dinastia Safavide fu al potere, e comprendono Isfahan, la città più raffinata e ricercata, Shiraz, la culla della cultura e della poesia, Persepoli, che identifica la storia con la tomba di Ciro il Grande, con possibilità di variazioni dell’itinerario con l’aggiunta di Tabriz al Nord, Yazd e Qom al Centro Sud. Interessanti proposte di viaggi sono: Iran culturale: da Teheran a Shiraz, per conoscere in una settimana le località di maggiore interesse: dalla affascinante Isfahan con i suoi palazzi e le sue moschee fatte di minuziosi mosaici, alla colta e poetica Shiraz patria del più grande poeta iraniano Hafez, fino al sito archeologico achemenide più importante che è Persepoli.

 Tour classico dell’Iran: un itinerario che include le città di maggior interesse monumentale: la favolosa Isfahan con i suoi palazzi e le sue moschee fatte di minuziosi mosaici e la scintillante Shiraz con le testimonianze dell'antico impero e poi siti archeologici achemenidi più importanti da Persepoli e Naqsh-e-Rustan fino a Pasargade.

Riga 2014: Capitale Europea della Cultura…e del russo

Lingua madre per oltre 140 milioni di persone in tutto il mondo secondo i dati di Ethnologue, il russo è uno dei 10 idiomi più diffusi a livello globale, anche per quanto riguarda le pubblicazioni cartacee e online. La sua rilevanza è destinata ad aumentare nel corso dei prossimi anni,
soprattutto a livello commerciale e turistico, per questo motivo la sua conoscenza risulta sempre più importante per i giovani che oggi si affacciano al mondo del lavoro.

Ucraina, Russia e Lettonia sono i paesi in cui è possibile imparare il russo con un soggiorno linguistico ESL, che offre scuole all’avanguardia e corsi adatti alle necessità più disparate. Tesori culturali tutti da scoprire, boschi misteriosi, praterie d’incantevole bellezza e oltre 500 km di spiagge dorate accolgono i visitatori della Lettonia, piccola perla baltica che conquista anche per le sue città che fondono lo stile barocco con quello tipicamente anseatico, per i suoi patrimoni UNESCO, per la gentilezza e l’ospitalità della popolazione e per le tradizioni gastronomiche.

Un anno importante è il 2014 per la Lettonia e la sua capitale, Riga, che festeggiano l’ingresso nell’Eurozona con un intero anno di festeggiamenti in occasione della nomina di Capitale Europea della Cultura 2014. Una “catena umana” di libri e una performance multimediale dell'opera Rienzi di Richard Wagner hanno inaugurato, venerdì 17 gennaio, le celebrazioni che vedranno la capitale lettone al centro del panorama culturale europeo per tutto il 2014. Concerti, mostre e molti altri tipi di eventi animeranno la città per 365 giorni, offrendo il miglior clima per un soggiorno linguistico altamente stimolante.

A tutto questo si aggiungono le possibilità offerte dall’inestimabile patrimonio architettonico della città, nel quale spicca la più grande concentrazione di edifici in stile Art Nouveau del mondo, oltre a splendide collezioni di opere classiche e contemporanee.

“Esprit Montmartre”: la Bohème parigina a Francoforte

Non a caso un critico del tempo scriveva di Montmartre intorno al 1890: «Il quartiere sembra un grande atelier». Proprio in quegli anni artisti come Edgar Degas, Pablo Picasso, Henri de Toulouse-Lautrec e Vincent van Gogh vissero e lavorarono nel celebre quartiere del 18° Arrondissement di Parigi. Con un realismo fino ad allora impensato, quegli stessi artisti produssero immagini memorabili di
un’epoca, capaci di influenzare in maniera cruciale la storia dell’arte tra fine Ottocento e inizi Novecento. Dal 7 febbraio al 1° giugno 2014 la Schirn Kunsthalle di Francoforte presenta “Esprit Montmartre – La Bohème parigina intorno al 1900”, ospitando per la prima volta una collettiva su Montmartre, con la storia e i protagonisti del tempo.

 Oltre 200 dipinti e opere su carta così come foto, manifesti e stampe dell’epoca trasportano il visitatore nel mondo parigino tra fine Ottocento e inizi Novecento. In contrapposizione alla Parigi mondana della Belle Époque, il quartiere allora periferico di Montmartre divenne il rifugio di molti artisti, alcuni dei quali decisero intenzionalmente di abbandonare gli agi della vita borghese per uno stile di vita bohèmien in nome della propria libertà artistica. Questa nuova immagine di sé si rifletté in maniera evidente nella loro arte. Suddivisa in sessioni tematiche, la mostra non è una mera esposizione d’arte dei nomi più famosi dell’epoca ma si propone anche di indagare le condizioni sociologiche del periodo e la nuova definizione del ruolo dell’artista.

La sessione “Montmartre come villaggio” presenta suggestive vedute d’epoca sulla topografia del quartiere. Alla rappresentazione di “Café, bevitori di assenzio e varieté” e “Modelle, ballerine e prostitute” si affiancano le sessioni “Il mondo fantastico del circo” e “Montmartre come luogo di emarginati e cambiamenti sociali”, che presenta la popolazione del quartiere, composta da operai, mendicanti, senzatetto, lavandaie e bohèmien. Mentre “La rete di artisti e commercianti d’arte” getta luce sullo scambio tra i pittori e il sempre più fiorente mercato dell’arte nel quartiere, l’ultima sezione è dedicata al “Poster come nuova forma artistica” e a illustrazioni del tempo.

Il Propeller Club Milano vola sulle ali del Dragone

Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad eventi destinati a cambiare (ancora una volta) l’immagine che la Cina proietta sul resto del Mondo: dal lancio della prima navetta spaziale alla creazione della nuova Free Trade Zone a Shanghai. Queste novità testimoniano l’elevato livello di maturità raggiunto dal Gigante Asiatico, la cui marcia verso la leadership economica e politica pare inarrestabile. La semplificazione dei
rapporti con l’Occidente in vista dell’utilizzo dello Yuan come moneta di scambio internazionale è il preludio ad un nuovo assetto degli equilibri del Mondo, con cui anche il nostro Paese deve imparare a confrontarsi.

Il Propeller Club Port of Milan si fa parte attiva nel dibattito ed organizza per lunedì 3 febbraio 2014 alle ore 19.30 presso l’Hotel NH Milano Touring di Via Tarchetti 2, la Tavola Rotonda “Sulle Ali del Dragone”. Il panel di relatori è di alto profilo e consentirà di tracciare un’overview su un Paese che ha nuovamente cambiato pelle e sembra ormai pronto a compiere lo scatto finale che gli permetterà di scalzare gli Stati Uniti dal ruolo di Paese guida nell’era della globalizzazione.

Harley-Davidson rinnova la convenzione con Snav

Un viaggio in Harley-Davidson è un’esperienza indimenticabile, colori, paesaggi, profumi che prendono vita. Una totale immersione dei sensi. La casa di Milwaukee offre a tutti i suoi clienti e soci H.O.G., la possibilità di farlo nel massimo comfort anche grazie alla nuova
convenzione siglata con la compagnia di navigazione Snav. Croazia, Isole Eolie, Procida e Ischia saranno raggiungibili per tutto il 2014 a condizioni esclusive.

Quest’anno c’è un motivo in più per viaggiare: dal 12 al 15 giugno andrà in scena un appuntamento imperdibile per gli appassionati del bicilindrico americano, l’European H.O.G. Rally di Biograd, Croazia. Per l’occasione è stata sviluppata una tariffa speciale...

Il Governo australiano dichiara guerra agli squali


Sarà una guerra senza quartiere quella che che il governo dell’Australia Occidentale si appresta a fare contro gli squali che vivono al largo di popolari e popolose spiagge: una serie di attacchi mortali nell’area, se ne
contano sei negli ultimi due anni, ha portato le autorità australiane alla drastica decisione che al momento è fortemente osteggiata da gruppi ambientalisti e organizzazioni radicali che minacciano azioni di sabotaggio contro le file di grandi ami con esche sospese a barili galleggianti.

Gli ambientalisti sono convinti che uccidere in massa gli squali non servirà a prevenire gli attacchi ai bagnanti da parte degli squali mentre sicuramente metterà a rischio l’ecosistema marino e la sopravvivenza dello squalo bianco, specie protetta. Intanto alcuni gruppi più estremisti sembra si stiano coalizzando con l’intenzione dichiarata di violare la legge e di promuovere anche azioni eclatanti come legarsi alle barche dei pescatori o tuffarsi ad un chilometro dal bagnasciuga per rimuovere gli ami e le esche.

Artoni Trasporti: stop licenziamenti


“Ritiro della procedura di licenziamento e mantenimento della sede di Padova”. E’ quanto riferisce la Filt Cgil in merito all’ipotesi di accordo sottoscritta, anche da Fit Cisl e Uiltrasporti, presso la Fedit con Artoni Trasporti. “Sul tavolo - ricorda la Filt - c’erano 95 licenziamenti dislocati in varie filiali nazionali della società
che fa servizio di trasporto merci e corriere e la chiusura della sede di Padova”.
 “L’azienda ci ha ripensato - riferisce la Filt - in quanto ha convenuto, ritirando il provvedimento di esuberi, con la nostra considerazione che fosse sbagliato intervenire in modo unilaterale sulla riduzione di organico piuttosto che, per il rilancio delle attività, fare investimenti sul mercato”.
 “E’ stata convenuta - ricorda infine la Filt - l’attivazione della cassa integrazione per 24 mesi con un accordo da sottoscrivere tra le parti entro il 15 febbraio”.

Dall’oceano l’energia per il futuro dell’Europa

L’oceano potrebbe presto trasformarsi in “Oro Blu” fonte inesauribile di ricchezza trasformando la sua forza naturale in energia: ne è convinta la Commissione UE che ha lanciato un progetto per lo sfruttamento dell’energia oceanica, sfruttamento al momento ancora embrionale, ma
con un grande potenziale per il futuro, pari a circa tre quarti del fabbisogno energetico europeo e capace di generare 40mila nuovi posti di lavoro entro i prossimi venti anni.

Secondo la Commissione Eu l’energia oceanica possiede un potenziale enorme tale da aumentare di molto la sicurezza degli approvvigionamenti energetici del vecchio continente: per perseguire questo scopo saranno coinvolte le autorità politiche, le industrie, la ricerca accademica e le organizzazioni ambientaliste.

Lo scopo è quello di incentivare e sviluppare tutte le tecnologie atte a produrre energia rinnovabile dai mari e dagli oceani, sfruttando il moto ondoso, le maree, le variazioni di temperatura e di salinità dell’acqua, e nel contempo rimuovere tutti gli ostacoli che il settore soffre oggi, come costi, accesso ai finanziamenti, barriere amministrative e resistenze ambientali.

Sigma festeggia diecimila cabine in dieci anni

Doppia occasione di festeggiare per Sigma: mentre l'iconica Diamond celebra 10 anni, il costruttore francese, filiale di un grande gruppo europeo, produce la sua diecimillesima cabina. È l'occasione perfetta per ripercorrere brevemente la storia di questa cabina emblematica.

Flash-back: è nel 2003 che nascono le prime cabine Diamond, progettate dal designer Pininfarina. È anche a lui che devono il loro nome, per quella forma sfaccettata così particolare. I primi impianti a montarle sono quelli di Roche de Mio a La Plagne (Francia) e Bormio (Italia), e il loro successo è immediato.

Un successo dovuto a caratteristiche originali e inedite per il settore: una modularità che si adatta a tutte le esigenze (capacità, volume, opzioni, ecc.); un comfort straordinario grazie ai pali emergenti sviluppati e brevettati da Sigma, e alla sospensione senza tiranti; un pavimento portante che coniuga leggerezza e resistenza; massima sicurezza grazie al montaggio dei vetri in appoggio positivo...

In dieci anni le cabine Diamond conquistano il mondodelle piste da sci – equipaggiano tutte le grandi stazioni dell'arco alpino, dell'Asia e degli Stati Uniti – ma anche il settore del trasporto urbano (Hong Kong, Rio de Janeiro, Medellín, Nizhny Novgorod, Ordu e Ankara…).

Si trovano presto anche nei parchi di divertimento di Gran Bretagna, Australia o Cina e nei principali siti turistici dalla Cina al Vietman.
Quanto basta per augurare alla diecimillesima Diamond un brillante futuro ai più alti livelli!

Top