ads

------------------------------------------------------------------------------------------------

Translate

Slider[Style1]

Style3(OneLeft)

Style3[OneLeft]

Style3[OneRight]

Style4

Style5

Il monitoraggio ambientale marino

30 aprile 2016 - Il prossimo Martedì 3 Maggio alla Spezia, alle ore 14.30, presso le Aulee del Polo Universitario "Marconi", Via dei Colli 90, la Sezione della Spezia di ATENA, Associazione Italiana di Tecnica Navale, organizza un workshop sul tema: "Il monitoraggio ambientale marino". Il seminario rientra nel programma di eventi formativi organizzato congiuntamente dal Polo DLTM e dalla Sezione Atena della Spezia, con la collaborazione di Promostudi La Spezia.

Il rilievo dei dati relativi all'ambiente marino e costiero, da attività confinata nell'ambito della pura ricerca scientifica, si è trasformato negli ultimi anni in attività sistematica, regolamentata dalla legislazione, cui si dedicano diversi istituzioni ed agenzie, nazionali e regionali. Le tecniche, gli strumenti e la comprensione degli aspetti ambientali sotto osservazione sono in continua evoluzione, spesso con l'adozione delle tecnologie più avanzate e innovative. Il simposio si propone di fornire, con l'intervento di numerosi esperti, una panoramica dello stato dell'arte, di alcuni programmi in corso e di interventi d'eccezione, quale è stato il caso della "Costa Concordia".

Genova da record per Msc Crociere


30 aprile 2016 – Genova si conferma l’hub strategico di Msc Crociere per il Mediterraneo. Nei primi 15 giorni della stagione (15-30 aprile) sono infatti stati movimentati oltre 65mila passeggeri dalle 5 navi presenti nello scalo ligure che, da sempre, rappresenta per MSC Crociere il primo porto in termini di movimentazione passeggeri.

MSC Crociere nel 2016 porterà a Genova 887mila crocieristi, +25,5% rispetto al 2015 (707mila) con 185 toccate all’anno rispetto alle 133 dell’anno precedente. MSC Armonia, MSC Fantasia, MSC Poesia, MSC Preziosa, dal primo di maggio saranno infatti operative tutti i weekend della stagione giungendo nel capoluogo ligure, un porto che per MSC Crociere rappresenta il 32% del totale del mercato italiano.

 Degli oltre 2.7 milioni di passeggeri MSC previsti in Italia nel 2016, l’11% - oltre 300mila passeggeri - hanno scelto Genova come base di partenza per la propria vacanza e altrettanti sbarcheranno in transito per una vista alle bellezze artistiche e culturali della città. Numeri importanti, possibili grazie all’efficienza dei servizi che in questi anni il territorio e le istituzioni hanno saputo mettere a disposizione del crocierista e della nave.

Un dato che testimonia il forte legame della compagnia con il territorio ligure, non solo genovese. L’offerta di MSC Crociere infatti coinvolge infatti ben 183 aziende liguri, per un fatturato generato di oltre 46milioni di Euro; oltre ad una significativa presenza nel centro del capoluogo dove presso le Torri MSC – nuova sede operativa italiana del Gruppo - hanno sede Italcatering, Grandi Navi Veloci, l’agenzia di shipping Le Navi e MSC Crociere stessa per un totale di oltre 600 dipendenti.

Tirrenia, nuove linee merci


30 aprile 2016 - Tirrenia CIN potenzia i collegamenti tra la Sicilia e la Penisola, e si affaccia all’estero. Dal 1 settembre 2016 saranno operative le due nuove linee merci Livorno-Catania e Catania-Malta, inizialmente con un collegamento di otto volte a settimana per la Livorno-Catania e sei volte a settimana per la Catania-Malta, per poi passare dal 1 gennaio 2017 a partenze giornaliere.

La nuova nave ro-pax che opererà su queste tratte seguirà una programmazione oraria ideata appositamente per andare incontro alle esigenze degli autotrasportatori che, con l’aumento delle linee, avranno più possibilità per ottimizzare le loro attività.

Una grande opportunità, dunque, per il settore dell’autotrasporto siciliano, che Tirrenia considera un mercato importante e in fase di crescita. Una decisione, quella di istituire queste nuove tratte, presa dalla Compagnia con l’intento di rafforzare le autostrade del mare. La Livorno-Catania e la Catania-Malta, che si affiancano alla storica rotta Ravenna-Brindisi-Catania, potenziano ulteriormente il mercato siciliano e garantiscono ulteriori collegamenti a disposizione dei clienti del settore merci dell’Isola.

Utile di 13 milioni di euro per l’AP di Trieste


30 aprile 2016 - Si è svolta il 28 aprile scorso presso la Torre del Lloyd, la seduta del Comitato Portuale che ha esaminato, tra i vari argomenti all’ordine del giorno, il Rendiconto Generale 2015. Il documento contabile è stato approvato all’unanimità e presenta un avanzo di amministrazione di euro 12.907.681. Tale risultato positivo contribuirà – insieme ad altre fonti di finanziamento esterne – al sostenimento del piano di sviluppo del Porto di Trieste, che prevede importanti interventi già inseriti nelle linee strategiche dei documenti di programmazione pluriennale dell’Authority. L’avanzo di parte corrente, pari ad euro 17.129.000, verrà utilizzato per dare copertura agli investimenti con fondi propri. “Questi ottimi dati - ha commentato il commissario Zeno D’Agostino - confermano il buon andamento della gestione dell’Ente, e sono sintomo dell’efficienza amministrativa e della valorizzazione del patrimonio che stiamo portando avanti anche con le società controllate”. La seduta del Comitato è stata infatti occasione per presentare i risultati dell’ultima Assemblea di Adriafer, la società posseduta al 100% dall’Autorità Portuale e titolare della concessione del servizio d’interesse generale delle manovre ferroviarie nel porto di Trieste. Il Bilancio 2015 si è chiuso con un conto economico della gestione caratteristica in positivo di 167.706,00 euro, con un aumento dei ricavi di circa il 7% in più rispetto al 2014. Da evidenziare 17 nuove assunzioni nell’ultimo anno, segno che la società “è sana e in crescita” come sottolineato da D’Agostino.

Ministero ambiente in prima linea per difesa coste


30 aprile 2016 - “Il Ministero dell’Ambiente è in prima linea per la difesa delle nostre coste dal fenomeno dell’erosione e dagli effetti dei cambiamenti climatici”. Lo ha detto il Sottosegretario all’Ambiente, Silvia Velo, in un messaggio in occasione dell’iniziativa “Gestione dell’erosione costiera: linee guida nazionali”.

“In due anni – ha continuato Velo – abbiamo svolto uno straordinario lavoro che ha portato alla recente firma di un protocollo d’intesa con le Regioni rivierasche per arrivare alla stesura delle linee guida nazionali per combattere l’erosione. Con la sottoscrizione del Protocollo, inoltre, abbiamo costituito il Tavolo Nazionale sull’Erosione Costiera, un’esperienza che mette insieme le Istituzioni e il mondo della ricerca scientifica con il compito di individuare azioni comuni e omogenee per una corretta gestione della fascia costiera a livello nazionale.

Novità anche sul fronte del ripascimento delle coste: con le modifiche normative che abbiamo recentemente introdotto in materia di dragaggi – ha continuato Velo – abbiamo reso più efficienti le procedure per il riuso dei sedimenti dragati. Seguendo i principi che arrivano dall’economia circolare da oggi i sedimenti ‘puliti’ dovranno essere utilizzati come prima opzione per il ripascimento delle spiagge.

Con questo pacchetto di azioni – ha concluso Silvia Velo – affrontiamo un’emergenza sia ambientale che economica: turismo, logistica, pesca e trasporto marittimo, sono tutte attività che ruotano intorno all’economia del mare e che, complessivamente, producono ogni anno beni e servizi per un valore di 41,5 miliardi di euro. Numeri rilevanti – conclude Velo – che ci impongono di lavorare per la tutela e la salvaguardia del mare, una risorsa chiave per il nostro Paese”.

“Carnival Vista” delivered in Monfalcone


30 April 2016 – “Carnival Vista” the new flagship of the fleet of Carnival Cruise Line, brand of the Carnival Group, the world's largest cruise ship operator, was delivered yesterday at Fincantieri’s shipyard in Monfalcone. With its 133,500 gross tons and 323 meters in length, “Carnival Vista”, which flies the Panama flag, is not only the thirteenth ship built so far by Fincantieri for the fleet of Carnival Cruise Line, but also the largest. It has 1,967 passenger cabins, 785 for the crew, and it is able to accommodate 4,977 passengers on board, with a total capacity of over 6,400 people, including the staff. The new unit will be a new technological benchmark, in Europe and worldwide, in terms of cutting-edge layout, extremely high performance and high quality technical solutions.

Consegnata a Monfalcone “Carnival Vista”


30 aprile 2016 – E’ stata consegnata ieri, presso lo stabilimento Fincantieri di Monfalcone, “Carnival Vista”, la nuova ammiraglia della flotta di Carnival Cruise Line, brand del Gruppo Carnival, primo operatore al mondo del settore crocieristico. Con le sue 133.500 tonnellate di stazza lorda e i suoi 323 metri di lunghezza, “Carnival Vista”, che batte la bandiera di Panama, non solo è la tredicesima nave costruita finora da Fincantieri per la flotta di Carnival Cruise Line, ma anche la più grande.

Conta ben 1.967 cabine alle quali si sommano le 785 destinate all’equipaggio, potendo così ospitare a bordo 4.977 passeggeri, per una capacità totale di oltre 6.400 persone, compreso l’equipaggio. La nuova unità rappresenta un nuovo punto di riferimento tecnologico a livello europeo e mondiale per il lay-out innovativo, le elevatissime performance e l’alta qualità di soluzioni tecniche d’avanguardia.

A Gaeta gli Euro-Med Days of the Blue Economy


30 aprile 2016 - La IX edizione dello Yacht Med Festival, la Fiera Internazionale dell’Economia del Mare, ospita a Gaeta il 28 e 29 aprile I primi Euro-Med Days of the Blue Economy, organizzati da Unioncamere Lazio in collaborazione con Regione Lazio e Lazio Innova. L’evento, che si inserisce nella programmazione internazionale del Sector Group “Maritime Industries & Services” della rete europea Enterprise Europe Network, ha visto la partecipazione di rappresentanti di17 Paesi dell’area euro mediterranea.

Obiettivo primario: condividere le migliori pratiche ed elaborare proposte per uno sviluppo strategico dell’Economia del Mare. Il workshop è stato ospitato nella suggestiva cornice della sede della Fondazione “G. Caboto”, nel corso del quale il Presidente Cesare d’Amico ha sottolineato: "Il futuro del mare e della sua economia passa necessariamente dai nostri giovani e dalla loro capacità di considerarla come risorsa del Paese da preservare, non solo in termini di capacità di creare occupazione e sviluppo, ma anche ambientali. In questo scenario è fondamentale creare contesti in cui una formazione all’avanguardia, frutto sia dell’alternanza scuola lavoro, sia della presenza di un corpo docente proveniente dal mondo dell’impresa, rappresenti la migliore risposta possibile per garantire un’occupazione certa e qualificata ai nostri ragazzi". Tanti i temi affrontati relativi alla politica industriale del mare e alla crescita blu: Politiche marittime, Aree costiere e Porti, Ambiente Marino ed Aree Protette, Tecnologie al servizio della Nautica, Servizi marittimi, Trasporti, Shipping, Sicurezza marittima e portuale, Pesca e Acquacoltura, Formazione, Refitting, Turismo costiero, Biotecnologia Marina, Ricerca, Sviluppo ed Innovazione. Di altissimo rilievo il workshop intitolato
“La Blue Economy nell’Area Euro Med: politiche innovative per lo sviluppo”che ha visto la partecipazione di autorevoli rappresentanti provenienti dal mondo delle istituzioni e delle imprese. Hanno partecipato numerose imprese italiane e straniere, iscritte grazie a una piattaforma gratuita implementata per l’occasione. Il programma dei lavori si è aperto giovedì 28 con i lavori del tavolo del Sector Group che ha approfondito i temi della crescita blu in relazione alle misure adottate nei vari Paesi di Enterprise Europe Network. Gli Euro-MedDays sono stati l’occasione anche per presentare in anteprima nazionale i dati del 5° Rapporto sull’Economia del Mare di Unioncamere, che rappresenta un’innovazione metodologica per l'analisi delle filiere del mare, non solo a livello nazionale ma anche a livello euro-mediterraneo. L’Economia del Mare in Italia rappresenta più di 185.000 imprese e 835.000 occupati, per un valore aggiunto prodotto di 42,6 miliardi di euro.

Mezzogiorno - Politiche industriali e investimenti

29 aprile 2016 - Mezzogiorno. Politiche industriali e strumenti per la ripresa degli investimenti. E’ questo il tema del convegno in programma lunedì 2 maggio all’Unione Industriali di Napoli. Il tema del Mezzogiorno, dopo alcuni anni, sta tornando tra le priorità dell’Agenda di Governo. Il Sistema Italia non recupera adeguati margini di competitività, se non recupera risorse e potenzialità di un’ampia area del Paese. Si tratta di un percorso complesso, che richiede attenzione e coinvolgimento dei protagonisti, a ogni livello, centrale e locale. In questa ottica sono state tracciate le linee di un Masterplan per il Sud, che tra i punti fondamentali di attuazione prevede patti interistituzionali tra l’Esecutivo, le Regioni e le Città Metropolitane. Nei giorni scorsi è stato siglato il Patto per lo Sviluppo della Regione Campania. La lezione del passato, tra errori e risultati parziali, può fornire un contributo a meglio calibrare gli interventi per il prossimo futuro. Il convegno promosso dall’Unione, partendo dalla riflessione storica, si pone l’obiettivo di fornire un contributo all’individuazione di linee direttrici per una nuova politica di crescita economica e territoriale. Introdurrà i lavori il Presidente dell’Unione Industriali, Ambrogio Prezioso. Seguiranno gli interventi di Sandro Petriccione (Economista, autore di “Cemento e virgin nafta”), Adriano Giannola (Presidente Svimez), Domenico Arcuri (Amministratore Delegato Invitalia), Vincenzo De Luca (Presidente Regione Campania). Concluderà i lavori, che saranno moderati da Nando Santonastaso (Responsabile Economia de “Il Mattino”), il Presidente della Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro, Antonio D’Amato.

Porto di Cagliari: a Tangeri per promuovere la logistica


29 aprile 2016 - L’Autorità portuale di Cagliari è presente con la Società terminalista Cagliari International Container Terminal (CICT) al MED Ports 2016 di Tangeri, una delle maggiori fiere dedicate ai Terminal Container ed ai Porti nel Mediterraneo. Giunta alla sua 4° edizione, quest’anno si svolge per la prima volta a Tangeri, in Marocco, al Tanger Med Port Center. La Responsabile Marketing dell’Autorità Portuale di Cagliari Valeria Mangiarotti ed il Managing Director CICT Franco Nicola Cupolo hanno preso parte alla sessione dedicata allo sviluppo di nuove opportunità di business per la regione - relativamente alle attività di Shipping e transhipment che si inseriscono nel ciclo della supply chain - con un intervento dal titolo “Mediterranean supply chain initiatives: Cagliari, the center of service and trading needs”. Lo scalo di Cagliari è collegato con 100 porti al mondo, ha volumi di crescita costanti. Gli operatori in particolare hanno dimostrato interesse per la recente apertura del PIF (posto di ispezione frontaliero) che permetterà a Cagliari di essere la vera e propria porta dell’Europa sull’Africa.

Interporto Padova SpA - L'Assemblea dei soci


29 aprile 2016 - L'Assemblea Ordinaria dei soci di Interporto Padova Spa (presente l'88% del capitale sociale) ha approvato ieri all'unanimità il Bilancio dell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2015. Il Bilancio 2015 si è chiuso con un UTILE prima delle imposte per 1,8 milioni di Euro, mentre il risultato finale netto è positivo 631 mila Euro. L’EBITDA (il differenziale tra il valore della produzione e i costi della produzione, depurato degli ammortamenti, degli accantonamenti e dei contributi vari) è pari a 9,687 milioni di Euro (37,73%).

 L’EBIT (risultato aziendale prima delle imposte e degli oneri finanziari) è pari a 5,52 milioni di Euro (18,65%). Il valore della produzione complessivo (fatturato) è pari a 31,1 milioni di Euro. Inoltre la riduzione dell’indebitamento complessivo è di ben 2,2 milioni di Euro secondo il trend programmato nel piano industriale pluriennale.

All'ordine del giorno anche la presentazione del Piano Industriale Pluriennale sviluppato in collaborazione con KPMG. Il documento evidenzia come nel periodo considerato 2009-2014 Interporto Padova abbia segnato una crescita media annua dei volumi trasportati del 7,1% superiore a quella media europea, pari al 6,5% e nettamente migliore rispetto a quella italiana ferma al 1,4%. Lo studio prevede un aumento medio del 2,4% del numero di TEU movimentati nel periodo 2016-2031.

In termini numerici si passerà quindi dai 275 mila TEU odierni ad oltre 390 mila, grazie anche alla entrata in funzione, dall'inizio del 2018, delle 4 gru a portale elettriche nel Terminal Intermodale. Parallelamente i ricavi nel 2031 si attesteranno attorno ai 41,4 milioni di euro con un Ebitda in crescita del 2,7% medio. L'Ebit è previsto in crescita del 6% con un utile al 2031 attorno ai 9,3 milioni di euro.

Venezia, il comitato portuale approva il bilancio consuntivo


29 aprile 2015 - Il Comitato Portuale ha approvato il Bilancio Consuntivo dell’Autorità Portuale di Venezia relativo all’esercizio 2015. L’anno si è chiuso con un avanzo di gestione corrente pari a 28.3 milioni di euro (+20.3% rispetto al 2014) che ha consentito un aumento delle uscite in conto capitale del 29% facendo passare gli investimenti effettuati dai 38 milioni del 2014 ai 49 milioni del 2015.

 L’Autorità Portuale di Venezia continua quindi la politica di miglioramento ed adattamento dell’offerta portuale alle esigenze innanzitutto dell’economia del nord est in particolare dell’export. Nel 2015 gli investimenti complessivi sono stati pari a 43.7 milioni di euro, soprattutto in opere di infrastrutturazione (28.9 milioni di euro) ed escavi (7.8milioni di euro), con un incremento del +46% rispetto al 2014 e finanziati principalmente con risorse proprie che ormai rappresentano il 70% dei finanziamenti dell’Autorità Portuale.
“Il consistente avanzo di amministrazione che abbiamo ottenuto da una gestione oculata del porto, dal rilancio delle sue attività oltre che da contributo del Ministero dello Sviluppo Economico (9.5milioni) – ci ha consentito di continuare ad investire e di anticipare il rimborso di parte dei mutui (totale 125.5 milioni) che l’Autorità Portuale ha contratto nel 2009/10 per poter sostenere allora in logica anticiclica come oggi per accelerare il rilancio (anche in termini di sostenibilità ambientale) delle attività portuali industriali e logistiche a Porto Marghera e Marittima. Certamente il percorso non è terminato. Abbiamo lavorato alacremente per ottenere nuovamente il massimo dell’ accessibilità nautica impostaci dal MoSE con la manutenzione dei canali lagunari, abbiamo realizzato strade e rotatorie per migliorare l’accessibilità stradale e per separare il traffico merci da quello urbano, abbiamo potenziato l’infrastruttura ferroviaria grazie alla quale oggi il porto segna nel primo trimestre lo storico +40% di merce inoltrata via treno, tutto questo continuando a bonificare le acque e i terreni di Porto Marghera a beneficio della collettività”, ha dichiarato il Presidente Paolo Costa.

Moovit presenta il sondaggio “L’Italia che si muove”

29 aprile 2016 – Moovit, l’app leader del trasporto pubblico locale in Italia e nel mondo, in occasione di Mobility in Italy ha condotto un sondaggio in collaborazione con il free press Metro e l’Osservatorio per la Sharing Mobility in 9 città italiane (Milano - Torino - Genova - Bologna - Firenze - Roma - Napoli - Palermo - Bari), per capire come cambiano le abitudini di mobilità degli italiani in relazione al trasporto pubblico e ai nuovi servizi di mobilità on-demand presenti sul mercato. Oltre 18mila persone in tutta Italia hanno partecipato al sondaggio.

I risultati sono stati presentati oggi a Mobility in Italy nel corso della Sessione Istituzionale da Giampaolo Roidi, Direttore di Metro. Ecco il dettaglio dei risultati emersi. Da Nord a Sud l'utilizzo dei mezzi. I tempi d’attesa e di percorrenza.

L’utente Moovit è un forte utilizzatore dei mezzi pubblici. Che sia per motivi di lavoro, studio o tempo libero, dichiara di utilizzarli più di 6 volte a settimana il 46% degli utenti del Nord, il 41% del Centro e il 31% del Sud. Riguardo i tempi di attesa del mezzo, sono inferiori ai 15 minuti per il 68% degli utenti del Nord e per il 48% degli utenti del Centro, specialmente nelle città dove è disponibile il dato ufficiale in tempo reale da parte dell’azienda esercente il servizio.

Nel Sud, attende oltre 25 minuti l’arrivo del bus il 40% degli utenti, contro il 22% degli utenti al Nord e il 23% al Centro. L’attesa prolungata del mezzo pubblico è percepita in tutta Italia come il maggior disagio (49% degli intervistati al Nord, dal 59% al Centro, 51% al Sud). Relativamente ai tempi di percorrenza, lo spostamento medio in tutta Italia è inferiore all’ora: è così per il 62% degli utenti al Nord, 56% al Centro, 68% al Sud. Possiede un’auto privata più della metà degli utenti Moovit in tutta Italia. Per lo più, si tratta di un’auto a benzina o diesel.

Numerosi anche gli utenti (14% al Nord e al Centro, 16% al Sud) che hanno accesso a più di un’auto in famiglia. Alla domanda “Che cosa ti convincerebbe a usare di meno o a rinunciare definitivamente all'auto privata?” una larghissima maggioranza (al Nord il 70%, al Centro l'81% e al Sud l'85%) indica mezzi pubblici più frequenti ed efficienti.

Nelle città dove maggiore è la penetrazione di servizi in condivisione alternativi ai mezzi pubblici, l’8% degli intervistati dichiara che la maggiore integrazione tra trasporto pubblico e car sharing, e per il 9% più piste ciclabili, indurrebbe un minor ricorso all'auto privata, o alla sua rinuncia definitiva.

Debutta il brand globale LATAM


29 Aprile 2016 - Nel processo di consolidamento di LAN Airlines, TAM Airlines e di tutti i loro affiliati sotto il nuovo brand globale LATAM, LATAM Airlines Group ha rivelato ieri il nuovo design degli aeromobili, in occasione di eventi di lancio realizzati in simultanea in alcuni mercati dove il gruppo opera.

 In aggiunta alla nuova immagine dei velivoli LATAM, la compagnia ha presentato anche altri cambiamenti che saranno visibili da Maggio in avanti e includono le nuove uniformi, un rinnovato design per i banchi e la segnaletica aeroportuale.
“Nei prossimi giorni, gli aeromobili con la nuova livrea LATAM prenderanno il volo, rappresentando una storica pietra miliare per il gruppo aereo leader in America Latina,” commenta Enrique Cueto, CEO di LATAM Airlines Group. “Sarà un cambio graduale che avrà come principale obiettivo semplificare e migliorare l’esperienza di viaggio dei nostri passeggeri. “Nelle prossime settimane, i nostri passeggeri potranno iniziare l’esperienza LATAM prenotando i biglietti direttamente sul sito web LATAM, accumulare chilometri utilizzando il programma frequent flyer di LATAM, fare il check-in ai banchi LATAM, rilassarsi nelle LATAM VIP lounge e, fatto più significativo, volare a bordo degli aerei brandizzati LATAM. Noi, dal canto nostro, continueremo a sviluppare il più vasto network di collegamenti in America Latina, la flotta più moderna della regione e non smetteremo di investire in soluzioni digitali atte ad offrire ai nostri passeggeri una esperienza di viaggio il più possibile personalizzata.” 
 Il primo volo di un aeromobile con livrea LATAM, un Boeing 767, decollerà da Rio de Janeiro il 1° Maggio, un viaggio d’eccezione con destinazione Ginevra per ritirare la torcia olimpica. Il velivolo, allestito appositamente per l’occasione, tornerà poi il 3 Maggio a Brasilia, luogo da cui prenderà il via la staffetta olimpica che porterà la torcia in più di 300 città brasiliane.

Confetra: Marcucci confermato alla presidenza


29 aprile 2016 - L'Assemblea di Confetra, Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica, ha confermato Nereo Marcucci alla guida della Confederazione per il triennio 2016-2019. “Sono onorato della fiducia che mi è stata rinnovata - ha dichiarato Marcucci - Il settore ha davanti sfide importanti, dall'attuazione del Piano della portualità e della logistica, all'entrata in vigore del nuovo Codice Doganale dell'Unione; dal rinnovo del CCNL del settore alle nuove problematiche sulle frontiere terrestri”. Quanto prima sarà convocata la Giunta confederale per la nomina dei Vice Presidenti.

Sostenibilità energetica


28 aprile 2016 - Sostenibilità ed efficienza energetica. Come centrare questi due target. In partnership con Italia Scuole, con il patrocinio dell’Assessorato attività produttive della Regione Molise e del Consorzio Sviluppo Industriale Valle del Biferno (Termoli), Bureau Veritas Italia organizza il 18 Maggio 2016 a Termoli, presso Auditorium Cosib del consorzio per lo sviluppo industriale, via Enzo Ferrari, un seminario che si rivolge in particolare a grandi imprese e imprese a elevato consumo energetico, aziende del settore power, pubbliche amministrazioni, esco, energy manager, consulenti e ogni organizzazione che intenda gestire i propri consumi nell’ottica della sostenibilità e dell’efficienza energetica.

Oggetto del convegno (a partecipazione gratuita, previa iscrizione entro il 12 maggio) sarà il quadro di riferimento e gli strumenti che consentono la gestione responsabile dell’energia e dell’ambiente anche nell’ottica del recepimento in Italia della Direttiva 2012/27/UE sull’Efficienza Energetica, e in particolare dell’articolo 8 della Direttiva che fissa precisi obblighi in materia di diagnosi energetica (da fare utilizzando società di servizi autorizzate (ESCO) o professionisti (Esperti in Gestione dell’Energia EGE o Auditor Energetici) dotati di specifici requisiti.

Nel corso del seminario saranno affrontate anche le problematiche relative al regime alternativo previsto per le imprese che hanno adottato Sistemi di Gestione dell’Energia conformi alla norma ISO 50001. Norma (così come per la UNI CEI 11352 relativa alle Energy Service Company e sulla certificazione delle competenze degli Esperti Gestione Energia secondo la norma UNI CEI 11339) di cui verranno analizzati i contenuti.

L’Università incontra lo Zoo di Napoli


28 aprile 2016 - Tra le linee guida dello Zoo di Napoli l’aspetto culturale, legato alla ricerca e la conservazione della specie è al primo posto, sviluppando sempre più la finalità didattica tra le principali attività dedicate ai ragazzi in visita al Giardino Zoologico.

E’ per questa ragione che con grande orgoglio, oggi giovedì 28 aprile, Alessandro Bizzarro, direttore dello Zoo di Napoli ed i veterinari Pasquale Silvestre, Pietro La Ricchiuta e Michele Capasso, accoglieranno i professori di Geografia del dipartimento di Scienze Umane e Sociali, René Georges Maury dell’Istituto Universitario Orientale e Jean Estebanez dell’UPEC- Université de Paris, in visita allo Zoo di Napoli.

Per un incontro che si preannuncia interessante, considerando che la geografia umana insegnata dai docenti, è una disciplina multiforme e ambiziosa, che riguarda tutti da vicino, perché studia l'uomo sulla terra, le sue azioni talvolta errate che modificano le risorse ecologiche, o quelle rinnovabili, che permettono il rigenerarsi del sistema utilizzato.

 In particolare il professor Jean Estebanez, dopo aver elaborato una ricerca sugli Zoo, come luogo/ non luogo, terminata in una lezione sull’argomento, l’anno scorso all’Istituto Universitario Orientale, è quest’anno tornato, sempre nell’ambito del programma di mobilità Erasmus, con una lezione sul tema “Natura- Cultura una pertinente riflessione da geografo” sempre presso l’Istituto Universitario Orientale (Palazzo del Mediteraneo, aula 1, via Nuova Marina 59, Napoli), nell’ambito del Corso di Geografia umana, del prof. R.G. Maury. Tema di grande attualità nonchè principio fondante per lo Zoo di Napoli che parteciperà all’incontro con la propria esperienza sul campo raccontata dal veterinario Pasquale Silvestre.

Ryanair, appello all’Ue contro la chiusura dei cieli europei


28 aprile 2016 - Ryanair, la compagnia aerea numero uno in Europa, ieri (27 aprile) ha fatto appello alla Commissione Europea affinché prenda provvedimenti per impedire che i cieli sopra l’Europa siano chiusi ancora una volta dai sindacati dei Controllori del Traffico Aereo francesi, che hanno indetto uno sciopero per oggi - il 4⁰ nelle ultime 6 settimane e il 44esimo in 7 anni. Ryanair è spiacente di dover cancellare oltre 100 voli giovedì 28 aprile, mentre ulteriori ritardi sono probabili,

Questa ingiustificata azione di sciopero dimostra come un minuscolo sindacato francese possa ancora una volta tenere in ostaggio ii cieli europei con migliaia di voli da Regno Unito, Irlanda, Spagna e Italia – nessuno dei quali decolla o atterra in Francia – cancellati, causando quindi l’interruzione dei piani di viaggio di centinaia di migliaia di passeggeri.

Ryanair e altre compagnie aeree dell’Unione Europea hanno ripetutamente fatto appello alla Commissione affinché introduca due semplici misure che allevierebbero l’impatto di tali scioperi dei Controllori del Traffico Aereo sui consumatori: Richiedere ai sindacati dei Controllori del Traffico Aereo francesi di agire con arbitrato vincolante invece che con scioperi per risolvere le loro rivendicazioni, oppure Permettere agli altri Controllori del Traffico Aereo europei di gestire i voli sulla Francia durante gli scioperi dei sindacati dei Controllori di Volo.

 Ryanair ha avvertito i clienti in viaggio giovedì di controllare lo status del proprio volo su Ryanair.com prima di recarsi in aeroporto e ha sollecitato tutti i passeggeri coinvolti a sottoscrivere la sua petizione online Mantieni Aperti i Cieli d’Europa, che sarà presentata alla Commissione Europea una volta raggiunto il milione di firme.

Onorato Armatori sbarca in Francia


28 Aprile 2016 - Onorato Armatori prosegue nella strategia di crescita, ampliando la sua offerta con la nuova linea Nizza – Bastia, annunciata ieri nella sala conferenze Riviera Baie Des Anges di Nizza alla presenza di Alessandro Onorato, Consigliere di Amministrazione Onorato Armatori, Bernard Kleynhoff, Presidente Camera di Commercio di Nizza e Hartmut Puschmann, Amministratore Delegato di Moby Lines Europe.

 La nave impiegata per questa linea è la Moby Zazà (lunga 155 metri e larga 25) sottoposta nei mesi scorsi a totale refitting: ha una capacità di 1400 passeggeri e 450 auto. A bordo grande attenzione alla ristorazione e ai più piccoli. Oltre a 300 spaziose cabine, di cui alcune dedicate a chi viaggia con il proprio amico a 4 zampe, gli ospiti hanno a disposizione molte aree pubbliche per godere in relax la loro traversata: ristorante, self service, pizzeria/bar, pub, gelateria, winery, show lounge, area bambini e area videogiochi. Dal 1 giugno al 25 settembre, partenze quotidiane notturne e diurne (una da Nizza per Bastia e una da Bastia per Nizza), dal 26 settembre al 31 ottobre, 4 corse alla settimana (2 da Nizza e 2 da Bastia) e dal 1 novembre al 31 dicembre, 2 corse alla settimana (una da Nizza e una da Bastia).

“Sono orgoglioso di essere qui a Nizza a presentare questa importante novità – sostiene Alessandro Onorato – che ci permette di offrire un nuovo servizio per collegare splendide destinazioni quali la Corsica, ove siamo presenti a partire dagli anni ‘80, e la Costa Azzurra. Il nostro obiettivo è quello di ampliare sempre di più l’offerta e cercare di assicurare prestazioni efficienti, di alta qualità e interamente orientate alle famiglie e a tutti i nostri clienti”.

Le riforme spingono l’economia del mare


28 aprile 2016 –Il pacchetto di riforme del Piano Nazionale Strategico della Portualità e della Logistica promosso dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio sta rafforzando la competitività del sistema portuale e logistico italiano.

È questo in sintesi il messaggio emerso dal “1° Forum Nazionale sulla Portualità e la Logistica” svoltosi ieri a Bari, alla presenza del Ministro Delrio e dei principali interlocutori tra istituzioni e operatori del settore, intervistato da Francesco Giorgino. «La riforma della portualità e della logistica è a buon punto – ha affermato il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio – Oggi tocchiamo con mano che tutte le misure adottate per il Sistema Mare e per un’Italia come pontile dell’Europa stanno procedendo con energia: incentivi Ferrobonus e Marebonus, collegamenti ferroviari con i porti, sportello doganale unico e sdoganamento in mare, regolamento per le concessioni, semplificazione della normativa per escavi e dragaggi. Le riforme spingono l’economia del Mare.

Una Blue Economy, sostenibile ed intelligente, al servizio della crescita del Paese». Antonio Cancian, presidente di Rete Autostrade Mediterranee S.p.A. (RAM), è intervenuto annunciando che «RAM è impegnata a livello europeo nello studio di fattibilità per l’attivazione di un sistema comunitario di incentivi: un possibile ‘Eurobonus’ per lo sviluppo dell’intermodalità anche a livello comunitario sul modello degli italiani Marebonus e Ferrobonus».

I bandi relativi a questi due incentivi partiranno entro l’estate, ha annunciato il Direttore operativo di RAM Spa Francesco Benevolo, che ha continuato ricordando come «per Ferrobonus e Marebonusla Legge di Stabilità 2016 ha stanziato complessivamente 200 milioni di euro grazie all’iniziativa del Ministro Graziano Delrio. Il provvedimento è importante perché dà concreta attuazione alla visione strategica del Piano Strategico Nazionale di ridurre lo squilibrio modale e favorire l’uso di modi di trasporto delle merci più efficienti ed economicamente più sostenibili.»

CKYHE Alliance to Reorganize US East Coast Service Network


April 28, 2016 - CKYHE Alliance, COSCON, “K”Line, Yang Ming, Hanjin and Evergreen Line, is reorganizing their service network for Asia-US East Coast trade in 2016. CKYHE Alliance will provide five Asia-US East Coast services (AWE1/AWE3/AWE4/AWE8/NUE) from early June of 2016. The Alliance members have re-designed the services to provide optimum port coverage from Asia to US East Coast with AWE1/AWE3/NUE services upsized & AWE4/AWE8 services re-structured in order to enhance the competitiveness of the Alliance.

Meanwhile, CKYHE Alliance members reconfirm current cooperation scheme on the related East and West Trade(Asia-North Europe services/Asia-Mediterranean services/Asia-US East Coast services/ Asia-US West Coast services and Trans-Atlantic service) will remain unchanged and will continuously offer great and stable service quality to customers to meet with customers demand until the end of March in 2017 by enhancing service efficiency, providing fast transit time and offering more flexible port-pair options. 

Asia-US East Coast service
AWE1(9 6500TEU vessels):
Ningbo- Shanghai- Pusan- New York- Wilmington- Savannah- Pusan- Ningbo
AWE3 (10 8500TEU vessels):
Hong Kong- Yantian- Kaohsiung- Shanghai- Pusan- Colon- Savannah- Charleston- Norfolk- Singapore- Hong Kong
AWE4 (10 8500TEU vessels):
Qingdao- Ningbo- Shanghai- New York- Boston- Norfolk- Qingdao
AWE8 (10 8500TEU vessels):
Xiamen- Kaohsiung- Hong Kong- Yantian- Singapore- New York- Norfolk- Savannah- Colon- Xiamen NUE (10 8500TEU vessels):
Qingdao- Ningbo- Shanghai- Colon- Savannah- Charleston-Baltimore- New York- Colon- Qingdao

Anticipazioni su Port&ShippingTech 2016


Ecco le anticipazioni dell’8^ edizione di PORT&SHIPPINGTECH, il Forum internazionale dedicato all’innovazione tecnologica per lo sviluppo del cluster marittimo, main conference della NAPLES SHIPPING WEEK, la settimana interamente dedicata alla cultura e all’economia del mare che si svolgerà a Napoli dal 27 giugno al 2 luglio 2016. La manifestazione, organizzata da ClickutilityTeam e dal Propeller Club Port of Naples, coinvolgerà l’intera città e terminerà con la grande Cena mediterranea a PALAZZO REALE, luogo simbolo di Napoli.

Giovedì 30 giugno e venerdì 1 luglio la Stazione Marittima di Napoli ospiterà infatti PORT&SHIPPINGTECH, la due giorni dedicata al confronto tra professionisti sulle innovazioni tecnologiche d’avanguardia sulle seguenti tematiche: GREEN SHIPPING – SMART PORT – SAFETY - NUOVI MERCATI – SHIPPING&FINANCE. GREEN SHIPPING SUMMIT, le best practice aziendali per la riduzione dell’impatto ambientale del trasporto marittimo e dei porti, si focalizzerà sul contributo del trasporto marittimo all’efficienza energetica ed economica della catena logistica all’indomani della Conferenza sul Clima di Parigi.

Tra gli altri temi, si segnalano: soluzioni smart per ridurre le emissioni in porto e migliorare la qualità dell’aria nelle città portuali; il consueto approfondimento sulle opportunità per la diffusione del gas naturale liquefatto (GNL) nei trasporti in attesa del decreto legislativo di attuazione della direttiva sui carburanti alternativi; Il trattamento delle acque di zavorra e dei reflui dei desolforatori sotto la spinta delle normative IMO. Sul fronte SMART PORT&LOGISTIC, corridoi logistici da e verso l 'Europa, un volano per lo sviluppo del sistema marittimo e portuale, si approfondirà il tema della digitalizzazione delle operazioni portuali e l’integrazione dello shipping nell’intero sistema dei trasporti, analizzando le soluzioni tecnologiche ad oggi disponibili per sviluppare l’intermodalità e tracciare la merce.

Una particolare attenzione sarà dedicata all’evoluzione del Port Community System in Europa e in Italia e alla digitalizzazione e interoperabilità del sistema doganale portuale italiano. Il convegno dedicato alla SAFETY continuerà ad approfondire l’ampio tema della prevenzione infortuni nel settore dello shipping e della logistica portuale, dedicando ampio spazio alle principali problematiche incontrate dall’entrata in vigore della Convenzione MLC 2006 (International Maritime Labour Convention: una sessione sarà dedicata al tema del welfare del personale marittimo imbarcato con un particolare riferimento all’assistenza sanitaria a distanza.

La sessione NUOVI MERCATI, dedicata allo sviluppo dell’Autostrada del Mare, quest’anno si focalizzerà sul consolidamento dell’area MED e sui nuovi mercati del Medio Oriente e Mar Nero; mentre SHIPPING&FINANCE, novità di questa edizione di P&ST, sarà incentrata sul rapporto tra shipping, infrastrutture e logistica e sui cambiamenti in atto all’indomani della Riforma della l. 84/94. A corredo della manifestazione, entrambi i giorni sarà allestita un’area EXPO, un “Salotto dello Shipping” in cui molte delle aziende partecipanti sceglieranno di presentare le proprie soluzioni all'avanguardia.

Yacht Med Festival: un successo oltre le previsioni


27 aprile 2016 - Il primo fine settimana della IX edizione dello Yacht Med Festival ha fatto registrare un successo oltre le previsioni. Nonostante le condizioni atmosferiche negative, è stato infatti battuto ogni record di presenze.

Il flusso costante di persone, in particolare nelle giornate di domenica 24 e lunedì 25 aprile, prova come la Fiera Internazionale dell’Economia del Mare sia diventato un momento imperdibile per moltissimi visitatori. “Siamo davvero soddisfatti e orgogliosi - ha commentato il Presidente della Camera di Commercio di Latina Vincenzo Zottola - perché la grandissima partecipazione popolare conferma che lo Yacht Med Festival è un evento che fa ormai parte dell’immaginario collettivo di tantissime persone. Per gli addetti ai lavori è diventato un tradizionale momento di confronto, in cui ritrovarsi annualmente per fare il punto sulle numerose progettualità legate all’Economia del Mare. Per gli appassionati è certamente una festa da vivere all’insegna dei sapori, dei profumi e dei colori del mare”. La IX edizione della Fiera Internazionale dell’Economia del Mare continua il suo viaggio con i numerosi appuntamenti in programma.

Tanti i momenti di approfondimento avvenuti nel corso della giornata di ieri, aperti alle 10.30 con il convegno “Gli strumenti di qualificazione nel sistema Camerale per la promozione delle filiere del Made in Italy” a cura della Camera di Commercio di Latina. Il seminario informativo rivolo alle imprese e alle Associazioni di categoria che operano nel settore della nautica e dell’agroindustria, ha presentato i nuovi strumenti di qualificazione messi a punto dal Sistema camerale a sostegno della crescita delle filiere sui mercati nazionali e internazionali. Antonio Romeo di DINTEC, Consorzio per l’Innovazione Tecnologica e Pietro Angelini di NAVIGO, il Centro per l'innovazione e lo sviluppo della nautica hanno illustrato obiettivi e finalità degli Schemi di qualificazione «Origin & blu Innovation» - per il settore della nautica – e «Green Care» – per il settore agroindustria - e i vantaggi derivanti dalla loro applicazione sia in termini di miglioramento delle performance aziendali sia come leve di competitività e di marketing a disposizione delle imprese.

Al termine dell’incontro si sono svolti incontri individuali tra gli esperti di settore e le imprese per fornire un servizio di primo orientamento sull’applicazione degli strumenti di qualificazione presentati. Nel pomeriggio, si è svolto l’incontro “Mediterraneo Patrimonio dell’Umanità!”: Presentazione promozionale della Biennale Habitat 2016-2018 che coinvolgerà 23 città di 13 Paesi del Mediterraneo.

Nasce la Camera Riviere di Liguria


27 aprile 2016 - Ieri, martedì 26 aprile, presso la sede legale della Camera di Commercio di Savona, con l'insediamento del Consiglio, è nata la Camera di Commercio Riviere di Liguria – Imperia la Spezia Savona.

Il processo di costituzione della nuova Camera di Commercio mediante l’accorpamento tra gli enti camerali di Imperia, Savona e la Spezia è stato avviato con decreto del 1° aprile 2015 del Ministro dello sviluppo economico.

L’iniziativa si inquadra nel processo di autoriforma del sistema camerale, che coinvolge in attività di razionalizzazione dell’organizzazione e contenimento dei costi già molte altre Camere di Commercio su iniziativa di Unioncamere, e costituisce nei fatti un’anticipazione di uno degli aspetti del processo di riforma avviato dal Governo.

MSC at Breakbulk Europe in Antwerp


April 27, 2016 - Breakbulk Europe will take place from the 23rd to 26th May 2016 in Antwerp; it is the largest exhibition in the world for project cargo logistics professionals. In 2015, it attracted over 7,200 participants and 350 international exhibitors.

As a leader in global container shipping, MSC has built a solid expertise in project shipments over the years. With a global network of ships, terminals, trucks and trains, Msc has taken its customers’ cargo across the world – whatever its dimension. Company transported motorboats, catamarans, crane parts, helicopters, drag chains, general machinery, etc.

This year, MSC project cargo teams will be present on MSC’s stand, to discuss services dedicated to out-of-gauge and breakbulk cargoes. Visitors will have the opportunity to visit company lounge or arrange a private meeting to discover what Msc can do for them.

“Fondo garanzia prima casa”, richieste per 800 milioni di euro


27 aprile 2016 - Sempre più incoraggianti i dati che emergono dall’andamento del “Fondo di garanzia prima casa”. Con un livello di richieste di accesso pari ad 808 milioni di euro in un anno, tra febbraio 2015 e marzo 2016, di cui 531 milioni di nuovi mutui già erogati o in attesa di essere concessi, il

“Fondo di garanzia prima casa” continua a confermarsi in Italia uno valido strumento di accesso ai mutui per l’acquisto della propria abitazione. Le richieste di utilizzo di questo strumento da parte delle banche è in forte crescita: il numero delle domande è passato da 62 al mese (nel marzo del 2015) a circa 450 (nel marzo del 2016), in particolare con un maggior utilizzo registrato in Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte, Sicilia e Lazio. Anche se il Fondo è aperto a tutti, a prescindere dal reddito del mutuatario, è da segnalare come lo strumento, con il 58% sul totale erogato, abbia interessato giovani con un’età inferiore a 35 anni.

Lo comunica l’ABI sottolineando che il Fondo rappresenta un fondamentale esempio di collaborazione tra banche e Istituzioni, a disposizione delle famiglie che aspirano ad acquistare l’abitazione principale. L’obiettivo è, infatti, continuare a favorire l’accesso ai mutui attraverso una dotazione da 550 milioni di euro che potrebbe garantire finanziamenti potenziali per 12-15 miliardi di euro. Le banche che utilizzano il Fondo non possono richiedere ulteriori garanzie ai mutuatari, oltre a quella ipotecaria.

Per quanto riguarda il suo funzionamento – continua l’ABI – il ”Fondo di garanzia per la casa” controgarantito dallo Stato prevede il rilascio di garanzie a copertura del 50% della quota capitale dei mutui ipotecari (fino a 250.000 euro) erogati per l’acquisto, o la ristrutturazione per l’accrescimento dell’efficienza energetica, degli immobili adibiti a prima casa, con priorità di accesso per le giovani coppie o ai nuclei famigliari monogenitoriali con figli minori, nonché di giovani con contratti di lavoro atipico con età inferiore a 35 anni.

Relativamente ai requisiti per accedere al Fondo, va ricordato che la garanzia può essere richiesta da coloro che, alla data di presentazione della domanda di mutuo, non risultino proprietari di altri immobili ad uso abitativo, salvo quelli di cui abbiano acquistato la proprietà per successione e che siano in uso a titolo gratuito a genitori o fratelli.

Evo Yachts al 33° Boat Show Palma


27 aprile 2016 - Evo Yachts sarà al Boat Show Palma dal 28 aprile al 2 maggio 2016; ormeggiato nel porto di Palma de Mallorca, a disposizione di tutti gli appassionati per visite e prove in acqua ci sarà l’Evo 43, il 13 metri che ha segnato il debutto del cantiere italiano. È stata una delle imbarcazioni che hanno suscitato più interesse nel corso dell’ultima stagione.

C’è chi l’ha ribattezzata bat-boat, chi l’ha paragonata ad un caccia TIE di Guerre Stellari, e chi più semplicemente la considera l’ultima rivoluzione nel settore dei day cruiser. Tutto merito delle ‘ali espandibili’ che in un attimo cambiano completamente il layout della beach area: in poco meno di 30 secondi le murate laterali si aprono trasformando il pozzetto in una terrazza sul mare di 25 mq. Tutto questo unito ad un design elegante, linee decise, contenuti innovativi e tecnologici: le più moderne applicazioni della domotica messe al servizio dell’armatore.

La strategia commerciale di Evo Yachts si rivolge ora anche all’estero: insieme alle partecipazioni ai più importanti saloni nautici del Mediterraneo, infatti, il cantiere sta avviando una serie di partnership in location strategiche visto il successo riscosso in ambito internazionale.

La Regione Campania con i Confidi per sostenere le Pmi


27 aprile 2016 - Venerdì, 29 aprile 2016, alle ore 10:00, a Napoli, nell’Auditorium di Palazzo Pico, avrà luogo la presentazione della Misura “Rafforzamento della Rete dei Confidi regionale”. Con la sottoscrizione della Convenzione con Sviluppo Campania è diventata operativa la misura di “Rafforzamento della rete dei Confidi regionale”, che prevede l’assegnazione di risorse complessive per 12 milioni di euro, ai Confidi vigilati Ga.Fi. Sud, Confidi Regione Campania e Italia Comfidi.

La Misura si pone l'obiettivo di accrescere l’efficacia della competitività delle PMI campane, attraverso il miglioramento delle condizioni di accesso al credito, favorendo forme di finanziamento al tessuto imprenditoriale regionale mediante il sistema garanzie. Sviluppo Campania SpA, in qualità di soggetto gestore del Fondo Regionale per lo sviluppo delle PMI campane, si avvarrà dei tre Confidi assegnatari per destinare le agevolazioni alle imprese beneficiarie delle garanzie che, in ogni caso, dovranno essere rilasciate entro il 30 novembre 2016 e consentiranno la collocazione di finanziamenti per un valore di 60 milioni di euro.

Ciascuna impresa potrà accedere a finanziamenti garantiti dai Confidi, fino ad un importo massimo non superiore a 2 milioni di euro. Tale limite è ridotto ad 1 milione di euro per le aziende attive nel settore Trasporti. “Ga.Fi. Sud – sostiene il Presidente Rosario Caputo – plaude all’iniziativa della Regione Campania che segna una svolta importante nella politica di incentivazione pubblica alle imprese riconoscendo, dopo oltre un decennio, un ruolo di protagonisti ai Confidi quali strumento per moltiplicare le agevolazioni e rendere più efficaci gli interventi a sostegno dello sviluppo imprenditoriale. Ga.Fi. Sud pertanto, in virtù di questa convenzione, si attiverà sin da subito affinché le imprese campane possano beneficiare delle ricadute positive che questa importantissima forma di supporto sarà in grado di generare”.

 “Il Confidi Regione Campania – sostiene il Presidente Antimo Caputo - esprime soddisfazione per questo importante provvedimento della Regione Campania che rappresenta la volontà istituzionale di divenire attore principale, al fianco dei Confidi, nel rapporto, a volte difficile, tra Banca e Azienda. Sicuramente questa iniziativa darà nuovo impulso e slancio al sistema creditizio per la concessione di risorse finanziarie alle piccole e medie aziende operative sul territorio campano. Gli imprenditori della nostra Regione, da sempre di ampie vedute e ricchi di idee, hanno bisogno di essere sostenuti nel compimento dei propri progetti ed il Confidi Regione Campania continuerà a seguire questa mission con impegno, al fine di garantire la crescita, lo sviluppo, anche sui mercati esteri, delle proprie imprese”.

Global innovation: CMA CGM Group develops AQUAVIVA


April 27, 2016 - The CMA CGM Group launches AQUAVIVA, a new generation of containers which allows for the safe carriage of live lobsters in their original water in conditions maintaining their natural habitat. The development of this global innovation relies on CMA CGM’s Reefer specialist expertise and the unique technology INNOPURE®, developed by EMYG Environnement & Aquaculture.

Previously lobsters were carried either frozen by sea or alive and on ice by airfreight. With the new AQUAVIVA container, they can now travel by sea in optimal conditions maintaining their natural habitat. This mode of transport relies on three major characteristics that: Replicates lobsters’ natural living conditions. Guarantees the water’s optimum temperature during transportation, thanks to CMA CGM finest degree in Reefer expertise.

Preserves the water’s oxygen level and quality, thanks to INNOPURE® and its natural filtration system. Lobsters are carried in optimal conditions during the whole transport process within their natural water, from fishing area until arrival at wholesalers or restaurants. This guarantees first-day freshness and quality even over a long term conservation. The arrival of the Aquaviva container is the result of 4 years of research and development between CMA CGM Reefer teams, a leading worldwide shipping Group, and EMYG Environnement & Aquaculture, a company specialized in water purification and filtration.

This global innovation offers a unique solution in the transportation of live lobsters. Initial markets will be North America and Europe. The collaboration will continue and will allowing maritime transportation for other live seafood.

World Bank Group and UNCTAD: Cooperation in Investment and Trade


April 26, 2016 –The World Bank Group and UNCTAD announced yesterday renewed cooperation in the areas of investment and trade. The announcement came following the International Monetary Fund/World Bank Group 2016 Spring Meetings in Washington. “UNCTAD and the World Bank Group have a long tradition of partnership and the Bank Group is an important partner with UNCTAD in its technical assistance activities,”UNCTAD Secretary-General Mukhisa Kituyi said.

“This enhanced partnership on key strategic areas capitalizes even more on respective comparative advantages, and maximizes effectiveness in the implementation of programmes.” The two organizations plan to enhance collaboration in their efforts to boost trade, growth and competitiveness in developing countries. Trade, Investment and support to the private sector in developing countries, is key to the implementation of the United Nations 2030 Agenda for Sustainable Development, to the UNCTAD objective of ensuring prosperity for all and to the World Bank Group’s twin goals of ending poverty and boosting shared prosperity.

“Economic growth, with strong contributions from the private sector, has been critical to reducing poverty around the world. We look forward to working closely with UNCTAD to ensure that trade and investment are key drivers of that growth, and not only have an impact on economies, but also on citizens,” said Anabel Gonzalez, World Bank Group Senior Director for Trade & Competitiveness. Building on the success of joint activities in Eastern Europe and Kenya, the World Bank Group and UNCTAD will collaborate on investment policy, drawing on UNCTAD’s Investment Policy Reviews and the new World Bank Group’s investment Policy and Promotion Analytical frameworks. Both organizations aim to support private sector development and help to improve investment policies in developing countries.

By joining forces, the two institutions will help governments to implement reforms that improve the investment climate and harness investment for sustainable development. In the area of services policy, the two organizations will collaborate to strengthen the advice and reform support provided to developing countries. A priority will be leveraging the strengths of the two organizations in this area, building on UNCTAD’s Services Policy Reviews and the World Bank Group’s Regulatory Assessment toolkit and Valuing Services in Trade toolkit. UNCTAD and the World Bank Group will also step up cooperation to increase transparency on Non-Tariff Measures (NTMs) and streamline regulations for trade. The two organizations have successfully worked together in this area in Tajikistan, Central America and several countries in Sub Saharan Africa.

Alleanza botteghe storiche genovesi, fiorentine e romane

26 aprile 2016 - E’ nata dal web e dai social network l’alleanza fra le botteghe storiche genovesi - guidate dalla Camera di Commercio e dalle associazioni di categoria - e le associazioni dei Negozi Storici di Eccellenze di Roma e degli Esercizi Storici Tradizionali e Tipici di Firenze: le due associazioni, già gemellate fra loro, hanno infatti scoperto dalla rete l’esistenza della realtà genovese hanno proposto un incontro a tre per studiare forme di collaborazione.

L’incontro si è tenuto a Palazzo Tobia Pallavicino, in presenza di Alessandro Cavo, nella doppia veste di bottegaio storico e di rappresentante del turismo nella giunta camerale, e dei rappresentati di Ascom-Confcommercio, Confesercenti, Cna e Confartigianato di Genova. I negozi di storici di eccellenza romani erano rappresentati dal presidente Stefano Pizzolato e quelli di Firenze da Gherardo Filistrucchi.

I tre partner hanno dato il via a un’alleanza che partirà proprio dalla rete, con la diffusione incrociata di contenuti e di immagini per la promozione dei negozi storici delle rispettive città, per proseguire con pubblicazioni congiunte e soprattutto con azioni comuni di lobbying a livello nazionale, con l’obiettivo di tutelare e valorizzare il “sapere materiale” che si esprime nelle botteghe artigiane e commerciali del belpaese.

Finmeccanica pubblica il bilancio di sostenibilità e innovazione


26 aprile 2016 - Finmeccanica ha pubblicato il Bilancio di Sostenibilità e Innovazione di Gruppo per l’esercizio 2015, redatto in conformità alle Linee guida “G4 – Sustainability Reporting Guidelines”, definite dal GRI - Global Reporting Initiative, secondo l’opzione di rendicontazione “in accordance core”. Il documento è costruito sui pilastri del Piano Industriale e della One Company: la creazione di valore attraverso la trasparenza della gestione e l’integrità dei comportamenti; la capacità di fare innovazione come strumento di competitività e fattore critico per la sostenibilità del business; l’efficienza e la sicurezza come obiettivi e caratteristiche imprescindibili dell’offerta Finmeccanica, nonché espressione di affidabilità.

Il Bilancio di Sostenibilità e Innovazione 2015 racconta un anno di cambiamento per Finmeccanica attraverso casi concreti di sostenibilità integrata nei prodotti, nei sistemi, nelle tecnologie, nelle pratiche di conduzione del business e, soprattutto, nella cultura aziendale.
 “Tra i risultati raggiunti da Finmeccanica nel 2015, sottolineo con particolare soddisfazione la promozione da parte di Transparency International all’interno del ‘Defence Companies Anti-corruption Index’, da fascia C a B. Con tale riconoscimento Finmeccanica contribuisce a dare una spinta positiva a tutto il sistema Paese nell’ambito delle iniziative volte a prevenire e contrastare la corruzione, confermando il proprio ruolo di asset strategico per l’Italia” ha affermato Mauro Moretti, Amministratore Delegato e Direttore Generale. 
La partecipazione a EXPO 2015, l’importante ruolo nei programmi di ricerca targati Horizon2020, le numerose applicazioni dual use della geoinformazione, l’efficienza e la flessibilità di utilizzo della Famiglia di Elicotteri, i servizi di sicurezza gestita e i programmi di cyber security, l’impegno nel sociale e il supporto ai programmi STEM, sono alcuni esempi concreti di sostenibilità del business e di responsabilità sociale illustrati all’interno del Bilancio.

Inaugurata la Stazione Marittima di Salerno


26 aprile 2016 – Grande soddisfazione nelle parole del Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca e del presidente dell’Autorità Portuale di Salerno, Andrea Annunziata all’inaugurazione ieri mattina della nuova importante infrastruttura che proietta il porto di Salerno nel ghota degli scali crocieristici del Mediterraneo.

Opera dell’architetto Zaha Hadid, recentemente scomparsa, la Stazione Marittima arricchirà l’offerta di gioielli dell’architettura moderna di cui si è dotata la città campana e che fungeranno essi stessi da attrattori turistici, contribuendo ad un cambiamento della città come se ne sono visti ben pochi in Italia in questi ultimi anni. Come annunciato del presidente Annunziata l’opera sarà definitivamente pronta per la fine del prossimo mese di maggio e già entro quest'estate ci saranno i primi arrivi di crocieristi.

 Con la stazione marittima e con il nuovo polo crocieristico ci sarà lo sviluppo di un'area dedicata alle crociere. Con il piano regolatore che sarà approvato nei prossimi giorni, si prevede l'allungamento ulteriore del molo Manfredi fino alla diga di sopraflutto con la possibilità così di poter ospitare anche tre o quattro navi da crociera nello stesso giorno.

Molta attesa per quanto riguarda la gestione della struttura: Annunziata ha spiegato di essere pronti per affidarla ad una gestione temporanea, intanto è stato pubblicato il regolamento per la gestione in attesa di valutare le offerte che eventuali operatori internazionali proporranno, prediligendo chi darà la possibilità di attrarre nel porto di Salerno quante più navi possibili.

Sistema di identificazione a bordo dei Typhoon italiani


26 aprile 2016 - Finmeccanica, in collaborazione con lo Stato Maggiore della Difesa, ha dimostrato con successo l’integrazione del sistema “Mode 5 Reverse-IFF” (Identification Friend-Foe – identificazione amico-nemico) con capacità aria-terra, a bordo di un Eurofighter TyphoonTranche 1. Rappresentanti della NATO hanno assistito alla simulazione, che si è svolta presso il Centro Sperimentale di Volo della base aerea di Pratica di Mare (RM).

Un sistema IFF fornisce ai piloti di caccia la capacità di distinguere fra altri velivoli alleati e potenziali minacce, tramite l’invio di un segnale di interrogazione e verificando che l’altro velivolo risponda con un segnale di riconoscimento. Un sistema “reverse-IFF” utilizza lo stesso principio per interrogare i veicoli al suolo, permettendo al pilota di capire dove sono localizzate le Forze di terra alleate prima di un eventuale intervento armato.

Il sistema è definito reverse in quanto l’aereo usa il suo transponder, abitualmente utilizzato per rispondere a interrogazioni di altri velivoli, per interrogare i veicoli a terra. Per la dimostrazione del sistema, un Typhoon dell’Aeronautica italiana ha simulato un’operazione di supporto aereo ravvicinato presso la base aerea di Pratica di Mare (Roma), interrogando, in fase di volo, alcuni veicoliLince dell’Esercito italiano, con il suo sistema “reverse-IFF”.

Non appena i veicoli Lince hanno risposto con segnali “amici”, il Typhoon ha immediatamente sospeso l’attività di supporto aria-terra che avrebbe potuto, incidentalmente, avere effetti collaterali sulle Forze amiche. La NATO sta valutando il sistema “Mode 5 Reverse-IFF” come possibile soluzione di breve-medio termine per l’identificazione aria-terra, in grado di evitare il fuoco amico nel corso di operazioni congiunte tra le Forze della coalizione.

Rapporto mensile Abi


25 Aprile 2016 - A marzo 2016 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.824,3 miliardi di euro è nettamente superiore, di quasi 150 miliardi, all'ammontare complessivo della raccolta da clientela, 1.675,1 miliardi di euro. A marzo 2016 è risultata positiva la variazione annua, +0,1%, del totale prestiti all'economia (che include anche la pubblica amministrazione).

Sempre a marzo 2016 anche il totale dei finanziamenti in essere a famiglie e imprese ha presentato una variazione lievemente positiva (+0,1%) nei confronti di marzo 2015, lo stesso valore del mese precedente e assai migliore rispetto al -4,5% di novembre 2013, quando aveva raggiunto il picco negativo ed è ritornato sui valori di aprile 2012. Sulla base degli ultimi dati ufficiali disponibili, relativi a febbraio 2016, l’ammontare complessivo dei mutui in essere delle famiglie ha registrato un variazione positiva di +1% nei confronti di fine febbraio 2015, confermando, anche sulla base dei dati sui finanziamenti in essere, la ripresa del mercato dei mutui.

Dalla fine del 2007, prima dell’inizio della crisi, ad oggi i prestiti all’economia sono passati da 1.673 a 1.824,3 miliardi di euro, quelli a famiglie e imprese da 1.279 a 1.413,5 miliardi di euro. Sempre a marzo di questo anno, i tassi di interesse sui prestiti si sono posizionati in Italia su livelli ancora più bassi.

Il tasso medio sulle nuove operazioni per acquisto di abitazioni si è attestato al 2,36% toccando il minimo storico (2,41% il mese precedente; 5,72% a fine 2007). Sul totale delle nuove erogazioni di mutui circa i due terzi sono mutui a tasso fisso. Il tasso medio sulle nuove operazioni di finanziamento alle imprese si è collocato all’1,80%, 1,70% il mese precedente e 2,03% a gennaio 2016 (5,48% a fine 2007). Il tasso medio sul totale dei prestiti è risultato pari al 3,16%, toccando il minimo storico (3,21%).

Assemblea Eni: proposta del Ministero dell'Economia e delle Finanze


25 aprile 2016 – Il Ministero dell'economia e delle finanze ha comunicato che sottoporrà alla prossima Assemblea di Eni SpA del 12 maggio 2016 in relazione al punto 3 all’ordine del giorno (“Nomina di un Amministratore ai sensi dell’articolo 2386 del Codice Civile‘), la proposta di conferma di Alessandro Profumo alla carica di Amministratore di Eni, fino alla data dell’Assemblea che approverà il bilancio al 31 dicembre 2016, data di scadenza del Consiglio in carica. Le informazioni sul candidato sono disponibili sul sito internet della Società.

Cessione del quinto dello stipendio


25 aprile 2016 - Incontro con il mercato. La Banca d’Italia ha incontrato nei giorni scorsi alcuni operatori attivi nei finanziamenti contro cessione del quinto dello stipendio o della pensione (CQS). All’incontro hanno partecipato le associazioni di categoria (ABI, ASSOFIN e UFI), le autorità (IVASS, AGCM e OAM) e alcuni componenti dei Collegi dell’Arbitro Bancario Finanziario. Nell’attuale contesto di mercato il credito al consumo ha continuato a dare un contributo rilevante all’economia e alle famiglie; la CQS ne rappresenta una componente significativa, anche per i profili di inclusione finanziaria.

L’incontro ha favorito un confronto sulla struttura del mercato e sull’evoluzione degli schemi operativi, con l’obiettivo di valorizzare trasparenza e correttezza dei comportamenti. Sono emerse alcune “buone prassi” e spazi di miglioramento nell’offerta del prodotto.

È stata condivisa la necessità di accrescere la tutela della clientela, attraverso l’offerta di prodotti maggiormente calibrati sul cliente, con una struttura dei costi chiara e comprensibile, secondo una logica di “trasparenza sostanziale”. È emersa anche l’importanza di strumenti per disincentivare condotte opportunistiche, specie nelle prassi delle estinzioni anticipate e dei rinnovi.

 La Banca d’Italia si impegna a proseguire nell’azione di stimolo e di indirizzo per favorire, anche attraverso ulteriori momenti di confronto, l’innalzamento del livello di tutela dei clienti e il rafforzamento del comparto.

Eurogroup statement - Thematic discussions on growth and jobs


April 25 2016 - The Eurogroup is fully committed to supporting economic growth and jobs and holds regular thematic discussions to explore and define common policy ambitions to this end. The Council recommendation on the economic policy of the euro area in the context of the European Semester clearly indicates the areas where reform is the most pressing. “Since the beginning of the year, we have discussed twice the recommendation to improve national insolvency frameworks, an area explicitly addressed in the Council recommendation to the euro area for 2015 and 2016 as well as in the individual 2015 Country-Specific Recommendations for several euro area Member States” stated Eurogroup. Private sector debt remains high in a number of euro area countries and contributes to holding back the recovery in investment and consumption. In particular, the high level of non-performing loans in banks' balance sheets constrains the supply of credit, thereby hampering the monetary transmission mechanism, and reduces the efficiency of capital allocation. Having effective and efficient insolvency frameworks in place is key to ensuring a smooth deleveraging process, thereby facilitating adjustment processes within the euro area, while improving the business environment and supporting private investment. It would also support deeper financial integration within the euro area, which will be beneficial for the strengthening of the Banking Union, fostering growth and resilience to asymmetric shocks. It would also contribute to building the Capital Markets Union, recognising that this work takes place in the EU-28 setting. While a number of euro area Member States have carried out significant reforms in the recent past, the Eurogroup is conscious that more efforts are needed: “Today we agreed on a number of core common principles that could serve as guidance for improving the efficiency of national regimes in dealing with insolvency. While we aim to converge to a high level of efficiency and transparency of national insolvency rules and practices within the euro area, we recognise that when applying these common principles, country-specific circumstances - in particular national legal frameworks - need to be taken into account”.

Premio Innovazione 2016 della Camera di Commercio di Pisa


25 aprile 2016 - Si rinnova l’appuntamento con il Premio Innovazione della Camera di Commercio di Pisa: un riconoscimento che sarà assegnato a due imprese pisane (micro, piccole e medie) che hanno realizzato, negli ultimi due anni, interventi caratterizzati da un forte contenuto innovativo di prodotto, di processo o di business.

I premi, consistenti in un assegno da 15.000 euro, saranno assegnati alle due imprese (di cui una micro) prescelte dal Comitato Tecnico di Valutazione appositamente nominato, che potrà inoltre conferire una menzione speciale per altre imprese non vincitrici ma ritenute comunque meritevoli. Tutte le imprese ammesse all’esame del Comitato Tecnico di Valutazione saranno di diritto associate al “Club delle imprese innovative”: un gruppo di oltre 80 aziende che si incontrano periodicamente per condividere progetti, conoscere nuovi imprenditori o venture capitalist.

C’è tempo fino al 4 giugno 2016 per presentare domanda, secondo le modalità previste dal bando consultabile e scaricabile sul sito internet della Camera di Commercio di Pisa. Di indubbio interesse le applicazioni innovative delle due aziende premiate nel 2015, entrambe di Cascina: la Polab srl, attiva nell’ambito dell’elettromagnetismo ambientale, e la WINmedical srl, operante nel settore medicale.

Progetto sulla sicurezza stradale a Ferrara


25 aprile 2016 - Inizia mercoledì 27 aprile presso la sala Conferenze della Camera di commercio di Ferrara, il ciclo di seminari promosso da Prefettura, Sezione Polizia stradale e dall’Ente di Largo Castello, in collaborazione con le associazioni territoriali di categoria, nell’ambito del progetto “Strada facendo ….. Insieme, iniziative per la sicurezza stradale”, relativo all’anno 2016, della Prefettura di Ferrara in collaborazione con le istituzioni locali, con l’obiettivo di accrescere nelle imprese, in materia di “sicurezza stradale”, la responsabilità singola o collettiva e indurre comportamenti di prevenzione di situazioni di pericolo per l’incolumità personale e degli altri.

 La provincia di Ferrara in linea con il restante territorio nazionale negli ultimi 10 anni ha conseguito l’obiettivo del dimezzamento degli eventi infortunistici stradali mortali. Purtroppo, nel 2015, si è notata con preoccupazione un’inversione di tendenza.

Anche per questo, nell’ambito delle iniziative discusse in sede di Osservatorio provinciale sulla sicurezza stradale della Prefettura di Ferrara per l’anno 2016, si è deciso di coinvolgere a pieno titolo gli imprenditori, sensibilizzandoli, informandoli e formandoli per un atteggiamento più cauto e consapevole durante la guida.

Già da tempo la Polizia Stradale promuove la sicurezza stradale utilizzando la comunicazione come uno strumento di prevenzione soprattutto verso i giovani attraverso le istituzioni scolastiche ma, per alzare il livello di sicurezza sulle strade, occorre un cambiamento culturale che vede come destinatari non solo i giovani ma tutti gli utilizzatori della strada indistintamente. È bene che si diffonda la consapevolezza dei rischi e che la sicurezza diventi uno stile di vita.

Euroservice apre polo logistico a Nord di Napoli


24 aprile 2016 - Prende corpo il progetto del gruppo Euroservice per la creazione di un polo logistico completo nell’area a Nord di Napoli. La prima fase di adeguamento dell’ex stabilimento Max Meyer di Casavatore acquisito dalla compagine di Roberto Anatrella è giunta a termine.
“Con la ristrutturazione del primo edificio – spiega lo stesso Anatrella – l’unità locale è già operativa in attesa del completamento degli interventi previsti entro settembre per gli uffici. Per quella data contiamo di trasferire in loco anche la nostra sede”. 
 L’idea nasce dalla volontà di mettere a sistema le attività del gruppo attraverso la valorizzazione di un complesso di circa 26mila metri quadri, di cui 10mila al coperto, situato sulla direttrice Casoria-Casavatore, nel cuore di uno dei principali insediamenti industriali della regione.
“L’acquisto di un ex opificio per la produzione di vernici ad acqua destinato alla dismissione – conferma l’amministratore di Euroservice – è arrivata al termine di un percorso comune con le istituzioni locali, attraverso un’operazione condotta guardando sia alle potenzialità commerciali sia alla sostenibilità sociale di un’area che fa i conti con un’accentuata crisi occupazionale”. 
Ad oggi, così come previsto dal programma, sono 7 gli ex dipendenti dello stabilimento assunti dal Gruppo. Il nuovo polo offrirà l’intera varietà di servizi relativi alla logistica. Previsti, in particolare, un terminal per le spedizioni nazionali e internazionali, magazzini per il deposito doganale e fiscale, un punto destinato ai container di provenienza portuale, un centro h24 per le consegne express su tutto il territorio italiano.

Entro il 2017 l’intera struttura dovrebbe essere a regime secondo un iter già scandito: la procedura per i magazzini fiscali e doganali è già stata avviata; successivamente, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni, si provvederà alla messa a punto dell’area parcheggio e ristoro per i trasportatori.

Le Camere di Commercio all'Italian Internet Day

24 aprile 2016 - Le Camere di Commercio partecipano all’appuntamento con l’Italian Internet Day. Supportate da Unioncamere e InfoCamere, hanno organizzato per il 29-30 aprile un evento territoriale dedicato agli studenti delle scuole superiori. A trent’anni esatti dall’avvio della prima connessione dell’Italia alla rete, gli incontri saranno l’occasione per approfondire il ruolo di Internet nella società e raccontare come il digitale abbia cambiato le nostre vite e quali straordinarie opportunità possano aprirsi con l’ulteriore diffusione di servizi basati sulle nuove tecnologie.

U.S. exhibitors at Marrakech Airshow 2016


April 24, 2016 — When the biennial International Marrakech Air Show 2016 (IMAS) opens April 27 at the Menara Airport, RMAF Military Base, the United States of America will be among the show’s largest international exhibitors. With 15 participating companies, the size of the American contingent is a strong indicator of how important the region is to the U.S. aerospace and defense industry, and that countries throughout the region are likewise interested in working with U.S. companies to further their industry and economic goals. IMAS is Morocco’s most prominent aerospace and defense trade event. The U.S. presence, featuring industry leading companies such as Boeing, FLIR, Lockheed Martin and Pratt & Whitney is organized by Kallman Worldwide, Inc., the newly designated U.S. representative of the show, in coordination with numerous U.S. government agencies, including the departments of Commerce, Defense and State. The centerpiece of the national effort, the nearly 500 sqm (gross) U.S. International Pavilion located in show Pavilion F, is a destination for buyers looking for an efficient way to meet a critical mass of U.S. suppliers, and an on-site business hub for U.S. exhibitors looking to maximize their exposure and impact at the event. Ranging from publicly traded stalwarts to privately held small-and-medium-sized enterprises (SMEs) such as Dillon, M International and WAGA International, exhibitors in the Pavilion represent a cross-section of leading American suppliers working to initiate and strengthen regional partnerships. WAGA and another U.S. SME, Aerospace Maintenance Solutions (AMS) recently announced their own partnership to better support military aircraft from Morocco and other countries. The companies will exhibit together at IMAS at the WAGA Booth #F-5, where they will meet with military delegations regarding new repair capabilities, including parts for C-130s, F-5s and F-16s.

Il Primo Ministro dell'Algeria incontra l'AD di Eni


24 aprile 2016 – Il Primo ministro dell’Algeria, Abdelmalek Sellal, il ministro dell’Energia, Salah Khebri, e il Presidente Direttore Generale di Sonatrach, Amine Mazouzi hanno incontrato l’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi, dando seguito all’incontro che si è tenuto il 3 novembre scorso.

 Nel corso dell'incontro l'AD ha illustrato ulteriori opportunità per il rilancio delle attività nell'ambito dello sviluppo del gas e dell'olio nelle concessioni esistenti nel paese. L’AD di Eni ha inoltre auspicato lo sviluppo di collaborazioni future anche nell’ambito delle energie rinnovabili, al fine di rafforzare la partnership ultra decennale sia tra i due Paesi sia tra le due compagnie.

Eni è presente in Algeria dal 1981 e partecipa oggi in 32 permessi minerari collocandosi, con una produzione giornaliera di oltre 100.000 barili di olio equivalente, come primo produttore straniero, superato solo dalla compagnia di Stato Sonatrach.

Italian Internet Day "Internet: Autostrada d'Europa"


24 aprile 2016 - Il 30 aprile 1986 l'Italia - ed in particolare il CNR di Pisa - si collegò per la prima volta alla rete di Arpanet, realizzata dalle università americane, entrando così ufficialmente nell'era di Internet. La Camera di Commercio di Macerata celebra il trentennale di questo evento il 27 aprile presso l' IIS Matteo Ricci (Via Di Pietro, 12) dalle ore 15 con una giornata dedicata ai temi della rete, della digitalizzazione e del loro impatto sul presente ed il futuro delle nuove generazioni. All'evento parteciperanno gli studenti beneficiari della Borsa di Studio/Lavoro Digit Plus - Erasmus+, le loro famiglie e gli Istituti Scolastici partner del Progetto. Interverranno Giuseppe De Serio (InfoCamere), Lorenza Natali e Annalisa Franceschetti (Camera di Commercio di Macerata) e Samuela Belcecchi (Eurocentro).

Tecnologie industriali: il Piemonte all'Hannover Messe


24 aprile 2016 - Sono 13 gli espositori piemontesi dal 25 al 29 aprile presenti nel padiglione dedicato all’Industrial Supply dell’Hannover Messe, salone internazionale leader per le tecnologie industriali - subfornitura, automazione industriale, energia, ricerca e tecnologia.

La collettiva partecipa all’evento nell’ambito del Progetto Integrato di Filiera (PIF) From Concept to Car, gestito dal Centro Estero per l’Internazionalizzazione (Ceipiemonte) su incarico di Regione Piemonte, Unioncamere Piemonte e delle Camere di commercio del Piemonte e della Valle d’Aosta.

La delegazione è composta da un consorzio che rappresenta 12 imprese della metalmeccanica, una rete di 4 società del settore dei prodotti in plastica e 11 aziende che operano nel campo delle lavorazioni meccaniche di precisione, dello stampaggio lamiera, delle finiture termoplastiche e dei componenti per l’automazione 

E’ il quarto anno consecutivo che Ceipiemonte coordina la partecipazione regionale all’appuntamento di Hannover: dal 2013 al 2015 ha accompagnato complessivamente 47 aziende piemontesi che a seguito dei contatti avviati in fiera hanno presentato circa 150 offerte per un valore totale, tra negoziazioni e commesse acquisite, di circa 3 milioni e mezzo di euro, non a caso 10 dei 13 espositori tornano al salone per la seconda o terza volta. La meccanica e l'impiantistica rappresentano il settore trainante dell’intera industria tedesca, con circa 6.300 aziende che occupano quasi un milione di lavoratori lungo l’intera filiera produttiva.

La Germania è inoltre il fornitore leader e il più grande esportatore di macchinari nel mondo prima di Cina e USA, con il 75% dei macchinari prodotti destinati all’estero. Obiettivo della delegazione piemontese è quindi ampliare il proprio business internazionale, soprattutto sul mercato tedesco per il quale Hannover Messe è riconosciuta come vetrina privilegiata. Hannover Messe è in effetti l’unica fiera al mondo capace di proporre un quadro completo delle tecnologie industriali, esteso dai singoli componenti alle linee di produzione perfettamente funzionanti, e i numeri del 2015 lo hanno confermato: 6.500 espositori di 70 Paesi e 220.000 visitatori, di cui 70.000 provenienti dall’estero.

 Nel 2016 la manifestazione si concentrerà sulla Industry 4.0, puntando i riflettori su aspetti tecnici quali digitalizzazione della produzione industriale, la collaborazione tra uomo e macchina, le soluzioni innovative di subfornitura e sistemi energetici intelligenti. Questo filo conduttore sarà in primo piano anche nel padiglione dell’Industrial Supply: la “fabbrica intelligente” ha infatti bisogno di componenti in subfornitura ed è sempre più stretta l’integrazione tra i subfornitori e chi realizza gli interi processi di produzione.

Top