ads

------------------------------------------------------------------------------------------------

Translate

Slider[Style1]

Style3(OneLeft)

Style3[OneLeft]

Style3[OneRight]

Style4

Style5

Assemblea Pubblica ANFIA


17 dicembre 2017 - Automotive 4.0: trasformazione digitale e nuove competenze” sarà il tema del convegno che si terrà Lunedì 18 Dicembre 2017 – ore 10.30 a Napoli presso il Castel dell’Ovo (Sala Italia) durante l’assemblea pubblica della ANFIA Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica.

Il programma prevede interventi di Luigi de Magistris, Sindaco del Comune di Napoli; Aurelio Nervo, Presidente di ANFIA; Paolo Scudieri, Presidente di ANFIA Automotive e Adler Group; Marco Maria Monti, Presidente Automotive and Discrete Group di ST Microelectronics; Gaetano Manfredi, Rettore dell’Università Federico II di Napoli; Alberto Dal Poz, Presidente di Federmeccanica; Vincenzo De Luca, Presidente della Regione Campania; Claudio De Vincenti, Ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno.

Il Corridoio del Brennero per connettere l’Italia

17 dicembre 2017 – “E’ veramente un onore e un piacere essere qui a parlare di uno dei progetti che farà la storia dell’Italia e dell’Europa intera. In questi anni si è messa in moto una programmazione e una progettazione infrastrutturale e dei trasporti denominata “Connettere l’Italia”. Questo programma ha una visione delle connessioni del sistema Paese verso l’Europa e all’interno del Paese stesso. Si parla di sostenibilità per connettere l’Italia, in senso di sostenibilità ambientale, sia a livello globale che a livello di polluzione locale, sostenibilità sociale, ossia garantire una mobilità inclusiva anche per i territori marginali, e sostenibilità economica, finalizzata a ridurre la bolletta che l’Italia paga all’Europa per l’arretratezza logistica”.

 Così Ennio Cascetta, Amministratore Unico Ram Logistica, Infrastrutture e Trasporti S.p.a, nel corso del convegno “Il corridoio del Brennero per Connettere l’Italia”, in corso oggi a Trento alla presenza del ministro Graziano Delrio. “C’è stata una produzione di norme, allegati, di un codice appalti e di una serie di atti pubblici che il Parlamento ha approvato per trasformare questa vision in opere e in leggi concrete – ha proseguito Cascetta -. La politica della mobilità sostenibile si è tradotta in infrastrutture, norme e semplificazione, incentivi per l’uso del ferro, cosiddetto ferrobonus, per il trasporto marittimo, il marebonus, oltre agli incentivi per l’acquisto di nuovi mezzi per il trasporto pubblico locale”.

 “Nel Piano “Connettere l’Italia” sono state fatte una serie di scelte e sono state previste una serie di priorità. Sono stati selezionati 108 interventi necessari per il Paese – ha aggiunto l’AU di Ram – tra cui grandi e piccole opere di qualche decine di milioni di euro. Il valore complessivo degli interventi è di 130 miliardi di euro per progetti che sono pronti e si devono fare. Nel documento sono previste anche altre opere ancora da finanziare, sono progetti che si possono introdurre successivamente nel tempo. Noi guardiamo al 2030, perché senza sguardo lungo queste scelte infrastrutturali non hanno senso. In 15 anni l’Italia spenderà 150 miliardi di euro con opere che realizzano questa visione strategica”. Cascetta ha poi ricordato che “tra 2014 e 2016 il Pil è aumento del +2%, il trasporto merci aumenta 3-4 volte in più rispetto all’economia generale. Per connettere l’Italia bisogna superare la barriera delle Alpi. Il trasporto merci transalpino vale 150-160 milioni di tonnellate all’anno. Sull’asse del Brennero la ferrovia cresce come la strada ma non ha ancora guadagnato quote di mercato, anzi dal 2010 le sta perdendo.

Giovani Imprenditori: Gala di Natale all’insegna della solidarietà

17 dicembre 2017 - Lunedì 18 dicembre, alle ore 11.30, presso la sede di Unione Industriali Napoli (Piazza dei Martiri, 58), si terrà la Conferenza Stampa di presentazione del Gran Gala di Natale Uniti nel Cuore 2017 promosso dai Giovani Imprenditori di Unione Industriali, presieduto da Vittorio Ciotola, insieme a Gruppo Giovani Imprenditori Confcommercio, Giovani Costruttori Acen, Aiga Giovani Avvocati Napoli, Giovani Imprenditori Confapi, Unione Giovani Dottori Commercialisti e Esperti Contabili Napoli, Associazione Italiana Giovani Notai, Ordine degli Ingegneri e Agifar Napoli. Il Gran Gala di Natale si terrà mercoledì 20 dicembre presso la Stazione Marittima alle ore 21. Il ricavato della serata sarà devoluto in beneficenza.

Il Club Nautico Versilia festeggia i primi 60 anni


17 dicembre 2017 - Con la presentazione ufficiale del libro realizzato in occasione del 60° anniversario della fondazione, il Club Nautico Versilia ha chiuso con grande soddisfazione una stagione davvero speciale: in questo 2017, infatti, il sodalizio presieduto da Roberto Brunetti ha festeggiato i suoi primi sessant’anni di attività fra innovazioni e continuità, organizzazione di grandi eventi e brillanti risultati sportivi, iniziative rivolte ai giovani e alle scuole, realizzazione di progetti e ristrutturazioni, sempre con la determinazione di contribuire a valorizzare dal punto di vista sportivo e sociale, la Versilia e la città di Viareggio, la sua cantieristica e i suoi personaggi illustri, abbracciando il territorio dalle Apuane a Torre del Lago. Dal 1957, infatti, il CNV, uno dei primi club nautici italiani, non ha mai smesso di essere grande protagonista di tante pagine della storia non solo sportiva ma anche viareggina. E come ogni fine anno, anche per il CNV è tempo di bilanci: la stagione agonistica è stata caratterizzata dall’organizzazione di grandi eventi legati al mondo della Vela e della Motonautica e dai brillanti risultati dei propri Soci su vari campi di regata. Il CNV, infatti, oltre alle tradizionali XLIII Coppa Carnevale (che da quest’anno, gemellandosi con il XXX Trofeo Mariperman di La Spezia ha fatto nascere il 1° Trofeo Artiglio), XXII Trofeo challenge Ammiraglio G. Francese, Veleggiata Regatalonga, Raduno Internazionale barche Offshore d’Epoca - Premio barca d’epoca “VBV Legend”, Regata di Fine Estate, XIII Raduno delle vele storiche (impreziosita da un’esposizione di rare Auto d’epoca che hanno contribuito ad accrescere il prestigio e il fascino dell’evento) e Regata d’Inverno (affiancata dal graditissimo concorso “Vela e Foto in Versilia”), ha organizzato lo Star Eastern Hemisphere Championship, un vero successo internazionale che ha fatto scendere in acqua una settantina di titolati equipaggi in rappresentanza di quindici Nazioni.

Formula nuova quest’anno per l’appuntamento augurale di Assoagenti Campania.


16 dicembre 2017 - Si è svolta ieri presso il centro congressi della Stazione Marittima di Napoli l’abituale brindisi augurale dell’associazione degli agenti marittimi della campania presieduta da Stefano Sorrentini, per la prima volta preceduto da un momento di confronto a cui hanno partecipato il presidente dell’AdSP Mar Tirreno Centrale, Pietro Spirito e l’Ammiraglio Arturo Faraone, direttore marittimo regionale.


Dagli interventi, seppur considerando diversi fattori di valutazione, è risultata una visione positiva per l’anno che sta per cominciare. Evidenziati aspetti come l’inversione di trend dei traffici, tendenza confermata positiva nel 2017 e la ripresa di attività di programmazione e realizzazione di opere in porto attese da decenni, quali ad esempio i dragaggi dei fondali, argomento sul quale il presidente Spirito si è dovuto soffermate per sottolineare che le operazioni preliminari all’escavo sono iniziate da tempo e che queste sono parte operativa del dragaggio stesso. Il Presidente Sorrentini si è anche soffermato sulla nuova organizzazione dei porti e di come i mercati internazionali chiamino tutti ad una nuova visione di rete e collaborazione tra porti per fornire sempre di più un’immagine unitaria del sistema portuale nazionale.
 Dopo il meeting quest’anno premiate dall’associazione quattro testate, questa volta della stampa non specializzata ma che ugualmente hanno trattato le tematiche del porto e della sua economia:


Da sinistra: Bianca D'Antonio, madrina della premiazione, Ottavio Ragone, Capo redattore Repubblica Napoli, Vincenzo D'Errico, Direttore di Il Corriere del Mezzogiorno, Antonio Sasso, direttore di Il Roma.

mdc

2018 State of the Cruise Industry Outlook and Cruise Travel Trends


December 16, 2017 – Cruise Lines International Association (CLIA), the world’s largest cruise industry trade association, has released the 2018 State of the Cruise Industry Outlook. The report offers an in-depth look at the cruise industry’s overall global economic impact as well as the trends impacting cruise travel in 2018. Current data shows cruise travel is steadily on the rise with a projected 27.2 million passengers expected to set sail in 2018. In 2017, an estimated 25.8 million passengers cruised compared to a confirmed 24.7 million passengers in 2016, an increase of 20.5 percent over five years from 2011-2016. To meet ongoing demand, more ships are scheduled to set sail in 2018.

CLIA Cruise Lines are scheduled to debut 27 new ocean, river and specialty ships this coming year.
 “It is without question that the cruise industry continues on a growth trajectory, gaining in consumer interest and creating a positive impact on the global economy,” said Cindy D’Aoust, president and CEO, CLIA. “The 2018 State of the Cruise Industry Outlook is a way for us to keep a finger on the pulse of the global cruise industry and its impact on the global economy and identify new travel trends that will influence cruise travel in the future.” 
CLIA is also reporting on the global economic impact of the cruise industry in 2016. Cruise industry expenditures generated $126 billion in total output worldwide, supporting more than one million full-time equivalent employees who earned $41 billion in income, an increase from previous years.

Nautica Italiana: con Fincantieri raggiunge i 103 soci


16 dicembre 2017 – Si è svolta ieri, venerdì 15 dicembre 2017, l’Assemblea dei Soci di NAUTICA ITALIANA. L’Associazione, affiliata ad Altagamma, ha raggiunto i 103 associati, espressione dell’eccellenza dell’industria e dei servizi della creatività e della produzione Nautica del Paese. Tra i nuovi soci rilevanti l’ingresso di Fincantieri, il cantiere che ha costruito il più grande yacht mai realizzato in Italia, e di primari Studi di progettazione e di Design attivi a livello internazionale.
 “Sono entusiasta di poter dare oggi il benvenuto al nuovo socio Fincantieri Yachts, che si aggiunge agli importanti nuovi soci dell’ultimo anno - ha dichiarato Lamberto Tacoli, presidente di NAUTICA ITALIANA - Questa è la riprova della grande attrattiva del progetto di NAUTICA ITALIANA e della serietà del lavoro svolto. Desidero ringraziare tutti: chi è stato con noi fin dall’inizio, chi si è aggiunto in corsa portando freschezza e novità, e chi, grande o piccolo, continua a credere nel nostro progetto, a conferma del suo grande valore per il comparto. Un comparto che ci vede Leader nel mondo in più segmenti. Questo rimane il principale obiettivo della nostra Associazione, promuovere l’eccellenza nautica italiana nel mondo.”
 La forza e l’autorevolezza della base associativa di Nautica Italiana ha portato l’Associazione a rivedere il proprio assetto organizzativo a partire da una nuova Direzione Generale alla quale si affiancherà – sostenendola nei progetti strategici e specifici - l’attuale Segreteria Generale, affidata a Lorenzo Pollicardo. E’ stato quindi nominato Direttore Generale Marco Cappeddu, già Vice Presidente di NAUTICA ITALIANA, con l’obiettivo di rendere più operativi i nuovi progetti, di offrire nuovi e maggiori servizi ai Soci e di rappresentarne le istanze di “lobby” in modo sistematico nelle opportune sedi.

Qatar: Leonardo nel consorzio Eurofighter


16 dicembre 2017 - A Doha il sottosegretario inglese alla Difesa, Gavin Williamson e il ministro della Difesa del Qatar, Khalid bin Mohammed Al Attiyah, hanno ufficializzato il contratto per la fornitura di 24 caccia Eurofighter all’aeronautica del Qatar. Il contratto include anche i servizi di supporto e addestramento, mentre le consegne dovrebbe iniziare a partire dal 2022. Nel consorzio, guidato dalla britannica Bae Systems (che è prime contractor per il Qatar) partecipa anche Leonardo con una quota del 21% del progetto Eurofighter, quota che sale notevolmente una volta inclusa l’avionica dei caccia.

La Coppa d’Africa parla italiano


15 dicembre 2017 - Un pezzo di made in Italy sarà presente alla prossima edizione della Coppa d’Africa, evento calcistico molto seguito nel continente africano e che vedrà la sua fase finale a Yaoundè, capitale del Camerun tra la fine del 2018 e l’inizio del 2019. Si tratta del Gruppo Piccini, con sede in Umbria, che realizzerà il nuovo stadio di calcio della capienza di circa 60.000 spettatori e una cittadella sportiva che ospiterà le squadre e le delegazioni sportive al seguito: il tutto sarà il più importante impianto sportivo del Paese africano per un costo complessivo di circa 250 milioni di euro.

Determinate per il successo del progetto sarà anche, come è facile intuire, il trasporto di tutto il materiale dall’Italia verso il Camerun: la logistica completa è stata affidata all’Agenzia Marittima Genovese di Napoli che si occuperà anche dell’organizzazione dell’instradamento dei container con i prefabbricati con resa presso lo stabilimento RDB di Bellona in provincia di Caserta e presso il Gruppo Centro Nord di Ponte Buggianese in provincia di Pistoia.

Il trasporto su gomma dei container al Porto di Napoli, presso la Magazzini Generali, è a cura della Vincenzo Miele, mentre, come detto l’Agenzia Genovese coordinerà tutta la fase burocratica e logistica e il ciclo di pieni e vuoti per circa sette approdi nave ed un totale di oltre 1200 container. Si tratta di “cassoni” da quaranta piedi quasi tutti di particolari caratteristiche, open top, flat rack, piattaforme, che hanno comportato non poche difficoltà di reperimento sul mercato containers.

La nave, HHL Mississippi di bandiera liberiana, è attraccata all’ormeggio 42 del porto di Napoli, ove è in corso la caricazione di 234 container da 40’; terminate le operazioni partirà alla volta di Douala ove è prevista giungere tra 14 giorni. Il progetto è finanziato da Banca Intesa e assicurato con SACE.

Napoli, una giornata dedicata alla Cultura dell'Espresso


15 dicembre 2017 - Si è svolto ieri giovedì 14 dicembre 2017, il convegno nazionale "Gran Caffè Italia" a Napoli al Museo Pignatelli, splendida dimora nobiliare che ha accolto egregiamente operatori del comparto, promosso dal Comitato Italiano del Caffè, ente che rappresenta l’industria del caffè nel nostro Paese. Numerosissimi i temi trattati per un comparto che si registra sano grazie a un prodotto pro/motore di economia e di sviluppo, ma anche grazie alle numerose possibilità economiche offerte dal settore, fino alla cultura del caffe come Intrattenimento.
 “Visto il successo di questo primo convegno a Napoli, sono certo che seguiranno altri incontri fattivi perché il comparto abbia giusta risonanza dal momento che il caffè rappresenta una risorsa economica straordinaria per il nostro Paese, e le dimensioni economiche ce lo confermano” – ha dichiarato Mario Cerutti, Presidente del Comitato Italiano Caffè, che, con Patrick Hoffer e Gianni Forni, rispettivamente Presidente del Consorzio Promozione Caffè e Segretario del CIC, ha dato vita ad una Conversazione sul tema, e che ha sottolineato come sia cresciuto il business che nel 2016 secondo i dati Istat raggiunge un volume di importazione pari a 9,5 milioni di sacchi per un totale di 570 milioni di chili, con un dato straordinario relativo all’incremento del 14% circa delle esportazioni di prodotto finito; nel 2016 più del 40% della materia prima importata è stata riesportata come prodotto finito a riprova di quanto il caffè italiano sia apprezzato nei mercati mondiali e della vitalità del nostro settore”.

Avanza rapidamente la costruzione di “Isa Alloy 43”


15 dicembre 2017 - Procede nel pieno rispetto dei tempi la costruzione dell’ISA Alloy 43 metri, la prima unità di una nuova gamma semi-dislocante in alluminio di ISA Yachts, votata al lusso e al massimo comfort in crociera che garantirà, al contempo, un assoluto livello di efficienza. ISA Alloy 43, la cui vendita è stata annunciata lo scorso Settembre 2017, è il capostipite di una nuova linea ISA che amplia la proposta del marchio pur mantenendo gli elementi caratteristici che hanno contraddistinto i 33 modelli consegnati da ISA Yachts fino ad oggi.

La costruzione di ISA Alloy 43 è iniziata con l’assemblaggio del cosiddetto “primo anello”, ovvero la sezione del ponte inferiore che comprende gli alloggi per l’equipaggio e le cabine degli ospiti. Una volta terminato, alla fine di Ottobre, il lavoro si è spostato al secondo anello, quello relativo alla sala macchine e locali tecnici. Al momento, invece, sono in costruzione sia il quarto anello che include la prua, sia il primo, ovvero quello di poppa. Appena terminati, saranno uniti ai due centrali con l’obiettivo di concludere i lavori sullo scafo, fino al ponte di coperta, entro fine anno. A partire da Gennaio sarà poi la volta della sezione superiore, ovvero la sovrastruttura.

Lo yacht è disegnato da Luca Dini sia per quanto riguarda gli esterni sia per gli interni. Il layout prevede cinque cabine con la suite armatoriale sul ponte principale, mentre un beach club di grandi dimensioni permetterà agli ospiti di stare a stretto contatto con il mare, anche grazie allo specchio di poppa che può ruotare all'indietro fino a toccare la superficie dell'acqua. ISA Alloy 43 sarà motorizzato con due MTU da 2.000 cv, che lo spingeranno fino a 20 nodi di massima, garantendo una confortevole andatura di crociera a 18 nodi. Riducendo il passo a 12 nodi, l’autonomia calcolata supererà facilmente le 3.500 miglia nautiche. ISA Alloy 43 sarà consegnato al suo armatore nel 2019.

Gli aerei cargo 777 entrano nella flotta di Turkish Airlines


15 dicembre 2017 - Boeing ha consegnato a Turkish Airlines il primo dei due aerei cargo 777 che entrano a far parte della flotta del vettore di bandiera turco. Il cargo 777 è l’aeromobile bimotore più lungo del mondo nella categoria del trasporto merci: la fusoliera è concepita sul modello di quella dell’aereo passeggeri 777-200LR (Longer Range), un modello tecnologicamente molto avanzato che può volare a 4.900 miglia nautiche (9.070 chilometri) con un carico utile di circa 102 tonnellate.
"La consegna di questo primo cargo 777 è un evento di fondamentale importanza per la divisione cargo della compagnia" ha dichiarato İlker Aycı, presidente del consiglio di amministrazione e del comitato esecutivo di Turkish Airlines. 
"Turkish Cargo nel corso dell’anno ha aumentato le destinazioni cargo coperte dalla compagnia aerea da 55 a 73, trasportando circa 1 milione di tonnellate di merce, il 29% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Si tratta di un’operazione molto significativa, che apporterà un grande valore al settore del trasporto merci: consentirà infatti al segmento cargo di affermarsi con grande efficacia rispetto agli altri brand sul mercato, permettendogli di raggiungere dall’hub di Istanbul nuove destinazioni sia a breve che a lungo raggio” 
Turkish Airlines ha dimostrato di essere una delle compagnie aeree che negli ultimi anni è cresciuta più rapidamente. Ogni anno, la compagnia trasporta oltre 60 milioni di passeggeri, con voli diretti verso 300 destinazioni in 120 paesi.

Gas, incidente Austria recepito in Italia solo per inutili polemiche


14 dicembre 2017 - A seguito dell'incidente verificatosi nell'impianto di Trattamento Gas di Baumgarten an der March, in Austria, uno dei principali hub europei, il Presidente di FederPetroli Italia - Michele Marsiglia interviene sulla vicenda: 
“Siamo alle solite con una disinformazione da panico. Per prima cosa non è scoppiato un gasdotto ma una parte di infrastruttura che completa un impianto di trattamento come tanti, per lo più velocemente ripristinato, questo è evidenza oggettiva anche della dimensione del tutto e poi ritengo che in Italia questo spiacevole episodio sia stato recepito solo per creare allarmismo sul territorio per fini politici elettorali. Michele Emiliano continua a divulgare informazioni e dichiarazione che nulla hanno a che vedere con il TAP (Trans Adriatic Pipeline). Emiliano pensa che spostare di 30 km un approdo di gasdotto sia come sistemare un'antenna parabolica su un tetto di un'abitazione, come da lui dichiarato in mattinata ad un network radiofonico nazionale. 
Vogliamo portare all'attenzione di Emiliano che l'incidente austriaco non c'entra assolutamente nulla con il tracciato del Tap, è inutile alimentare e strumentalizzare a polemiche che ormai con la cultura dei cittadini fanno poca strada”. Continua Marsiglia “Un approvvigionamento energetico per l'Italia più diretto ed autosufficiente è importante per la sicurezza del paese, per non dichiarare situazioni di emergenza e per controllare il mercato dei prezzi e la bolletta energetica delle famiglie italiane”.

Federagenti tiene a battesimo Confmare

14 dicembre 2017 - Battesimo e presentazione informale ieri durante l’assemblea di Federagenti (la Federazione Nazionale Agenti Marittimi) per la “casa comune del mare e dei porti” in seno a Confcommercio. Ad anticiparlo è stato il presidente di Federagenti, Gian Enzo Duci, che è stato nominato coordinatore nazionale di Confmare (Cino Milani di Fedepiloti vice coordinatore). Non una nuova associazione o una confederazione, ma un soggetto chiamato a coordinare l’intera filiera di operatori e imprese che agiscono sul mare, nei porti e nella logistica connessa.

L’annuncio è giunto al termine di una affollatissima assemblea natalizia di Federagenti che ha acceso i riflettori non solo sullo stato dell’arte della riforma portuale, ma anche su alcune realtà ad alto rischio della portualità italiana: Gioia Tauro, Venezia e Taranto. Per quanto riguarda Gioia Tauro, è emersa con forza l’esigenza (sostenuta dal Presidente degli Agenti Marittimi della Calabria, Michele Mumoli) di garantire al più importante hub italiano di transhipment dei container normative e regole del gioco che gli consentano di competere ad armi pari con la concorrenza mediterranea ed europea. Su un tema scottante come quello sintetizzato nel titolo “il porto della cocaina”, che è diventato slogan su Gioia Tauro, è emerso come le navi che scalano nel porto calabro, siano oggetto di 1200 ispezioni al mese (per oltre 15 mila all’anno) contro le 7 ispezioni all’anno del Pireo, con effetti non tanto sulla capacità di intercettare traffici di stupefacenti, ma di limitare fortemente l’efficienza e rendere meno competitivo il porto.

Per quanto riguarda Taranto, città anche culturalmente per decenni vincolata a un concetto di industria e funzione pubblica (dalla Marina militare alla siderurgia), è chiamata oggi a una trasformazione epocale. Trasformazione di approccio che riguarda (come sottolineato dal Presidente degli Agenti Marittimi di Taranto, Marco Caffio) gli imprenditori privati così come l’Autorità di Sistema Portuale presieduta da Sergio Prete.

Le conclusioni sono state affidate a una tavola rotonda che ha evidenziato in modo drammatico la sotto-valutazione del valore dei porti da parte del sistema Italia (opinione pubblica così come politica). Zeno D’Agostino ha definito assurdo e incomprensibile il fatto che il tema della portualità non rientri nella consapevolezza dei vertici politici e di una Presidenza del Consiglio, quando in considerazione del valore strategico ed economico i porti dovrebbero almeno occupare il 10% del tempo del presidente del Consiglio di qualsiasi governo. Ivano Russo, consigliere del ministro dei Trasporti, ha definito “ridicole” e “una boiata” le proposte di Spa portuali (che vivono, in quanto pubbliche, gli stessi vincoli di una Autorità di Sistema), ha invitato il settore a concentrare gli sforzi sui provvedimenti (35 su 37 varati che vanno trasformati in fatti). Fra queste le nuove norme “rivoluzionarie” sui dragaggi con la trasformazione del concetto dei “fanghi” in “detriti” con una semplificazione delle procedure di smaltimento.

La finanza territoriale in Italia


14 dicembre 2017 - Si presenta oggi a Roma presso la Camera Dei Deputati – Sala del Refettorio – il Rapporto 2017 “LA FINANZA TERRITORIALE” in Italia. Il lavoro nasce dalla partnership di sei istituti regionali di ricerca socioeconomica: IRES Piemonte, IRPET Toscana, SRM Napoli, Éupolis Lombardia, Ipres Puglia e Liguria Ricerche.

L’evento è realizzato con il patrocinio, dell’Aisre (Associazione Italiana di Scienze Regionali) e della SIEP (Società Italiana di Economia Pubblica). Il Rapporto esamina con cadenza annuale l’andamento della congiuntura economica, finanziaria e normativa per le sue ripercussioni sugli assetti della finanza territoriale. Il tema al centro del Rapporto Finanza Territoriale 2017 è quello del rilancio degli investimenti pubblici, con approfondimenti dedicati alle regole che ne condizionano l’evoluzione, ai divari territoriali nell’erogazione degli interventi e all’eterogeneità dei comportamenti dei diversi livelli di governo e alle differenziate funzioni oggetto dell’attività degli enti.

Cantiere navale Vittoria vara rimorchiatore per Algeria


13 dicembre 2017 - Il Cantiere Navale Vittoria segna il rientro sul mercato nazionale ed internazionale dei rimorchiatori portuali e d’altura con il varo tecnico dell’unità C869 progettata e realizzata per l’autorità portuale di Skikda, Algeria. Nei giorni scorsi, nello stabilimento di Adria, la società polesana, specializzata nella progettazione e costruzione di unità navali militari, paramilitari e commerciali, ha varato sul Canal Bianco l’imbarcazione destinata a svolgere funzioni di rimorchio e escort per terzi sulle coste e nei porti dello stato nordafricano. Alla cerimonia hanno partecipato Luigi Duò, Presidente del Cantiere Navale Vittoria, una rappresentanza dell’Autorità Portuale di Skikda e le maestranze del Cantiere. Al varo tecnico seguirà l’ultimazione della costruzione, le prove in mare e la consegna dell’unità prevista per la primavera del 2018.

 “La capacità di mantenere alta la qualità dei nostri prodotti e di innovare - afferma Luigi Duò, presidente del Cantiere Navale Vittoria - frutto degli investimenti in Ricerca e Sviluppo, ci ha permesso di tornare nell’importante mercato dei rimorchiatori. Con il varo di questa unità vogliamo candidarci a diventare un operatore di riferimento anche per questo settore”. Vittoria si è specializzata nel tempo nella costruzione di imbarcazioni militari e paramilitari (su tutte pattugliatori, interceptors, unità Search and Rescue (SAR) e mezzi da sbarco), da lavoro (in supporto a operazioni portuali e piattaforme offshore) e da trasporto passeggeri. Per il cantiere di Adria, quella del C869, insieme all’unità di prossima realizzazione destinata alla Russia, rappresenta una fornitura storica nell’ambito dei rimorchiatori di tipo ASD (propulsione azimutale).

 “La committenza algerina ha riconosciuto le capacità della nostra azienda che si è aggiudicata la commessa battendo un’agguerritissima concorrenza internazionale composta da ben altri 9 cantieri dello scenario mondiale, tra i più noti costruttori di rimorchiatori- conclude il presidente Duò -Questa circostanza ci rende particolarmente orgogliosi e fiduciosi che altri operatori del settore, e in particolare quelli nazionali che spesso si rivolgono a costruttori stranieri, possano valutare Vittoria come una possibile vantaggiosa opzione”.

European Fuel Cell Technology Conference


13 dicembre 2017 – “Abbiamo sempre puntato sulla mobilità sostenibile per la città Napoli, ecco perché grazie al consorzio Atena, composto da realtà culturali universitarie e imprenditoriali di aziende private, abbiamo deciso di utilizzare per primi come amministrazione comunale alcuni mezzi ad idrogeno per lanciare la sfida ecosostenibile del trasporto di merci e poi magari anche di persone”. Questa la dichiarazione del vice sindaco di Napoli, Raffaele del Giudice, a margine della conferenza internazionale sugli Stati Generali dell’Idrogeno e delle celle a combustibile in svolgimento al Teatro di Corte del palazzo Reale di Napoli. La settima edizione della European Fuel Cell Conference, la quattro giorni dedicata al settore sulla strategia energetica e la mobilità sostenibile, ha così visto subito in campo le istituzioni: “La biga ad idrogeno ideata dal consorzio Atena – conferma il vicesindaco Del Giudice – sarà utilizzata a breve per la raccolta dei rifiuti urbani all’interno delle aree pedonali del centro storico evitando così, grazie all’emissione zero dei veicoli, inquinamento e disagio per i turisti. Inoltre con l’assessore ai trasporti Calabrese stiamo immaginando la conversione di un vecchio filobus elettrico in veicolo ad idrogeno per poter utilizzare una linea di trasporto pubblico nella parte bassa della città”.

 Alla conferenza sugli Stati Generali dell’Idrogeno e delle celle a combustibile è stata analizzata la posizione dell’Italia sulla direttiva europea relativa alle decarbonizzazione totale e soprattutto dei sistemi di trasporto alternativi per merci e passeggeri. La crisi delle realtà operative e quindi delle stazioni di riferimento – unica presente in Italia, si trova a Bolzano – ha posto l’accento sulle necessità operative e strutturali da realizzare al più presto, lì dove Francia, Inghilterra e Germania sono nettamente in vantaggio e quindi pronte a utilizzare i 175 miliardi di fondi europei a disposizione per la crescita sostenibile. “A Napoli possiamo creare la prima stazione di rifornimento ad idrogeno del Mezzogiorno – afferma Elio Jannelli, professore dell’Università Parthenope di Napoli e amministratore delegato di Atena -. Grazie al lavoro messo in campo dalle università e sostenuto dalle aziende di prestigio presenti all’interno del consorzio, abbiamo creato anche prototipi di biciclette, scooter e bighe ad idrogeno. Veicoli pronti per la produzione industriale che potrebbero cambiare radicalmente il mercato del settore grazie alle emissioni zero di Co2 con i seguenti risultati di diminuzione delle emissioni del 39% al 2030 e del 63% al 2050, rispetto al livello del 1990”.

UCINA: Presentato il Codice della Nautica


13 dicembre 2017 - Si è tenuta ieri presso la Pinacoteca del Tesoriere di Palazzo Patrizi, l’Assemblea Generale di UCINA Confindustria Nautica, che ha visto riuniti gli imprenditori e gli operatori della nautica insieme a rappresentanti del Governo, Parlamento e Istituzioni per una giornata di lavori dedicati alle tematiche del settore con un focus, nell'assemblea pubblica, sulle novità del nuovo Codice della Nautica recentemente approvato. In apertura Carla Demaria, Presidente di Ucina Confindustria Nautica, ha ufficializzato le date della 58a edizione del Salone Nautico che si terrà a Genova dal 20 al 25 settembre 2018. Viene così confermato per il terzo anno consecutivo il posizionamento dell'evento nella seconda metà del mese di settembre, periodo che ha riscontrato la piena soddisfazione di oltre il 70% degli espositori. Molto attese le indicazioni sulle previsioni 2018 del mercato nautico.

L'indagine condotta dall'Ufficio Studi di Ucina Confindustria Nautica ha visto il 69% delle aziende coinvolte dichiarare, sulla base del portafoglio ordini, una crescita del fatturato 2018: il 38% degli intervistati indica un aumento fino a + 10%, il 26% tra il 10 e il 20%, il 5% oltre il 20%. Per il 28% degli intervistati il 2018 sarà un anno di stabilità, mentre soltanto il 3% prevede una contrazione rispetto al fatturato 2017. “Il nuovo codice della nautica, gli strumenti per competere” è stato l'argomento centrale dell'Assemblea pubblica cui hanno partecipato il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, il relatore del provvedimento al Senato, Raffaele Ranucci e la Presidente di UCINA Confindustria Nautica, Carla Demaria.

Il Ministro Delrio ha aperto l’Assemblea dichiarando: "Nell'anno che si chiude, ricco di novità per il settore della nautica, con positivi dati di consuntivo, l’approvazione del nuovo Codice della nautica da diporto, sarà un ulteriore elemento per accompagnare la crescita del settore e del Paese. Le novità introdotte, che rendono la vita più facile a centinaia di migliaia di diportisti ed alle imprese, sono anche frutto del coinvolgimento e della più ampia partecipazione nella fase istruttoria di Ucina e di tutte le associazioni di settore e del cluster marittimo, dimostrando la capacità del Paese di fare sistema quando si lavora insieme e si mette al centro l'interesse nazionale."

Il nuovo corso della portualità: innovazione e cambiamento


13 dicembre 2017 - Si è tenuta ieri a Roma l’evento programmatico dell’Associazione alla presenza del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti On. Graziano Delrio, il quale ha chiuso i lavori. Un’assemblea all’insegna del rinnovamento e del lavoro di squadra che ha visto il coinvolgimento di tutti i presidenti delle Autorità di sistema portuale con l’obiettivo di condividere progetti e strategie per affrontare uniti le nuove sfide della globalizzazione.

 “Le risorse per rendere i porti efficienti e competitivi ci sono e sono qui in Italia” ha dichiarato il Presidente di Assoporti Zeno D’Agostino a margine dell’assemblea “non dobbiamo cercare altrove i grandi tecnici perché abbiamo una squadra di esperti che operano direttamente nei sistemi portuali. Le Autorità di Sistema portuale dimostrano di avere le competenze ed il know-how interno per fare programmare strategicamente il futuro. Dobbiamo oggi ragionare in termini di sistema, cioè il porto e le aree di pertinenza, i collegamenti e la loro funzionalità.” Una ricca scaletta di interventi conclusa dal sig. Ministro On. Graziano Delrio, il quale ha anzitutto ringraziato l’Associazione per lo spirito di squadra coesa e l’alto livello tecnico di tutti i presidenti.

“E’ questa l’Italia dei Porti che vogliamo, sono orgoglioso dei contributi dei relatori e del clima che ho percepito qui oggi,” ha commentato Delrio “vuol dire che ci siamo riusciti a creare un gruppo che potrà affrontare le sfide del settore”. “La riforma ha modificato l’impianto della governance e soltanto Assoporti può farsi carico di una spinta in avanti soprattutto in sede dell’Unione Europea. Abbiamo dato inizio ad un nuovo corso ed era necessario dare un contributo diverso, forte e condiviso.

Il vero messaggio che vogliamo dare è che la portualità riguarda l’intero Paese. Le dichiarazioni del Ministro confermano che abbiamo scelto la strada giusta per portare avanti il processo di riforma avviato, “ ha concluso D’Agostino.

Automotive 4.0: trasformazione digitale e nuove competenze


12 dicembre 2017 - Lunedì 18 dicembre prossimi si terrà a Napoli presso il Castel dell’Ovo (Sala Italia) l’assemblea Pubblica ANFIA Associazione Nazionale Filiera industria Automobilistica. Un momento di condivisione e approfondimento sull’evoluzione delle competenze nel settore alla luce delle sfide tecnologiche di questi anni, che ruotano attorno alla digitalizzazione come driver di sviluppo dell'automotive, con un impatto su prodotti e servizi, processi e organizzazione.

 Interverranno Luigi de Magistris, Sindaco del Comune di Napoli; Aurelio Nervo, Presidente di ANFIA; Paolo Scudieri, Presidente di ANFIA Automotive e Adler Group; Marco Maria Monti, Presidente Automotive and Discrete Group di ST Microelectronics; Gaetano Manfredi, Rettore dell’Università Federico II di Napoli; Alberto Dal Poz, Presidente di Federmeccanica; Vincenzo De Luca, Presidente della Regione Campania; Claudio De Vincenti, Ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno.

Presso la location dell'evento, saranno esposte le 4 vetture dei team delle Università di Milano, Napoli, Roma "La Sapienza" e Trento, che hanno partecipato alla Formula SAE Italy & Formula Electric Italy 2017, la competizione universitaria rivolta agli studenti di ingegneria di tutto il mondo organizzata da ANFIA presso l'Autodromo "Riccardo Paletti" di Varano de' Melegari.

Napoli: gli Stati Generali dell’Idrogeno


12 dicembre 2017 – Si svolgerà a Napoli, al Teatro di Corte di Palazzo Reale dal 12 al 15 dicembre, la settima edizione della “European Fuel Cell Conference”. La quattro giorni dedicata al settore sulla strategia energetica e la mobilità sostenibile sarà inaugurata, nella prima giornata, dagli Stati Generali dell’Idrogeno e delle celle a combustibile ed, in particolare, analizzerà la posizione dell’Italia in netto ritardo sulla direttiva europea relativa alle decarbonizzazione totale e soprattutto dei sistemi di trasporto alternativi per merci e passeggeri.

Nei tre giorni succesivi il confronto internazionale di Napoli affronterà le linee guida Europee da qui al 2030. La Strategia Energetica Nazionale – spiega Adele Pianese, Responsabile Comunicazione del progetto di ricerca industriale e sviluppo sperimentale Fuel cell lab dell’Università di Napoli Parthenope – prevede 175 miliardi per la crescita sostenibile e traccia la strada verso la decarbonizzazione totale per raggiungere una diminuzione delle emissioni del 39% al 2030 e del 63% al 2050, rispetto al livello del 1990. Progresso tecnologico e qualità della vita chiedono al nostro pianeta sempre maggiori disponibilità di energia. E’ necessario anticipare e gestire il cambiamento del sistema energetico”.

 Ad aprire i lavori degli Stati Generali dell'idrogeno e delle celle a combustibile - organizzati da Atena Distretto Alta Tecnologia, Energia, Ambiente, Enea, Università di Napoli Parthenope e Università di Perugia - saranno Alberto Carotenuto, Rettore Università degli Studi di Napoli Parthenope e Raffaele Del Giudice vice sindaco di Napoli. Seguiranno gli interventi internazionali di: Alicia Mignone della International Energy Agency, Jose Fernandez Garcia, Direzione Generali Trasporti Commissione Europea, Carlos Navas, Fuel Cells and Hydrogen Joint Undertaking. Toccherà poi ai delegati del Ministero del Ministero Ambiente, Carlo Maria Medaglia, ad Ennio Cascetta per il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ed Antonio Oddati, per la Regione Campania, fare il punto sullo stato dell’arte ed indicare le strade da intraprendere.

InRail: entra a far parte di ELITE


12 dicembre 2017 - Obiettivo della partecipazione è quello di sostenere il piano di sviluppo dell’Impresa attraverso nuove opportunità legate all’internazionalizzazione e all’avvicinamento ai mercati di capitali. InRail, Impresa Ferroviaria privata del settore cargo attiva in tutto il nord, centro e parte del sud Italia con una media di circa 150 treni a settimana e servizi di trasporto per tutti i tipi di merci, come materie prime, rottami ferrosi, prodotti siderurgici, prodotti chimici, cereali, legname, auto e merci RID sia gas che liquidi, è stata selezionata, grazie alla Lounge Gruppo Banco BPM - Banka Akros, per partecipare al programma internazionale ELITE, nato in Borsa Italiana nel 2012 in collaborazione con Confindustria e dedicato alle aziende più ambiziose, con un modello di business solido e una chiara strategia di crescita.

Attiva dal 2009 e parte di una rete di aziende affiliate attive nella logistica ferroviaria che oggi riunisce 16 società distinte e conta 317 dipendenti per un volume d’affari complessivo di oltre 50 milioni di Euro, InRail ha registrato dalla sua fondazione una crescita costante in termini di investimenti, performance e fatturato. Nello specifico, per quanto riguarda quest’ultimo, le previsioni per il 2017 attestano InRail su un volume d’affari di circa 30 milioni di Euro, in crescita del 20% circa rispetto al dato registrato al 31.12.2016.

Inoltre, tra le maggiori novità relative al 2017, vanno ricordati i contratti sottoscritti a fine giugno per l’acquisto di 3 nuove locomotive elettriche di ultima generazione Siemens Vectron, per un investimento complessivo di 10,4 milioni di Euro che porta così a 14 unità la flotta di locomotive elettriche da trazione e risponde alla scelta di diversificare il materiale rotabile in base ai diversi contesti operativi in cui l’impresa opera.

L’obiettivo della partecipazione al programma internazionale ELITE di Borsa Italiana è quello di sostenere il piano di sviluppo dell’Impresa attraverso nuove opportunità legate in particolare all’internazionalizzazione e all’avvicinamento ai mercati di capitali. Oltre alle opportunità di finanziamento cui il programma dà accesso, vanno poi ricordate le potenzialità di incremento della visibilità e dell’attrattività delle imprese, le possibilità di contatto con potenziali investitori e nuovi partner.

Ucina Confindustria Nautica, Assemblea annuale


12 dicembre 2017 - Si terrà oggi, 12 dicembre, a Roma presso la Pinacoteca del Tesoriere di Palazzo Patrizi, l'Assemblea Generale dei Soci UCINA che vedrà riuniti gli imprenditori della nautica da diporto per una giornata di lavori, di confronto e di aggiornamento sul settore. Primo appuntamento alle 12,00 per le sette assemblee di settore, nel corso delle quali saranno affrontate e approfondite le tematiche relative ai settori merceologici delle navi da diporto, natanti e imbarcazioni fino a 24 metri, accessori, unità pneumatiche, unità a vela, motori, porti e turismo nautico.

Alle 14,30 è in programma l'Assemblea pubblica sul tema "Il nuovo codice della nautica, gli strumenti per competere" che sarà aperto dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio e dalla Presidente di UCINA Confindustria Nautica, Carla Demaria.

Al convegno, nell'ambito del quale saranno illustrate e commentate le principali novità del nuovo Codice della Nautica, parteciperanno inoltre: Riccardo Nencini, Vice Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Luigi Casero, Viceministro dell'Economia e delle Finanze, Raffaele Ranucci, relatore del Codice al Senato, Tiziano Arlotti, relatore Legge delega sul demanio alla Camera, le rappresentative del Coordinamento che ha promosso la revisione del Codice, oltre a UCINA, Assilea-Associazione Italiana Leasing, Assomarinas, Assonat-Confcommercio, Confarca. L'Assemblea sarà , infine, l'occasione per un aggiornamento sui dati di mercato con le prime previsioni 2018 e per comunicare ufficialmente le date del 58° Salone Nautico organizzato a Genova da UCINA Confindustria Nautica.

Autotrasporto: regole certe sui diritti dei lavoratori


11 dicembre 2017 - Il 5 dicembre a Bruxelles durante il Consiglio europeo dei Ministri dei trasporti, Graziano Delrio, Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, ha affermato “Niente ulteriori liberalizzazioni, finché non ci saranno regole certe sui diritti dei lavoratori”. L'Italia ha condiviso la dichiarazione comune dei Paesi della Road Alliance sulla necessità di rafforzare diverse componenti del pacchetto mobilità.
“Condividiamo i passi avanti in materia di autotrasporto - afferma il Ministro - ma vanno rafforzati i temi dei controlli, di non avere ulteriori liberalizzazioni fino a quando non si rispettano bene le regole sul diritti dei lavoratori, degli autisti, con il divieto del riposo settimanale in cabina, giorni limitati di cabotaggio, rivedendo le regole che oggi creano concorrenza sleale e dumping sociale”.
 “Stiamo difendendo una posizione giusta di equilibrio tra libertà di movimento delle merci e diritti sociali e sicurezza delle persone che lavorano, autisti stanchi e sottoposti a ritmi massacranti, che non sono sinonimo sicurezza nemmeno per chi viaggia. Il confronto continua e speriamo che i contributi oggi consentano alla Commissione di fare qualche passo avanti”. 
Nella dichiarazione del 4 dicembre, i Paesi della Road Alliance (Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Italia, Lussemburgo, Svezia, Svizzera e Norvegia) evidenziano i seguenti principi: Istituire un mercato dell’autotrasporto merci su strada unico, con concorrenza leale, fissando le condizioni atte a garantire condizioni di lavoro dignitose per i conducenti sulla base del principio “pari retribuzione per pari lavoro”, tenendo nella dovuta considerazione la sicurezza dei conducenti e degli utenti della strada e rafforzando la lotta contro la frode e le pratiche illecite.

Sicurezza delle navi passeggeri


11 dicembre 2017 - Il 1° dicembre, il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Paolo Gentiloni e del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Graziano Delrio, ha approvato, in esame preliminare, un decreto legislativo che, in attuazione della legge di delegazione europea 2016-2017 (legge 25 ottobre 2017 n. 163), recepisce la direttiva (UE) 2016/844 della Commissione, del 27 maggio 2016, introducendo nuove disposizioni e norme di sicurezza per le navi adibite al trasporto passeggeri.

Le nuove norme hanno l’obiettivo di prevenire e ridurre incidenti e sinistri in mare, migliorare la sicurezza nel settore del trasporto marittimo e prevenire l’inquinamento, attraverso una serie di regole costruttive da applicare alle navi. Inoltre, il Consiglio dei Ministri ha approvato, in esame definitivo, un regolamento, da attuarsi mediante decreto del Presidente della Repubblica, che attua la direttiva 2014/90/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 luglio 2014 sull’equipaggiamento marittimo.

Obiettivo principale della direttiva è quello di assicurare che l’equipaggiamento marittimo sia conforme alle norme di sicurezza previste dalle normative internazionali, comprese le pertinenti norme di prova, e che l’equipaggiamento stesso possa circolare liberamente nel mercato interno ed essere sistemato a bordo di navi battenti bandiera di qualsiasi Stato membro.

Comitato di gestione ADSP del Mar Ligure Occidentale


10 dicembre 2017 - Il Comitato di Gestione ha approvato oggi l'armonizzazione delle contrattazioni dei dipendenti della nuova ADSP del Mar Ligure Occidentale, ultimo tassello a completamento del processo di unificazione tra le ex Autorità portuali di Savona e Genova. Dopo l'approvazione della nuova pianta organica, si chiude così entro i termini previsti uno dei compiti imposti dalla riforma dei porti che, un anno fa, ha istituito le Autorità di Sistema.

 L'ADSP del Mar Ligure Occidentale può chiudere, quindi, il suo primo anno di vita traguardando gli obiettivi connessi all'unificazione dei due porti di Genova e Savona: il documento unico di programmazione economica, la riorganizzazione aziendale e il piano operativo complessivo degli investimenti. Nel corso della riunione, è stato rilasciato anche il parere positivo al subingresso parziale della Spinelli s.r.l. nella concessione demaniale marittima precedentemente in capo al Terminal Rinfuse Genova s.r.l. per l'utilizzo di una superficie di circa 14.500 mq presso il Ponte ex idroscalo.

L'istanza era stata presentata ad inizio 2017, in accordo con TRGE, in virtù del costante aumento dei traffici del gruppo Spinelli che ha anche evidenziato le previsioni di un ulteriore crescita delle sue movimentazioni nei prossimi anni e presentando un piano di impresa che attesta investimenti per circa 8 milioni di euro.

Il Presidente ICS elogia l'impegno della Cina


10 dicembre 2017 - Il 5 dicembre scorso, Esben Poulsson, presidente dell’ICS, nel corso del suo discorso programmatico alla conferenza Marintec di Shanghai, ha elogiato il ruolo positivo svolto dal governo cinese nel sostenere il quadro normativo globale dell’IMO sottolineando come la Cina attui con rigore i regolamenti marittimi nazionali, applicabili alle navi battenti bandiera straniera, in modo coerente con le convenzioni internazionali sulla sicurezza marittima e la prevenzione dell'inquinamento adottate dall'IMO.

Poulsson ha detto che la Cina ha generalmente evitato la tendenza, sfortunatamente manifestata da altri Stati membri dell'IMO, ad adottare misure unilaterali in contrasto con le regole concordate a livello internazionale. Poulsson ha portato l’esempio dell’Ue che sembra andare avanti con l'attuazione di un sistema regionale di raccolta dati di CO2 per le navi (comprese le navi battenti bandiera non UE) molto diverso da quello concordato in sede IMO.

Parimenti gli USA non solo non sembra siano interessati a ratificare la Convenzione sulle acque di zavorra (BWMC), ma hanno anche adottato standard di omologazione per i nuovi sistemi di trattamento richiesti diversi da quelli concordati dall'IMO, creando enormi problemi pratici e legali agli operatori. Poulsson ha sottolineato in particolare gli sforzi compiuti dalla Cina per impegnarsi in modo costruttivo nello sviluppo delle nuove normative ambientali dell'IMO applicabili al trasporto marittimo internazionale sostenendo soluzioni pragmatiche per la loro efficace implementazione a livello mondiale.

Firmato accordo economico con la Mongolia


10 dicembre 2017 - Mercoledì 6 dicembre scorso è stato firmato, nella sede dell'Autorità di sistema del Mar Ligure Occidentale, un accordo con il governo della Mongolia che prevede di incrementare gli scambi di know out e intensificare le relazioni economico-marittime tra il Porto di Genova e il paese asiatico che ha espresso da tempo la forte volontà di avere come partner privilegiato in Europa proprio lo scalo genovese.

A sottoscrivere il documento, che prevede, tra l'altro, la possibilità di sviluppare le relazione fra Genova, il paese nord asiatico e il retroporto di Rivalta, riferimento logisitco dell'hub ligure, il presidente Paolo Emilio Signorini e l'ambasciatore Tserendorj Jambaldorj in rappresentanza della Maritime Administration of Mongolia.

Nel Memorandum sottoscritto, le due parti si impegnano per i prossimi 5 anni a cooperare per uno scambio di informazioni sul settore tecnologico, sui dati di traffico e sulle rispettive esperienze in campo trasportistico e marittimo, sulle operazioni portuali e logistiche con il fine di sviluppare il commercio tra Italia e Mongolia.

La Mongolia promuoverà l’utilizzo del sistema portuale/doganale di Genova e Rivalta come punto privilegiato di consegna per le esportazioni verso il mercato UE, mentre l’ADSP assicurerà la semplificazione delle procedure e la gestione ottimale dei flussi di merce da e per la Mongolia, ampliando gli esistenti accordi bilaterali fra i porti di Genova e Tianjin.

Tribunale delle Imprese fondamentale per intercettare le crisi

9 dicembre 2017 -
“Il ruolo del Tribunale delle Imprese sta acquisendo una valenza di natura primaria: è un luogo dove il giudice intermedia le istanze occupazionali e anche sociali. Dunque una centralità diretta soprattutto alla fase anteriore all’espressione della crisi, che deve essere definita per tempo, seguendo il vecchio motto che prevenire è meglio che curare. In questo ambito è fondamentale il ruolo dei commercialisti”. 
Lo ha detto Vincenzo Moretta, presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili di Napoli, aprendo il convegno “Il ruolo del professionista nel contenzioso societario”, tenuto presso la sede dell’Ordine.
“Le nuova legge fallimentare consentirà ad organismi appositi di verificare l’esistenza di situazioni di crisi d’impresa – ha evidenziato Enrico Quaranta, magistrato presso il Tribunale delle Imprese di Napoli - Ai magistrati spetterà il compito di attuare misure protettive per l’attività degli imprenditori e consentire dunque la permanenza in vita delle società, con risvolti positivi dal punto di vista occupazionale”. 
Francesco Fimmanò, prof. di Diritto Commerciale Università degli Studi del Molise, ha evidenziato:
“Il Tribunale delle Imprese è chiamato a svolgere una nuova funzione rispetto alle vecchie logiche, ispirate in un certo senso alla “punizione” degli imprenditori falliti: oggi si tende a fare emergere la crisi prima possibile anche grazie agli interventi dei creditori pubblici, in modo di proteggere l’impresa e consentire la stabilizzazione dei livelli occupazionali”.

 Nella foto da sinistra Liliana Speranza, Vincenzo Moretta, Maria Tuccillo ed Enrico Quaranta.

Italy - Saudi Arabia Business Forum


9 dicembre 2017 - Si è tenuto a Roma presso la Farnesina, il Business Forum organizzato a margine della conferenza intergovernativa Italo Saudita dello scorso 4 dicembre che ha visto la partecipazione di numerosi autorevoli rappresentanti delle istituzioni e delle business community italiane e saudite tra cui il Presidente della Joint Italian Arab Chamber, Cesare Trevisani.

Il Forum, i cui lavori sono stati aperti dal Ministro Alfano, che ha ricordato la centralità strategica delle relazioni tra l’Italia e l’Arabia Saudita, ha rappresentato l’occasione per rilanciare i rapporti tra i due Paesi e presentare le opportunità derivanti dall’ambizioso piano di riforma Vision 2030 lanciato dal governo Saudita. In particolare, il Ministro Alfano prima e l’inviato speciale per il piano 2030 Marco Simoni poi, hanno posto l’accento sull’importanza di creare e rinforzare partnership italo-saudite in grado di valorizzare le eccellenze, l’expertise ed il know how delle imprese italiane.

Il Segretario di Stato Saudita per il Commercio e gli Investimenti, Abdulrhaman Ahmad Al Harbi, ha a sua volta ribadito le intenzioni del suo Paese a lavorare insieme alla realizzazione di progetti concreti in vari settori. Nel corso della cerimonia di apertura è intervenuto anche il Presidente della Joint Italian Arab Chamber Cesare Trevisani, il quale ha avuto modo di ricordare il ruolo di ponte che la JIAC svolge al servizio delle imprese e di annunciare alcuni degli eventi della Camera che nel 2018 vedranno proprio l’Arabia Saudita protagonista.

Nel corso della sua presentazione Yousef Alolayn, rappresentante della Saudi General Investment Authority (SAGIA) ha illustrato alcuni degli aspetti più significativi della Vision, che si pone l’ambizioso obiettivo di riformare radicalmente il Paese a tutti i livelli, economico, sociale e culturale.

Savona, siglato Protocollo di intesa per il fronte mare portuale


9 dicembre 2017 - È stato firmato il 1 dicembre scorso, nella Sala Matrimoni del Comune di Savona, il protocollo d’intesa tra Comune e Autorità di Sistema Portuale che stabilisce i temi prioritari e le azioni necessarie allo sviluppo del fronte mare portuale, definito essenziale per la qualità della vita dei residenti e per le prospettive di crescita economica nel settore crocieristico. Ribadendo il percorso di collaborazione, ADSP e Comune hanno individuato i 10 temi principali dell’accordo:

  • miglioramento dell’accessibilità viaria al porto di Savona e sistema parcheggi di prossimità; 
  • accesso pedonale alla città dalle aree portuali senza attraversamento della viabilità; 
  • percorso ciclo-pedonale tra la Torretta e Rio Termine; 
  • area portuale prospiciente la fortezza Priamar e completamento del recupero urbano delle zone a mare antistanti al Priamar; 
  • demolizione e riqualificazione dell’area ex Funivie (area a terra e specchio acqueo) con particolare attenzione alle aree relative allo svincolo dell’Aurelia bis; 
  • riqualificazione del Molo Miramare con ridefinizione degli spazi (area a terra e specchio acqueo) per attività socio-ricreative e sportive (Canottieri Sabazia e Lega Navale) e nuove attività presso il Molo Miramare; 
  • viabilità secondaria tra le “vecchie funivie” e la “nuova Capitaneria” di accesso alle aree Miramare (ex Funivie); 
  • realizzazione e messa in esercizio della struttura di cui al “Progetto Terrapieno di Zinola” ; 
  • progetto di riqualificazione di Via Nizza e infine il progetto per lo sviluppo del turismo sportivo in collaborazione con l’Università degli Studi di Genova- sede di Savona e il Comitato Olimpico Nazionale Italiano. 


 L’accordo prevede tra l’altro l’individuazione, nel tratto compreso tra rio Molinero e rio Quattro Stagioni di un tratto di arenile da dedicare alle attività di ricerca, sperimentazione, test e valutazione delle performance atletico-sportive promosse dal corso di studi in Scienze Motorie, Sport e Salute in partnership con il Comitato Olimpico Nazionale Italiano in ambito di discipline sportive nautiche e marine. Nascerà infatti il primo Centro di innovazione sugli sport del mare.

Presentazione del P.I.D. di Salerno


9 dicembre 2017 - Lunedì 11 dicembre 2017 presso il Mediterranea hotel Salerno si terrà la giornata di presentazione del Punto Impresa Digitale (P.I.D.), realizzato dalla Camera di commercio di Salerno nell’ambito del Piano Nazionale Industria 4.0. L’evento si articolerà in due sessioni: nella prima (ore 9-13) si presenteranno i servizi offerti dal PID, tesi a diffondere la conoscenza sulle tecnologie ed i vantaggi di Industria 4.0, offrire assistenza, orientamento e formazione sull’innovazione digitale, illustrare le opportunità d’investimento e gli incentivi connessi a Industria 4.0.

Dopo i saluti del presidente dell’Ente camerale Andrea Prete, toccherà ai due relatori di respiro internazionale presenti per l’occasione entrare nel merito: Bruce Sterling, Docente at Art Center College of Design in Pasadena, California, il primo ad aver ipotizzato lo sviluppo delle tecnologie abilitanti oggi racchiuse nella definizione 4.0 e Alex Giordano, pioniere italiano della rete, già fondatore di Ninjamarketing e del metodo di Etnografia Digitale.

Nel pomeriggio (ore 15-19) si terrà un workshop rivolto alle imprese del territorio che sono già dotate o in via di adozione delle tecnologie abilitanti dell’impresa 4.0. Il confronto consentirà di tracciare una mappatura dei bisogni e delle competenze presenti sul territorio, al fine di progettare futuri focus tematici finalizzati all’accesso ed all’ottimizzazione delle opportunità e degli incentivi previsti dal Piano Nazionale Industria 4.0.

 Al riguardo, la Camera di Commercio di Salerno eroga contributi a fondo perduto (voucher) alle imprese che adotteranno specifiche misure di innovazione tecnologica I4.0 e la partecipazione al workshop è condizione per accedere a tali benefici.

Interdizione antimafia: AP di Gioia Tauro revoca le relative autorizzazioni.


8 dicembre 2017 - Revoca delle autorizzazioni allo svolgimento delle attività di nolo a caldo di mezzo d’opera e divieto di accesso in porto per la ditta Costruzioni Perrone che, in sub appalto, ha partecipato alla realizzazione del Nuovo terminal intermodale del porto di Gioia Tauro. Si tratta di una misura resa immediatamente esecutiva dall’Autorità portuale di Gioia Tauro in seguito all’informazione antimafia interdittiva, richiesta dalla stessa Autorità portuale, quotidianamente impegnata a mantenere alto il rispetto della legalità in ambito portuale.

L’iter è stato, infatti, avviato dall’Ente, guidato da Andrea Agostinelli, che ha fatto specifica richiesta alla Prefettura di Reggio Calabria, al fine di dare fattivo riscontro all’esigenza che impone di escludere operatori economici o soggetti che possano ritenersi legati, sia pure indirettamente, ad ambienti criminali.
 “L'interdittiva antimafia – ha dichiarato il Commissario Agostinelli - costituisce una misura di tutela preventiva, nell’esercizio delle funzioni di polizia e di sicurezza, contro le ingerenze del crimine organizzato nelle attività economiche e nei rapporti con le pubbliche amministrazioni e rappresenta lo strumento attraverso il quale l'Autorità Portuale opera per garantire inequivocabilmente un'azione intransigente nei confronti di qualsivoglia manifestazione o tentativo di ingerenza criminale in seno all'attività amministrativa dell'Ente”. 
Non a caso, l’Autorità portuale di Gioia Tauro, nel mese di aprile 2010, ha sottoscritto un protocollo di legalità con la Prefettura di Reggio Calabria al fine di poter adottare una politica preventiva antimafia, finalizzata alla rimozione degli ostacoli che il fenomeno mafioso interpone al libero esercizio dell’attività imprenditoriale e quindi alla libera concorrenza.

 Si tratta di un protocollo ritenuto necessario vista la convinzione che il contrasto del fenomeno criminale non possa essere affidato esclusivamente alle investigazioni penali, perché esse, per loro stessa natura, perseguono responsabilità connesse all’accertamento di fatti specifici e non sempre sono in grado di assicurare efficaci azioni preventive.

Accordo strategico tra Total e CMA CGM sul LNG


8 dicembre 2017 - Total e CMA CGM hanno firmato un accordo per la fornitura di circa 300.000 tonnellate di gas naturale liquefatto (LNG) all'anno per 10 anni a partire dal 2020. Questo quantitativo, senza precedenti nella storia del bunker di GNL, alimenterà le nove nuove navi container di CMA CGM, in consegna a partire dal 2020 in poi.

CMA CGM, la prima compagnia di navigazione al mondo ad equipaggiare le sue gigantesche navi portacontainer (capacità di 22.000 TEU ) con propulsione GNL, ha scelto per queste forniture Total Marine Fuels Global Solutions, la società affiliata Total responsabile della commercializzazione di carburanti per uso marittimo in tutto il mondo.

Nel febbraio 2017, CMA CGM e Total hanno già firmato un accordo di cooperazione per esaminare le soluzioni di propulsione più rispettose dell'ambiente per soddisfare la data del 2020 fissata dall'Organizzazione Marittima Internazionale sulla riduzione dello zolfo nel trasporto marino. Scegliendo il GNL come combustibile oggi, CMA CGM sta optando per una soluzione in grado andare oltre il limite di zolfo dello 0,5% richiesto nel 2020.

Il Gruppo Grimaldi espande la propria presenza a Savona

8 Dicembre 2017 - Il Gruppo Grimaldi amplia la propria rete logistico-portuale attraverso l’acquisizione della società Marittima Spedizioni s.r.l., agenzia marittima attiva a Savona dal 1973. Partner storico del gruppo partenopeo per la movimentazione di merci rotabili (auto, furgoni, camion, ecc.), container e passeggeri a Savona, Marittima Spedizioni è proprietaria della Savona Terminal Auto s.r.l., concessionaria demaniale e terminalista nello scalo ligure. Situato nella Darsena Alti Fondali e a breve distanza dalla banchina, Savona Terminal Auto opera su 120.000 metri quadrati di cui 10.000 coperti, con una capacità di stoccaggio di oltre 6.000 auto.

Con una potenzialità di traffico annuo di 250.000 veicoli, il terminal è uno dei punti privilegiati di import ed export in Nord Italia per importanti case automobilistiche mondiali e si propone come centro integrato di servizi all’industria dell’auto, nonché come hub per le Autostrade del Mare. Il numero di dipendenti impiegato dalle società Marittima Spedizioni e Savona Terminal Auto è di circa 70 persone, che svolgono attività amministrative e di gestione del piazzale.
“Savona è oggi uno dei principali centri italiani per i traffici via mare legati al comparto automotive - afferma Emanuele Grimaldi, Amministratore Delegato dell’omonimo Gruppo - Abbiamo perciò scelto di ampliare la nostra presenza lungo l’intera catena logistica, investendo nel porto di Savona, per supportare i nostri flussi di traffico ed offrire alla nostra clientela non solo il trasporto marittimo ma anche servizi di logistica integrata”, conclude Emanuele Grimaldi. 
Savona Terminal Auto si aggiunge all’amplia rete di oltre 20 terminal portuali presenti in 12 paesi del mondo e operati da società del Gruppo Grimaldi. In Italia, il Gruppo gestisce terminal nei porti di Salerno, Monfalcone, Civitavecchia, Catania, Gioia Tauro, Livorno e Palermo.

Napoli celebra il riconoscimento UNESCO


8 dicembre 2017 - La pizza in piazza, giovedì 14 dicembre con Napoli Pizza Village per festeggiare l’Arte del pizzaiuolo napoletano riconosciuta come Patrimonio Immateriale dell'Umanità dall’UNESCO. Dalle 11 alle 15 in piazza Del Gesù a Napoli si festeggia la nomina della Commissione Unesco riunita in Corea del Sud assegnata nella notte del 6 dicembre con l’evento Napoli Pizza Village & Friends per l’Unesco - Special Edition, ideata e promossa da Napoli Pizza Village, con il Patrocinio del Comune di Napoli e della Fondazione Univerde.

Pizza gratis per tutti per celebrare e festeggiare con centinaia di pizzaioli, tutti coloro che hanno contribuito al successo e i forni della più celebre e grande manifestazione dedicata alla pizza napoletana. Proprio dal Napoli Pizza Village è partito, infatti, nel 2014 il percorso per il riconoscimento di quest’arte grazie alla proposta fatta agli organizzatori da Alfonso Pecoraro Scanio per iniziare la raccolta delle firme che è proseguita in tutto il mondo, arrivando in tre anni ad un totale 2 milioni si sottoscrizioni.

I festeggiamenti cominciano già oggi, ma una cosa è certa, continueranno almeno fino alla prossima edizione del Napoli Pizza Village, in programma dall’1 al 10 giugno 2018, sul Lungomare Caracciolo di Napoli.

Presentato all’organismo di Partenariato il Pot 2018-2020


8 dicembre 2017 - È stato presentato ieri all’Organismo di Partenariato della Risorsa Mare, riunitosi per la prima volta a Livorno dopo la seduta inaugurale a Piombino, il Piano Operativo Triennale 2018-2020. Il Pot è un documento di programmazione realizzato con cadenza triennale e revisionato almeno annualmente. Al suo interno sono definite le strategie di sviluppo delle attività portuali e gli interventi volti a perseguire il raggiungimento degli obiettivi.

Le oltre 100 pagine fotografano la situazione presente e passata degli scali di Livorno, Piombino, dell’Isola d’Elba e di Capraia, le prospettive future sotto ogni aspetto dell’attività portuale. La prima parte del POT è dedicata ai mercati di produzione e di consumo di riferimento europei ed extra europei e al posizionamento strategico complessivo del nodo logistico integrato nel contesto nazionale.

I porti del sistema – si legge nella nota del Pot – insieme hanno movimentato nel 2016 oltre 41 milioni di tonnellate di merce, contribuendo per oltre l’8,7% del traffico complessivo italiano. La AdSP del MTS contribuisce peraltro al 4% del traffico nazionale di merci alla rinfusa e oltre il 14% del traffico portuale italiano di merci varie (Ro-Ro, Contenitori e General Cargo) detenendo il primato nazionale nel comparto del traffico rotabile in termini di tonnellate movimentate e numero di mezzi commerciali sbarcati/imbarcati.

Dopo una disamina sulle potenzialità dei due scali con riferimento alle varie tipologie merceologiche, il POT si sofferma sul porto digitale, sull’industria 4.0 e sui macro obiettivi da raggiungere nel futuro: dalla realizzazione della AdSP unica, con la revisione e accorpamento delle funzioni, alla prevenzione della corruzione, promozione della trasparenza; dalla formazione del personale alla istituzione dello sportello unico amministrativo; dal rafforzamento dell’E-Government alla redazione dei nuovi regolamenti unificati, sino al rafforzamento di accordi e partenariati per lanciare azioni di sistema.

Consiglio Confitarma: nominati gli organi federali


7 dicembre 2017 - Il 6 dicembre si è riunito il Consiglio confederale presieduto da Mario Mattioli, che ha esaminato le principali problematiche del settore in trattazione a livello nazionale e internazionale e, in particolare, la manovra finanziaria 2018-2020 attualmente in discussione al Parlamento, discutendo dei possibili riflessi sull'industria armatoriale. Successivamente, il Consiglio, conformemente alle disposizioni statutarie, ha approvato il bilancio di previsione 2018, ed ha proceduto a completare la composizione degli organi confederali.

Su proposta del Comitato Esecutivo, è stata nominata Tesoriere Mariella Amoretti, Amministratore Delegato del Gruppo Amoretti Armatori. Su proposta dei rispettivi presidenti di commissione (Mario Mattioli, ad interim Porti e Infrastrutture, Beniamino Maltese, Finanza e Diritto d’Impresa, Carlo Cameli, Navigazione Oceanica, Guido Grimaldi, Navigazione a Corto Raggio, Angelo D’Amato, Risorse Umane, Relazioni Industriali e Formazione, Lorenzo Matacena, Tecnica navale, Sicurezza e Ambiente) il Consiglio ha nominato i componenti delle Commissioni tecniche permanenti.

La composizione delle singole Commissioni è disponibile nel sito www.confitarma.it Infine, il Consiglio ha nominato Luca Sisto Direttore generale dal 1° gennaio 2018. Luca Sisto subentra a Gennaro Fiore che, in Confitarma nel 1983, è stato responsabile della politica dei trasporti, ha ricoperto l’incarico di Vice Direttore generale dal 1998 e poi di Direttore generale dal 2003.

 Il presidente Mattioli, a nome di tutto il Consiglio ha ringraziato Gennaro Fiore per il duro lavoro svolto in questi anni a tutela degli interessi delle aziende associate “Un impegno - ha detto il presidente di Confitarma – portato avanti con grande competenza, tenacia, onestà intellettuale e lealtà verso la nostra Confederazione. La professionalità di Gennaro Fiore non è mai venuta meno e tutti noi gli siamo grati per aver sempre agito con perspicacia e correttezza, contribuendo alla crescita della nostra flotta e difendendola nei momenti più difficili”.

Fincantieri: “Nieuw Statendam” launched in Marghera


December 7, 2017 – “Nieuw Statendam”, the new cruise ship which Fincantieri is building for the shipowner Holland America Line, a brand under Carnival Corporation & plc, the world’s largest cruise operator, was launched yesterday at the Marghera (Venice) shipyard. The fitting-out phase can now begin, ending in autumn 2018 with the handing over of the ship. The event was introduced by the traditional and well-wishing “coin ceremony”, consisting, according to an ancient shipbuilding custom, in welding a silver dollar on the last deck of the ship.

Madrina of the ceremony was Anne Marie Bartels, a member of Holland America Line’s elite President’s Club loyalty program, who first sailed across the Atlantic from Rotterdam to New York as a young woman. The new vessel, the sixteenth ship built by Fincantieri for Holland America Line and the second “Pinnacle” class ship after “Koningsdam”, delivered in 2016 from the same shipyard, will be about 99,500 gross tons, almost 300 meters long, with accommodation for up to 2,660 passengers on board in more than 1,300 cabins.

She will be characterized by a contemporary style which blends perfectly with the traditional elegance, which distinguishes all the ships in the fleet. The design will be created, as for “Koningsdam”, by the designer Adam D. Tihany and the designer and architect Bjorn Storbraaten, with “the architecture of music” being an inspirational element for the design of many public areas. The ship’s technology is aimed at optimizing energy efficiency and minimizing environmental impact and it responds to the most demanding and current safety regulations.

Fincantieri: varata a Marghera “Nieuw Statendam”


7 dicembre 2017 – È stata varata ieri nello stabilimento Fincantieri di Marghera, “Nieuw Statendam”, nuova nave destinata a Holland America Line, brand del gruppo Carnival Corporation & plc, primo operatore al mondo del settore crocieristico. Ora inizierà la fase di allestimento degli interni, che porterà alla consegna della nave nell’autunno 2018.

Il momento del varo è stato preceduto dalla tradizionale e beneaugurante “coin ceremony”, la posa di un dollaro d’argento sull’ultimo ponte della nave, secondo un antico costume marinaro. Madrina della cerimonia è stata Anne Marie Bartels, socia élite del programma fedeltà President’s Club di Holland America Line e che da giovane fu tra le prime ad attraversare l’Atlantico da Rotterdam a New York.

La nuova unità, la sedicesima nave costruita da Fincantieri per Holland America Line e la seconda della classe “Pinnacle” dopo “Koningsdam”, consegnata dallo stesso cantiere nel 2016, avrà una stazza lorda di circa 99.500 tonnellate, una lunghezza di quasi 300 metri e potrà ospitare a bordo fino a 2.660 passeggeri in oltre 1.300 cabine. Sarà contraddistinta da uno stile contemporaneo, in armonia con le caratteristiche di classica eleganza, di cui si caratterizzano tutte le navi del brand.

Il design sarà curato, come per “Koningsdam”, dai designer Adam D. Tihany e dall’architetto e designer Bjorn Storbraaten, che si sono ispirati alla musica per la progettazione delle numerose aree pubbliche. Il progetto della nave sarà orientato all’ottimizzazione dell’efficienza energetica e al minimo impatto ambientale, rispondendo alle più stringenti e attuali normative di sicurezza.

Week end lungo dell’Iimmacolata: in crescita le presenze negli alberghi


7 dicembre 2017 - Considerando il dato di confronto tra il lungo week end legato alla prossima ricorrenza dell’Immacolata rispetto al ponte lungo dello scorso anno emerge, dall’indagine flash realizzata da Confindustria Alberghi, un trend positivo per il settore alberghiero. Gli alberghi italiani vedono infatti un incremento delle prenotazioni sia della clientela domestica (+3,3% rispetto al 2016) sia di quella straniera (+4,5% rispetto al 2016).

Il risultato è ancora più significativo alla luce del fatto che, rispetto allo scorso anno, il calendario degli italiani ha un giorno di vacanza in meno. Sempre gettonate le città d’arte sia per gli stranieri che per gli italiani ma, tra questi ultimi, una buona fetta sceglierà di trascorrere questo week end presso le terme. Relativamente alla provenienza della domanda internazionale, si confermano ancora una volta primi i tedeschi seguiti dai francesi e dagli inglesi mentre, sul lungo raggio, oltre agli USA arrivano segnali incoraggianti anche da Cina, Giappone e Russia.

Da evidenziare come il crescente andamento della domanda si rifletta sulle politiche dei prezzi, generandone un lieve aumento rispetto allo scorso anno (+0,7%). L’andamento positivo proseguirà, infine, per le prossime festività di Natale e Capodanno, soprattutto per quanto riguarda gli stranieri (+3,2% rispetto alle festività natalizie del 2016) mentre rimane sostanzialmente stabile la domanda domestica (+0,4% rispetto alle festività natalizie del 2016).

Federmeccanica e Unioncamere: promozione dell'alternanza scuola-lavoro


6 dicembre 2017 - Federmeccanica e Unioncamere hanno scelto JOB&Orienta, la più importante manifestazione italiana dedicata a scuola, orientamento, formazione e lavoro, per siglare il protocollo d’intesa triennale finalizzato a costruire un sistema di qualità per l’alternanza e l’apprendistato, in grado di sviluppare le professionalità più richieste dal mondo industriale e favorire, di conseguenza, l’occupabilità giovanile.
 «Federmeccanica – ha dichiarato Federico Visentin, vice presidente di Federmeccanica con delega all’Education, che ha firmato l’accordo – si è posta come mission quella di promuovere la collaborazione tra scuola e impresa, quale strumento per agevolare la transizione delle aziende metalmeccaniche verso l’Industria 4.0. E’ infatti di fondamentale importanza lo sviluppo di competenze tecnico-professionali e delle abilità imprenditoriali durante tutto il percorso di istruzione, in ottica di dare ai giovani maggiori possibilità di trovare lavoro e, perché no, di creare nuove imprese. E’ dunque opportuno intensificare gli sforzi per la massima qualità ed efficacia della formazione, al fine di favorire lo sviluppo di professionalità con competenze rispondenti ai fabbisogni delle imprese».
 «Il ruolo del sistema camerale – ha commentato Giuseppe Tripoli, segretario generale di Unioncamere – è quello di creare un raccordo sinergico tra gli obiettivi della scuola e i fabbisogni professionali espressi dal mondo produttivo. Per questo abbiamo deciso di supportare scuole e aziende nella realizzazione di percorsi di alternanza formativa di qualità e diffondere le esperienze maggiormente significative, per il pieno raggiungimento degli obiettivi di apprendimento e di inserimento lavorativo». 
L’accordo ha l’obiettivo di contribuire alla realizzazione e diffusione di esperienze di alternanza scuola lavoro di qualità e, più in generale, di attivare occasioni di confronto e di condivisione sui temi di interesse per il settore metalmeccanico.

Top