ads

------------------------------------------------------------------------------------------------

EDITORIALE

EDITORIALE - 13 settembre 2017 - In questi giorni si sta definendo la sorte di Fincantieri, forse unico “gioiello” globale dell’industria italiana (20 cantieri navali sparsi per il mondo). Potrebbe essere l’ennesimo capitolo della saga che vede i riders (razziatori? Lo so che non si traduce così, però..) francesi all’assalto di quel che resta ........leggi tutto

Translate

Slider[Style1]

Style3(OneLeft)

Style3[OneLeft]

Style3[OneRight]

Style4

Style5

Kiton sigla un accordo con Benetti


31 Agosto 2016 – Kiton, azienda leader dell’alta sartoria italiana, continua a puntare sul cliente finale e annuncia una partnership strategica con Benetti, il più antico cantiere di yachts al mondo. La sinergia tra le due aziende nasce dall’obiettivo comune di creare un’esclusiva esperienza bespoke per i clienti finali, in linea con la filosofia e i valori condivisi: passione, innovazione, artigianalità.
 “Obiettivo della collaborazione è dedicare una crescente attenzione ai nostri clienti che scelgono uno stile di vita unico ed esclusivo - afferma Antonio De Matteis, CEO di Kiton - Eccellenza e qualità: sono questi gli elementi alla base della partnership, di cui siamo molto orgogliosi. Benetti è un’eccellenza italiana che sposa pienamente il nostro DNA: family-feeling, innovazione, stile e qualità.” “Lo stile inconfondibile di due ambasciatori del Made in Italy si coniuga perfettamente con questo accordo che ci accompagnerà nei saloni nautici di tutto il mondo e non solo” commenta Fabio Ermetto - CCO di Benetti. In occasione dei boatshow internazionali in programma fino al 2017 (Cannes, Montecarlo, Fort Lauderdale, Miami, Dubai, Singapore ed Hong Kong), i sarti professionisti di Kiton saranno a disposizione degli armatori Benetti e i top client del brand partenopeo avranno accesso privilegiato al mondo dei super yacht Made in Italy. La collaborazione prevede difatti l’opportunità per i clienti VIP Benetti di programmare visite private presso le sedi Kiton di Napoli e Milano e per i top client Kiton l’occasione di accedere ai punti “Yachtique”, vere e proprie lounge del lusso nautico, e alla boutique Benetti di Viareggio.

MSC Crociere stabilisce una presenza diretta in Cina


31 agosto 2016 - Nella foto: Ms. Helen Huang, Presidente Greater China, MSC Croceire - MSC Crociere ha annunciato ieri di aver stabilito una presenza diretta sul mercato asiatico aprendo un ufficio a Shanghai e affidandolo ad una veterana del settore, Helen Huang, che sarà Presidente dell’area “Greater China” con sede a Shanghai. L’annuncio giunge dopo che la compagnia all’inizio dell’anno aveva già assegnato alla nave MSC Lirica l’home port in Cina. Gianni Onorato, Chief Executive Officer di MSC Crociere, ha commentato:
“Dopo aver messo in servizio MSC Lirica sulle coste della Cina nel maggio di quest'anno, l’avvio di una presenza diretta, sia istituzionale che commerciale, nonché la designazione di un rappresentante e di un team dedicato è stato un passo naturale per l’ulteriore sviluppo del nostro business in tutta l’area della Greater China. In realtà la Cina è, e sarà ancor più in futuro, un settore chiave per il nostro business, un mercato che cercheremo di servire con le nostre navi migliori. Siamo infatti oggi al centro di un piano industriale senza precedenti, del valore di 9 miliardi di euro che prevede la costruzione di 11 nuove navi da crociera che prenderanno servizio nei prossimi 10 anni. Helen, cui siamo lieti di dare nuovamente il benvenuto in MSC Crociere, ha il compito di guidare al meglio il nostro business ma anche di coordinare i partner istituzionali e gli altri contatti in tutta l’area della Greater Cina, nonché di supportare le esigenze operative di MSC Lirica e dei suoi ospiti. Inoltre, Helen ha il compito di condurre, anche oltre la Greater Cina, il nostro ambizioso piano di crescita in un mercato per noi molto promettente. MSC Crociere vanta già una lunga tradizione nell’ospitalità di viaggiatori cinesi che oggi già scelgono di visitare con noi il Mediterraneo e l'Europa – mercati nei quali oggi siamo la prima compagnia crocieristica, grazie a una delle flotte più moderne ed eleganti”.

I ragazzi fino a 14 anni volano gratis con Volotea


31 agosto 2016 - Viaggiare con un bambino piccolo si sa, soprattutto in aereo, può rivelarsi un’esperienza traumatica. Complice un ambiente non proprio familiare, i baby viaggiatori non riescono a mantenere sempre il self control e la compostezza degli altri passeggeri e, spesso, capita di trovarsi a condividere la cabina - o peggio ancora la fila di sedili - con coppie di genitori disperate che non sanno come gestire crisi di pianto, capricci o semplici momenti di noia.

 Per evitare che i capricci dei più piccoli disturbino il viaggio di tutti i passeggeri, Volotea, la compagnia aerea low cost che collega tra di loro piccole e medie destinazioni, scende in pista con una serie di regole semplici e veloci da tenere a mente quando si sta pianificando un viaggio in aereo in compagnia dei più piccoli.

Accorgimenti pratici che, se applicati, dovrebbero fare la gioia di grandi e piccini a bordo. “Sin dall’avvio dei suoi voli - afferma Carlos Muñoz, Presidente e Fondatore di Volotea - la nostra compagnia si è distinta per la particolare attenzione riservata al comfort dei suoi viaggiatori. Non a caso, nel 2015, un’indagine condotta da eDreams ci ha posizionato al 7° posto tra le migliori compagnie aeree per viaggiare con bambini e all’8° tra le più confortevoli al mondo”.

 E i bambini sono i protagonisti di una speciale promo firmata Volotea che prevede voli gratuiti per i più piccoli. I baby viaggiatori (che ancora non hanno compiuto i 14 anni) potranno accompagnare, a costo zero, un passeggero che ha acquistato un biglietto con tariffa a partire da 35.99 €, fino a un massimo di 140 €. Questa promozione, disponibile anche nelle agenzie viaggi tramite GDS, è limitata ad un massimo di un bambino per ogni adulto, ed è valida dal 30 agosto al 4 settembre incluso per volare gratuitamente fino a dicembre 2016.

Decreto di nomina del Commissario straordinario dell’AP Trieste


31 agosto 2016 – L’Autorità Portuale di Trieste ha comunicato che Il Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Graziano Delrio, ha firmato il decreto di proroga dell'attuale Commissario straordinario Zeno D'Agostino alla guida dell’Autorità portuale di Trieste. La notifica del Decreto, pervenuta ieri mattina alla Torre del Lloyd, prevede una durata di sei mesi.

Riva di Traiano: febbre X2 alla Roma-Giraglia


30 agosto 2016 - E’ scoppiata la "febbre del doppio" a Riva di Traiano e la cartina di tornasole di questa nuova tendenza è la Roma-Giraglia, regata che partirà da Riva l’8 settembre prossimo. “Fino ad ieri avevamo praticamente quasi solo iscrizioni in doppio – commenta il Presidente del Circolo Nautico Riva di Traiano Alessandro Farassino – ed anche adesso che le iscrizioni sono incominciate ad aumentare abbiamo una prevalenza di partecipanti nella X2, con ben 11 imbarcazioni iscritte, tra cui quella del campione italiano offshore in doppio Stefano Chiarotti con Lunatika-NTT Data”. La Roma Giraglia è una regata molto tecnica e difficile, come conferma anche lo stesso Stefano Chiarotti, fresco vincitore della Palermo Montecarlo in doppio con Giancarlo Pedote. “E’ effettivamente una regata molto tattica e per niente scontata. I passaggi tra le isole dell’arcipelago toscano - spiega Stefano Chiarotti - sono impegnativi e riservano sempre sorprese, che a volte sono anche amare. Dopo le soddisfazioni che mi sono tolto alla Roma per 2 e alla Palermo-Montecarlo, cercherò di far bene anche qui, questa volta in coppia con l’amico Gabriele Moccia, anche se non sarà facile perché la concorrenza nella X2 è molto agguerrita”. ” Infatti scorrendo l’elenco delle barche al via in doppio, si notano, tra gli altri, il Carroll Marine 60 "Durlindana 3" di Giancarlo Gianni, l’Este 35 “Perché Si” di Matteo Miceli, il Comet 45S “Libertine” di Marco Paolucci e Lorenzo Zichichi, il Comet 41 "Prospettica" di Giacomo Gonzi e il 9.50 "UmmaGumma" di Gennaro Iasevoli che, se ci saranno condizioni meteo dure, potrebbe mettere in riga tutti. La partenza di questa regata che è la più lunga (250miglia) tra quelle che hanno come punto di riferimento la Giraglia, verrà data alle ore 15:00 di giovedì 8 settembre.

Marina Cala de’ Medici, provvedimenti per incrementare la sicurezza


30 agosto 2016 - Alla luce anche dei recentissimi fatti legati al terrorismo e all’innalzamento dell'allerta nei porti italiani destinati al traffico crocieristico e passeggeri, Marina Cala de’ Medici ha attivato una serie di provvedimenti atti ad incrementare la sicurezza all’interno delle proprie strutture. L’intelligence aveva avvisato che in agosto sarebbe aumentato il rischio di attentati in Italia e, puntuale, ai primi del mese è scattato il piano Sicurezza del Viminale che già dai tempi di Charlie Hebdo aveva elevato l’emergenza al secondo livello, quello immediatamente precedente un attacco in corso.

Da questo provvedimento sembravano esclusi i porti turistici e le marine da diporto che, però, dovevano adeguare i controlli di sicurezza. Marina Cala de’ Medici, in verità, già da tempo ha rafforzato le misure di controllo e prevenzione, attivando tutta una serie di provvedimenti quali 35 telecamere in funzione h24, di cui 25 ad alta risoluzione con infrarossi notturni che controllano l’intera area portuale, un servizio di vigilanza h24 in guardiola d’accesso, di recente implementato da un servizio di vigilanza notturno con personale auto munito, un servizio di presidio fisso esterno alla guardiola d’accesso (uomo in piedi) che indirizza il flusso pedonale ai tre ingressi del Borgo Commerciale dotati di telecamere atte al riconoscimento facciale, personale dipendente presente giornalmente fino alle ore 23.00 e personale preposto alle emergenze presente h24, interdizione completa all’accesso dighe e chiusura notturna del varco sud, dedicato alle sole emergenze e necessità di pubblica sicurezza.

Per quanto riguarda l’implemento del servizio di vigilanza notturno con personale automunito, è stata inoltre appena ultimata la collocazione all’interno di tutta l’area portuale, lungo il percorso di controllo prestabilito, di 11 dispositivi (trasponder) in totale che registrano, mediante apposita scheda in possesso del vigilantes e che viene su di essi appoggiata, l’orario e il passaggio di quest’ultimo ad ogni punto. Le informazioni, in questo modo, vengono acquisite in tempo reale dalla ditta preposta alla vigilanza.

Finnlines: definito dal tribunale l’equo prezzo di acquisto


30 Agosto 2016 - Il Tribunale Arbitrale designato dalla Camera di Commercio di Helsinki ha fissato a € 18,00 l’equo prezzo unitario di riscatto delle azioni della società finlandese Finnlines Plc. La sentenza arbitrale è stata emessa a conclusione del processo di riscatto delle quote di minoranza da parte del Gruppo Grimaldi.

Il numero complessivo delle azioni della compagnia, possedute al 100% dal Gruppo Grimaldi, è 51.503.141. Alla luce della sentenza del Tribunale Arbitrale la market capitalization è di € 927.056.538. Il gruppo Grimaldi ha diramato il 25 Agosto scorso la notizia di aver acquisito il titolo di proprietà delle residue azioni di minoranza della sua controllata finlandese Finnlines. Il 25 Agosto scorso è stato anche l’ultimo giorno di contrattazione del titolo alla Borsa di Helsinki. Con una delle più grandi flotte ro/ro e ro/pax, Finnlines è l'operatore leader nel settore ro/ro e passeggeri nel Mar Baltico e del Mare del Nord offrendo una vasta rete di Autostrade del Mare che collegano Belgio, Estonia, Finlandia, Germania, Spagna, Svezia, Paesi Bassi, Polonia, Regno Unito e Russia. In sinergia con il Gruppo Grimaldi, i servizi della società finlandese sono collegati all’intera rete di servizi Grimaldi e alla costa orientale degli USA tramite Atlantic Container Line.

Imprese, startup da oggi si apre on line inShare


28 agosto 2016 - Startup innovative più facili ed economiche. L'atto di costituzione come società a responsabilità limitata si può fare on line, sulla piattaformastartup.registroimprese.it realizzata da Unioncamere e InfoCamere.

Questa novità rende operativo quanto disposto da un decreto del Ministero dello sviluppo economico il primo luglio che prevede un'opportunità alternativa a quella ordinaria per atto pubblico, una strada che potrà comunque essere scelta qualora si preferisse essere assistiti da un professionista. Il modello standard può essere redatto attraverso software disponibili sul mercato, oppure con il servizio "base" delle Camere di commercio.

Il servizio consente di predisporre per via telematica un atto costitutivo startup in forma di srl in modo semplice e guidato. Il documento informatico firmato digitalmente deve essere presentato per l'iscrizione al registro delle imprese dell'ufficio territorialmente competente, entro 20 giorni dalla sottoscrizione. Un servizio di assistenza online attivo nel periodo iniziale supporterà i futuri startupper nella fase di registrazione dell'atto, compilazione e trasmissione della pratica di Comunicazione Unica al registro delle imprese.

Informazioni e supporto alla costituzione della propria startup si potranno comunque ottenere presso ogni Camera di Commercio. Secondo l'ultimo report trimestrale - realizzato da InfoCamere per il Ministero dello Sviluppo Economico - al 30 giugno scorso erano 5.943 le startup innovative, in aumento di 504 unità rispetto alla fine di marzo. In valore assoluto la Lombardia è la regione che ne ospita il numero maggiore: 1.285, pari al 21,6% del totale. Seguono l'Emilia-Romagna con 703 (11,8%), il Lazio 601 (10,1%).

Guardando al valore della produzione 2014, complessivamente, le startup innovative hanno registrato un fatturato pari a 325,58 milioni di euro e dato lavoro a oltre 31 mila persone delle quali 23.045 sono soci. Sotto il profilo settoriale, il 71,3% delle startup innovative fornisce servizi alle imprese, in particolare come produzione software e consulenza informatica (30%) e attività di R&S (14,8%). Il 18,9% opera invece nell'industria in senso stretto. È da rilevare che sono startup innovative il 24% delle società che operano nell'attività di ricerca e sviluppo.

Inaugurato in Turchia il terzo ponte sul Bosforo


28 Agosto 2016 – Con i suoi 59 metri di larghezza è il ponte più largo del mondo. E’ un primato che fa brillare gli occhi agli imprenditori del mondo della logistica e del trasporto perché in quei 59 metri ci sono più viabilità su gomma (otto corsie) e più ferro (due fasci di binari) di un ponte comune. La nuova infrastruttura dalle dimensioni faraoniche, si pensi alle uniche due torri che sono alte oltre 300 metri, sorge in una posizione assolutamente strategica sulla nuova via della seta all’imboccatura del Mar Nero e sufficientemente lontano da Istanbul per evitarne gli ingorghi di traffico servendo comunque quello che sarà l’aeroporto più grande di quelli europei. Il ponte è parte del più ampio progetto autostradale della Northern Marmara Motorway, che prevede un investimento totale di 4,7 miliardi di dollari.

Area marina protetta Regno di Nettuno


27 agosto 2016 - Nella sede della Capitaneria di porto di Napoli si è svolta ieri la conferenza stampa convocata per fornire un punto di situazione sull’evolversi della gestione dell’Area Marina Protetta Regno di Nettuno. Alla conferenza, presieduta dall’Ammiraglio Arturo Faraone, nella sua qualità di rappresentante legale dell’Area Marina Protetta, hanno partecipato il Direttore dell’Area Marina Protetta, dott. Antonino Miccio, il Direttore della Stazione Zoologica Anton Dohrn, Dott. Vincenzo Saggiomo, il Consigliere Regionale, Dott. Francesco Borrelli, in rappresentanza dell’Assessore Regionale all’Ambiente dott. Fulvio Bonavitacola.

Nel corso della conferenza sono state illustrate le principali linee di attività con particolare riferimento a: - Sottoscrizione Convenzione con l’Area marina Protetta di Punta Campanella: negli ultimi anni il Ministero dell’Ambiente ha adottato delle iniziative per la programmazione e la valutazione delle attività delle Aree Marine Protette e ciò allo scopo di individuare le strategie da perseguire per la governance delle Aree Marine Protette.

A tal fine la Capitaneria di porto di Napoli, di concerto con la Direzione Protezione Natura del Ministero, ha provveduto a sottoscrivere, nel mese di aprile 2016, una convenzione con l’AMP Punta Campanella per assolvere in maniera efficace alle problematiche gestionali e di natura amministrativo contabile. - Convenzione con la Stazione Zoologica di Napoli Anton Dohrn: la gestione delle AMP è basata su processi decisionali in cui le informazioni scientifiche sugli habitat protetti e sui possibili riflessi sull’ambiente naturale hanno un ruolo fondamentale.

Per questo motivo la Capitaneria di porto di Napoli ha strutturato una convenzione con la Stazione Zoologica, anche in virtù di pregresse ed efficaci collaborazioni. L’esecuzione di tale Convenzione è in corso di approvazione da parte del Ministero dell’Ambiente. - Bilancio consultivo del prossimo triennio: Allo scopo di consentire il riavvio delle attività di gestione dell’A.M.P. è stato necessario accertare quali fossero le attività già schedulate, le disponibilità e gli impegni presi dalla precedente gestione. Successivamente si è proceduto alla ricognizione ed accertamento degli avanzi di bilancio ed è stato deliberato il bilancio consuntivo al dicembre 2015.

Ciò ha permesso di regolarizzare la situazione contabile. - Posizionamento boe in zona “A”: nel mese di agosto è stato firmato il contratto per la fornitura e messa in opera dei segnalamenti luminosi di delimitazione della zona A) “secca della catena”. I lavori termineranno nei prossimi 60 giorni. La conferenza è stata la testimonianza di una virtuosa e proficua sinergia interistituzionale che sta favorendo un rilancio dell’Area Marina Protetta.

L’attuale gestione ha consentito, ad oggi, considerando il biennio 2015/2016, di rilasciare n°2034 autorizzazioni, introitare 63.000 euro ed elevare n°70 processi verbali amministrativi per le violazioni relative alla pesca ricreativa e professionale in Area Marina Protetta ed ancoraggio in zona B e C senza le prescritte autorizzazioni.

ICE e UCINA confermano sostegno al salone di Genova


27 agosto 2016 - ICE rafforza il sostegno alla filiera nautica italiana attraverso un articolato programma di supporto al Salone Nautico Internazionale di Genova, di gran lunga la prima vetrina di settore del Mediterraneo, unico evento iscritto nel calendario fieristico internazionale.

 Nell’ambito del Piano Straordinario di Promozione del Made in Italy 2016 varato dal Ministero dello Sviluppo Economico, ICE-Agenzia e UCINA, l’Associazione di categoria di Confindustria, organizzano la visita di diverse delegazioni di operatori e giornalisti di settore. Fitto il programma degli incontri B-to-B con la Missione Operatori, che coinvolgerà i responsabili degli uffici tecnici dei cantieri, uffici acquisti, buyer, distributori internazionali e broker.

Di particolare rilievo la presenza, per la prima volta in Italia, di una delegazione di 15 broker indipendenti della Florida Yacht Broker Association, storica associazione americana che conta oltre 1.200 soci attivi nel settore del commercio di imbarcazioni in uno dei mercati più vivaci in assoluto. Il 21 e 22 settembre gli operatori esteri saranno disponibili per incontrare, presso la Lounge B-to-B dedicata (ubicata nel Padiglione B del Salone), le aziende espositrici italiane che ne faranno richiesta.

Confitarma, raccolta fondi per le popolazioni colpite dal sisma


27 agosto 2016 - Emanuele Grimaldi, presidente della Confederazione Italiana Armatori, facendosi portavoce dell'unanime profondo cordoglio e dello sconcerto dell’industria armatoriale italiana per i drammatici eventi che hanno colpito l’Italia centrale, ha deciso di avviare una raccolta di fondi tra le aziende associate a Confitarma da destinare alle popolazioni vittime del terremoto che ha drammaticamente sconvolto la vita di tante famiglie e distrutto interi paesi del Lazio, delle Marche e dell'Abruzzo.

La destinazione dei fondi raccolti dagli armatori italiani sarà decisa dal prossimo Consiglio Confederale sulla base delle donazioni raccolte, tenendo inoltre presente le esigenze e necessità indicate dalle istituzioni locali. “In questo momento di grave lutto, unendoci al dolore ed alla sentita partecipazione di tutto il Paese, il nostro pensiero va alle numerose vittime del terremoto ed alle loro famiglie a cui giunga il nostro profondo cordoglio. – ha affermato Emanuele Grimaldi – Offriamo coesi la nostra solidarietà di gente di mare ed il nostro aiuto alle popolazioni così tragicamente colpite nei loro affetti familiari, con la speranza di poter contribuire ad affrontare l’emergenza, alleviando il dolore di donne e uomini forti e sinceri”.

Porto di Salerno: 1° approdo per la Disney Magic


27 agosto 2016 - Approderà per la prima volta a Salerno il prossimo lunedì, 29 agosto, la M/N Disney Magic costruita da Fincantieri nel 1998 che, insieme alle MM/NN Disney Wonder, Disney Dream e Disney Fantasy, compone la flotta della compagnia americana Disney Cruises del più grande Gruppo Disney, ponendosi quale alter ego marittimo dei parchi di divertimento terrestri della Disney nel mondo.

La nave, lunga 294 metri, che può ospitare circa 1800 passeggeri e 900 membri di equipaggio, arriverà alla banchina Guaimario del Porto di Salerno di primo mattino, proveniente da Barcellona e diretta a Civitavecchia e vi resterà fino alle 18,15 circa. In tale occasione, il Comandante italiano Marco Nogara, in rappresentanza della Compagnia e gli Agenti Generali Hugo Trumpy s.r.l. con l'Agenzia Marittima Raccomandataria di Salerno Della Corte & C. s.r.l., riceveranno a bordo le Istituzioni ed il Cluster marittimo per la Plaque Exchange Ceremony ed una breve visita della nave.

E’ questa un’ulteriore conferma dell’attenzione che le maggiori Compagnie Crocieristiche Internazionali rivolgono al Porto di Salerno, del quale apprezzano l’organizzazione e la sicurezza, rese possibili dall’instancabile lavoro svolto dagli imprenditori e dalle maestranze che vi operano e che ha consentito all’Autorità Portuale di portare anche quest’anno con orgoglio al Seatrade Cruise Global 2016, svoltosi a Fort Lauderdale lo scorso mese di marzo, l’immagine di un Porto sicuro ed efficiente consentendo di aggiungere una nuova, importantissima perla alla collana dei successi ottenuti dal nostro Porto. Grande soddisfazione per il Presidente Annunziata, il quale evidenzia come, con l’arrivo della Disney Magic, primo di una lunga serie di scali della Compagnia Disney Cruises a partire dal 2017, approdi a Salerno un nuovo tipo di turismo, fatto di bambini e ragazzi ed auspica che ogni futuro scalo, anche in sinergia con il Comune e con le altre Istituzioni cittadine, possa altresì diventare momento di incontro e confronto tra i nostri ragazzi ed i giovani crocieristi di diversa nazionalità che avranno, inoltre, la possibilità di conoscere da vicino le nostre tradizioni, nonché il nostro bellissimo territorio con il suo inestimabile patrimonio culturale ed artistico.

Vard, two cruise vessels for Hapag-Lloyd Cruises


27 August 2016 – Vard Holdings Limited (“VARD”), announced that it has secured contracts for the design and construction of two luxury expedition cruise vessels for German cruise company Hapag-Lloyd Cruises. A Letter of Intent (“LoI”) with respect to the contracts had been announced on 13 May 2016, with reference to an undisclosed international cruise company. Effectiveness of the contracts is still subject to customary financing conditions.

Developed by VARD in close cooperation with Hapag-Lloyd Cruises, the vessels are specially designed for cruises in polar regions in the Arctic and Antarctica, but are also prepared for operations in warm water destinations such as the Amazon. The vessels which will be equipped with state-of-the-art technological features and environmental technology, will have a high standard of facilities and fulfil the highest demands for environmentally friendly and safe operations.

The luxury expedition cruise vessels will be approximately 16,100 gross tons, about 138 meters long and 22 meters wide. Each vessel has seven passenger decks, with accommodation for a total of 240 passengers in 120 cabins and suites. The vessels will also feature a water sports marina and modern spa and fitness areas. The hulls of the vessels will be built by VARD’s shipyard in Tulcea, Romania, and delivery is scheduled from Vard Langsten in Norway in 1Q 2019 and 4Q 2019 respectively. CEO and Executive Director Mr. Roy Reite commented, “We are honored to have been chosen by Hapag-Lloyd Cruises for this project. A leading player like Hapag-Lloyd Cruises placing their trust in VARD’s capabilities to develop these unique, high-end vessels shows the recognition we have quickly earned in this segment of the specialty shipbuilding market.”

Hapag-Lloyd Cruises is a company with a tradition of progress. Owned by TUI AG and based in Hamburg, Germany, the company is the German-speaking region’s leading cruise provider in the luxury and expedition segments. 125 years after inventing the very concept of the cruise, Hapag-Lloyd Cruises continues a tradition of innovation in the cruise market, offering passengers outstanding vessels in their class and exciting expedition experiences worldwide.

La Brexit non deve spaventare i risparmiatori

26 agosto 2016 - Come investire dopo la Brexit? Come prima, ovvero valutando la consistenza dei mercati (che in questi momenti consigliano azioni dell’Eurozona, Giappone, India, oro, settore energetico e dell’acqua). È la risposta, netta anche se apparentemente paradossale, degli esperti che hanno preso parte al secondo incontro di “Economia sotto l’ombrellone 2016”, dal titolo “Come investire dopo la Brexit?”, svoltosi mercoledì 24 agosto al Hotel President di Lignano Sabbiadoro. «Chi per investire si è fatto e si fa condizionare dalla Grexit, dalla Brexit o da qualsiasi possibile exit futura, sbaglia – ha spiegato Gabriele Turissini consulente finanziario e direttore di Investors– perché, in realtà, nelle scelte di investimento di medio periodo i condizionamenti esterni non sono valori. È statisticamente provato che quando le scelte sono fatte in maniera razionale e coerente con gli obiettivi di investimento, gli eventi non fanno la differenza e possono essere sfruttati e non subiti». «I mercati –ha aggiunto Antonio Satta di Franklin Templeton Investments – purtroppo sin dall’11 settembre 2001 si sono abituati alle cattive notizie e alla volatilità. La volatilità dopo la Brexit è durata una giornata e l’unica conseguenza certa sembra l’aumento dell’inflazione inglese che probabilmente ci sarebbe stata comunque, anche se più lenta. Questo conferma che dopo eventi simili bisogna continuare a investire come prima, essendo preparati, avendo idee chiare sul proprio grado di rischio e sulle proprie prospettive di guadagno e, nel caso dei privati, affidandosi a consulenti esperti, perché oggi in finanza non è più possibile il fai da te». «La Brexit, se e quando ci sarà effettivamente –ha dichiarato Mario Fumei, consulente finanziario FinecoBank– potrebbe creare problemi nei rapporti fra Stati, in particolari quelli che hanno un forte interscambio con la Gran Bretagna come la Germania; per questo è probabile che il processo rallenti. Per il momento le conseguenze sono molto soft e gli effetti sui mercati saranno scarsi e si vedranno, forse, solo quando ci sarà l’effettiva richiesta di uscita da parte di Londra».

Il Gruppo Grimaldi completa l’acquisizione di Finnlines


26 Agosto 2016 - Il Gruppo Grimaldi ha acquisito il titolo di proprietà delle residue azioni di minoranza della sua controllata finlandese Finnlines Plc, ottenendo il controllo del 100% delle azioni in circolazione. Di conseguenza, il Nasdaq di Helsinki ha oggi deciso di ritirare il titolo Finnlines dal listino ufficiale della Borsa di Helsinki. Il top management del Gruppo Grimaldi ha deciso di aumentare le quote di azionariato nella società controllata finlandese, portando a pieno compimento un processo di acquisizione iniziato nel 2005, a seguito di un'attenta valutazione delle diverse opzioni di investimento. Nonostante la crisi economica che ha colpito fortemente il settore marittimo dal 2008, nel corso dell’ultimo decennio Finnlines, grazie alla dedizione del suo top management e l'assistenza della società madre, è riuscita a rafforzare le sue prestazioni operative ed economiche razionalizzando la rotazione delle navi, liquidando le attività non-core, restituendo le navi prese a noleggio e dismettendo quelle in esubero, aumentando la produttività e riducendo sempre più il consumo di carburante. Dopo aver investito quasi 1 miliardo di euro in nuove costruzioni green e all'avanguardia, negli ultimi due anni l'azienda ha investito ulteriori € 100 milioni in innovazioni tecnologiche quali scrubbers, sistemi di propulsione, reblading, e pittura siliconica per migliore le performances ambientali della flotta e ridurne il consumo di carburante. Oggi Finnlines ha la flotta più giovane, più moderne ed efficiente nel Mar Baltico. Dal punto di vista finanziario, Finnlines ha registrato record dopo record nel corso dell'esercizio 2015, e per il primo semestre del 2016 ha registrato un EBITDA di 64,7 milioni di euro (+25,6%) e un risultato di 30,5 milioni di euro (+85,9%). Le prestazioni di Finnlines sono state ricompensate con numerosi premi e riconoscimenti. Nel 2015, l'eccezionale performance finanziaria registrata è stata riconosciuta dagli analisti della rivista internazionale Marine Money nella loro pubblicazione annuale sulle compagnie di navigazione quotate, dove Finnlines si è classificata al primo posto nella categoria Return to shareholder. Quest'anno, Finnlines è stata selezionata tra i dieci finalisti per il Ruban d'Honneur nella categoria Environmental & Corporate Sustainability dell’European Business Awards: l'unica compagnia finlandese nella sua categoria. Con una delle più grandi flotte ro/ro e ro/pax, Finnlines è l'operatore leader nel settore ro/ro e passeggeri nel Mar Baltico e del Mare del Nord offrendo una vasta rete di Autostrade del Mare che collegano Belgio, Estonia, Finlandia, Germania, Spagna, Svezia, Paesi Bassi, Polonia, Regno Unito e Russia. In sinergia con il Gruppo Grimaldi, i servizi della società finlandese sono collegati all’intera rete di servizi Grimaldi e alla costa orientale degli USA tramite Atlantic Container Line.

Nautica italiana, quattro nuovi associati


26 agosto 2016 - Amare Group, Bellotti, Maori Yacht e Organizzazione Leasing sono i quattro nuovi associati di NAUTICA ITALIANA, che conta oggi 67 soci, a dimostrazione della crescita significativa e costante dell’Associazione. L’interesse dimostrato conferma la fiducia degli operatori nel progetto di NAUTICA ITALIANA, affiliata a Fondazione Altagamma, che riunisce le eccellenze Made in Italy dell’intero comparto - Industria, Servizi e Territori - e che grazie ai nuovi marchi aumenta ulteriormente la propria rappresentanza del settore. Arrivano così a quota 67 le aziende italiane associate a NAUTICA ITALIANA, che, impiegando nel loro complesso poco meno di 4500 dipendenti diretti e 15.000 operatori dell'indotto, esprimono un valore complessivo della produzione di 1500 milioni di euro (fonte: dati bilanci aziende associate NI) e rappresentano l'80% della produzione italiana di imbarcazioni e il 95% del valore delle esportazioni, voce portante del comparto. “Siamo orgogliosi di dare il benvenuto a questi quattro nuovi soci, che, oltre a rappresentare il costante interesse e la fiducia degli operatori, confermano la solidità del nostro progetto.

Per tutti noi è un ulteriore stimolo a continuare a perseguire la nostra missione di valorizzazione del settore, di cui l’Italia è leader indiscussa” - commenta Lamberto Tacoli, presidente di NAUTICA ITALIANA.

Sulpiter, pianificazione sostenibile della logistica urbana


26 agosto 2016 - Un progetto europeo al servizio delle Pubbliche Amministrazioni per facilitare la governance del trasporto merci urbano in un contesto di sostenibilità ambientale ed energetica. Si chiama SULPiTER – acronimo di Pianificazione sostenibile della logistica urbana per il miglioramento del trasporto merci regionale – ed è stato approvato nell’ambito del primo bando del programma di cooperazione transfrontaliera “Interreg Central Europe 2014-2020” per supportare i policy makers delle aree urbane funzionali di Budapest, Maribor, Brescia, Poznan, Bologna, Stoccarda e Fiume.

Lo scopo è migliorare la comprensione del fenomeno del trasporto merci in una prospettiva di sostenibilità ambientale ed energetica. SULPiTER, partito a giugno 2016 con un budget di quasi 2,5 milioni di euro, vuole incrementare la capacità delle Pubbliche Amministrazioni a sviluppare ed adottare piani urbani della logistica sostenibile (SULPs). L’Unione Europea investe ogni anno milioni di euro per progetti di cooperazione sociale e territoriale, ma spesso solo esperti e policy makers sono coinvolti decidendo come investire i soldi.

Per garantire che le priorità di progetto riflettano i desideri e bisogni del territorio, SULPiTER svilupperà e applicherà strumenti transnazionali per migliorare la comprensione e la governance del trasporto merci urbano e guiderà le autorità nelle loro decisioni politiche, grazie al coinvolgimento di differenti stakeholders privati e pubblici. Grazie a sessioni di training, dedicate anche alle istituzioni che non sono partner del progetto, SULPiTER stimolerà cittadini europei e policy makers affinché possano formulare le loro visioni per il futuro. Il progetto, di cui Unioncamere del Veneto–Eurosportello è coordinatore per la parte relativa alla Building governance in urban freight, interesserà in Italia Veneto, Emilia Romagna e Lombardia.

ABI – Terremoto, invito a sospendere rate finanziamenti


25 Agosto 2016 - L’Associazione Bancaria Italiana, nell’esprimere solidarietà e vicinanza alle popolazioni colpite dal drammatico terremoto, è impegnata per interventi a favore di coloro che si trovano improvvisamente in condizioni di difficoltà per aver subito il danneggiamento o l’inagibilità anche parziale degli immobili e delle strutture dedicate al lavoro.

Al fine di offrire sollievo al grave disagio socioeconomico causato dal sisma, l’ABI, in coerenza con le previsioni contenute nello specifico Protocollo di intesa sottoscritto con la Protezione Civile e le Associazioni dei consumatori lo scorso 26 ottobre, volto ad assicurare ovunque nel Paese equità e tempestività degli interventi a favore delle popolazioni colpite da calamità naturali, sta sensibilizzando i propri associati ad adottare ai residenti nei territori colpiti le previste sospensioni delle rate dei finanziamenti ipotecari collegati agli immobili residenziali, commerciali e industriali che abbiano avuto danneggiamenti anche parziali.

Unione Europea sulla Siria e la situazione ad Aleppo

25 agosto 2016 - L'UE condanna fermamente l'escalation di violenza ad Aleppo, i continui bombardamenti e gli assedi che hanno messo ulteriormente in pericolo la vita di centinaia di migliaia di siriani e stanno ostacolando gli sforzi della comunità internazionale sia per fornire aiuti umanitari che per sostenere una soluzione politica del conflitto. Ricordando che la responsabilità primaria di proteggere il proprio popolo spetta alle autorità siriane, l'UE condanna fermamente tutti gli attacchi contro la popolazione e le infrastrutture civili nonché gli attacchi eccessivi e sproporzionati da parte del regime siriano.

L'UE crede che l'unico modo per porre fine a più di cinque anni di conflitto nel paese sia una transizione politica guidata dalla Siria, sostenuta dal gruppo internazionale di sostegno alla Siria, approvata all'unanimità dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e concordata in colloqui convocati dalle Nazioni Unite.

L'UE continuerà a fare tutto quanto in suo potere per garantire la piena attuazione del comunicato di Ginevra e delle pertinenti risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell'ONU. Non esiste una soluzione militare alla guerra e la continua escalation di violenza ha compromesso seriamente il buon esito del processo.

L'UE sostiene gli sforzi dei copresidenti del gruppo internazionale di sostegno alla Siria e del rappresentante speciale dell'ONU per consentire al più presto la ripresa dei colloqui di Ginevra tra le parti siriane. L'UE è pronta a sostenere pienamente e attivamente questi negoziati, in stretto coordinamento con Staffan de Mistura e i due copresidenti del gruppo internazionale di sostegno alla Siria.

La pace in Siria non sarà possibile senza una vera transizione politica che includa e rappresenti tutta la popolazione. Quando tale transizione sarà iniziata, l'UE e i suoi Stati membri saranno in grado di fornire sostegno immediato alla ricostruzione della Siria e anche di contribuire al ritorno dei rifugiati e degli sfollati interni alle loro comunità.

Mobile Banking su misura del cliente


25 agosto 2016 - Nel Rapporto annuale di ABI Lab la fotografia di come gli utenti percepiscono la banca in “mobilità”. Risparmio di tempo, immediatezza e facilità. Queste le principali prerogative della banca “mobile” percepite dagli utenti, che emergono dal Rapporto annuale sul mobile banking realizzato dal Consorzio ABI Lab in collaborazione con la School of Management del Politecnico di Milano.

La trasformazione digitale in atto negli ultimi anni sta ponendo maggiore enfasi sulla centralità del cliente all’interno dell’offerta delle banche. In questa ottica lo studio ABI Lab-Doxa, contenuto nel Rapporto, studia e descrive la percezione del mobile banking da parte degli utenti più evoluti per comprenderne i reali bisogni e le attese.

Dall’analisi, compiuta su un campione di utenti tra i 25 e i 47 anni, emerge che una delle principali prerogative del mobile banking è il risparmio di tempo: attraverso il canale mobile non è più necessario recarsi in banca e sostenere eventuali code allo sportello e non bisogna neanche avere sotto mano o raggiungere un PC, tutto ciò di cui si necessita si trova in tasca.

Un’altra caratteristica segnalata come fondamentale è l’immediatezza: il mobile banking fornisce la percezione di istantaneità delle operazioni, grazie alla velocità di esecuzione delle applicazioni (App), ad una tecnologia di rete mobile efficiente e alla costante vicinanza del dispositivo mobile.

Segue la facilità: il mobile banking è uno strumento quotidiano e soprattutto comodo, in quanto le App, grazie alla loro essenzialità, permettono di operare in modo semplice, senza dover consultare i lunghi menu dell’home banking. Infine il controllo: avere un’App sempre a portata di mano aumenta la consapevolezza della propria situazione finanziaria e la percezione di controllo sulle attività, grazie alla possibilità di accedere al proprio conto in qualsiasi momento.

Le percezioni emotive associate al mobile banking sono dunque estremamente positive, come dimostrano i termini rilassatezza e soddisfazione che gli utenti associano più frequentemente a questo canale. Per quanto riguarda le attese dei clienti, lo studio sottolinea che per il futuro si auspica l’accesso ai servizi in mobilità in maniera ancora più fluida, veloce e semplice. Tramite la lettura attraverso le impronte digitali o il bulbo oculare, sarà il dispositivo mobile a riconoscere chi lo sta utilizzando, permettendo l’accesso senza la richiesta di ulteriori credenziali.

Il nuovo Oceanemo 33 al Cannes Yachting Festival


25 agosto 2016 - Al prossimo salone nautico di Cannes OCEANEMO presenterà il progetto OCEANEMO 33, fratello minore del celebrato OCEANEMO 44. Una sfida ai limiti dell’impossibile per il cantiere OCEA e per il designer Fulvio De Simoni: riuscire a sintetizzare tutte le caratteristiche di uno Sport Utility Yacht in soli 100 piedi di lunghezza. Il nuovo OCEANEMO 33 è l’unico modello di questa taglia al mondo che può trasportare contemporaneamente al coperto un tender 8 metri armatore, uno di 4,5 mt per l’equipaggio e 2 moto acqua.

 Coniugare la passione per la navigazione con il comfort di un resort moderno e super tecnologico, unito ad un’offerta per l’intrattenimento senza precedenti. Con questo preciso obiettivo OCEANEMO, con il responsabile Aldo Manna e il cantiere francese OCEA, annunciano di essere pronti ad avviare la costruzione del 33 metri disegnato dal noto architetto Fulvio De Simoni e, in occasione del Cannes Yachting Festival 2016, sveleranno in anteprima tutte le caratteristiche di questo progetto. Tutte le caratteristiche dell’ormai famoso Sport Utility Yacht di 44 metri presentato negli scorsi mesi sono state incorporate nel progetto.

Risultato di un percorso progettuale estremamente complesso il nuovo 33 metri, che va ad arricchire la gamma OCEANEMO, è decisamente intrigante. L'obiettivo principale della serie OCEANEMO è quello di offrire il massimo accesso a tutte le possibili attività di divertimento a bordo. Un obiettivo che si traduce in una barca progettata per ospitare water toys, gadget e veicoli per l’esplorazione via terra, mare e aria. Distribuito su 4 ponti, il nuovo OCEANEMO 33 può essere l’unico yacht al mondo progettato per ospitare simultaneamente all’interno di un “hangar” di ben 56 mq, e senza sacrificare spazi interni, un tender di 8 metri ad uso armatoriale, un tender di 4,5 riservato all’equipaggio, 2 wave runner e 4 sea-doo.

Terremoto: immagini, mappe e dati satellitari per i soccorsi


25 agosto 2016 - e-GEOS, società costituita da Telespazio (Leonardo-Finmeccanica/Thales) e dall’Agenzia Spaziale Italiana, leader del team di aziende europee che operano nell’ambito del programma Copernicus (Emergency Management Service – COPERNICUS – Rapid Mapping), dalle prime ore di ieri mattina è stata attivata nei suoi centri operativi di Roma e Matera a supporto delle Istituzioni italiane e della Protezione Civile nella gestione dell’emergenza causata dal terremoto che ha colpito stanotte l’Italia centrale.

Il Centro per le emergenze di e-GEOS è al lavoro per la produzione di mappe e dati di dettaglio delle zone colpite dal sisma, utilizzando tutte le tecnologie disponibili, aeree e satellitari. Tali immagini potranno fornire informazioni sui danni, utili all’attività delle forze impegnate nei soccorsi.

Parte integrante del bouquet dei dati satellitari utilizzati nell’ambito di Copernicus anche la costellazione satellitare COSMO-SkyMed, le cui immagini sono state usate con provata efficacia per il supporto dei soccorsi in precedenti eventi naturali, come il terremoto dell’Aquila nel 2009 e di Haiti nel 2010, il tifone Haiyan che ha devastato le Filippine nel 2013 e in altre situazioni dove la tecnologia radar garantisce immagini anche di notte e con cielo nuvoloso. Copernicus è il programma coordinato e gestito dalla Commissione Europea per dotare l’Europa di una propria capacità di Osservazione della Terra.

Il Centro Spaziale di Matera di e-GEOS è una delle tre stazioni del Core Ground Segment di Copernicus. La società fornisce alla Commissione Europea informazioni geospaziali e mappe satellitari delle aree colpite da emergenze, consentendo la disponibilità alle protezioni civili e alle autorità competenti dei Paesi dell’Unione, e alle Organizzazioni umanitarie internazionali, dei dati necessari alla gestione di eventi catastrofici. Il servizio, operativo 24 ore su 24 e 365 giorni l’anno, ha una capacità produttiva dedicata alle situazioni di crisi (alluvioni, terremoti, incendi, disastri tecnologici) ed è gestito da e-GEOS, alla guida di un consorzio formato dalla controllata tedesca GAF, dalla società italiana Ithaca e dalla francese SIRS, sempre nell’ambito del programma Copernicus.

ABB presents digital grid approach at leading power sector event in Paris


August 24, 2016 – ABB is presenting its digital substation model at the Cigré conference and exhibition, in Paris from August 22-26, 2016, a leading global platform for power experts and a showcase for the latest technology developments in the sector. Digital substations will be a key component of next generation grids as they enable smarter power systems. This innovative technology concept supports the digital transformation of the power sector and reinforces ABB’s Internet of Things, Services and People approach. The entire electricity system is undergoing changes on a scale and pace not seen since its inception. While there is a rapid growth in renewables, which are by nature subject to supply fluctuations, generation is now distributed over a myriad of locations and the traditional model of one-way electricity flows is giving way to multi-directional flows.

This is not only bringing about changes in the transmission infrastructure itself but also the way it is operated, necessitating more intelligent management of supply and demand. This requires sophisticated monitoring, communication and control systems across the power value chain of generation, transmission, distribution, storage and consumption and calls for a smarter power system that makes greater use of digital technologies. Digital substations will play a key role in the power system of the future. They will incorporate digital communications via fiber optic cables, replacing traditional copper connections using analog signals.

They will also enable greater flexibility, availability and safety, while reducing cost, risk and environmental impact. Digital substations will also feature Intelligent Electronic Devices (IEDs) with integrated information and communication technology. An IED is a microprocessor-based protection and control device for power equipment, such as circuit breakers, transformers and capacitor banks.

The increasing amounts of data available in a digital substation will also enable more sophisticated monitoring, diagnostics, protection and optimization of assets. “Digital substations are a key component in shaping the evolving grid and ABB’s latest technology offering in this area will enable customers to optimize their operations” said Claudio Facchin, President of ABB’s Power Grids division. “Facilitating grid automation and the convergence of information and operational technologies are an integral part of our Next Level strategy and ABB’s Internet of Things, Services and People approach.”

ABB’s YuMi collaborative robot named “2016 Best Industrial Robot”


August 24, 2016 - ABB announced that its YuMii® robot solution, the world’s first truly collaborative robot, was honored with a Golden Finger award as one of the best industrial robots of 2016 at the China International Robot Show (CIROS) in Shanghai, China. CIROS is organized by the China Machinery Industry Federation and the China Robot Industry Alliance, and is one of the three largest robot technology events in the world. 2016 was the first year for the Golden Finger awards, which were jointly setup with CIROS and China’s Machinery & Electronics Business newspaper as part of the beginning of the country’s 13th Five Year Plan and Made in China 2025 Strategy. The strategy aims to transform China into a global manufacturing leader; robots will play a key role in improving productivity and shifting the country’s manufacturing focus from being ‘big’ to being ‘strong.’ One out of every four robots sold today is sold in China, which is the world’s leading robotics growth market. According to the International Federation of Robotics, some 68,000 units were sold in China during 2015, which is a 17 percent increase over 2014. In industries such as personal electronics, the need for more customized products and higher quality expectations are changing the nature of manufacturing. Production is shifting from mass producing the same product for a long time to producing small lots of more diverse products for a shorter business cycle. Robots offer the flexibility and agility to remain productive and improve quality while adapting to meet increasingly diverse consumer needs. ABB’s YuMi robot solution was specifically designed to help consumer electronics meet these challenges by unlocking innovative new collaborative manufacturing solutions where people and robots safely work together on shared tasks. “There is an exceptional passion for innovation here in China. ABB is working closely with its customers to help transform their manufacturing and find new ways of unlocking the flexible, efficient ‘factory of the future,’ today. Collaborative automation will certainly play a large part in this journey,” said Sami Atiya, President of ABB’s Discrete Automation and Motion division. “It’s a great honor for ABB to receive this recognition here in China and among distinguished peers at of the world’s most important robot technology events.”

Mercedes-Benz: presentato il primo camion elettrico


24 agosto 2016 - Dopo aver trasformato il settore automotive negli anni scorsi, l’efficienza della mobilità sostenibile sta per compiere un cambiamento epocale anche nel comparto dell’autotrasporto con un’innovazione che non ha precedenti: il primo camion elettrico adibito a trasporto merci. Si chiama Mercedes-benz urban etruck, non inquina ed è in grado di sfoggiare le stesse prestazioni di un normale veicolo diesel. Queste, in sintesi, le caratteristiche di un mezzo vero e proprio fiore all’occhiello della casa automobilistica tedesca.

Ma procediamo con ordine. Urban eTruck è il primo camion interamente elettrico capace di raggiungere le 26 tonnellate a pieno carico e di garantire un’autonomia di 200 Km con una ricarica. Pochini per un mezzo pesante, penseranno in molti, ma certamente parliamo di un punto di partenza importante. Esso, infatti, è stato concepito proprio per alleggerire la morsa dell’inquinamento acustico e atmosferico nei grandi centri urbani dove, stando alle previsioni dell’Onu, si concentrerà il 70% della popolazione mondiale entro il 2050, anno in cui ad abitare il pianeta saremo in 9 miliardi.

Dal punto di vista tecnico, si tratta di un autocarro a tre assi con un asse posteriore ad azionamento elettrico, la cui alimentazione è resa possibile da tre accumulatori agli Ioni di Litio. Un sistema quindi estremamente sostenibile che assicura zero emissioni e bassissima rumorosità. Tuttavia, la produzione in serie comincerà non prima del 2020, quando cioè si prevede di avere a disposizione motori più potenti e batterie elettriche più economiche. Anche se destinato inizialmente allo smistamento delle merci nelle città, l’obiettivo prefissato è quello di estendere la sua funzionalità a tutto il trasporto su strada, incluso il trasporto autoveicoli per il quale un’innovazione di tale portata sarebbe fondamentale soprattutto in chiave costi d’esercizio, senza dimenticare i benefici che conseguirebbe lo stato di salute dello stesso pianeta.

Royal Caribbean announces longest-ever Singapore season


August 24, 2016 – Asia’s largest cruise ships Ovation of the Seas, Mariner of the Seas and Voyager of the Seas will be back in Singapore from this October to next May to offer Royal Caribbean International’s longest-ever homeporting season here, which will run for eight months totalling 55 cruises and expected to bring an estimated 200,000 guests to ports in Southeast Asia. The deployment of these three ships will increase Royal Caribbean’s capacity in 2017 in Southeast Asia by 30 per cent over 2016. To kick start the season is Mariner of the Seas from this October with 39 sailings until next March, ranging from three to seven nights to popular destinations such as Penang, Langkawi, Kuala Lumpur (Port Klang), Phuket, Bangkok (Laem Chabang) and Ho Chi Minh City (Phu My). The new itineraries for the season are the 3-night Penang Weekend Cruise which will feature night touring and the 4-night Phuket Cruise. Other highlights of Mariner of the Seas are the festive cruises for Christmas and New Year in December and Chinese New Year in January 2017 which come with special entertainment, decorations and feasts onboard. Theme cruises are also being lined up such as the Salsa Cruise this December featuring renowned international salsa dancers and the second Cosfest Sea Cruise next February where guests can look forward to a cosplay themed parade, anime party and treasure hunt. Asia’s largest and newest ship Ovation of the Seas which was in Singapore in June, will be back in March to April 2017 with a total of 10 new sailings, comprising three to five nights to Penang, Phuket, Bangkok (Laem Chabang) and a 12-night one-way cruise to Tianjin with calls at Ho Chi Minh City (Phu My) for an overnight, Hue/Danang (Chan May), Hong Kong and Seoul (Incheon). Ovation of the Seas alone is expected to add some 42,000 additional guests to the Singapore cruising scene, and delivering millions through in-port spend. Following this will be Voyager of the Seas returning in May 2017 to offer six sailings of three to five night Southeast Asian itineraries to Kuala Lumpur (Port Klang), Penang, Phuket and an 8-night one-way cruise to Hong Kong, with stopovers at Bangkok (Laem Chabang) for an overnight, Ho Chi Minh City (Phu My) and Nha Trang.

La sussidiaria austriaca di Eurowings si rafforza a Salisburgo


24 agosto 2016 - Eurowings rafforza la sua presenza in Austria. Dopo aver posizionato 3 aeromobili a Vienna è ora pronta a servire con un nuovo aeromobile la città austriaca di Salisburgo a partire da gennaio 2017. Volando dal Salisburghese, Eurowings Europe, con licenza di volo austriaca, offrirà voli low-cost con i migliori servizi del settore verso le città di Bruxelles, Ginevra, Amburgo, Colonia/Bonn, Parigi e Zurigo con aeromobile Airbus A320. Bruxelles, Ginevra, Amburgo, Parigi e Zurigo sono nuove destinazioni del network di Eurowings, Colonia/Bonn invece è già parte dell’operativo dell’aeroporto di Salisburgo. Sotto l’ombrello del gruppo Eurowings, la compagnia austriaca ha iniziato le operazioni da Vienna con il suo primo aeromobile il 23 giugno. Il reclutamento dei piloti e degli assistenti di volo per Salisburgo è attualmente in corso. Sin dal primo giorno Eurowings Europe sta creando nuovi posti di lavoro nella quarta città più grande dell’Austria. A partire da gennaio 2017 Eurowings volerà da Salisburgo a Zurigo sei volte alla settimana, verso Ginevra e Amburgo tre volte alla settimana, verso Bruxelles quattro volte alla settimana e verso Parigi cinque volte alla settimana. Il numero dei collegamenti con Colonia/Bonn sarà incrementato fino a raggiungere le sette volte a settimana. Le nuove rotte saranno prenotabili a partire da settembre sul sito internet www.eurowings.com o tramite call center al numero 199 257 013. Alla fine di luglio 2016, un secondo Airbus A320 è stato posizionato a Vienna, un terzo aeromobile si aggiungerà alla flotta alla fine del mese di ottobre. Eurowings Europe offrirà così 15 diversi collegamenti dalla città di Vienna. A partire da gennaio 2017 altre sei rotte, operate da un quarto aeromobile, saranno introdotte da Salisburgo. Eurowings amplierà in questo modo il traffico aereo da e verso l’Austria.

Panama Canal Administrator updates customers on expanded canal operations


August 23, 2016 - Following the Expanded Panama Canal’s first month of operations, the Panama Canal Administrator Jorge L. Quijano presented representatives of shipping lines and shipping agents with an update on the operations of the Expanded Canal, ensuring customers about the safe operation of the new locks.
“We are very pleased with the first month of activity at the Expanded Canal - said Mr. Quijano - We have the highest esteem for our customers, and we are glad that they have decided to come on board to be part of the newly expanded Canal.” 
The Administrator explained to those in attendance that more than 70 vessels have transited since the Expanded Canal’s opening, with only a minor incident taking place. During the meeting, customers reiterated their confidence and satisfaction with the levels of safety and service offered by the Panama Canal, and Mr. Quijano echoed the Canal’s commitment to safety and the training of its highly-skilled workforce. Since the Canal’s transfer of ownership on December 31, 1999, the Panama Canal Authority has implemented a number of measures to greatly improve the Canal’s efficiency and safety, thereby increasing customer confidence.

 Just last year, in FY 2015, the Canal achieved a 0.1% incident rate, while also transiting a record amount of cargo tonnage. Representatives of shipping lines MOL, Maersk, MSC, Hamburg Sud, Wallenius Wilhelmsen Logistics and China COSCO Shipping were in attendance, as well as shipping agents Wilhemsen Ship Service, Norton Lilly International, Continental Agencies S.A., Hyundai Merchant Marine Co., Unigreen Marine S.A., Boyd Steamship Corporation, Associated Steamship Agents, S.A., and C. B. Fenton. “We look forward to setting more milestones and making more progress to meet and exceed our customers’ expectations and the quality of service they have come to expect at the Panama Canal,” said the Administrator. “Our commitment to our customers and the maritime industry is paramount.”

Collaborazione tra Ap Salerno, Uniparthenope-Disaq, C.i.e.l.i. e Mar.te. Sea-land logistics


23 agosto 2016 - È stato siglato l’accordo quadro tra l’Autorità Portuale di Salerno, il Dipartimento di Studi Aziendali e Quantitativi (DISAQ) dell’Università degli Studi di Napoli Parthenope, il Centro Italiano di Eccellenza sulla Logistica Integrata (C.I.E.L.I.) dell’Università degli Studi di Genova e il Consorzio MAR.TE. Sea-Land Logistics. La collaborazione è finalizzata allo sviluppo comune di attività di ricerca scientifica e innovazione nei settori della portualità e della logistica integrata mare-terra.

In particolare, l’accordo di programma stipulato consentirà di sviluppare:
1. Progetti scientifici di ricerca industriale ed applicata, nazionali ed internazionali congiunti;
2. Conferenze e workshop congiunti sulle attività tecniche svolte, anche allo scopo di orientamento professionale;
3. Stage didattici e svolgimento di tesi di Laurea di primo e secondo livello volti all’approfondimento di aspetti tecnico-scientifici;
4. Corsi di formazione su tematiche di comune interesse.

L’accordo valorizza appieno l’importanza, attribuita dalla recente riforma della portualità in Italia, della collaborazione tra Enti di ricerca, Università e Autorità di Sistema Portuali. Inoltre, esso rappresenta un’importante opportunità di scambio per tutti i partner, mediante la quale il Porto di Salerno - tra i più attivi ed efficienti Porti nel panorama del Mediterraneo - potrà rafforzare ancor più la sua capacità progettuale, strategica e gestionale, con l’obiettivo di affrontare e anticipare sfide di sostenibilità ambientale ed energetica e rafforzare il suo ruolo di mercato.

E’ necessario evidenziare che l’efficientamento gestionale e organizzativo del nodo logistico, elemento cardine delle supply-chain, genera indubbi vantaggi non solo economici, con minori costi e minor richieste in termini energetici, ma soprattutto induce minori emissioni in atmosfera di elementi inquinanti, condizione necessaria in tema di sostenibilità ambientale.

Ciò grazie alle competenze ed al know how e alla consolidata esperienza di ricerca nel settore messe a disposizione dal DISAQ-UniParthenope, dal Consorzio MAR.TE. e dal C.I.E.L.I., che a loro volta potranno beneficiare della possibilità di analizzare un case study di successo, sperimentando soluzioni tecnologiche innovative e implementando modelli manageriali sull’area portuale di Salerno.
“Si completa in tal modo un vasto programma per il migliore collegamento mare-terra – ha dichiarato il Presidente Annunziata – Collegamenti con le aree interne pronte al decollo economico in sinergia con il Porto e le altre infrastrutture dei trasporti; collegamenti e trasporti più sicuri e più rispettosi dell’ambiente”.

Panama Canal celebrates 102nd anniversary


August 23, 2016 - The Panama Canal celebrated 102 years of successful operations and service to the global maritime community, just one day after welcoming its 100th transit through the Expanded waterway. The two milestones punctuate a year for the Canal which has already been marked by a number of notable achievements.

Less than two months following the Expanded Canal’s historic June 26 Inauguration, the Neopanamax vessel Hanjin Xiamen became the 100th vessel to transit the new locks, passing through the Canal on the morning of Sunday, August 14. The Panama-flagged containership, which measures 294 meters in length and 40 meters in beam, made its northbound transit from the Pacific to Atlantic Ocean, destined for New York.

To ensure the continued reliability of the Canal over the past 102 years, constant maintenance of the original locks has been crucial. And, for that reason, the Panama Canal has invested more than $3.3 billion in improvements of the original waterway in the past 17 years alone. Some of these investments include: Upgrades to its locomotive fleet and tracks; Installation of new tie-up and mooring stations to allow additional Panamax vessels to transit, adding tens of millions of tons to the Canal’s annual capacity; Deepening of all of the lake channels, increasing draft reliability; Replacement of high mast lights in the locks to provide better illumination and extend daylight-hour transits; Investments in the Canal’s tugboat fleet that grew from 20 units in year 2000 to 46 new modern units that have been equipped with greater maneuverability, power and technology; And, more precise aids to the Canal’s navigation and vessel tracking system.
“All of these investments were carried out with the purpose of providing greater reliability, safety and improved transit times,” said Panama Canal Administrator and CEO Jorge L. Quijano. “After 102 years, the Panama Canal is rejuvenated thanks to the beginning of operations of the Expanded Canal, ongoing maintenance of its original infrastructure, and the commitment of its workforce of 10,000 talented men and women who make this route one of the main arteries of world maritime trade.” 
These investments have also allowed the Panama Canal to grow the total amount of tonnage it handles each year, from 228 million Panama Canal tons (PC/UMS) in 1999, to a record-breaking 340.8 million PC/UMS last year—a 50 percent increase. It is expected that the Panama Canal will continue to increase its annual tonnage during the next five years to approximately 524 million PC/UMS.

S&p global ratings affirms Panama Canal’s ‘a-‘ rating


August 23, 2016 - Standard & Poor’s (S&P) Global Ratings affirmed its ‘A–’ long-term corporate credit and debt ratings of the Panama Canal Authority (ACP), reiterating the credit rating agency’s trust in the management, operation and investments of the Panama Canal. In their research update issued on August 4, 2016, S&P Global Ratings stated that the ACP’s operating and financial performance remained in line with S&P’s expectations.

The ratings affirmation reflects S&P’s expectation that following the Expansion, the ACP will benefit from sustainable traffic growth levels in the upcoming years amid a growing global economy and the Canal’s larger capacity. “We expect the Panama Canal operator to maintain its exceptionally strong competitive position, because it’s the most economical and time-saving option for trade routes between Americas, Asia, and Europe,” read the S&P Global Ratings Research Update.
“The affirmation also reflects our expectation due to a very stable and predictable cash flow generation, which we attribute to the consistency of demand for the ACP’s services.” In addition, S&P Global Ratings kept the ACP’s ” stand-alone credit profile (SACP) unchanged, stating that the outlook on the corporate credit rating remains stable.S&P Global Ratings noted that this outlook reflects that the ACP will generate relatively stable annual earnings before interest, taxes, depreciation, and amortization (EBITDA) in the next two years that should allow it to post very strong credit metrics.

The Global Ratings come just over one month after the Inauguration of the Panama Canal Expansion Program. Since then, 88 vessels have transited the Expanded Canal, and 266 reservations have been received. The significant demand shown by the maritime industry reinforces the need for the Expansion, its future potential, and the benefits it brings to global commerce and the world’s consumers.

Prezzi al consumo


22 Agosto 2016 - Nel mese di luglio 2016, l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,2% su base mensile e una diminuzione dello 0,1% su base annua (era -0,4% a giugno), così come risultava dalla stima preliminare.

Il ridimensionamento della flessione su base annua dell'indice generale è principalmente dovuto all’accelerazione della crescita dei prezzi degli Alimentari non lavorati (+1,5%, da +0,7% di giugno), dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (+0,8% da +0,4%) e dei Servizi relativi ai trasporti (+0,7%, da +0,2%); inoltre, si riduce il calo dei prezzi degli Energetici regolamentati (-5,9% da -6,8%).

Il persistere della diminuzione dei prezzi dei Beni energetici (-7,0% rispetto a luglio 2015), sebbene meno ampia di quella registrata a giugno (-7,5%), continua a spiegare la seppur contenuta flessione tendenziale dei prezzi al consumo a luglio. Al netto di questi beni l'inflazione risulta positiva e accelera rispetto a giugno (+0,6%, da +0,4%). Anche al netto degli alimentari non lavorati e dei beni energetici l'"inflazione di fondo", accelera e si porta a +0,6% (da +0,5% di giugno). L'inflazione acquisita per il 2016 è pari a -0,1% (era -0,2% a giugno).

L'aumento dell'indice generale dei prezzi al consumo rispetto a giugno è dovuto principalmente a fattori stagionali che determinano la crescita congiunturale dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (+2,5%) e dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (+0,7%). I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona diminuiscono dello 0,7% su base mensile e aumentano dello 0,4% su base annua (da +0,2% di giugno).

I prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto diminuiscono dello 0,4% in termini congiunturali e registrano, in termini tendenziali, una flessione pari a -0,1% (era -0,2% a giugno).

Stima preliminare del Pil


22 agosto 2016 - Nel secondo trimestre del 2016 il prodotto interno lordo (PIL), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2010, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è rimasto invariato rispetto al trimestre precedente ed è aumentato dello 0,7% nei confronti del secondo trimestre del 2015. Il secondo trimestre del 2016 ha avuto una giornata lavorativa in più del trimestre precedente e una giornata lavorativa in più rispetto al secondo trimestre del 2015. La variazione congiunturale è la sintesi di un aumento del valore aggiunto nei comparti dell'agricoltura e dei servizi e di una diminuzione in quello dell'industria. Dal lato della domanda, vi è un lieve contributo negativo della componente nazionale (al lordo delle scorte), compensato da un apporto positivo della componente estera netta. Nello stesso periodo il PIL è aumentato in termini congiunturali dello 0,6% nel Regno Unito e dello 0,3% negli Stati Uniti, mentre ha segnato una variazione nulla in Francia. In termini tendenziali, si è registrato un aumento del 2,2% nel Regno Unito, dell'1,4% in Francia e dell'1,2% negli Stati Uniti. Nel complesso, secondo la stima diffusa il 29 luglio scorso, il PIL dei paesi dell'area Euro è aumentato dello 0,3% rispetto al trimestre precedente e dell'1,6% nel confronto con lo stesso trimestre del 2015. La variazione acquisita per il 2016 è pari a +0,6%.

Antitrust sanziona il gruppo Volkswagen per 5 mln di euro


22 agosto 2016 - La pratica riguarda la commercializzazione sul mercato italiano, a partire dall’anno 2009, di autoveicoli diesel (con codice identificativo EA189 EU 5) la cui omologazione è stata ottenuta attraverso l’utilizzo di un software in grado di alterare artificiosamente il comportamento del veicolo durante i test di banco per il controllo delle emissioni inquinanti. Ciò al fine di fornire un risultato delle emissioni ossidi di azoto (NOx) più basso di quello ottenibile nella modalità che invece si attiva nel normale utilizzo del veicolo su strada. L’Autorità ha ritenuto tale condotta scorretta ai sensi del Codice del Consumo poiché gravemente contraria agli obblighi di diligenza professionale e idonea, altresì, a falsare in maniera rilevante il comportamento economico dei consumatori, inducendoli ad assumere una scelta di consumo che non avrebbero altrimenti preso qualora consapevoli delle reali caratteristiche dei veicoli acquistati. L'Autorità ha parimenti ritenuto scorretta la presenza, in vari cataloghi informativi diffusi dal Gruppo, di specifici green claims e messaggi pubblicitari che attribuiscono al produttore una particolare sensibilità ambientale o una specifica attenzione al livello delle emissioni inquinanti delle proprie autovetture. Secondo l'Antitrust tali messaggi, alla luce di quanto emerso nel corso del procedimento, sono suscettibili di indurre in errore i consumatori, con riferimento alla vocazione ambientale, alla responsabilità sociale rivendicata dal produttore, nonché alle affermazioni del rispetto delle normative vigenti in materia.

ABS Fills Methodology Void with Dynamically Installed Piles Guidance Notes

21 Agosto 2016 - ABS has published Guidance Notes that includes the first industry best practices on design methodology for dynamically installed piles. The new ABS Guidance Notes on Design and Installation of Dynamically Installed Piles provides a better understanding of the geotechnical and structural performance of piles, enabling engineers to develop safe and efficient pile designs.

Dynamically installed piles are finned piles designed to be released from 20 to 100 m above the seabed and reach velocities from 20 to 25 m/s before self-embedment. The tip penetration is expected to be two to three times the pile length with holding capacity after consolidation ranging from three to six times the pile weight. By referring to the Guidance Notes, engineers are able to minimize uncertainties using methodology that incorporates strain rate and inertia drag for pile design and installation.
 “With installation and procurement costs for conventional foundation technologies increasing with water depth, dynamically installed piles become a more attractive option,” says ABS Chief Technology Officer Howard Fireman. 
“Our role at ABS is to use the results of our research to help industry understand deployment considerations fully so installations can be carried out more safely.” Ken Richardson, ABS Executive Vice President, Global Offshore, adds: “A deeper understanding of pile performance will permit safer installations, which will facilitate the wider use of dynamic piles in deep water. This is why ABS developed the industry’s first Guidance Notes to address this issue.”

Italia e Case in Legno: un mercato che è pronto a decollare


21 agosto 2016 - Secondo alcune recenti statistiche, diffuse dal Transparency Market Research, il mercato della bioedilizia vale oltre 105 miliardi di dollari, con tassi di crescita annuali del 19%. Abbracciando il mattone sostenibile, in effetti, il risparmio in bolletta è notevole (più dl 20%) con il conseguente taglio netto delle emissioni di Co2 e, per un paese come l’Italia in cui i consumi energetici degli edifici incidono per il 40% sulla spesa in bolletta, questi dati non sono certamente da sottovalutare.

Stando a una successiva ricerca promossa da I-Com, Enea e Fiaip sull’andamento della compravendita degli immobili ad alta efficienza energetica, il mercato delle abitazioni in classi superiori (A e A +) sono in salita del 10%, acquistando circa il 4% in più rispetto alle stime del 2013. Sebbene le indagini siano incoraggianti, l’edilizia green made in Italy si muove ancora lentamente rispetto al resto dei paesi industrializzati, complici quel legame che tiene ben stretti gli italiani alle vecchie tradizioni e una diffidenza inspiegabile verso il mercato delle case prefabbricate in legno.

La spiegazione di così tanta cautela nell’investire bio, tuttavia, andrebbe ricercata altrove, ovvero in un’eterogeneità di informazioni che confondono gli utenti, lasciandoli spaesati. L’anello mancante allo sviluppo dell’edilizia biosostenibile Proprio per far luce sulle tante perplessità degli italiani nei riguardi delle case di legno, e più in generale sul mercato della bioedilizia, stanno sorgendo portali web dedicati a questo settore, come Immobilgreen.it. Fondato dall’imprenditore romano Fabio Tantari, il portale si configura come il ponte virtuale fra gli operatori immobiliari che confluiscono nel campo delle costruzioni biosostenibili e gli utenti in cerca di una maggior chiarezza nell’ancora poco chiaro ambito delle case in legno.

Commercio con l’estero


21 agosto 2016 - A giugno 2016 le esportazioni registrano un lieve calo congiunturale (-,4%) mentre le importazioni (0,0%) risultano stazionarie. Il surplus commerciale è di 4,7 miliardi, ampiamente superiore a quello di giugno 2015 (+2,8 miliardi). La lieve flessione congiunturale dell'export è la sintesi di un calo delle vendite verso i mercati Ue (-0,9%) e di un aumento di quelle verso i paesi extra Ue (+0,3%).

I beni di consumo (-1,3%) e i beni intermedi (-1,2%) sono in diminuzione, mentre i prodotti energetici (+4,7%) e i beni strumentali (+0,8%) risultano in crescita. Nel secondo trimestre 2016, rispetto al trimestre precedente, l'aumento delle esportazioni (+2,4%) è superiore a quello delle importazioni (+1,8%). La crescita dell'export è determinata da entrambe le aree di interscambio: +2,9% per l'area extra Ue e +2,1% per l'area Ue.

I prodotti energetici registrano l'espansione più consistente (+15,2%). A giugno 2016 la flessione tendenziale dell'export (-0,5%) è da ascrivere esclusivamente all'area extra Ue (-2,8%), mentre l'area Ue (+1,3%) risulta in crescita. Le vendite di prodotti petroliferi raffinati (-34,7%) sono in forte diminuzione mentre le esportazioni di mezzi di trasporto, autoveicoli esclusi (+11,9%) e di prodotti dell'agricoltura, della silvicoltura e della pesca (+8,1%) contrastano il calo tendenziale dell'export.

A giugno 2016 le esportazioni verso paesi MERCOSUR (-18,2%), Turchia (-12,6%) e Belgio (-11,2%) registrano un significativo calo tendenziale. Si segnala l'aumento delle vendite verso il Giappone (+17,0%). A giugno 2016 la diminuzione tendenziale dell'import (-6,1%) è determinata principalmente dall'area extra Ue (-13,0%) e dagli acquisti di prodotti energetici (-27,6%). Nel primo semestre l'avanzo commerciale raggiunge 23,3 miliardi (+35,5 miliardi al netto dei prodotti energetici). Si rileva un aumento tendenziale dei volumi per entrambi i flussi: +4,1% per l'import e +0,7% per l'export.

I dati Eurostat disponibili per i primi cinque mesi dell'anno indicano per le esportazioni italiane un tasso d'incremento rispetto allo stesso periodo del 2015 pari allo 0,1%, identico a quello dell'Area euro. Il contributo dell'Italia alle esportazioni dell'Area euro è stabile (11,1%), mentre sono in aumento quelli di Germania (da 32,0% a 32,5%), Francia (da 12,2% a 12,3%) e Spagna (da 6,8% a 7,0%).

La conoscenza dei dati economici da parte dei consumatori italiani

21 agosto 2016 - L'Istat presenta i risultati sulla conoscenza dei principali indicatori economici (Pil, inflazione e disoccupazione) espressa dai residenti e rilevata con un modulo ad hoc dell'indagine campionaria mensile sulla fiducia dei consumatori (mese di aprile 2016). Nel 2016, la quota di persone maggiorenni in grado di esprimere un valore quantitativo sull'andamento del Pil aumenta in modo consistente (71,8% contro il 63,7% del 2015), cresce soltanto dal 33,9% al 35,1% in merito all'inflazione e si riduce per il tasso di disoccupazione (dal 61,9% al 52,6%).

Nel 2016 diminuisce da 0,5 punti a 0,2 la differenza tra il valore medio dell'andamento del Pil dichiarato dai rispondenti (+0,6%) e la sua misura ufficiale, riferita all'anno precedente (+0,8%). Resta invece elevato il grado di approssimazione espresso per l'andamento dell'inflazione: la media dichiarata (+3,8%) è ancora molto distante dal dato ufficiale (-0,2%, riferito a marzo 2016). Tra quanti non hanno fornito un'indicazione puntuale, il 41,6% ha sentito parlare dell'argomento, mentre il 19,5% sostiene di non aver avuto questa opportunità. I rispondenti che esprimono una valutazione della misura del tasso di disoccupazione, lo fanno in modo più accurato, ma rispetto al 2015 sono in numero inferiore.

La differenza tra il dato ufficiale (riferito al mese di marzo 2016) e il dato medio rilevato passa dai sette punti percentuali del 2015 a meno di tre punti nel 2016. Nel 2016 si fa meno ricorso ai principali mezzi di informazione per conoscere i dati socio-economici del Paese rispetto al 2015. Calano le percentuali di coloro che si servono della televisione (78,4%, contro l'81,1% del 2015), delle informazioni trovate sul web (45,9%, contro il 48,8%) e dei giornali (44,1%, dal 46,7%), ma aumentano (dal 20,0% al 20,7%) i fruitori della radio. Altre fonti di informazione sono le discussioni con parenti e amici (10,6%), le pubblicazioni specializzate e scientifiche (6,2%) e i discorsi di personalità influenti del mondo politico ed economico (4,8%).

First A330-300 Regional to Saudi Arabian Airlines


21AUGUST 2016 - Saudi Arabian Airlines, the national carrier of Saudi Arabia, has taken delivery of its first A330-300 Regional, making it the launch customer for this new member of the versatile and successful A330 family.

The aircraft is the first of the 20 A330-300 Regional aircraft ordered at the 2015 Paris Airshow, and joins Saudi Arabian Airlines’ existing Airbus fleet of 12 A330-300s and 50 A320 Family aircraft. Specially optimized for regional and domestic operations, the A330-300 Regional will boost capacity on several of Saudi Arabian Airlines’ most in-demand routes, enabling the airline to generate additional efficiencies while offering its passengers an unprecedented comfort level.

The A330-300 Regional also represents the lowest-cost alternative and easiest fleet addition due to its high commonality with the A330s already operated by Saudi Arabian Airlines. Saleh bin Nasser Al-Jasser Director General Saudi Arabian Airlines, said:
“We are excited to welcome the first A330-300 Regional to our fast expanding Airbus fleet. It is a step forward in recognising our commitment to a family of aircraft which has contributed immensely to our market growth. The advantage of operating the new regional version of such a popular aircraft with proven operational flexibility and lowest cost per seat means unbeatable economics for our business and our customers.” 
Saudi Arabian Airlines will lease the A330-300 Regional fleet from the International Air Finance Corporation (IAFC), a leading lessor in the Middle East.

A Marina D’Arechi è l'estate dei grandi yacht


21 Agosto 2016 - E’ entrata nel vivo la stagione 2016 dei grandi yacht a Marina d’Arechi. Sono, infatti, ben 10 le imbarcazioni superiori ai 40 metri che hanno ormeggiato, alternandosi negli ultimi due giorni al nuovo pontile C, dedicato proprio ai maxi yachts. Si tratta di prestigiose navi da diporto battenti le bandiere piu' affermate in questo speciale segmento della navigazione internazionale: Regno Unito, Isole Cayman, Channel Islands, Malta e Italia. Tra queste, hanno spiccato per il design innovativo lo yacht CRAZY ME e per eleganza lo yacht ANNA G.

Entrambe le imbarcazioni di 50 metri di lunghezza sono state realizzate dal famosissimo cantiere olandese Heesen Yacht, che ha varato nel 2013 la prima e nel 2015 la seconda, con una assoluta personalizzazione progettuale. Il palmares di più grande imbarcazione ormeggiata nella settimana di Ferragosto spetta al super yacht IRIMARI, di bandiera inglese, con i suoi 63,1 metri di lunghezza per 11,45 di larghezza.
“Il 70% dei superyacht mondiali in estate naviga nel Mediterraneo” - ha commentato il Presidente Agostino Gallozzi - “Marina d’Arechi si candida a diventare una meta privilegiata per quanti vogliano farsi conquistare dal fascino del Golfo di Salerno, a poche miglia di navigazione da luoghi conosciuti e apprezzati in tutto il mondo. L’unico modo per conquistare questi armatori esigenti è coniugare un’offerta infrastrutturale eccellente, un elevato standard di qualità in termini di servizi, un contesto territoriale di assoluta eccellenza. La presenza in pochi giorni di ben 10 imbarcazioni di grandi dimensioni è la prova che Salerno, inserita in scenari naturali tra i più apprezzati d’Italia, molti dei quali "patrimonio dell'umanità" censiti dall'Unesco, può ben competere con gli altri marina del Mediterraneo e rappresentare un valore aggiunto importante per l’offerta italiana di posti barca”. 
Con il completamento dei pontili, Marina d’Arechi offre complessivamente 90 posti barca tra i 30 e i 130 metri, diventando così uno dei maggiori approdi nel segmento delle navi da diporto.
 “Abbiamo immaginato Marina d’Arechi come un grande hub nel Mediterraneo” – ha aggiunto Gallozzi - “e le presenze di questa estate, in crescita del 30%, ne sono la prova. Noi continuiamo a lavorare per rispondere alle richieste di clienti provenienti dalla nostra Città, dalla nostra Regione e da ogni parte d’Italia e del Mondo, che posseggano imbarcazioni a vela o a motore, grandi o piccole. Perché è la grande flessibilità e professionalità del nostro staff la chiave del nostro successo, attestate dai riconoscimenti dei 5 timoni RINA e della Bandiera Blu. Insieme, ovviamente, allo splendido scenario che la Costiera ci offre ogni giorno”.

Top