ads

------------------------------------------------------------------------------------------------

Translate

Slider[Style1]

Style3(OneLeft)

Style3[OneLeft]

Style3[OneRight]

Style4

Style5

ABB al Forum Telecontrollo 2015


ABB partecipa all’edizione 2015 del Forum Telecontrollo in qualità di “Main Sponsor”, forte di un patrimonio di competenze e di un portafoglio in grado di rispondere a tutte le esigenze del settore dell’energia. L’edizione di quest’anno presenta una novità che coincide con una delle principali aree di attenzione di ABB: i giovani.

Tra i protagonisti dell’evento ci sarà una significativa rappresentanza del migliaio di studenti fra 15 e 25 anni, chiamati a raccolta dal filosofo Franco Bolelli e dall’architetto Stefano Boeri attraverso il progetto “Milano 2030”per ascoltare da loro proposte e visioni della città del futuro.
«È la generazione che nel 2030 formerà la nostra classe dirigente quella cui bisogna dare voce, oltre agli strumenti per utilizzare in modo diverso le soluzioni che già esistono, per aprire nuove strade al nostro mercato, per creare nuove opportunità, per sostenere la crescita sostenibile del nostro Paese, riducendo al contempo l’inquinamento e i consumi eccessivi» commenta GB Ferrari, responsabile della divisione Power Systems di ABB Italia.
“Vogliamo contribuire concretamente a suscitare l’interesse e il coinvolgimento di un pubblico sempre più vasto, composto da specialisti del settore, da amministratori locali, associazioni ed enti ma anche da questi ragazzi, perché pensiamo che i temi di cui si dibatte possano avere una forte e positiva ricaduta sulle prospettive economiche e sul futuro del nostro Paese e della società». 
L’impegno di ABB perl’integrazione in rete delle fonti rinnovabili trova concreta applicazione nella soluzione per lagestione e ottimizzazione della generazione distribuita, sviluppata e promossa da centri di ricerca e ingegneria in Italia.

La soluzione permette agli operatori di gestire le diverse aree di impianto minimizzando i costi relativi all’addestramento del personale, e nello stesso tempo supporta gli operatori nella gestione efficiente degli asset, a prescindere dalle attività da eseguire (monitoraggio, comando, analisi performance, diagnostica apparati in campo, previsione produzione) o dalla tecnologia installata nei vari impianti a fonte rinnovabile.

Per quanto riguarda la sicurezza informatica, ABB presenta, insieme ad EnelProduzione, il terzo studio sui temi IEC 62351,che illustra l’implementazione di un adeguato scambio di dati in termini di riservatezza, integrità e disponibilità dei dati nei sistemi di controllo per la generazioneda rinnovabili in Italia.

Al via il 55° Salone Nautico di Genova 2015


Apre oggi 30 settembre il Salone Nautico: è il più grande del Mediterraneo, cui partecipa il maggior numero di espositori, quest’anno 760 per mille barche, e visitatori. E’ per questo che ogni anno è la vetrina scelta per presentare a pubblico e stampa diverse novità di prodotto.

 L’apertura sarà alle ore 10 con il tradizionale alzabandiera presso il Teatro del Mare, nel cuore dei padiglioni espositivi. A seguire una importante Tavola Rotonda con la partecipazione del vice ministro Carlo Calenda, di fondazione Symbola e Fondazione Edison, che presentano ricerche con numeri molto confortanti per l’industria nautica, che può manifestare un concreto ottimismo. Tante le novità assolute, tutte presentate al 55° Salone Nautico che rappresentano la nuova generazione di imbarcazioni per la stagione 2015-2016.

L'Autorità Portuale di Trieste per Barcolana 2015


Un treno speciale che collega il Porto Vecchio di Trieste con il centro della città. Una rassegna di carte, strumenti e curiosità sul tema della bora, il vento attorno cui da sempre ruota la storia, la tradizione e la vita stessa della città della Barcolana.

Un'installazione del Terzo Paradiso realizzata da Michelangelo Pistoletto insieme agli studenti delle scuole primarie di Trieste. Un progetto architettonico di riattivazione sostenibile e partecipata del Porto Vecchio, realizzabile attraverso un approccio essenziale e step by step.

Queste le quattro iniziative promosse dall'Autorità Portuale di Trieste in occasione della 47ª edizione della Regata Velica Internazionale Barcolana presentate ieri 29 settembre nel corso di una conferenza stampa da Zeno D'Agostino, Commissario Straordinario dell'Autorità Portuale di Trieste; Mitja Gialuz, Presidente della Società Velica di Barcola e Grignano; Maurizio Ionico, Amministratore Unico FUC - Ferrovie Udine Cividale; Giuseppe Casini, Amministratore Unico Adriafer; Renata Knes, Madeinart, curatrice di “Borea e i suoi mondi - Passato e presente del vento di Trieste”; Manuel Fanni Canelles, coordinatore di Rafting to the third Paradise, e da Matthew Earle, coordinatore di “Enter | PortoVecchio”.

Biosensori: l’utilizzo in applicazioni non tradizionali


Il mercato dei biosensori si sta rivelando estremamente interessante, poiché mostra una continua crescita delle applicazioni, della diffusione in nuovi settori e dello sviluppo dei dispositivi, con conseguente crescita delle entrate anno dopo anno.

Il panorama globale dei biosensori ha assistito ogni anno all’ingresso di numerosi operatori, di cui nessuno è ancora uscito dal mercato. Una recente analisi di Frost & Sullivan, intitolata “Analysis of the Global Biosensors Market”, rileva che il mercato ha prodotto entrate per 11,53 miliardi di dollari nel 2014 e stima che tale cifra più che raddoppierà, raggiungendo quota 28,78 miliardi di dollari nel 2021.

Sebbene l’innovazione abbia facilitato la diffusione dei biosensori in diversi mercati, attualmente i segmenti con il maggior numero di applicazioni sono quello della sanità e della rilevazione di agenti patogeni nel cibo.
 “Ora che salute e benessere stanno diventando una priorità per tutti i partecipanti alla catena di valore – individui, governi, istituzioni sanitarie, produttori di dispositivi diagnostici, integratori di sistemi, comunità medica e compagnie di assicurazione – i biosensori stanno guadagnando sempre più importanza, - afferma Rajender Thusu, Industry Principal di Frost & Sullivan. - Ad esempio, le severe norme sulla sicurezza alimentare applicate dai governi per migliorare la salute dei consumatori richiedono l’utilizzo di biosensori per il monitoraggio della conformità.” 
 Secondo tali normative, carni, latte e latticini devono essere testati per verificare l’assenza di diversi agenti patogeni prima di poter essere trasformati e resi disponibili per il consumo. Insieme alla tendenza crescente di effettuare test sulle verdure fresche e sugli alimenti trasformati per verificare la presenza di agenti patogeni, queste norme stanno favorendo la diffusione di kit per i test. Significativamente, l’uso di biosensori si sta estendendo a diversi mercati di utenti finali.

Se da una parte le agenzie di sicurezza utilizzano i biosensori per individuare droghe, sostanze proibite ed esplosivi, i biosensori rappresentano anche un prezioso strumento per monitorare la salute dei soldati in ambito militare e della difesa.

Dal mare al congelatore: tutto sul pesce surgelato


Pesca eccessiva praticata con metodi non sostenibili e sfruttamento indiscriminato delle risorse stanno causando importanti danni ambientali. Per questo oggi più che mai è importante acquistare il pesce con attenzione e consapevolezza, sapendo che è un gesto che può fare la differenza.

Se ne è parlato oggi, 29 settembre, a Expo 2015 durante il convegno “Cibo e salute. Cibo e sostenibilità” che si è svolto nella sala convegni Future Food District di Coop. Tra i partecipanti anche Bofrost Italia, importante azienda della vendita porta a porta di alimenti surgelati, che serve oltre un milione di famiglie nel nostro Paese.
 «Il pesce è una delle tipologie alimentari più apprezzate nella versione surgelata (quota a valore del 33,5% sul totale surgelato - fonte GFK Eurisko - Totale Italia AT feb 2015) –afferma Graziano Francescon, direttore acquisti e marketing Bofrost– Oltre all’impegno continuo per offrire ai nostri clienti la più alta qualità disponibile, con il pesce abbiamo voluto fare ancora di più, sostenendo, con la nostra politica d’acquisto, i principi della pesca sostenibile e dell’acquacoltura responsabile. Abbiamo selezionato un gruppo di prodotti con cui iniziare, con l’obiettivo di estendere al più presto le certificazioni anche alle altre referenze». 
Le certificazioni sono diverse a seconda che si tratti di pesce pescato o proveniente da acquacoltura. Per il pescato c’è la certificazione MSC (Marine Stewardship Council), che prende il nome dall’organizzazione omonima che opera con l’obiettivo di preservare l’ecosistema marino.

Il marchio MSC attesta che il pesce proviene da attività gestite secondo criteri di sostenibilità (salvaguardia della specie; impegno a ridurre l’impatto ambientale; implementazione di sistemi di pesca più sostenibili). Per il pesce proveniente da acquacoltura c’è invece il bollino ASC (Aquaculture Stewardship Council), un organismo indipendente che ha elaborato degli standard a garanzia di un allevamento responsabile di pesce e frutti di mare.

Lo scopo è quello di garantire l’equità delle condizioni di lavoro e la creazione di un valore aggiunto al prodotto ittico. Leggendo con attenzione l’etichetta del pesce surgelato Bofrost si trovano anche altre informazioni, come la tracciabilità. Si può infatti conoscere la provenienza del pesce cercando la sigla della zona FAO in cui è stato pescato e confrontandola con le tabelle approvate dalla legislazione italiana.

Uno strumento utile per capire da dove proviene il cibo che si ha in tavola. «Lavoriamo e surgeliamo il pesce pescato tramite shock termico in tempi brevissimi spesso direttamente sulle “navi-fattoria” da cui viene pescato. In questo modo ne conserviamo a lungo termine sia le preziose sostanze nutritive che il naturale sapore» aggiunge Graziano Francescon.

Come per tutti i surgelati, è poi importante rispettare la catena del freddo, ossia mantenere gli alimenti a una temperatura costante inferiore ai -18°C fino al consumo. «I momenti più critici –spiega sempre Francescon – sono quelli del passaggio dal mezzo di trasporto al banco freezer e dal banco freezer a casa del consumatore».

Corso di formazione per laureati dell’università di Pharos


E’ stato inaugurato ieri 29 settembre dal presidente del Banco di Napoli, Maurizio Barracco, il primo corso di formazione nato da un accordo tra Ministero dell’Industria e Commercio Egiziano, la Alexabank (gruppo Intesa Sanpaolo), il Banco di Napoli e l’Università di Napoli Federico II rappresentata dal LUPT.

Il corso è rivolto a cinque laureati in Economia e Commercio dell’Università di Pharos che, selezionati tra 150 candidati, svolgeranno un periodo di formazione sulle tecniche di Pianificazione e Controllo. L’obiettivo è quello di formare dei professionisti che opereranno all’interno delle filiali di Alexbank per aiutare le piccole e medie imprese egiziane nella strutturazione di bilanci in modo utile per un più efficace accesso al credito.

Questo corso di formazione è un fatto che testimonia l’importanza di un dialogo costruttivo tra le due sponde del Mediterraneo. Oggi Napoli offre a cinque selezionati dottori in economia l’opportunità di una formazione tecnicamente evoluta che sarà di grande aiuto per lo sviluppo delle piccole e medie imprese egiziane.

E’ una collaborazione che mette in campo, oltre il Governo egiziano, il Banco di Napoli, Alexbank e la Federico II, quindi la politica, la competenza finanziaria e la formazione universitaria a testimonianza dell’importanza di come sinergia tra istituzioni pubbliche e private possano contribuire alla crescita di un territorio.

Offshore Marine & Workboats Middle East 2015


The challenges and opportunities facing owners, operators and regional governments involved in the offshore marine and workboats sector will be put under the spotlight next month as prospects for new commercial developments and exciting technological innovation in the shipbuilding industry continue to be affected by volatile oil and gas prices.

Returning to Abu Dhabi National Exhibition Centre (ADNEC) from 5-7 October 2015, the Seatrade Offshore Marine & Workboats Middle East Conference will deliver an in-depth examination of the industry with a series of focused forums, sessions and an executive briefing covering the key issues and areas impacting the industry.

The three-day conference, which takes place every two years in the UAE capital, will open with a keynote forum that will lay bare the current landscape of the industry. “The keynote will set the scene for this year’s event with up-to-the-minute market intelligence data the foundation for the ensuing discussion as our high profile speakers address issues such as market outlook, efficient resource allocation to drive profitability and the prospect for continued growth,” said Emma Howell, Head of Marketing, Middle East, Seatrade.

 Other marine and offshore leaders will have their say at a dedicated forum session on the afternoon on day one, as future growth is impacted by lower oil prices. A panel line-up of influential and respected company leaders will cover game-changing topics including an evaluation of the recent oil price drop on E&P spending, a look at supply and demand drivers, and order book expectations, plus national oil company perspectives.
“The day one forum will be broken down into two power sessions that get right to the heart of the industry’s commercial viability and our panelists, who are all acknowledged experts in their respective fields, will bring their decades’ of experience and market knowledge to bear to present a practical industry overview,” said Howell. 
Shipbuilding technology headlines the morning action on day two of the conference with advances in propulsion technology, such as thruster development and the application of electricity in thruster installations and hybrid power systems, offering multiple benefits.

Titoli professionali per il trasporto pubblico in laguna


Entro metà ottobre 2015 il Consiglio dei Ministri discuterà l’approvazione del Decreto Legislativo sui titoli professionali della laguna per il solo trasporto pubblico a seguito della delega al Governo con il decreto Salva Italia del 2011.

Il decreto è sostenuto esclusivamente da ACTV (Azienda del Consorzio Trasporti Veneziano) avendo ricevuto parere contrario dai dirigenti del Dipartimento Navigazione marittima ed interna del Ministero dei Trasporti e del Comando Generale delle Capitanerie di Porto. L’iter è poi proseguito presso l’Ufficio Legislativo del Ministero.

Il decreto affronta in modo fuorviante la specificità di Venezia: qualora dovesse ritenersi opportuna una revisione dei titoli professionali spendibili nella laguna, dovrebbe operarsi a tutto campo non limitandosi al solo trasporto pubblico locale lagunare.

Attualmente il provvedimento viene discusso esclusivamente tra gli uffici legali di ACTV e l’Ufficio Legislativo del Ministero: ne conseguirebbe il discutibile risultato di dar vita a navi marittime provviste di equipaggi muniti di “nuove patenti e qualifiche” prive di qualsivoglia logica di semplificazione e di integrazione rispetto alle attuali disposizione normative.

Una decisione che, oltre a dequalificare il percorso formativo di chi ha già acquisito titoli marittimi attraverso corsi di formazione e continui aggiornamenti, implica deficit di sicurezza in quanto la navigazione marittima segue una formazione e normative diverse dalla navigazione interna.

Contrari all’introduzione di un simile provvedimento sono ANITraV (Associazione Nazionale Imprese Trasporto Viaggiatori), ACNL (Associazione Capitani Navigazione Lagunare Venezia), Collegio Nazionale Capitani Lungo Corso & Macchina e UGL (Unione Regionale del Lavoro). Della vicenda è stato informato anche il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, al quale è stato chiesto un incontro con lettera datata 10 settembre 2015.
«La precedente amministrazione comunale aveva demandato il compito istituzionale di discutere il Decreto alla sua società ACTV a nostro avviso in palese conflitto d’interesse – spiega nella missiva il firmatario Lorenzo Boscolo, presidente ACNL – Per questo vogliamo essere certi che l’attuale amministrazione sia correttamente informata di quanto sta succedendo».

Tnt, contratto di 5 anni con Harding Safety


TNT si è aggiudicata un contratto di 5 anni con il leader mondiale nella fornitura di equipaggiamenti sulla sicurezza nautica, Harding Safety. In base all’accordo, TNT diventa il fornitore esclusivo per tutte le spedizioni della ricambistica di Harding Safety a livello globale.

TNT fornirà una gamma completa di servizi di consegna, quali Express, Economy, Palletised Freighte Special Services, utilizzando il suo network integrato air e road. Harding Safety ha ridefinito la sua supplì chain accorpando i magazzini più piccoli in sette magazzini centrali globali.

Questi magazzini si trovano a Seimsfoss (Norvegia), Rotterdam (Olanda), Dubai (UAE), Shanghai (Cina), Singapore, New Iberia (USA) e a Macaé (Brasile). TNT eseguirà i trasporti dei ricambi per l’equipaggiamento di sicurezza di Harding Safety in entrata ed in uscita da e per i commercianti, le compagnie di navigazione e i naviganti di tutto il mondo.
Wijnand Koningstein (Global Spares Director) di Harding Safety ha commentato: “il network mondiale e l’expertise sono tra le principali ragioni che ci hanno portato a scegliere TNT. La selezione di un unico fornitore di servizi di trasporto consente di elevare il livello di controllo e visibilità e permette di contenere i costi. In TNT vediamo un partner ambizioso e professionale che aiuta la nostra crescita offrendo il miglior servizio possibile ai nostri clienti”.
Erik Uljee, Managing Director di TNT Benelux ha affermato: “Siamo estremamente orgogliosi di aver siglato un contratto di lunga durata con Harding Safety, leader di riferimento nel suo settore. Siamo fortemente motivate a supportare la sua strategia di crescita globale fornendo un unico punto di contatto per tutte le richieste di consegna espressa e quindi di contribuire al raggiungimento degli obiettivi di Harding”

Trasporto di qualità per alimenti sicuri


Food’n’Motion, tema portante dell’edizione 2015 di truckEmotion vanEmotion, con il convegno dal titolo “Trasporto di qualità per alimenti sicuri”, che si è svolto nei giorni scorsi presso l’Autodromo Nazionale di Monza, ha dato il via ad un percorso di approfondimento per regolamentare il comparto del trasporto sano degli alimenti.

 Clara Ricozzi, Chairman del convegno, ha tracciato un quadro dell’attuale situazione italiana evidenziando la necessità di accendere i riflettori sul trasporto degli alimenti per regolamentarlo perché la qualità, il mantenimento delle caratteristiche organolettiche di un alimento e la sua stessa sicurezza igienico-sanitaria sono fortemente condizionati anche dal trasporto.

E il consumatore finale non è in grado di sapere se il prodotto che arriva sulla sua tavola è stato trasportato correttamente. Per tali ragioni Food’n’Motion rappresenta il primo passo verso un reale coordinamento nazionale che coinvolga tutti gli attori della filiera agroalimentare e dell’autotrasporto fino ad arrivare a nuove regole condivise a garanzia dei consumatori.
 “In questo ambito l’Italia può essere leader anche a livello europeo nell’anno in cui, grazie ad Expo, l’alimentazione è al centro dell’attenzione da parte delle Istituzioni, dei media, delle filiere di settore e dell’opinione pubblica – ha dichiarato Clara Ricozzi, che ha continuato - Oggi i controlli si concentrano sulla parte iniziale e finale della filiera mentre ci sono ancora delle criticità legate alla fase di trasferimento degli alimenti dal luogo della produzione ai nodi logistici, dove molti prodotti vengono trasformati e manipolati e non sono stati ancora definiti adeguati standard di qualità della gestione dell’intera supply chain, né sono stati predisposti i controlli specifici. “Inoltre – ha aggiunto - a differenza di altri Paesi europei, in Italia non esiste un’Autorità indipendente, in grado di raccogliere e coordinare i risultati dei controlli sulle sostanze alimentari, perché i controlli generali sugli alimenti fanno capo alle singole strutture pubbliche”.

Msc Crociere raccoglie 4 milioni di euro per l'UNICEF


MSC Crociere, la più grande compagnia privata di crociere al mondo, leader di mercato in Europa, Mediterraneo compreso, in Sud America e Sud Africa, ha annunciato ieri, nell’ambito della sua collaborazione con l'UNICEF, di aver raggiunto il traguardo di 4 milioni di euro raccolti a bordo delle sue navi da crociera in tutto il mondo.

 Per celebrare il raggiungimento di questo importante traguardo, ieri pomeriggio, esDaniela Picco, Head of Strategic Partnership di MSC Cruis, durante una cerimonia ufficiale tenutasi nell’Auditorium di Expo Milano 2015, alla presenza dei dirigenti di MSC Crociere e di UNICEF, di rappresentanti di altri Enti, di centinaia di bambini e dei tantissimi visitatori dell'Esposizione Universale provenienti da tutto il mondo, ha consegnato un assegno simbolico di 4 milioni di euro a Philippe Baud, Deputy Director di UNICEF Svizzera. Alla cerimonia ha partecipato anche Piero Galli, DG Events& Entartainment di Expo Milano 2015.

Stanziati 300mila euro per le pmi capitoline

Due importanti misure a sostegno delle piccole e medie imprese di Roma e provincia. La Camera di Commercio di Roma ha stanziato, complessivamente, 300mila euro per favorire l’internazionalizzazione e la creazione di nuove imprese.

Nel dettaglio, 150mila euro sono stati destinati al “bando Voucher” edizione 2015 che prevede la possibilità, per le aziende che puntano a espandere la propria attività all’estero, di utilizzare direttamente i fondi stanziati per coprire le spese di partecipazione a fiere e missioni internazionali. L’altro rilevante provvedimento riguarda il “bando Start Up”, un’iniziativa finalizzata a sostenere l’avvio di nuove imprese al fine di abbatterne i costi e favorirne il consolidamento.

 I due bandi, con le relative modalità di partecipazione, saranno pubblicati sul sito internet della Camera di Commercio di Roma.

Aspettando Pisa Food&Wine 2015


Sarà una attesa piacevole quella che la Camera di Commercio di Pisa, con le associazioni del commercio e dell’agricoltura, propone quest’anno agli appassionati dei buoni sapori della cucina pisana con l’iniziativa “Aspettando Pisa Food&Wine 2015”. 16 ristoratori del territorio pisano, a partire dal 1° ottobre e fino all’inizio del Pisa Food &Wine 2015, in programma dal 23 al 25 dello stesso mese, proporranno all’interno del proprio menù una “selezione” intitolata alla manifestazione consistente in un antipasto, un primo o un secondo e un dessert in abbinamento ad un calice di vino (o due vini) e ad un olio locale di qualità.

I piatti inoltre verranno preparati con l’utilizzo esclusivo di prodotti locali forniti da 12 imprese agricole ed agroalimentari della provincia. Eccellenza qualitativa, filiera corta, varietà di sapori e prodotti impiegati, tradizione culinaria, rappresentanza di tutte le aree geografiche della provincia pisana sono gli elementi di indubbio valore in campo. Si parte dai ristoratori della città di Pisa per muoversi verso quelli del Valdarno, della Valdera e della Valdicecina.

Nei vari menu proposti si impongono i prodotti della tradizione toscana, dal tartufo ai crostini di fegato, da sua maestà il cinghiale alla chianina, passando per il coniglio e non disdegnando un incontro con il baccalà e il pesce della cucina “povera”.

E inoltre, la pasta, le verdure, i formaggi, i funghi, gli affettati, i dolci, l’olio extravergine e i vini, dal vin santo ai rossi e ai bianchi di pregio fino agli spumanti locali. Insomma, “un aspettare” in buona, anzi buonissima compagnia. Il commento del Presidente Valter Tamburini “L’iniziativa non è stata pensata solo per promuovere il Pisa Food & Wine - afferma il Presidente della Camera di Commercio di Pisa, Valter Tamburini - ma per creare un’ulteriore occasione di incontro tra i produttori e le strutture della ristorazione e del turismo, rafforzando in tal modo la filiera.

Diverse indagini hanno infatti evidenziato che molte imprese produttrici e della ristorazione, pur vedendo nella materia prima l’elemento essenziale della propria offerta, non fanno riferimento alla base produttiva agricola locale se non in un terzo dei casi. In altre parole, sono ancora sporadici i contatti tra le produzioni del territorio ed i ristoranti e le strutture ricettive chiamate ad esserne i principali “fruitori”. Per questo motivo la Camera di Commercio di Pisa sta puntando su iniziative, come Aspettando Pisa Food and Wine, che estendano le occasioni di integrazione della filiera.”

Aggiornamento professionale sulla sicurezza a Bari


L’Ente Bilaterale Porti, in collaborazione con la Scuola Nazionale dei Trasporti e della Logistica e l’Autorità Portuale del Levante, organizza a Bari per il 1° ottobre prossimo il Seminario di studio e di aggiornamento professionale in materia di sicurezza del lavoro, destinato ai lavoratori delle imprese e delle Autorità Portuali dei porti delle Regioni Puglia e Campania.

L’evento dal titolo “La gestione delle interferenze e aspetti legati al D.lgs 231/01”, è mirato a formare sulle problematiche della sicurezza del lavoro gli addetti a quelle tematiche delle Autorità Portuali e delle imprese ed i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza. Con un ricco programma ed autorevoli interventi, il corso è riconosciuto ai fini dei crediti formativi obbligatori in tema di sicurezza.

I leader della smart mobility


Sono aperte le registrazioni a Smart Mobility World 2015 la manifestazione europea unica e più importante dedicata alla mobilità del XXI secolo: sostenibile, connessa e integrata.

Nel 2014 hanno partecipato oltre 3.500 operatori professionali accreditati da 18 paesi europei ed extraeuropei, 152 tra sponsor, espositori e partner, 230 relatori in 36 convegni e sono stati effettuati oltre 700 test drive su auto green e 647 incontri “One 2 One Meetings” volti a favorire business correlati all’industria automotive e ICT.

Una leadership sempre più internazionale dell’evento grazie agli oltre 180 operatori presenti al convegno “Connected Automobiles” che lo decretano primo ed unico in Italia dedicato alla “connected car”. Nel 2015 Smart Mobility World si svolgerà, dal 28 al 30 ottobre, in una location italiana simbolo internazionale dell’innovazione applicata all’automobile: l’Autodromo di Monza.

La giornata nazionale della speleologia


Escursioni in grotta, laboratori didattici per bambini, letture in forma di spettacolo, proiezioni di film e seminari illustrativi. Sono queste le attività previste dalla Giornata nazionale della speleologia, organizzata dalla Società Speleologica Italiana sabato 3 e domenica 4 ottobre 2015 in 22 località italiane, dalla Lombardia alla Sicilia.

A fare la parte del leone l'Emilia Romagna con sei appuntamenti, seguita dalla Puglia con cinque e dalla Sardegna con quattro. La Giornata Nazionale della Speleologia nasce per dare maggiore visibilità alle esplorazioni e agli studi del vuoto sotterraneo. L'obiettivo è contribuire a salvaguardare gli ipogei e tutelare la speleologia come disciplina di conoscenza e consapevole strumento di viaggio nel mondo sotterraneo e per l’immaginario umano.

 La Giornata include gli appuntamenti di progetti già avviati e affermati delle associazioni speleologiche italiane come “Puliamo il buio”, appuntamento annuale di pulizia e di segnalazione di cavità naturali e ipogei artificiali utilizzati come discariche abusive, e “L'acqua che berremo”, progetto che intende portare all'attenzione l'importanza della tutela degli ambienti sotterranei in quanto sede della maggior parte dei giacimenti idrici.

 Dopo la manifestazione sarà realizzato un reportage di documentazione degli eventi, per dare memoria e nuova vita alla Giornata e alle azioni stesse. Una volta avviata l’esperienza in Italia, si opererà per raccordarsi con eventi similari promossi da Federazioni e Associazioni nazionali di speleologia di altri paesi in Europa.

NOCC looks to proven Optimarin BWT technology


Ballast water treatment (BWT) specialist Optimarin has been chosen by Norwegian Car Carriers AS (NOCC) as the supplier of choice for its two newbuild vessels currently under construction at Hyundai Samho Heavy Industries in South Korea. Optimarin will provide 667m³/h capacity systems for the state-of-the-art 6500 car capacity Pure Car Truck Carrier (PCTC) sister ships, which are scheduled for delivery in late 2016 and early 2017.

Optimarin CEO Tore Andersen says his firm’s established track record, in what is still a young industry, played a key role in securing this latest contract. “We’ve been exclusively focused on producing simple, reliable and flexible BWT solutions since our formation in 1994,” Andersen comments. “We’re now in a position where we’ve sold over 350 of our Optimarin Ballast Systems (OBS) worldwide and installed over 270.
“NOCC was drawn to this expertise, as it was to the fact that our systems have a small footprint – with their modular nature making them simple to install – and a proven track record of operational success from vessels around the world. With the ratification of the IMO’s Ballast Water Management (BWM) convention expected imminently, shipowners, and the yards that provide them with high quality service, need that peace of mind.” 
NOCC’s high specification PCTC’s will be amongst the most advanced vessels in their segment, with heavy capacity ramps (150 tons) and flexible cargo solutions whereby four of their 12 decks will be hoistable, enabling them to carry a wide range of high and heavy items. In addition, some decks will feature special safety zones, allowing the DNV GL classed ships to transport vehicles with new energy solutions, such as pressurized hydrogen and natural gas in their tanks.

 “These company and industry flagships will lead the way in their segment, so its appropriate they have the best solutions onboard, and that includes for BWT,” Andersen stresses. “Our technology is simple, with few moving parts, but hugely effective, utilising a combination of back-flushing filters and UV irradiation to destroy the harmful organisms that can stow away in ballast.

Vector Aerospace - a growing force in civil rotorcraft MRO


Vector Aerospace a global independent provider of aviation maintenance, repair and overhaul (MRO) services, is using Helitech International to showcase its growing presence in the civil and parapublic helicopter sectors. Vector Aerospace holds approvals from many of the world's leading OEMs including Airbus Helicopters and Sikorsky.

The company's comprehensive modification capability allows Vector to offer both bespoke and off the shelf upgrades around the globe. Vector also specialises in major inspections and dynamic component overhaul, while its full-service avionics capability includes complete aircraft rewire, glass cockpit engineering, development and integration.

The company's Almondbank facility near Perth, Scotland has recently expanded successfully into the composites repair business. Vector Aerospace UK Managing Director Michael Tyrrell said, "Our UK sites have a tradition of high quality MRO support that stretches back over seven decades. This has provided a solid foundation for the development of our business in the commercial rotorcraft sector.

 The core components of our service offering are proven skills, experience, agility, flexibility and value for money. Helitech International will provide a valuable platform for us to promote these qualities to an international audience".

Firenze - CdC, Unioncamere e Google presentano #eccedigit 2015

Camera di Commercio di Firenze, insieme a Unioncamere e Google, presenta Eccellenze in digitale, il progetto per avvicinare le imprese del Made in Italy al web e al potenziale di crescita economica derivante dalla Rete.

L’appuntamento di presentazione è fissato per mercoledì 30 settembre 2015, alle ore 9,30 all'Auditorium di Promofirenze in Piazza del Grano, 6 a Firenze. Saranno presenti: Leonardo Bassilichi, vicepresidente di Unioncamere e presidente della Camera di Commercio di Firenze; Diego Ciulli, senior policy analyst di Google Italia; Paolo Barberis, consigliere per l’innovazione del presidente del Consiglio; Domenico Mauriello, presidente del centro studi Unioncamere; Elisa Simoni, deputata e membro della Commissione lavoro della Camera; Lorenzo Perra, assessore al bilancio del Comune di Firenze; il team fiorentino di Eccellenze in digitale e alcune delle imprese coinvolte. Modera Francesco Di Costanzo, direttore di cittadiniditwitter.it.

In Italia sono 64 le Camere di Commercio che hanno aderito al progetto con 132 giovani esperti del web pronti a digitalizzare le pmi rimaste fuori dal web. Sara` possibile seguire l'evento in diretta su Periscope e Twitter.

Ascoli Piceno - Due digitalizzatori in Camera di Commercio


Buone notizie per l’Italia, almeno on line: il brand “Made in Italy” è secondo, per diffusione, solo a colossi come Coca-Cola e VISA. Anche per questo, Google nel 2015 ha deciso di riproporre il progetto “Made in Italy: eccellenze in digitale” in collaborazione con Unioncamere, coinvolgendo 132 giovani borsisti che per 9 mesi saranno ospitato in 64 Camere di Commercio, tra le quali quella di Ascoli Piceno.

Il 25 settembre, presso la Sala Giunta della Camera di Commercio di Ascoli Piceno, si è appunto svolto un incontro per presentare il progetto, alla presenza del Presidente della Camera di Commercio di Ascoli Piceno, Gino Sabatini, e dei due digitalizzatori che lavoreranno presso l’ente camerale. Quest’anno il progetto prevede la partecipazione di aziende legate a quattro filiere di prodotto: agroalimentare, artigianato artistico, moda e nautica.

Ai due giovani digitalizzatori, che hanno illustrato lo “stato dell’arte” della diffusione del digitale in Italia e il progetto stesso nei dettagli, è stato dato il compito, affiancati da un tutor, di sensibilizzare e supportare le imprese picene ad avvicinarsi all’online e condividere la cultura dell’innovazione digitale, accrescendo così la consapevolezza di tutti i vantaggi che possono derivare dall’approdo al digitale, soprattutto per favorire l’internazionalizzazione del proprio business: lo scorso anno, il progetto diede risultati molto soddisfacenti, con 144 realtà imprenditoriali e associazionistiche contattate e 42 coinvolte fattivamente nel lavoro di sostegno operativo.

La digitalizzazione – ha dichiarato il Presidente della Camera di Commercio Gino Sabatini – è un passo imprescindibile per le nostre aziende e, contemporaneamente, un modo più immediato per farsi conoscere al di fuori dei confini nazionali: essere on line è indispensabile per la crescita e per superare la crisi, abbiamo il dovere di sostenere una generazione di “nativi digitali” che consideri la Rete un ambiente naturale di sviluppo e la Camera di Commercio di Ascoli Piceno intende fare la propria parte.

Essere on line è necessario per le aziende italiane, anche perché i consumatori italiani ci sono già: il 39% ha cercato almeno un prodotto in Rete nell’ultimo mese e una pari percentuale di connazionali ha effettuato, sempre in quel lasso di tempo, almeno un acquisto. Il 22% ha usato il “mobile” per indagare negli ultimi trenta giorni e nel 18% dei casi ha effettuato on line l’acquisto. La partecipazione al progetto è completamente gratuita e gli imprenditori interessati possono trovare la modulistica sul sito della Camera di Commercio di Ascoli Piceno (www.ap.camcom.gov.it/madeinitaly:eccellenzeindigitale) da cui scaricare, tra l’altro, la scheda di adesione preliminare.

Una sanzione di un milione di euro a due operatori di "aste on line al centesimo"


Una sanzione complessiva di un milione di euro è stata irrogata dall’Antitrust a due operatori delle cosiddette "aste on line al centesimo": 700mila euro alla società Flamingo Intervest Ltd, con sede nelle Isole Vergini britanniche, per pratiche commerciali scorrette; 300mila euro a Marcandi Ltd, con sede in Inghilterra, riguardo alle informazioni ingannevoli e omissive sulle proprie proposte commerciali.

Quello delle aste on line al centesimo è un servizio, fornito attraverso Internet, che risulta particolarmente allettante per il consumatore, in quanto offre la possibilità teorica di aggiudicarsi un prodotto – solitamente beni di consumo più ricercati nel settore dell’alta tecnologia – a un prezzo irrisorio. Un’asta del genere differisce da quelle normali soprattutto per il fatto che qui è imposta la partecipazione a pagamento: per effettuare le puntate, si richiede infatti di utilizzare crediti precedentemente acquistati.

Un’altra caratteristica fondamentale di queste aste consiste nel fatto che, a partire da un prezzo iniziale, i consumatori possono incrementare le offerte solo di un centesimo per volta. Il cliente che effettua l’ultima puntata si aggiudica il diritto di acquistare il prodotto al prezzo finale d’asta. Se questo poi non viene pagato, il controvalore dei crediti spesi nel corso dell’asta aggiudicata può essere utilizzato dai consumatori, nei limiti stabiliti dalle condizioni contrattuali, per acquistare on line prodotti offerti, in media, al prezzo di mercato.

In questo contesto, sulla base di oltre trecento segnalazioni ricevute dall’Agcm, sono risultate particolarmente gravi e aggressive le condotte realizzate da Flamingo Intervest Ltd: attraverso i siti www.dandybids.com, www.wippy.com, www.bogabids.com e www.ziinga.com, la società forniva informazioni omissive e incomplete sul servizio svolto, addebitando sulla carta di credito dei consumatori il costo (da un minimo di quasi 40 euro a un massimo di circa 80 euro al mese) di un particolare abbonamento, per la partecipazione ad aste on line al centesimo, mai richiesto dal cliente.

 L’operatore si procurava il numero di carta dei consumatori (o altro strumento di pagamento) agganciandoli durante la navigazione su Internet, attraverso finestre pop-up o attraverso un’intensa attività di mailing. E inoltre, allettandoli con la prospettiva di ottenere un premio mediante il solo pagamento di esigue spese di spedizione (pari a due euro), li induceva a registrarsi a uno dei propri siti.

Ottenuta così l’iscrizione nominativa, Flamingo non solo non consegnava il premio prospettato, ma inviava richieste di pagamento oppure eseguiva immediatamente addebiti sul conto utilizzato dal consumatore per versare i due euro richiesti come spese di spedizione.

L’Autorità garante della Concorrenza e del Mercato ha sanzionato poi le condotte informative adottate da Marcandi Ltd: in particolare, è risultato che l’operatore prospettava la possibilità di ottenere prodotti di particolare richiamo per il consumatore a un prezzo irrisorio, non chiarendone adeguatamente l’aleatorietà e omettendo al contempo di precisare le caratteristiche principali e quelle economiche dell’offerta commerciale: per esempio, la natura e il funzionamento delle aste on line al centesimo e il carattere oneroso delle singole puntate che è necessario realizzare per partecipare.

La stessa società, attraverso una pagina Internet che appariva tratta da un blog ma in realtà di natura pubblicitaria, si presentava come un consumatore che esprimeva commenti entusiastici in merito alle proprie esperienze di acquisto su quel sito (www.madbid.com).

ABS Chairman, President and CEO outlines IACS strategic plan.


ABS Chairman, President and CEO Christopher J. Wiernicki has taken part in a series of meetings with maritime industry stakeholders in his capacity as chairman of the International Association of Classification Societies (IACS). Together with IACS Secretary-General Robert Ashdown,

Wiernicki also hosted a press conference at which he laid out the organization’s work program for the coming year. Wiernicki assumed the chairmanship of IACS in July 2015 and will lead the organization at a challenging time for the industry. “Increasingly complex regulations, the advance of new technology and the increasing importance of the man-machine interface makes IACS’ industry leadership more critical than ever in helping the industry manage these technical risks,” says Wiernicki.

“As a truly international organization, we will work with all relevant stakeholders to reinforce how a single, united IACS contributes to a safe and more efficient shipping industry.” The IACS strategic plan has been designed to address both the current and future needs of the shipping industry by focusing on three key areas: structural, machinery and cyber system integrity. IACS will advance the creation of a cyber-system safety framework that addresses control systems, software quality assurance, data integrity and cyber security, enhancing the initiative that was commenced in 2014. Other key focus areas include ensuring a smooth completion of the initial round of audits for the IMO Goal-Based Standards process and ongoing work to ensure that its Quality System Certification Scheme (QSCS) remains the ‘gold standard’ for classification society performance.

 His program of meetings included the Secretary-General of the International Maritime Organization and representatives of the European Commission in Brussels. Wiernicki identified the importance of strengthening the IACS relationship to the IMO, while maintaining a positive dialogue with all flag administrations. Further contacts with INTERCARGO, INTERTANKO and BIMCO sought to outline IACS priorities and discuss issues of common interest. Many of the topics covered are closely aligned with ABS’s own work.

“I expect IACS to remain very closely engaged at the center of shipping safety in the 12 months of my chairmanship,” adds Wiernicki. “Being able to draw on the experience of the IACS Council to provide guidance, insight and leadership on the technical and safety issues faced by the industry will keep us squarely focused on safety and environmental protection, supporting the industry IACS was created to serve.”

Aquece Rio International Sailing Regatta


Il commento del Direttore Tecnico della Squadra Nazionale di vela Michele Marchesini a conclusione dell'Aquece Rio International Sailing Regatta, il Test Event delle classi olimpiche che si è concluso ieri in Brasile con due medaglie (l'oro di Francesco Marrai nel Laser Standard e l'argento di Conti-Clapcich nel 49er FX) e due top ten (settimi Bissaro-Sicouri nel Nacra 17 e nono Mattia Camboni nell'RS-X) per la Nazionale italiana.
 "Rientriamo domani in Italia da una trasferta lunga e impegnativa. Dopo un inizio difficile nelle sessioni di allenamento a Niteroi, anche a seguito degli eventi e interferenze che hanno preceduto la partenza, la Squadra ha ritrovato la propria armonia e si è espressa a livelli alti. Volevamo allenarci e regatare tranquilli, e questo abbiamo fatto. Il nostro obiettivo in termini di risultati era la partecipazione a tre finali, chiudiamo con quattro finali e due medaglie. Un risultato di questo livello mancava da diversi cicli Olimpici e siamo soddisfatti. Soprattutto, è il frutto di due anni e mezzo di impegno ed una ulteriore conferma che la strada intrapresa è corretta: l’impostazione, l'atteggiamento, la mentalità, la cultura del lavoro di qualità e il gruppo sono i nostri punti di forza.
Avevamo deciso di impostare questo Test Event Olimpico come una prova sotto tutti gli aspetti,
selezionando gli atleti migliori, preparando e programmando con cura, proprio al fine di testare tutto a 360 gradi: dai viaggi, alla logistica delle barche, alla base di Niteroi, alla preparazione, alla competizione. 
Tutto in funzione di quanto sarà il prossimo anno: durante competizioni di questo tipo, che a me piace definire ultra-competizioni, tutto si amplifica e l’occasione è importante per leggere con attenzione all’interno delle situazioni, delle strutture e delle persone. La quantità e qualità dei dati che abbiamo raccolto sono molto elevate e saranno la base per il lavoro dei prossimi mesi. Per certo, la scelta di avere una Squadra piccola si è confermata estremamente positiva, fondamentale per la concentrazione. 
Passando ad una analisi dei risultati, Marrai ha fatto una regata di rilievo assoluto, sbagliando pochissimo sia dentro che fuori baia, dimostrando questa settimana una profonda capacità di gestione dell’evento e delle singole prove. Conti-Clapcich continuano implacabili e solide una striscia di risultati che le vede per la settima volta consecutiva, e all’appuntamento più importante, sul podio, anche se il loro argento ha un sapore agrodolce.
Bissaro-Sicouri chiudono settimi, con la consapevolezza che, lavorando con umiltà e serenità, possono colmare il distacco che al momento li separa dai primi: ora hanno avuto modo di vedere davvero quale è il gioco a cui si gioca.
Camboni è stato straordinario, un risultato di questo livello da un ragazzo di soli 19 anni è una solida base e una conferma.
Camboni è l’emblema del rinnovamento del nuovo corso tecnico. Nell’RS-X maschile, in termini assoluti, abbiamo recuperato moltissimo, in termini relativi basti pensare che lo scorso anno qui non siamo andati oltre il 21mo posto con quello che era l’atleta di punta in Italia: possiamo dire che il lavoro fatto dalla Federazione sta pagando. Per il femminile la questione è un po’ diversa: Tartaglini, lo scorso anno qui a Rio bronzo, ha sotto performato.
Dopo la vittoria in Coppa del Mondo a Weymouth ci si aspettava di più. Il livello dell'atleta è comunque molto alto e la stagione delle tavole Olimpiche prevede ancora l’Italiano ed il Mondiale. 
Ora, dopo una breve pausa, gli atleti saranno impegnati ai Campionati Italiani Assoluti di Napoli, appunto. È questo l’evento di maggiore importanza per la vela Olimpica in Italia e il nostro Staff Tecnico sarà presente al completo anche per osservare da vicino tutto il vivaio nazionale con un occhio al futuro. Il Test Event è passato, andiamo avanti".

GLOBAL reporting mechanism required to curtail piracy


In the shadow of alarming global statistics showing a continual increase in the number of piracy and armed robbery attacks against merchant ships, an international gathering of key maritime stakeholders discussed the major risks in a changing threat environment.

These discussions took place at the IMB International Meeting on Global Piracy, Armed Robbery and Maritime Security on 14 and 15 September in Kuala Lumpur, where more than 200 delegates from 30 countries assembled. Reflecting the cooperation between civil and governmental entities, the meeting was organised by the ICC International Maritime Bureau was co-hosted by the Malaysian Maritime Enforcement Agency, Interpol and the Royal Malaysian Police.

The keynote speech delivered by the Malaysian Deputy Home Minister commented on the resurgence of piracy and armed robbery in South East Asia, stressing the importance of maritime domain to Malaysia and the need for cooperation with neighbours in the region in order to apprehend the kingpins behind the piracy activity. The Inspector General of the Royal Malaysian Police gave a review of the issues in respect of the collection of evidence and international conventions affecting the law enforcement perspective of piracy and armed robbery investigations further stated that it will be useful to conduct a detailed review of the laws and conventions affecting the prosecution of pirates, with a view towards incorporating UNCLOS into Malaysian domestic law in order to ensure that criminals can be prosecuted. The Malaysian Maritime Enforcement Agency (MMEA) highlighted examples of recent successes, including the arrest and prosecution of the SUN BIRDIE gang and arrest of the ORKIM HARMONY hijackers.

The industry keynote given by Arthur Bowring, Managing Director of Hong Kong Shipowners Association, pointed to the key challenges facing the shipping industry which, in addition to piracy, includes mass illegal migrations, the scale of which overwhelms the capacity of all stakeholders. This view was also shared by the Royal Malaysian Police, who identified human smuggling in the maritime domain as posing new concerns.

To improve this situation participants considered how a common worldwide information sharing framework could possibly expedite the receipt and distribution of critical details needed to enable naval and law enforcement forces to respond quickly enough to protect seafarers and arrest the perpetrators. Pottengal Mukundan, Director of IMB said: “Information sharing and coordinated action between concerned coastal states is crucial in responding to this threat. However, the proliferation of reporting centres in some regions could create a degree of confusion that can leave seafarers and ships unnecessarily at risk.” Industry highlighted a number of actions taken to support international effort to suppress maritime crime and to protect their seafarers.

Further development of the Best Management Practice and a standardisation of global reporting is high on their agenda. “For crimes at sea, rapid response is crucial if there is to be any possibility of prosecuting the pirates,” added Mukundan. “The IMB Piracy Reporting Centre plays a crucial role liaising between merchant ships and coastal authorities and navies, and is prepared to further enhance the effectiveness of these joint efforts.” Industry suggested this important role could be broadened offering an opportunity for the IMB to play a leading role.

The international gathering of maritime security experts representing governments, law enforcement agencies, navies, international organisations the shipping industry and seafarers' unions also considered the threats created by organised crime, human smuggling and acts of terrorism.

Beyond the reporting and response issues, the meeting also addressed other areas of concern such as the impact on seafarers and their families, post-incident protection of evidence, and the regional differences in the pirates' strategies of attack.

Other developments which were considered included the use of armed guards and whether or not they fit into comprehensive response measures in different high risk areas, the more co-ordinated use of naval vessels in anti piracy operations, the challenges faced by law enforcement in arresting and prosecuting pirates and armed robbers, and the targeting of product oil cargoes on board vulnerable vessel.

Participants agreed that the meeting brought about a better understanding of the priorities, capabilities and limitations of both the industry and response agencies, and set the stage to enable each to better support the other in their respective tasks.

Internet on ships a key to recruiting and retaining seafarers, IMO symposium told


The IMO symposium provided an opportunity for a discussion on the future of maritime education and training and how it can meet the demands of the shipping industry.

Easy access to the internet onboard ships is a key requirement if young people are to be attracted into the seafaring profession and shipping needs to be more visible in the public eye, according to speakers who addressed an IMO symposium on maritime education and training, held on World Maritime Day (24 September 2015).

 The IMO symposium provided an opportunity for a discussion on the future of maritime education and training and how it can meet the demands of the shipping industry and aimed to address the World Maritime Day theme: “Maritime education and training”, through targeted discussion on the topic: "Shipping's future needs people: Is global maritime education and training on course?".

Ensuring a high proportion of students moved into the maritime professions after completing their maritime training was an important issue, according to Professor Jingjing Xu, Associate Dean, Research, Faculty of Business, Plymouth University, who said conditions for seafarers onboard needed to be appealing if the predicted lack of officers and rating in the future is to be addressed. Poor internet access on board ships was the largest disincentive to young people taking up seagoing roles, she said. Speakers from the shipping and maritime industry and academia addressed three sessions, covering: opportunities for the young generation in the maritime industry; seafaring as a profession; and developing seafarer skills through quality maritime education and training.

IMO Secretary-General Koji Sekimizu, who opened the symposium, reiterated the need for high-quality maritime education and training as the bedrock of safe and secure shipping industry. Attracting new recruits into the industry was highly important, he said. All speakers at the symposium stressed the need to raise the profile and the image of shipping in general, in order to attract young people into the maritime professions.

Opinion formers, including teachers and politicians, including those managing education policies, were key targets who should be informed about shipping and the maritime world. Other speakers brought up the paucity of training berths. A cadet, one of 32 cadets from 16 countries attending the symposium, highlighted the fact that her country did not have training ships to offer seagoing experience, so this was a key issue which needed to be resolved so that their training did not go to waste due to lack of sea experience. Government policies, particularly those of flag States, at national level could impact on maritime education and training and on recruitment.

 The percentage of women seafarers was still very low and this was still a matter than needed to be addressed. Some speakers raised the important issue of ongoing quality assessment of seafarer training courses, as required under IMO’s International Convention on Standards of Training, Certification and Watchkeeping for Seafarers (STCW).

Following a career at sea, former seafarers needed to be supported into maritime careers onshore, including any necessary re-training. Summing up, IMO Assistant Secretary-General Andy Winbow said that the panels of speakers had provided much food for thought. Shipping clearly needs people and its image – or lack of one – needed to be addressed. Nonetheless, cadets around the world and those who had been able to attend the symposium had a bright future ahead of them.

Il 55esimo Salone Nautico sarà a favore dei bambini


La Serata Inaugurale del 55esimo Salone Nautico sarà a favore dell’ Istituto Giannina Gaslini. Con questa iniziativa due eccellenze internazionali della città saranno per la prima volta insieme per supportare la ricerca medica.

L’appuntamento è per il primo ottobre alle ore 20 alla Stazione Marittima di Genova per la serata Into The Blue: sarà come salire a bordo di un transatlantico di inizio secolo per emozionante viaggio nel tempo. ll tema del viaggio e la solidarietà saranno anche al centro della presentazione dell’opera “Ulisse e la nave cavallo” in programma lo stesso giorno alle ore 12, all’interno del Salone Nautico.

 Il Salone Nautico di Genova svela quest’anno un nuovo volto e trasforma la serata inaugurale di Giovedì 1 ottobre alla Stazione Marittima di Genova in un grande evento charity: Il Salone Nautico Per l’Istituto Gaslini, realizzato grazie ai partner sostenitori Petit Bateau che da 120 anni veste i bambini e Dodo che firmerà la serata con un ricordo per gli ospiti sostenitori.

La serata è organizzata dal Salone Nautico, Ministero dello Sviluppo Economico, ICE Agenzia per il Commercio Estero. Parafrasando il claim del 55° Salone Nautico, l’evento coniugherà “La storia del mare” e “il futuro della ricerca” in un grande spettacolo dal titolo Into the Blue: un emozionante percorso di luci, suoni e immagini, interamente dedicato al mare.

Entrando nella Stazione Marittima, simbolo di una storica vocazione del popolo italiano alla partenza – dai pellegrini diretti verso la Terrasanta ai migranti dei primi del 900 fino ai grandi Transatlantici della storia della marineria italiana impegnati nei collegamenti di linea con le Americhe - gli ospiti si ritroveranno nella Genova di inizio ‘900 e con un simbolico “welcome on board” saranno imbarcati su una misteriosa nave che li condurrà alla volta di un fantastico viaggio nel tempo e nella fantasia.

 La cena sarà così offerta nel grande salone di una nave immaginaria, con grandi oblò video che restituiranno le immagini dei paesaggi e luoghi attraversati: ad ogni portata, cambieranno portando il pubblico negli abissi, in mari esotici, lungo le coste popolate di personaggi mitologici, per ritornare poi a Genova. Madrina e conduttrice della serata la giornalista televisiva, specializzata in trasmissioni dedicate al mare Tessa Gelisio, tra gli ospiti gli equipaggi presenti al Salone che hanno partecipato alla Volvo Ocean Race, con lo skipper di Team Vestas Chris Nicholson e la navigatrice di Team SCA Libby Greenhalgh, oltre al CEO della manifestazione Knut Frostad.

 Nel corso della serata verranno estratti i premi messi in palio dai partner: Dodo, MSC Crociere, Technogym, Via Garibaldi 12 lifestylestore e interior design, Centro Medico Lazzari. Saranno inoltre consegnati da UCINA Confindustria Nautica i riconoscimenti alle Aziende che con continuità hanno creduto nel Salone Nautico di Genova quale strumento strategico di promozione dell’industria nautica partecipando a 50 edizioni della manifestazione.

L’Istituto Gaslini ha iniziato la sua attività nel 1938, fondato dal senatore Gerolamo Gaslini, per ricordare la figlia Giannina morta giovanissima, per assicurare all’infanzia la migliore assistenza, assistita dalla ricerca. E’ il più grande ospedale pediatrico del nord Italia, vi lavorano oltre 2000 persone tra medici, infermieri, universitari e ricercatori. Ci sono tutte le specialità pediatriche, numerosi laboratori e cattedre universitarie. Il tema del viaggio e della solidarietà saranno protagonisti di tutta la giornata di giovedì 1° ottobre.

Alle ore 12, infatti, il Salone Nautico ospiterà la presentazione dell’opera “Ulisse e la nave cavallo”, opera creata e realizzata dall’artista Maurizio Nazzaretto all’interno di un progetto di solidarietà curato dalla Fondazione Flying Angels Onlus, tour operator della vita gratuito al mondo che si occupa di donare biglietti aerei di andata e ritorno da e per tutto il mondo (Italia inclusa) per bambini in emergenza sanitaria che hanno urgenza di essere trasferiti in una struttura sanitaria per ricevere le cure adeguate, oppure dona i biglietti per le equipe mediche che si recano sul posto per effettuare l’intervento salvavita.

 Metafora dell’essere umano in viaggio, la statua - 7,62 metri di altezza per 26 tonnellate di acciaio e legno, creata grazie alla collaborazione di diverse aziende e istituzioni genovesi e non solo - si propone di diventare un simbolo del “gemellaggio sociale” tra territori del mondo.

Il progetto Ulisse prevede, infatti, la creazione di un'Academy Internazionale della Solidarietà, che da Genova voterà e premierà ogni anno il miglior progetto mondiale di charity con "l'Ulisse di Flying Angels". La Fondazione collabora con tutte le organizzazioni umanitarie che si occupano di tutelare il diritto alla salute dei bambini, una Onlus che aiuta la altre Onlus. Ad oggi, ha effettuato 660 interventi salvavita in 56 paesi del mondo.

Expo 2015: il 29 settembre il vincitore per il miglior Padiglione


Martedì 29 settembre, alle ore 11, presso la Triennale di Milano sarà annunciato, nel corso di una conferenza stampa, il vincitore del Premio “Le Architetture dei Padiglioni di EXPO MILANO 2015”, promosso da IN/ARCH, ANCE, CNAPPC, Federcostruzioni e OICE con il coordinamento e supporto di PPAN comunicazione e networking per il costruito.

 Saranno presenti il Commissario Unico di Expo 2015 Giuseppe Sala, insieme all’Assessore all’Urbanistica Alessandro Balduccie all’Assessore alla Casa per la Regione Lombardia Fabrizio Sala che, a un mese dalla chiusura dell’Esposizione, faranno un primo bilancio di Expo 2015 con il mondo della progettazione e delle costruzioni.

 Interverranno inoltre il presidente della giuria Gabriele Del Mese, fondatore Arup Italia e i presidenti delle organizzazioni promotrici del Premio: Adolfo Guzzini per IN/ARCH, Claudio De Albertis per ANCE, Leopoldo Freyrie per il CNAPPC, Rodolfo Girardi per Federcostruzioni e Patrizia Lotti per OICE.

Multi-View Cargo and Vehicle Screening System


American Science and Engineering, Inc. ("AS&E") (Nasdaq:ASEI), a leading worldwide supplier of innovative X-ray detection solutions, today announced the introduction of the next generation Z Portal® system,the only drive-through cargo and vehicle inspection system that uses multiple detection technologies to provide up to six views of scanned passenger vehicles, trucks, buses, and cargo. The new Z Portal system incorporates AS&E’s latest source and detector innovations in a more compact design, enabling improved image quality along with higher throughput, even in space-constrained locations.
“The integration of dual-energy transmission with our proven Z Backscatter® and Forwardscatter® technologies in the next generation Z Portal system is another example of our commitment to innovation to solve customers’ real-world inspection challenges,” said Chuck Dougherty, AS&E's President and CEO. “This multi-technology solution delivers even greater visibility into scanned objects — at higher scan speeds and in a smaller footprint — giving our customers the most comprehensive detection in a single, drive-through platform.” 
 The next generation Z Portal system builds on the success of AS&E’s proven Z Portal system, currently in operation at ports, borders, airports, and high-threat facilities worldwide. With over 100 systems sold to customers such as NATO, U.S. Department of Defense, U.S. Customs and Border Protection, Taiwan Aviation Police, and Abu Dhabi Customs, the Z Portal system supports vital security and customs missions by assisting in countless seizures of drugs, contraband, weapons, and stowaways.

Z Portal system enhancements include the following:
 • Enhanced Detection Capability – The Z Portal system’s new, innovative detector design brings improved detection capability to the system by capturing dual-energy transmission images in addition to its Forwardscatter and signature Z Backscatter images. This unique combination of technologies provides superior material discrimination while also highlighting organic and metallic anomalies, giving operators more information about the contents of the vehicle and enabling them to find more threats and contraband.

 • Higher Throughput Screening – The next generation Z Portal system allows for increased vehicle speeds of up to 20 kph (12.4 mph) and high-throughput screening of up to 400 passenger vehicles or 250 trucks per hour. The innovative X-ray source assembly design enables the higher throughput rates without sacrificing image quality, giving ports and borders an ideal solution for primary or secondary screening of cargo and vehicles.

 • Compact, Efficient Design – AS&E’s newly redesigned system fits into existing traffic lanes and easily integrates into diverse customer sites. A wide array of optional features and operating concepts allows for adaptation to each customer’s unique workflow and security requirements. Installation and relocation is simplified by the innovative surface-mount design, which eliminates the need for extensive civil works construction. The compact system is available in two configurations — one for large trucks, buses, and cargo vehicles and a smaller size for passenger vehicles — and is safe for drivers, operators, scanned cargo, and the environment.

Salone Nautico di Genova iniziative per agevolare i visitatori


Assessore Anna Maria Dagnino: “Il Salone Nautico è un appuntamento importante per la città, abbiamo predisposto linee bus speciali per la Fiera, confermato la formula Ticket park più bus, previsto interventi specifici sulla mobilità con l’obiettivo di garantire equilibrio tra la viabilità straordinaria di questi giorni e le esigenze della città”
 Mercoledì 30 settembre si apriranno i varchi della Fiera di Genova per la 55^ edizione della rassegna internazionale dedicata alla Nautica, in programma fino a lunedì 5 ottobre 2015. Per la gestione della viabilità intorno alla zona della Fiera, che sarà interessata da significativi volumi di traffico, l’assessorato alla mobilità ha predisposto una serie di interventi che vengono di seguito elencati. In accordo con Amt è stato organizzato un servizio dedicato di trasporto pubblico per la Fiera per quanti vorranno raggiungere il Salone in bus.
 “Abbiamo organizzato un insieme di iniziative per agevolare i visitatori del Salone e quanti, nei giorni del Nautico, vorranno raggiungere la zona della Fiera, con l’obiettivo di garantire equilibrio tra la viabilità straordinaria che si genererà per i flussi di traffico previsti e le normali esigenze della città - spiega l’assessore alla mobilità Anna Maria Dagnino - Abbiamo previsto con Amt linee bus speciali che collegheranno le stazioni ferroviarie di Brignole e Principe con piazzale Kennedy e con l’area di parcheggio allestita in corso Italia.
Anche quest’anno le persone con ridotta capacità motoria avranno un parcheggio loro dedicato all’ingresso della Fiera. Abbiamo confermato la formula park più bus, che ha riscosso molto gradimento anche negli anni scorsi e poi una serie di interventi di mobilità specifici, soprattutto per la sosta di auto, caravan e moto.”

Dal 30 settembre al 5 ottobre il Fuorisalone di GenovaInBlu


Dal 30 settembre al 5 ottobre il Salone Nautico accende la città con il Fuorisalone di GenovaInBlu, un fitto programma di eventi - musica, aperitivi, aperture straordinarie di negozi, mostre – che si fonde con le altre iniziative organizzate in città per valorizzarne in modo nuovo ed efficace l’offerta turistica e il patrimonio culturale e artistico.

Per accogliere i visitatori del Salone e “accompagnarli” alla scoperta della città, il Comune di Genova ha approntato un piano ad hoc per la viabilità e i parcheggi e ha rinforzato il servizio pubblico. Camera di Commercio ha confermato il servizio navetta dai punti strategici della città previsto nel Progetto Accoglienza, il Consorzio Liguria Viamare il collegamento in battello tra Fiera e Porto Antico, in coincidenza con il servizio di battelli per Pegli.

Monaco Yacht Show - Finding the Balance


SuperyachtNews.com spoke to Svend Heier, CEO and partner of Stable, a Norwegian company which specialise in reducing the pitching and rolling motions of on-board surfaces. These surfaces can be used as beds, furniture or even snooker tables.
 "We developed our technology 13 years ago," Heier recalls. "But we didn't have the correct network." Over the last two years Stable changed tack and focused heavily on marketing and sales.
"Last year we went to METs and Monaco for the first time and the response has been very positive," continues Heier. "We stabilise pitch and roll movements, not heave, using two electrical actuators, an independent actuator for each motion," Heier explains. 
The technology does not reduce 100 per cent of the motion but it does cut it by up to 95 per cent. Originally, the idea to adapt the system from pool tables to beds originated from a sickly owner who decided to lie on a pool table using the Stable system to escape his woes - he felt himself again after lying down for 15 minutes.

 In order to meet the high aesthetic demands of the superyacht industry all woodwork and framing is outsourced to superyacht interior design specialists. The Stable technology is now being incorporated into designs at the conceptual stage, making the system far more attractive. The most popular version of the technology so far is the pool table.

But the Stable bed may yet succeed. While it might seem odd that someone prone to seasickness would own a yacht, for guests unaccustomed to pitching and rolling the Stable bed could provide some much needed respite.

Port Security: Commission refers GERMANY to Court of Justice of the EU


The European Commission has decided to refer Germany to the Court of Justice of the European Union (CJEU) for failure to fully apply Directive 2005/65/EC on enhancing port security in the Land of North Rhine-Westphalia.

The European Commission has decided to refer Germany to the Court of Justice of the European Union (CJEU) for failure to fully applyDirective 2005/65/EC on enhancing port security in the Land of North Rhine-Westphalia. The German authorities have launched an action plan in order to fully implement the obligations provided in this Directive in the land of North Rhine-Westphalia. However, up to now, the draft amendment of the law on port security has not yet been adopted by the North Rhine-Westphalian Parliament.

The deadline for the implementation of the Directive was 15 June 2007. The Commission had already urged Germany to adequately fulfil its obligations regarding the port security assessments and plans in the North Rhine-Westphalia ports by sending a reasoned opinion in September 2014.

As no such result has been achieved, the Commission is now taking this case to the Court of Justice of the EU.

Railway safety: Commission refers LITHUANIA to the Court of Justice of the EU


The European Commission has decided to refer Lithuania to the Court of Justice of the EU (CJEU) for failure to correctly transpose European rules on rail safety.

Directive 2004/49/EC requires Member States to establish a safety authority, to establish an independent accident and incident investigation body, and to define common principles for the management, regulation and supervision of railway safety.

Lithuania failed to correctly transpose the Directive at a national level, more specifically by not ensuring the independence of the investigation body. In doing so, Lithuania is preventing the transparent investigation of serious accidents and incidents.

Michelangelo Pistoletto porta il Terzo Paradiso nel Porto Vecchio di Trieste

Nella foto di Alessandro Lacirasella, un momento di The Third Paradise 2014 - 
RAFTING TO THE THIRD PARADISE – ZATTERE PER IL TERZO PARADISO, iniziativa culturale ispirata al progetto del “Terzo Paradiso” di Michelangelo Pistoletto, artista italiano vivente tra i più rappresentativi a livello internazionale, promossa da So Fresh e spazio5 artecontemporanea che hanno invitato giovani artisti under 35 a proporre un progetto per valorizzare l’area del Porto Vecchio di Trieste e a darle una nuova immagine per il futuro, sarà presentata alla stampa lunedì 28 settembre, alle ore 11.30, presso la Centrale Idrodinamica del Porto Vecchio.

 RAFTING TO THE THIRD PARADISE è realizzato in collaborazione con Cittàdellarte Fondazione Pistoletto, il contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, il sostegno del Comune di Trieste e il patrocinio dell'Autorità Portuale di Trieste. Al progetto, che vedrà la presenza del Maestro a Trieste l'1 e 2 ottobre, sono collegate inoltre ulteriori iniziative del Comune di Trieste.

Dopo il saluto di Mario SOMMARIVA, Segretario Generale dell’Autorità Portuale di Trieste, alla conferenza stampa, interverranno:
Michelangelo PISTOLETTO, artista (in collegamento internet da Città dell’arte, Biella)
Manuel Fanni CANELLES, spazio5 artecontemporanea
Antonella GRIM, Assessore all’Educazione del Comune di Trieste
Paolo TASSINARI, Assessore alla Cultura del Comune di Trieste
Un rappresentante della Regione Friuli Venezia Giulia.

Precisazione - Tirrenia potenzia la linea Cagliari-Livorno


Tirrenia Compagnia Italiana di Navigazione potenzia i collegamenti per il trasporto merci tra la Sardegna e la Penisola. La Compagnia da martedì 29 settembre aumenta le corse tra Cagliari e Livorno, inserendo una nave e garantendo dunque un ulteriore collegamento trisettimanale.
Un nuovo servizio che va ad aggiungersi a quello già esistente.

Attualmente, infatti, Tirrenia garantisce la linea Cagliari-Livorno quotidianamente, con partenze fissate alle ore 20. Grazie a questa novità, ci saranno tre viaggi in più da Cagliari (partenza lunedì alle ore 18 e arrivo alle 13, mercoledì e venerdì alle ore 24 con arrivo alle 18) e tre da Livorno (Qartenza martedì, giovedì e sabato alle ore Z4 e arrivo alle 18). Giorni e orari che la Compagnia ha studiato proprio in base alle esigenze dei trasportatori.

La nave che verrà inserita è l'Espresso Catania, che ha una lunghezza di 150 metri e viaggia a una
velocità di 17 nodi. Ha una capacità di carico di 1600 metri lineari, grazie ai quali è in grado di
trasportare fino a 115 semi rimorchi.

Tirrenia intende così garantire uno standard di servizi sempre più elevato ed efficiente. La
decisione di ampliare i collegamenti tra Cagliari e Livorno è stata presa per venire incontro alle
necessità dei trasportatori sardi, e offrire una capacità in termine di metri lineari maggiore
rispetto a quella garantita attualmente su una delle linee più importanti della Sardegna.

Tirrenia Compagnia Italiana di Navigazione S.p.A., con sede legale a Cagliari, e sede operativa o Napoli, è attiva nel settore del cabotaggio marittimo come titolare del servizio pubblico di collegamento con le isole maggiori, le Isole Tremiti e come vettore per il traffico merci. Considerato uno dei principali operatori dello Shipping Europeo, Tirrenia CIN impiega attualmente 18 navi tra Cruise Ferry e RoRo Pax, ed è una delle ƒlotte più moderne del Mediterraneo in quanto tutte le principali unita per il trasporto passeggeri sono state costruite dopo il 2000.

 Le linee servite collegano nel Tirreno la Sardegna (da e per i porti di Porto Torres, Olbia, Arbatax e Cagliari) con Genova, Livorno, Civitavecchia, Napoli, Palermo a cui si aggiungono Napoli e Palermo collegate tra loro. Sull'Adriatico altre alla linea Ravenna - Catania, le isole Tremiti sono servite da un Fast Ferry che le collega con Termoli.

Gli ottimi risultati di Casillo Group


Con la pubblicazione dell’Integrated Annual Report 2014 il Gruppo Casillo Partecipazioni – Casillo Group ha raggiunto un’altra importante tappa nel percorso di apertura e disclosure dei risultati della gestione aziendale, avviato l’anno scorso con la pubblicazione del primo bilancio di sostenibilità. Casillo Group di Corato (Bari) è l’impresa primaria italiana nel campo delle semole, grano, farine commestibili, prodotti da forno.

Di seguito alcuni highlights dei risultati 2014: Ricavi: il fatturato 2014 è pari a 1.006 milioni di Euro, in incremento del 22,6% sui ricavi del 2013. EBITDA (MOL): risulta pari a 71 milioni di Euro, registrando un significativo incremento rispetto al 2013 (+50 milioni di Euro).

L’incidenza sulle vendite è pari al 7%. Numero dipendenti a fine esercizio: 234 unità. 15 giovani talenti avviati in percorsi di inserimento. 12 impianti di macinazione. 800 mila Euro erogati per attività di ricerca e sviluppo all’Università degli Studi di Foggia nell’ambito del progetto Gluten Friendly.

Certificato nel 2014 il sistema di gestione SA 8000 (responsabilità sociale per quanto riguarda le condizioni dei lavoratori, ossia diritti umani, sviluppo, valorizzazione, formazione e crescita professionale delle persone, salute e sicurezza dei lavoratori, antidiscriminazione, lavoro dei minori e dei giovani). Impianti fotovoltaici a regime per una potenza installata di 24MW.
Carbon footprint: oltre 19 mila tonnellate di CO2 evitate grazie alla produzione elettrica da fotovoltaico. Come commentato dagli Amministratori nella Lettera agli Stakeholders:
“Per la prima volta Casillo Group presenta il bilancio nella cosiddetta versione integrata, che rappresenta la nuova frontiera della rendicontazione e si propone di integrare il Bilancio Consolidato con la reportistica di Sostenibilità. L’Integrated Annual Report vuole fornire un quadro generale della strategia, della governance e delle performance di Casillo Group in ambito economico-finanziario, sociale ed ambientale, con obiettivi ed azioni concreti e misurabili.
Crediamo molto in questa scelta per due motivi. Solo l’impresa socialmente responsabile può e deve essere al centro delle politiche di sviluppo di un Paese. Ed inoltre, i consumatori di tutto il mondo - sempre più informati e consapevoli - chiedono di poter acquistare beni e servizi che siano realizzati nel rispetto dell’ambiente, dei territori e dei diritti fondamentali della persona”.

FERCAM raddoppia ad Ancona


Sarà inaugurata ufficialmente oggi, sabato 26 settembre 2015, in via Caduti del lavoro 5 ad Ancona, alla presenza dell’Assessore regionale ai trasporti Angelo Sciapichetti e dell’AD di FERCAM Thomas Baumgartner, la nuova filiale dell’azienda altoatesina.

 Spazi nuovi per una logistica efficiente sul territorio Su un’area di 10.000 mq. in posizione strategica e nel cuore produttivo delle Marche è operativa dall’inizio dell’estate una nuova piattaforma FERCAM ad Ancona. La scelta di aprire un secondo impianto in loco oltre a quello di Falconara è dettata dalla necessità di garantire maggiori spazi alla filiale di Ancona, ritenuti da FERCAM non più sufficienti a supportare lo sviluppo delle attività che FERCAM sta registrando nel territorio marchigiano.

 La sede originaria a Falconara si concentrerà sull’attività di logistica, mentre la nuova piattaforma garantirà il servizio Euronazionale di distribuzione nazionale e internazionale. Il nuovo impianto dispone di un magazzino di 3.500 mq. con impianto fotovoltaico, dotato di 34 bocche di carico e 700 mq. di uffici; con l’apertura della seconda sede FERCAM opera ad Ancona su una superficie totale di 13.500 mq. Investimenti produttivi per nuove opportunità occupazionali La nuova filiale è diretta da Valentino Casagrande che vanta lunga esperienza nel settore dei trasporti.

L’investimento sulla nuova filiale FERCAM di Ancona creerà sicuramente nuove opportunità di lavoro che si andranno a sommare all’attuale organico composto da 60 collaboratori interni ed esterni per le attività di cross docking e distribuzione nonché vettori terzi con contratto esclusivo. “Riteniamo sia nostro impegno imprenditoriale in un momento di difficoltà sul mercato del lavoro, reperire collaboratori in loco e investire sulle loro capacità,” è convinto Casagrande.

Il Gruppo Grimaldi potenzia i collegamenti Sicilia-Sardegna


Il Gruppo Grimaldi continua il suo progetto di espansione e rafforzamento delle proprie Autostrade del Mare nazionali con il potenziamento dei collegamenti da e per la Sicilia e la Sardegna. A partire da lunedì 28 settembre, il Gruppo Grimaldi procederà ad estendere a Cagliari l’attuale collegamento ro/ro quadri settimanale tra i porti di Genova, Livorno e Palermo.

Il servizio offrirà un transit time di 17 ore da Genova e di 16 ore da Livorno per il capoluogo sardo con partenze da Genova per Cagliari ogni martedì, mercoledì, venerdì e sabato, da Livorno ogni lunedì, martedì, sabato e domenica. Invece, le partenze da Cagliari per Genova e Livorno saranno ogni lunedì, mercoledì, giovedì e sabato.

Il servizio sarà operato con due moderne navi ro/ro, la Eurocargo Savona e la Eurocargo Alexandria, ciascuna con una capacità di carico di circa 250 mezzi rotabili e 450 auto. L’aggiunta di Cagliari nel servizio marittimo tra Genova, Livorno e Palermo permette al gruppo partenopeo di collegare la Sardegna al Nord Italia e alla Sicilia offrendo nuove opportunità di trasporto sia per le merci in import che per quelle in export. In particolare, permetterà di offrire un nuovo servizio per merci rotabili tra il capoluogo sardo e Palermo, il primo diretto tra le due isole operato dal Gruppo Grimaldi.

 Le partenze da Cagliari saranno il lunedì, mercoledì, giovedì e domenica e da Palermo la domenica, lunedì, giovedì e venerdì. Ad oggi, il Gruppo Grimaldi offre i seguenti collegamenti regolari tra il Continente e la Sardegna: Civitavecchia – Porto Torres, Salerno – Cagliari. A questi si aggiungono i collegamenti diretti tra la Sardegna e la Spagna: Porto Torres – Barcellona, Cagliari – Valencia. Inoltre, a partire dal 29 settembre prossimo, la linea ro/ro tra Livorno e Palermo, attualmente operata dal Gruppo Grimaldi quattro volte alla settimana da entrambi i porti, verrà ulteriormente potenziata grazie all’impiego dell’Europalink, una moderna nave traghetto con una capacità di carico di 4.320 metri lineari di merce rotabile (trailer, furgoni, auto, ecc) e di 1.000 passeggeri, con ampia capacità di posti in cabina per autisti, consentendo così accoglienza a bordo a tutti i camion accompagnati.

L'IVA sulle operazioni transfrontaliere di commercio elettronico


La Commissione europea ha aperto una consultazione pubblica per contribuire a individuare metodi per semplificare i pagamenti dell'IVA sulle operazioni transfrontaliere di commercio elettronico nell'UE. La Commissione sta cercando di ricevere una vasta gamma di punti di vista dai proprietari di imprese e da altre parti interessate, prima di elaborare nel 2016 le sue proposte legislative sul tema, che faranno parte della strategia di mercato unico digitale.

Questa consultazione è anche parte della valutazione in corso riguardo alle nuove regole per il pagamento dell'IVA sulle telecomunicazioni transfrontalieri, sulla radiodiffusione e sui servizi elettronici, entrato in vigore lo scorso gennaio.
 Andrus Ansip, vicepresidente della Commissione europea per il Mercato unico digitale, ha dichiarato: "Abbiamo promesso di sostenere le imprese, in particolare quelle più piccole, per ridurre gli oneri derivanti dai diversi regimi IVA. Oggi chiediamo alle imprese e alle altre parti interessate di aiutarci a trovare i modi più efficaci significativi per rispettare questa promessa." 
Pierre Moscovici, Commissario per gli Affari economici e finanziari, fiscalità e dogane, ha dichiarato: "Questa consultazione presenta una vera e propria opportunità di garantire che le future entrate IVA provenienti dall'economia digitale siano distribuite in modo equo ed efficace. Abbiamo anche un interesse a garantire che la legislazione futura rifletta la realtà per le imprese in tutta l'UE."
 La consultazione durerà 12 settimane e terminerà il 18 dicembre 2015.

Top