ads

------------------------------------------------------------------------------------------------

Translate

Slider[Style1]

Style3(OneLeft)

Style3[OneLeft]

Style3[OneRight]

Style4

Style5

100 anni di imprese. Mostra documentaria a Palazzo Partanna


27 giugno 2017 - “100 Anni di Imprese. Unione Industriali Napoli 1917-2017”. E’ questo il titolo della Mostra documentaria che sarà presentata con una Conferenza Stampa domani mercoledì 28 giugno ore 12.30, a Palazzo Partanna, sede dell’Associazione imprenditoriale (piazza dei Martiri 58, Napoli). La Mostra, curata dall’Unione insieme alla Fondazione Banco di Napoli, è stata realizzata con i patrocini del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e della Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Campania. Nella ricorrenza del centenario la mostra, ripercorrendo le tappe salienti della storia dell'Associazione, consente delle incursioni nella storia dell'industria napoletana, seguendo il percorso dei cicli produttivi e valorizzando aspetti meno noti di natura economica, sociale, immateriale. Nella stessa occasione sarà presentato il totem video con le dodici opere finaliste del Premio “100 anni di Imprese – Unione Industriali Napoli – 1917-2017”, riservato a giovani artisti residenti in Campania. Alla conferenza stampa interverranno il Presidente di Unione Industriali Napoli, Ambrogio Prezioso, e il Presidente della Fondazione Banco Napoli, Daniele Marrama.

L’economia circolare target di Bureau Veritas


27 giugno 2017 - Bureau Veritas Italia assume un ruolo pionieristico nello sviluppo dell’economia circolare in Italia, investendo in anticipo anche rispetto a un quadro normativo tutt’oggi incerto. Lo fa proponendosi come player nella certificazione “Remade in Italy”, la prima eco-etichetta accreditata per la verifica della circolarità di un prodotto realizzato con materie prime seconde da riciclo. Lo fa rivolgendosi a oltre 20.000 aziende clienti per sondare la loro disponibilità a rivedere i propri processi in ottica circolare, cogliendone aspettative e bisogni. La ricerca, condotta su un campione significativo di imprese da Bureau Veritas Italia in collaborazione con ALTIS - Alta scuola Impresa e Società dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e con AISEC - Associazione italiana per lo sviluppo dell’economia circolare, ha evidenziato un dato estremamente positivo: più del 90% dei rispondenti è interessato a valutare progetti di economia circolare e più del 60% sta già prendendo in considerazione progetti specifici di economia circolare che consentano di passare da un modello di semplice riduzione di impatto ambientale a un modello economico alternativo di creazione di valore attraverso riciclo, utilizzi alternativi dei rifiuti, utilizzo sostenibile delle risorse. In questa ottica Bureau Veritas Italia si candida ad affiancare le aziende nella quantificazione e rendicontazione dei progetti di economia circolare, con l’obiettivo finale di avvalorare e asseverare le dichiarazioni in tema di tracciabilità dei rifiuti, utilizzo di materiali riciclati e/o avvio a riciclo dei propri scarti.

Rán Racing vince la Audi Sailing Week - 52 super series


Nella foto: Rán Racing, vincitore della Audi Sailing Week - 52 Super Series 2017. Foto credits: Nico Martinez 26 giugno 2017 - Ultima giornata che ha chiuso i giochi della Audi Sailing Week - 52 Super Series, organizzata dallo Yacht Club Costa Smeralda con il supporto del Title Sponsor Audi. Una finale decisiva che vede salire sul gradino più alto del podio Rán Racing di Niklas Zennstrom davanti di un solo punto a Bronenosec di Vladimir Liubomirov seguito da Quantum Racing di Doug DeVos. I dieci TP52 questa mattina alle 12 si sono allineati sul campo di regata antistante Porto Cervo, per affrontare la quinta giornata di regate concludendo le due prove a bastone in programma. Il vento, inizialmente sui 18 - 20 nodi da nord-ovest, nel pomeriggio ha rinforzato arrivando a toccare i 24 nodi. Rán Racing, vincitore della Audi Sailing Week - 52 Super Series 2017. Foto credits: Nico Martinez A tagliare il traguardo nella prima prova sono stati rispettivamente Bronenosec, con la prima vittoria di questa tappa, Quantum Racing e Azzurra. I colpi di scena si sono registrati nella seconda prova, nel momento in cui Quantum Racing, leader della classifica fino a ieri, si è dovuto ritirare per la rottura dell'attacco dello strallo. A questo punto, sono stati tre i contendenti alla vittoria tutti a pari punteggio, fianco a fianco, Bronenosec, Rán Racing e Provezza IX. A causa di un errore nell'issata dell'ultima poppa, il turco Provezza IX si è escluso dai giochi chiudendo in settima posizione mentre ad avere la meglio è stato lo svedese Rán Racing che, con un secondo posto, ha conquistato la vetta del podio. Bronenosec, con Tommaso Chieffi e Morgan Larson in pozzetto, terzo nella seconda regata è secondo classificato overall. Nonostante il ritiro, Quantum Racing riesce a classificarsi terzo, grazie al vantaggio accumulato nel corso delle giornate precedenti. Niklas Zennstrom, armatore-timoniere di Rán Racing: "È stata una settimana fantastica qui in Costa Smeralda, le condizioni meteo degli ultimi giorni sono state perfette e sono il motivo per cui veniamo a regatare qui. Ci sentiamo sempre i benvenuti allo Yacht Club Costa Smeralda, è un bel posto e non vediamo l'ora di ritornare!"

CLIA Celebrates Cruising’s Crew Members


26 June 2017 – In recognition of the International Maritime Organization’s (IMO) Day of the Seafarer on June 25 and its theme “Seafarers Matter,” Cruise Lines International Association (CLIA) celebrated the Crew sailing on CLIA Member Cruise Line ships around the world. CLIA and its Cruise Line Members are grateful to the important community of seafarers (over 200,000) who make the cruise travel experience possible for the 25.8 million guests who will cruise in 2017. “CLIA would like to recognize the Crew on our member line ships for their dedication and commitment to the cruise industry and the maritime service - said Cindy D’Aoust, president and CEO, CLIA - They are the lifeblood of our industry, working tirelessly so passengers can enjoy a safe reliable and sustainable cruise vacation.

They not only provide enjoyable cruise travel experiences, but are indispensable to the safety and well-being of cruise passengers”. Cruise ship seafarers include a full range of professionals working on board, from the captain to medical personnel to the stewards that make up guest staterooms. They comprise a highly skilled, highly satisfied, and global workforce who sail year after year and have high job satisfaction resulting in employee retention rates up to 80%. Cruise lines often receive up to 100 applications for each job opening. In addition to their salary, Crewmembers typically receive free medical care, room and board, meals, and many other benefits that are often unavailable in their home countries. CLIA and its members work to maintain the highest standards of safety and treatment for Crew.

The industry strives to provide a high-quality work environment for its Crew members by offering ongoing training, career advancement, and the opportunity to travel the world. Shipping is only the industry with a comprehensive framework of detailed employment regulations that is enforced on a global and uniform basis, as a result of the standards developed by the International Labour Organization (ILO). All CLIA Member Cruise Lines support strong worker protections and must comply with international regulations that ensure the safety, security, and fair treatment of Crew, as established by two United Nation (UN) agencies—the IMO and the ILO—and strongly enforced by government authorities.

Il porto si apre alla città


26 giugno 2017 - La III edizione della Genoa Shipping Week si apre oggi lunedì 26 giugno con l’arrivo della Nave Alpino, la quinta Unità FREMM della Marina Militare, una delle più moderne unità navali, che rimarrà ormeggiata a Genova tutta la settimana a Ponte dei Mille - Stazione Marittima con visite guidate nelle giornate di martedì 27, mercoledì 28 e giovedì 29.

 Dopo il successo della scorsa edizione, martedì 27 la GSW proporrà IL PORTO SI APRE ALLA CITTA’, tre visite guidate -previa iscrizione- a tre eccellenze organizzate in collaborazione con Talent Tour.
Alle 10 la Capitaneria di Porto di Genova mostrerà il suo centro di controllo portuale informatizzato offrendo una visita speciale dedicata ai congressisti e alla cittadinanza. Alle 14.30, due le visite a Molo Giano: l’officina di WÄRTSILÄ, leader globale nella produzione e assistenza tecnica di sistemi di propulsione e generazione di energia per uso marino e industriale, che svelerà l’eccellenza della divisione Services, dove sono lavorati e assemblati i componenti dei grandi motori, e il nuovo casco innovativo che impiega la realtà aumentata. Seguirà la visita ad ABB – Turbocharging Station, leader tecnologico nella produzione e manutenzione di turbocompressori industriali, società attenta ai più elevati livelli di efficienza, con più di 100 stazioni di servizio in tutto il mondo e più di 200.000 turbocompressori su navi, centrali elettriche, locomotive diesel e grandi mezzi stradali.

Il 27 giugno sarà anche la giornata dedicata ai festeggiamenti per i 50 anni di C.I.S.Co. con Container Digitalization Conference, un convegno alle 16.30 presso la Camera di Commercio di Via Garibaldi per analizzare le prospettive dello sviluppo della digitalizzazione nell’ambito della logistica containerizzata e, alle 19.30, l’inaugurazione di A container Story, una mostra che richiamerà l’ambientazione di un container e ripercorrerà i 50 anni di vita dell’Associazione attraverso materiale d’archivio, fotografie e curiosi cimeli. Alle 16.30 Palazzo San Giorgio ospiterà il convegno organizzato dal Collegio Nazionale Capitani L.C.&M. dedicato alla disciplina normativa sulla sicurezza della navigazione marittima. La giornata si concluderà con una tavola rotonda, “IL MONDO DELLO SHIPPING SULL’ONDA DELLA BREXIT” organizzata da The International Propeller Club Port of Genoa presso l’Hotel Savoia (su invito).

Organismo di Partenariato dell’AdSP Mar Tirreno Centro Settentrionale


24 giugno 2017 - Si è insediato giovedì scorso, nella sede di Molo Vespucci, l’Organismo di Partenariato della Risorsa Mare dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale previsto dalla legge di riforma delle Autorità Portuali varata lo scorso agosto e presieduto dal presidente dell’AdSP Francesco Maria di Majo.

L’organismo ha funzioni consultive ed è composto da un rappresentante per ciascuna delle categorie tra armatori, industriali, operatori di cui agli articoli 16 e 18, spedizionieri, operatori logistici intermodali, operatori ferroviari, agenti e raccomandatari marittimi, autotrasportatori, lavoratori delle imprese ed un rappresentante degli operatori del turismo e del commercio operanti nell’ambito portuale designati dalle rispettive organizzazioni nazionali di categoria, dalle organizzazioni sindacali e dal Comitato centrale dell’Albo degli autotrasportatori.
“Sono contento della partecipazione attiva dei membri del neocostituito Organismo di Partenariato della Risorsa Mare – ha dichiarato il presidente dell’AdSP Francesco Maria di Majo”.
 "Gli argomenti più rilevanti – ha precisato il numero uno di Molo Vespucci - hanno riguardato in particolare la crescita di competitività del porto commerciale attraverso il suo sviluppo infrastrutturale - ivi compresi gli accessi viari e ferroviari - del porto, l'efficientamento dei controlli doganali e dei servizi di interesse generale ed infine attraverso interventi volti a rendere più economico il porto (agendo su diritti e tasse portuali) nel rispetto del principio della trasparenza finanziaria come oggi impone il nuovo regolamento (UE) 352/2017”.

Logistica sostenibile per il rilancio del Mezzogiorno


23 giugno 2017 – Si terrà alla Stazione Marittima del Porto di Napoli il prossimo 17 luglio la conferenza “Il rilancio del Mezzogiorno attraverso la logistica intermodale sostenibile”. I lavori, moderati da Bruno Vespa, si articoleranno su tre sessioni durante le quali interverranno, tra gli altri, il Presidente ALIS Guido Grimaldi, il Presidente Adsp Mar Tirreno Centrale Pietro Spirito, Vincenzo De Luca Presidente Regione Campania, Andrea Annunziata Presidente Adsp Mar Di Sicilia Orientale, Zeno D’Agostino Presidente Assoporti, Sergio Prete Presidente Adsp Mar Ionio, Emanuele Grimaldi Vice Presidente International Chamber of Shipping, Graziano Del Rio Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Centenario Unindustria Napoli


23 giugno 2017 - Una cura shock per far crescere il Mezzogiorno. Come può essere un piano straordinario per l’ingresso dei giovani nel mercato del lavoro, partendo dalla proposta di Confindustria di azzerare il cuneo fiscale per le imprese che assumono al Sud.

Se da una parte gli industriali apprezzano le politiche messe in atto dal governo per il Mezzogiorno, dall’altra chiedono all’esecutivo di continuare lungo la strada delle riforme con maggiore incisività e di riportare all’attenzione del Paese la politica industriale perché è dalla crescita dell’industria che si creano investimenti, occupazione e si riattiva la domanda interna. E’ questa la ricetta tracciata dal presidente degli industriali napoletani, Ambrogio Prezioso, nel corso delle celebrazioni per il Centenario di Unindustria.
“Occorre ripartire dall’industria, mettendola al centro della politica economica nazionale, perché è la cellula che contiene l’energia della produzione, dell’innovazione e della competizione”, ha affermato Prezioso. 
Ma serve anche un piano straordinario per dare opportunità di lavoro ai giovani, “un’azione che deve vedere imprese e famiglie come parte di un unico blocco d’interessi e che contribuisca far crescere il Pil per abitante che a Napoli è rimasto quello di cinquant’anni fa”. Partendo dal Mezzogiorno e dalla Campania “se vogliamo inaugurare una stagione di benessere e di crescita”. Il presidente di Unindustria ha sostenuto che non è solo la criminalità l’alibi per giustificare i tanti appuntamenti mancati a Napoli.

“Anzi, proprio perché consapevoli di questa debolezza, dobbiamo creare un contesto diverso, capace di offrire risposte a chi farebbe volentieri a meno a scegliere il malaffare per sopravvivere”. Ed ha continuato: “Dobbiamo impegnarci a cambiare la narrazione della città dimostrando che anche qui è possibile realizzare sogni e grandi ambizioni”. Ma, per raggiungere quest’obiettivo, “dobbiamo prima saper realizzare i progetti di cui ci diciamo convinti e in tempi che non ne cancellino l’efficacia, con la massima trasparenza, combattendo la corruzione, la collusione, il pressapochismo e la superficialità”. Eduardo Cagnazzi

Nautica Italiana: a Rosignano l’assemblea dei soci

23 giugno 2017 – Si è svolta mercoledì 21 giugno 2017, nella splendida sede di Marina Cala de’ Medici a Rosignano Solvay, l’Assemblea dei Soci di NAUTICA ITALIANA, associazione affiliata ad Fondazione Altagamma, che rappresenta l’eccellenza del Made in Italy nautico nei settori Industria, Servizi e Territori. L’Assemblea è stata occasione per approvare il primo bilancio - riferito all’anno 2016 - e fare il punto sugli obiettivi futuri e sui programmi.

L’Associazione conferma il proprio impegno nella creazione di un “progetto strategico per la nautica”, un piano settoriale nazionale per contribuire al rilancio della nautica italiana e del turismo nautico, delle sue industrie, dei servizi e dei territori, per restituire al comparto l’elevato livello di reputazione che merita, valorizzando il prodotto e servizio nautico quale espressione del Made in Italy. 
“Siamo particolarmente orgogliosi dei risultati ottenuti fino ad oggi da NAUTICA ITALIANA sia in termini di progetti, sia in termini di crescita associativa, avendo raggiunto la quota di 92 soci – ha dichiarato Lamberto Tacoli, Presidente di NAUTICA ITALIANA -. E’ un piacere ritrovarsi tutti insieme: ringrazio il nostro socio Matteo Italo Ratti di averci ospitato in tanti a Marina Cala de’ Medici e il Gruppo Azimut-Benetti per aver aperto a tutti i soci le porte del Cantiere di Livorno per una visita. La grande partecipazione conferma ancora una volta il successo della formula scelta per l’Assemblea di NAUTICA ITALIANA, che promuove incontri di networking tra soci operatori. Uno strumento prezioso per far valere sinergie e rapporti tra le aziende dell'eccellenza Nautica del Paese, che NAUTICA ITALIANA mette al centro della propria missione associativa."
 A poco più di un mese della prima edizione del Versilia Yachting Rendez-vous - fortemente voluto da NAUTICA ITALIANA e organizzato da Fiera Milano nelle darsene di Viareggio dall’11 al 14 maggio - l’Assemblea ha confermato la strategicità dell’evento che si è dimostrato necessario per il rilancio del settore nautico dell’alto di gamma. Obiettivo fondamentale per il 2018 resta la valorizzazione dell’eccellenza del Made in Italy non solo nautico, mettendo a sistema la forte sinergia con Fondazione Altagamma, interprete fattivo dell’industria creativa del nostro Paese e il territorio.

Presentati a Padova i servizi su rotaia Italia ed Estremo Oriente


23 giugno 2017 - Le relazioni economiche tra la Cina e l'Europa, Italia compresa saranno sempre più importanti nei prossimi anni, anche alla luce della possibile variazione degli equilibri commerciali dopo le annunciate politiche protezionistiche degli Stati Uniti.

 I collegamenti con la Cina, fino ad oggi sostanzialmente affidati ai collegamenti marittimi, trovano oggi una valida alternativa in servizi ferroviari oramai consolidati e totalmente affidabili in termini di sicurezza e tempi di resa. FELB, il principale operatore su questa rotta che sfrutta la mitica ferrovia transiberiana, ha presentato oggi all'Interporto di Padova il proprio network di servizi ferroviari da e per l'Asia, rete che si estende anche in Italia. L'evento è stato organizzato in collaborazione con Interporto Padova e Green Logistics Expo, il primo salone internazionale della logistica sostenibile che si svolgerà a Padova dal 7 al 9 marzo del prossimo anno.

 Hanno partecipato una novantina di imprese tra spedizionieri, operatori logistici e aziende manifatturiere. Sono oramai 10 anni che FELB lavora per offrire collegamenti ferroviari con la Cina. Dal primo convoglio pilota del 2007 siamo arrivati oggi a 10 coppie alla settimana e la rete si è via via estesa a tutta l'Europa grazie anche all'apertura a Vienna di CEL Logistic Company che opera come forwarder . Oggi si affidano a FELB tramite gli spedizionieri e i logistici, le principali case automobilistiche europee e i grandi marchi dell'elettronica come BWW, Samsung Wolkswagen.
«Non è un caso che oggi ci sia la possibilità di affrontare un tena così attuale e affascinante come un collegamento ferroviario diretto con il mercato asiatico e cinese- ha commentato il presidente di Interporto Padova, Sergio Gelain- abbiamo grandi potenzialità operative e tecnologiche con strutture adatte ad ogni tipologia di unità di carico e di merce. Entro pochi mesi saranno operative 4 gru a portale elettriche e nuovi binari lunghi 750 metri con nuovi gate automatizzati per i mezzi stradali. Avremo praticamente un raddoppio della capacità di movimentazione».

80 mln di euro all’Adsp per la progettazione europea


22 giugno 2017 – 80 milioni di euro di budget, con un cofinanziamento variabile da progetto a progetto tra il 20 e il 100%, pari a circa 15 milioni di euro. Sono queste le risorse a disposizione dell'AdSP del Mare Adriatico Orientale per il settore della progettazione europea. Ampio il ventaglio dei programmi di finanziamento a cui l’Authority è riuscita ad attingere: CEF (Connecting Europe Facilities), Horizon 2020, Interreg Med, Interreg Spazio Alpino, Interreg Central Europe e Interreg ADRION. Sono invece ben 9 i progetti di cui l'Ente è attualmente partner: dalle infrastrutture (NAPA4CORE e Adri-Up) alla mobilità sostenibile per i crocieristi (LOCATIONS), dall’ICT (PORTIS) alla progettazione di misure per la sostenibilità ambientale (SUPAIR, TalkNET), dallo studio per ottimizzare il trasporto ferroviario (AlpInnoCT, ISTEN) a quello per rendere più efficiente la collaborazione tra i diversi stakeholder portuali (Clusters 2.0). Sono attualmente in fase di valutazione anche altri 5 progetti. Per il presidente Zeno D’Agostino: "Rafforzare il settore della ricerca attraverso i finanziamenti comunitari, nazionali e regionali è una priorità. In un porto competitivo serve una strategia che non valorizzi solo lo sviluppo delle infrastrutture, ma anche i settori della conoscenza e dell’innovazione, nonché il dialogo continuo con gli enti di formazione e ricerca del territorio. Oggi si è competitivi solamente se si è in grado di seguire l’evoluzione tecnico organizzativa del mercato. Ecco perché negli ultimi anni abbiamo investito nel campo della ricerca e sviluppo, potenziando il settore interno ad essa dedicato anche attraverso le recenti nuove assunzioni di giovani brillanti ricercatori. I progetti finanziati sono solo il risultato più evidente di questa strategia, che si completa con un lavoro continuo di innovazione e progettualità logistica condiviso con gli operatori del porto e dell’industria del territorio. Questo oggi fa la differenza per uno scalo come il nostro, ed i risultati in termini di aumento della competitività, di traffici, di occupazione e di valore creato ne sono la concreta testimonianza".

Operazione “MARE SICURO 2017”


22 giugno 2017 - Anche quest’anno la Guardia Costiera è pronta ad affrontare le attività di controllo che vedranno impegnati le donne e gli uomini della Direzione Marittima della Campania a tutela dell’incolumità dei bagnanti, a difesa dell’ambiente marino ed a garanzia della sicurezza di tutti coloro che intendono andare per mare. Proprio la stagione estiva, infatti, rappresenta il momento di massimo utilizzo del mare e delle coste ad opera della collettività ed il personale delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera è chiamato ad assolvere il delicato compito di supervisore discreto, ma sempre presente, che garantisce lo svolgimento sereno ma sicuro delle attività balneari da parte dell’utenza del mare e, nel caso occorra, di severo tutore dell’ordine nei confronti dei comportamenti pericolosi ed illeciti. In tale contesto viene ribadita quotidianamente, dalla testimonianza degli innumerevoli interventi di soccorso “di prossimità” all’interno della fascia costiera, la vocazione del Corpo delle Capitanerie di Porto verso la salvaguardia della vita umana in mare: i comportamenti ritenuti “pericolosi” che vengono posti in essere con l’inosservanza delle più elementari norme di sicurezza e l’imprudente comportamento in mare di bagnanti e diportisti, sono spesso la principale causa degli incidenti, dalle conseguenze a volte gravi. L’operazione “MARE SICURO 2017” prevede la presenza di personale della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera nei periodi di maggior afflusso lungo tutte le coste della Regione, con particolare attenzione ai siti considerati “sensibili” a causa della maggior affluenza turistico balneare.

Srm presenta “Italian maritime economy”

22 giugno 2017 - SRM ha presentato ieri a Napoli la 4° edizione del Rapporto "Italian Maritime Economy” frutto degli studi compiuti dall’Osservatorio di SRM sull’Economia dei Trasporti Marittimi e della Logistica. Il convegno: Scenari e geomappe di un Mediterraneo nuovo crocevia: l’Italia sulla Via della Seta, si è svolto presso la Sala delle Assemblee del Banco di Napoli.

La ricerca contiene un focus di approfondimento sulla Belt & Road Initiative della Cina (anche conosciuta come Via della Seta); si tratta di un piano di investimenti infrastrutturali che modificherà gli assetti della portualità e delle rotte da/verso l’estremo oriente con impatti significativi sui porti del Mediterraneo e sul Nord-Europa.

Le analisi sono state realizzate in collaborazione con l’Università “Erasmus” di Rotterdam, la Kühne Logistics University di Amburgo ed il SISI-Shanghai International Shipping Institute con cui SRM ha siglato un protocollo di intesa per studi e ricerche congiunte.

Novità di quest’anno è l’utilizzo di una metodologia di ricerca innovativa di SRM; si tratta di un database di nuova creazione, con una serie storica comprendente circa 800.000 dati di posizioni navali che indicano, attraverso geo-rilevazioni, gli spostamenti di oltre 800 navi portacontainer di media e grande dimensione che navigano intorno al globo terrestre.

Tale metodologia ha consentito la costruzione di una serie di geo-mappe che saranno visualizzate e che hanno rilevato la dinamica e la presenza dei flussi navali container nel Mediterraneo e a livello mondiale. Si tratta di un approccio innovativo utilizzato da SRM per comprendere i trend del commercio internazionale e la direzione delle merci verso i mercati di sbocco, nonché i cambiamenti che gli investimenti cinesi stanno determinando a livello globale. Da queste geo-mappe emergono ancora più chiaramente i fenomeni che attestano la maggiore centralità del Mediterraneo nello scenario geo-economico mondiale.

Wizz Air ordina 10 ulteriori aeromobili A321ceo


22 giugno 2017 - Wizz Air Holdings Plc ha annunciato ieri un ordine per 10 ulteriori aeromobili Airbus A321ceo, alimentati da motori IAE International Aero Engines AG’s V2500. Gli aeromobili aggiuntivi entreranno nella flotta Wizz Air nel 2018 e 2019 e sosterranno i consistenti piani di crescita di Wizz Air poiché la compagnia risponde a una forte e crescente domanda di viaggi aerei nell’Europa Centrale e Orientale.

Sulla base degli attuali listini, il valore del nuovo ordine, piazzato con Airbus S.A.S. e IAE International Aero Engines AG, è di circa 1,16 miliardi di dollari, anche se Airbus ha garantito sconti significativi a Wizz Air.

La Società manterrà flessibilità nel determinare il metodo più favorevole di finanziamento degli aeromobili nell’ambito dell’Accordo Airbus. Wizz Air opera con l’Airbus A321 da novembre 2015 e attualmente utilizza 19 degli aeromobili ultra efficienti nella configurazione da 230 posti, e altri 22 aeromobili A321 entreranno nella flotta entro il 2019.

Wizz Air raggiungerà con l’A321 un risparmio sul costo unitario del 10% se comparato con l’A320, permettendo alla compagnia aerea di continuare ad accrescere il suo ampio network in Europa e oltre mantenendo sempre i costi più bassi, e di continuare a offrire le tariffe più convenienti ai suoi clienti.

Quale linea aerea con una delle maggiori crescite in Europa e con uno dei migliori margini di profitto, questi nuovi aerei - insieme ai 110 ordini confermati, dotati di nuova tecnologia A321neo già ordinati e in consegna dal 2019 in poi - vedranno raddoppiare la flotta di Wizz Air a partire dal 2024 permettendo alla compagnia di mantenere la posizione di maggior vettore low cost dell’Europa centrale e orientale e portando i costi operativi unitari a diventare i migliori del settore.

Microtunnel pronto per l’inizio del nuovo anno


22 giugno 2017 - Viste dall’alto appaiono come due buche profonde appena tre metri, con 16 e 13 metri di diametro, posizionate rispettivamente una davanti alla Torre del Marzocco, l’altra sulla sponda del Magnale. Ma quando domani saranno terminati i lavori di realizzazione dei diaframmi in cemento armato e avviati così i lavori di scavo, il progetto del micro-tunnel comincerà a prendere definitivamente forma, diventando qualcosa di più che non un semplice disegno su un pezzo di carta.

 Quelle buche sono infatti destinate a diventare i terminali di accesso e uscita di una delle opere più importanti dello scalo labronico, il condotto sotterraneo destinato ad ospitare quei tubi dell’Eni che oggi sono posizionati lungo le sponde del canale di accesso in porto e che restringono gli spazi di manovra alle navi contenitori più grandi, rendendo così complicata l’accessibilità della Darsena Toscana.

Una volta realizzato il tunnel sarà quindi possibile interrare le condutture dell’Eni e resecare la seconda parte della sponda della strettoia lato Torre del Marzocco, banchinandola e arretrandola di 30 metri (la resecazione della prima parte è stata completata nel 2011). L’obiettivo finale è arrivare ad allargare il canale dagli attuali 97 a 120 metri, portando la sua profondità a 16 metri nel centro, e a 13 metri sulle sponde, permettendo così il transito delle navi di ultima generazione.

Il pozzo lato Torre del Marzocco, detto anche pozzo di spinta, sarà ultimato ad agosto, quello sulla calata del Magnale (pozzo di recupero) ad ottobre. In autunno verrà così calata sul pozzo di spinta la talpa meccanica (Tunnel Boring Machine) che in circa due mesi di tempo realizzerà un tunnel di tre metri di diametro, lungo 234 metri e posizionato a 20 metri sotto il livello dell’acqua. L’opera di microtunneling sarà pronta per l’anno nuovo. A partire da quel momento spetterà all’Eni occuparsi dello spostamento del fascio tubiero.

Assemblea della Confederazione Italiana Armatori


21 giugno 2017 - Ieri 20 giugno a Roma, presieduta da Emanuele Grimaldi, si è tenuta la sessione privata dell’Assemblea della Confederazione Italiana Armatori che ha proceduto all’approvazione del bilancio e della Relazione annuale sull’anno 2016. L’Assemblea ha poi proceduto all’elezione dei membri del nuovo Consiglio confederale per il triennio 2017-2019. Il nuovo Consiglio, costituito da Emanuele Grimaldi, attuale Presidente di Confitarma, dai past President Aldo Grimaldi, Paolo Clerici, Nicola Coccia e Paolo d’Amico, da Andrea Garolla, Presidente Gruppo Giovani Armatori, e dai nuovi membri nominati dall’Assemblea di ieri, si riunirà nelle prossime settimane per votare a scrutinio segreto il nominativo del Presidente da proporre all’Assemblea.

Successivamente verranno nominati tutti gli altri organi sociali della Confederazione. Nel corso dell’Assemblea il Presidente Grimaldi ha illustrato l’attività svolta da Confitarma in relazione alle problematiche del settore sottolineando che, nonostante il protrarsi degli effetti della grave crisi economica e finanziaria iniziata nel 2007, alla fine del 2016 ed anche a giugno 2017, la flotta mercantile italiana, con oltre 16,5 milioni di tonnellate, rimane nelle prime posizioni: terza tra le flotte dei maggiori Paesi riuniti nel G20, seconda nell’Unione europea e quarta al mondo tra quelle in cui c’è corrispondenza tra bandiera della nave e nazionalità dell’armatore, corrispondenza che effettivamente alimenta il cluster marittimo del Paese.

 I Presidenti di Commissione e il Presidente dei Giovani Armatori hanno poi illustrato le principali tematiche affrontate nel corso del mandato con particolare riferimento a quelle riassunte nella Relazione annuale del Consiglio approvata dall’Assemblea. Il Presidente Grimaldi ha poi informato l’Assemblea che tutti i Fondi raccolti da Confitarma per le popolazioni colpite dal terremoto dell’Italia Centrale, sono stati devoluti alla Protezione Civile, alla Croce Rossa Italiana, alla Caritas Italiana, all’Associazione “Amici di Saletta” - Comune di Amatrice - per la realizzazione di un’area sociale, e all’Associazione “Terra di Amatrice Onlus”. Quest’ultima, con il contributo di Confitarma ha acquistato 9 moduli abitativi per ospitare altrettante famiglie.

Audi Sailing Week - 52 super series


21 giugno 2017 - Le rocce granitiche della Gallura e le acque turchesi della Costa Smeralda faranno da cornice unica per l'Audi Sailing Week - 52 Super Series, in programma a Porto Cervo dal 21 al 25 giugno con l'organizzazione dello Yacht Club Costa Smeralda in collaborazione con il Title Sponsor Audi, con cui il Club dal 2008 è legato da una solida partnership. Si tratta della quarta tappa del circuito professionistico riservato ai TP52, certamente il più competitivo per barche a chiglia. La flotta di 11 barche provenienti da 8 nazioni è allineata sulla banchina prospiciente lo Yacht Club Costa Smeralda, ieri si è svolta la Practice race mentre il primo segnale di partenza ufficiale sarà dato oggi, mercoledì 21, alle ore 13.

Le previsioni meteo parlano di venti leggeri, mai superiori ai 12 nodi, almeno fino a giovedì. Così si è espresso Riccardo Bonadeo, Commodoro dello YCCS: "Rivolgo il benvenuto alla grande famiglia della 52 Super Series, siamo particolarmente lieti di accogliervi per l'Audi Sailing Week nell'anno del nostro 50° anniversario. La presenza anche quest'anno a Porto Cervo della nostra Azzurra, dei soci e amici Roemmers, con il circuito velico di più alto livello competitivo tra le barche a chiglia è la dimostrazione del buon lavoro svolto finora dallo YCCS sia in mare che a terra. Ringrazio anche Audi, che ci supporta con entusiasmo in numerosi progetti sportivi e attività sociali organizzate dallo Yacht Club. Il livello agonistico è sempre più elevato, vedremo delle bellissime regate. Buon vento a tutti!"

 La classifica provvisoria della 52 Super Series vede al comando il neo campione mondiale Platoon, timonato dall'armatore, il tedesco Harm Mueller-Spreer, che si avvale di un dream team tra cui il tattico John Kostecki, l'oro olimpico Jordi Calafat alla strategia e il randista Dirk De Ridder. A soli 4 punti dal leader troviamo Azzurra, che a Porto Cervo fa gli onori di casa ma non per questo intende concedere nulla agli avversari. In occasione dell'Audi Sailing Week sono presenti gli armatori di Azzurra, soci dello YCCS, Pablo e Alberto Roemmers. Terzo in classifica generale a 11 punti dal leader è Quantum racing, che vedrà il ritorno al timone del suo armatore, l'americano Doug DeVos. Clubhouse YCCS. Foto credits: Nico Martinez

CLIA Releases Official Global Passenger Numbers For 2016


Jne 21, 2017 - Cruise Lines International Association (CLIA) announced the cruise industry has surpassed 2016 ocean cruise passenger projections, reaching 24.7 million cruise passengers globally up from a projection of 24.2 million. For 2017, based on current new vessel launch schedule and expected regional deployment, CLIA is projecting another positive year of growth for the industry with a passenger forecast of 25.8 million.

“One of the many reasons that the cruise industry continues to thrive is because of the personalization it is able to offer to its guests from around the world,” said Cindy D’Aoust, president and CEO, CLIA. “Never before have I been a part of or seen an industry that is so good at listening and reacting to what its customers want, and this is why we are going to see our industry continue to grow.”

Top Cruise Destinations in 2016
1. Caribbean (35 percent)
2. Mediterranean (18.3 percent)
3. Europe w/o Med (11.1 percent)
4. Asia (9.2 percent)
5. Australia/New Zealand/Pacific (6.1 percent)
6. Alaska (4.2 percent)
7. South America (2.5 percent)

Much of the industry’s growth can be attributed to the continuing development of the Asian market, with ocean capacity rising to 9.2 percent in 2016, a 38 percent increase from 2015. The increased capacity in the region, combined with travelers in this region going on shorter, and more frequent cruises, has kept this marketplace at the top of emerging markets within the cruise industry.

Eni rafforza la propria presenza in Messico


21 giugno 2017 - Eni si è aggiudicata 3 delle 10 aree offshore assegnate dalla Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH) nel bacino di Sureste, nel Golfo del Messico. Questo risultato permette ad Eni di ampliare ulteriormente la propria presenza in un mercato che solo con la riforma energetica del 2014 si è aperto ad investimenti stranieri, e che ha un grande potenziale di crescita.

L’aggiudicazione è l’esito della prima asta petrolifera convocata dalla CNH nell’ambito della "Ronda 2", in cui sono stati offerti blocchi situati in profondità d’acqua variabili tra 20 e 500 metri, nei bacini di Sureste e Tampico-Misantla. Eni sarà operatore del Blocco 10 (Eni 100%), del Blocco 14, (Eni 60%, Citla 40%), e del Blocco 7 (Eni 45%, Cairn 30% e Citla 25%). Tutte le licenze saranno gestite attraverso la controllata Eni Mexico. L’assegnazione dei contratti, che saranno di production sharing, è soggetta all’approvazione delle autorità.

Eni detiene già il 100% dell’Area 1 nel Bacino di Sureste, dove sta svolgendo con successo attività di esplorazione e appraisal e sta finalizzando uno sviluppo fast track per una rapida messa in produzione del campo di Amoca. I nuovi blocchi sono contigui all’Area 1 e permetteranno, in caso di successo esplorativo, di costruire un business operato con massa critica e sinergie operative nel paese. Eni è presente in Messico dal 2006 e ha creato la sua controllata al 100% Eni Mexico nel 2015.

Albo autotrasportatori: Confetra, rivedere le regole.

20 giugno 2017 - Le regole della rappresentanza all'interno del Comitato Centrale dell'Albo Autotrasportatori devono essere riviste in base a un principio chiave: i requisiti che consentono alle associazioni di autotrasporto di far parte di quell'organo devono essere comprovati in modo diretto e non tramite altre organizzazioni di grado superiore. All'origine - dichiara Nereo Marcucci Presidente di Confetra, la Confederazione Generale dei Trasporti e della Logistica - le regole per entrare nel Comitato dell'Albo Autotrasportatori, l’organo di autogoverno del settore, erano molto stringenti per consentire una rappresentanza qualificata degli autotrasportatori.

Con l’ultimo rinnovo avvenuto tre anni fa - continua Marcucci - i requisiti da comprovare in maniera diretta sono divenuti più semplici e per contro si è introdotto il requisito dell'adesione ad una Confederazione presente nel Cnel. Si tratta di un requisito che va cancellato - dichiara Marcucci - perché penalizza le associazioni dell’autotrasporto che, pur essendo rappresentative della categoria, se autonome non possono entrare nel Comitato dell’Albo.

Le regole di rappresentanza del Comitato dell'Albo sono diventate uno strumento di dumping associativo senza nessun vantaggio reale per gli autotrasportatori: Confetra presenterà prima dell'estate al Ministro Delrio una proposta per riportare quell’organo alla sua propria finalità - conclude Marcucci.

Banco di Napoli e Università Federico II per l’Innovation Hub


20 giugno 2017 - Banco di Napoli e Università Federico II di Napoli hanno inaugurato ieri i locali dell’Innovation Hub del Polo di San Giovanni a Teduccio. Si tratta del primo Hub di Intesa Sanpaolo che mette insieme la Banca, le Imprese e l’Università e non a caso ciò avviene a Napoli. Se il mondo delle start up è da qualche tempo in pieno fermento in Italia, certamente la Campania e Napoli sono tra le realtà locali più attive e propositive a livello nazionale.

Ciò si legge anche nei numeri che il Banco di Napoli registra: circa 18 milioni di euro di finanziamenti alle start up negli ultimi dodici mesi, 28 DATS (l’innovativo sistema di rating qualitativo creato da Intesa Sanpaolo per il finanziamento di start up e progetti innovativi), 21 matching, cioè contatti e partnership commerciali tra imprese locali e internazionali attraverso la piattaforma Tech Marketplace di Intesa Sanpaolo, 8 partnership create dalla Banca tra istituzioni universitarie ed incubatori.

E anche nel campo della formazione alle imprese il Banco di Napoli ha promosso, quest’anno, ben 7 edizioni di “Digital day” e tre “giornate di orientamento all’internazionalizzazione” che hanno visto più di 200 partecipanti. L’hub della Federico II e del Banco di Napoli si inserisce in questa realtà così vivace e sarà dedicato al trasferimento tecnologico delle innovazioni prodotte dall’Università verso le imprese, con particolare attenzione sulle soluzioni di open innovation, valorizzando il contributo delle startup, dei centri di ricerca, degli incubatori, degli “acceleratori” e “centri di contaminazione” presenti nel Mezzogiorno.

 L’Hub, che è stato inaugurato dal direttore generale del Banco di Napoli e direttore regionale di Intesa Sanpaolo, Francesco Guido, e dal direttore scientifico iOS Developer Academy dell’Università Federico II, Giorgio Ventre, è il risultato di un percorso svolto in questi mesi, grazie al costante dialogo tra Banca ed Università, finalizzato a costruire un set di servizi concreti per le startup e le PMI del Mezzogiorno.

Ad Amsterdam il principale evento Europeo sull'LNG


20 giugno 2017 - Dal 13 al 15 giugno 2017 si è tenuto il CWC LNG Fuels Summit, principale evento in Europa sul gas metano liquido (LNG). Negli ultimi due anni anche in Italia si è cominciato a parlare di LNG come carburante alternativo al diesel date le ottime performance ambientali tali da abbattere le emissioni di CO2 fino al 20%.

Il CWC LNG Fuels Summit è stata l’occasione per fare un’analisi puntuale del mercato e cercare di capire quali siano le leve che possano permettere un utilizzo su larga scala di LNG con tutti gli attori della filiera presenti: dai costruttori delle pompe di servizio ai grandi gruppi industriali quali IKEA e UNILEVR.

Per quanto riguarda il trasporto pesante su gomma, l’Europa non è stata tra i primi a credere all’LNG. Nei primi mesi di quest’anno la tanto vituperata Cina ha messo su strada 201.000 camion mentre in Europa non si ha ancora una copertura sufficiente e uniforme di pompe di distribuzione.

La diffusione di queste è infatti molto legata ai costi di traporto del carburante ed è così che le pompe di servizio esistono in maniera capillare solo nei pressi di terminal portuali LNG al momento presenti solo in Spagna, Francia e Olanda. Paesi solitamente molto attenti ad aspetti ambientale si trovano ad oggi molto in difficoltà nel rendere realtà l’LNG.

La Germania ne è un esempio eclatante: il primo mercato europeo della logistica conta attualmente solo due pompe LNG. In Italia la situazione sta migliorando velocemente anche se nel nostro territorio ci sono solo dieci pompe di rifornimento concentrate interamente nel Nord Italia.

Tra gli speaker invitati a partecipare all’evento anche due aziende italiane che hanno nel loro DNA innovazione e sostenibilità: IVECO, in qualità di azienda costruttrice di veicoli, ed il Gruppo Codognotto, uno dei principali operatori logistici italiani. IVECO è oggi leader del mercato europeo dei mezzi a carburanti alternativi e all’avanguardia per sviluppi tecnologici e performance. Il gruppo italiano è stato più lungimirante dei suoi competitors muovendosi anni fa in una strada non ancora tracciata e puntando con decisione su ricerca e sviluppo.

Il Gruppo Codognotto è stato indicato come benchmarker tra i grandi operatori logistici europei nell’adottare soluzioni green attirando l’attenzione internazionale grazie ad una crescita imponente: da 10 milioni di fatturato nei primi anni 2000 a quasi 200 milioni nel 2016, ed una presenza internazionale in oltre 20 paesi.

Risposte Turismo: a Palermo Carriere@ICD


20 giugno 2017 - Candidature aperte fino al 30 luglio per partecipare alla nuova edizione di CARRIERE@ICD, l’unico career day in Italia dedicato al comparto crocieristico in programma quest’anno a Palermo venerdì 6 ottobre. L’iniziativa, in programma presso il Grand Hotel Villa Igiea, si inserisce nell’ambito della settima edizione di Italian Cruise Day, forum annuale di riferimento per l’industria crocieristica italiana ideato e organizzato da Risposte Turismo quest’anno in partnership con l’Autorità Portuale di Palermo.

50 i posti disponibili riservati a candidati iscritti a università/master italiani o fino ai 27 anni di età, selezionati dalla segreteria organizzativa sulla base di criteri che comprendono formazione, titolo di studio, conoscenza delle lingue ed eventuali esperienze maturate nel settore crocieristico, tra tutte le candidature inviate attraverso il form sul sito di Italian Cruise Day.

Confermato il format delle edizioni precedenti, con la possibilità, per i ragazzi selezionati, di effettuare colloqui one to one con i referenti di alcune delle più importanti aziende del comparto crocieristico nazionale e di ascoltare presentazioni aziendali. Le aziende che hanno già confermato la propria partecipazione a Carriere@ICD sono Navigare Travel, Royal Caribbean International, Ant Bellettieri & Co., Cagliari Cruise Port e Catania Cruise Terminal, Costa Crociere, MDT Servizi Turistici, MSC Crociere, CIMA Viaggi, Sailing Race Service, Naviservice e altre se ne aggiungeranno nei prossimi giorni.

 Con oltre 2.000 candidature ricevute nelle precedenti sei edizioni tenutesi a Venezia (2011), Genova (2012), Livorno (2013), Napoli (2014), Civitavecchia (2015) e La Spezia (2016), il career day di Risposte Turismo si conferma un punto di riferimento annuale per tutti coloro che sono interessati a intraprendere un percorso professionale all’interno del settore crocieristico.

ABB consegna la connessione eolica DolWin2


19 giugno 2017 - Dopo aver portato a termine con successo il collaudo ABB ha consegnato l’interconnessione eolica offshore DolWin2 all’operatore di rete tedesco-olandese TenneT. DolWin2 rappresenta il terzo progetto di interconnessione eolica offshore che ABB ha portato a termine per TenneT nel Mare del Nord, dopo BorWin1 eDolWin1.

L’interconnessione in corrente continua in alta tensione (HVDC) collegherà i parchi eolici offshore con la rete sulla terraferma, con una capacità di alimentare oltre un milione di abitazioni con sola energia rinnovabile. DolWin2 supporta il piano “Energiewende” della Germania con lo scopo di generare oltre 6,5 giga watt (GW) di energia eolica offshore entro il 2020 e 15 GW entro il 2030.
“Siamo orgogliosi di aver collaudato e consegnato con successo il progetto DolWin2 e vorrei ringraziare TenneT per la continua fiducia accordataci e per la collaborazione” ha commentato Claudio Facchin, Presidente della divisione Power Grids di ABB. “HVDC è la tecnologia più sfruttata per la trasmissione affidabile ed efficiente di grandi quantità di energia su lunghe distanze con perdite ridotte. È ideale per consentire l’integrazione di energia rinnovabile remota nella rete elettrica e ha un ruolo fondamentale nel rendere ABB partner preferenziale per la realizzazione di reti più forti, più intelligenti e più sostenibili, in linea con la nostra strategia Next Level.” 
 La connessione a 916 megawatt sfrutta la tecnologia HVDC Light® di ABB basata su convertitori di tensione VSC e comprende una stazione di conversione a 320 kilovolt situata su una piattaforma distante 45 chilometri dalla terraferma. La stazione connette fino a tre parchi eolici offshore alla rete elettrica tedesca. Lo scopo di fornitura di ABB include la progettazione, la fornitura, l’installazione e il collaudo delle stazioni di conversione compatte offshore e onshore e i sistemi di cablaggio sottomarini e sotterranei.

Assemblea pubblica di Alsea


19 giugno 2017 – Lo studio realizzato dal Prof. Fabrizio Dallari, della LIUC Università Castellanza sulla logistica lombarda è stato presentato da Alsea, la più grande associazione territoriale italiana dei trasporti, delle spedizioni e della logistica. Nell'area logistica milanese sono insediate 1.500 imprese di servizi logistici e oltre 15.000 società di autotrasporto, che realizzano un giro d'affari di 20 miliardi di Euro, pari al 26% circa del mercato italiano.

Nella Regione Logistica Milanese sono presenti il 22% delle imprese italiane che occupano il 29% degli addetti del settore. Qui è presente il 35% di tutti i magazzini conto terzi in Italia. Dall'alto di questi numeri, il Presidente di Alsea, Betty Schiavoni, ha chiesto ai decisori politici di considerare l'Italia, da un punto di vista logistico, come un sistema, il cui cuore si trova in Lombardia. L'Italia negli anni passati ha investito ingenti risorse in opere infrastrutturali slegate fra loro, nate forse troppo spesso per accontentare localismi diffusi.
"Apprezziamo – ha detto il Presidente Schiavoni - il lavoro del Ministro Delrio che ha realizzato il Piano Nazionale dei porti e della logistica e si appresta a realizzare quello degli aeroporti, partendo proprio dalla visione del Paese come un sistema unico, in cui si vogliono valorizzare le tipicità dei territori senza sottrarsi, tra comunità limitrofe, piccoli traffici ma cercando di crescere tutti insieme."
 Alsea ha quindi avanzato la richiesta ai decisori politici di confrontarsi con gli imprenditori lombardi su questi argomenti perché risiedono in Lombardia le principali imprese del settore.
"Permangono – ha proseguito il Presidente Schiavoni - criticità nei collegamenti con i porti, gli aeroporti ed i valichi nonché nelle pratiche di impresa, non ai livelli con quelli delle city region del Nord Europa. Vi sono carenze di personale nelle Amministrazioni Pubbliche che intervengono nel momento doganale e che penalizzano le imprese. Pensiamo alle dogane, le cui performance da un punto di vista della fluidificazione dei traffici sono a livelli ottimali, ma soprattutto all’USMAF, che negli ultimi mesi ha generato ritardi insostenibili per i tempi attuali del commercio internazionale".

Assologistica e Confetra danno il benvenuto a Silo spa.


19 giugno 2017 - SILO SpA ha aderito ad Assologistica ed entra nel sistema Confetra. La Società direttamente e attraverso le sue partecipate impiega stabilmente più di 3.000 persone in settori tradizionali come il trasporto merci ma anche in magazzini ad alta innovazione tecnologica. La adesione ad Assologistica di SILO - società del Gruppo CFT - rafforza le nostre competenze e la nostra rappresentanza nell'autotrasporto e nella logistica, dice Confetra.

DNV GL opens fleet performance centres to improve vessel efficiency


Image caption: 1: Christian Rychly, Managing Director of Leonhardt & Blumberg (left) and Knut Ørbeck-Nilssen, CEO of DNV GL – Maritime (right) cut the ribbon. June 19, 2017 - DNV GL opened two digital fleet performance centres in Hamburg and Singapore to support their ECO Insight customers in monitoring and optimizing their fleets. Expert systems at the fleet performance centres are able to check incoming vessel data from customers using the ECO Insight platform, providing quality control of the data and offering suggestions on potential improvement levers for both individual vessels and fleets, such as identifying speed loitering and over-usage of auxiliary engines or boilers.

 The performance centre provides comprehensive and customizable fleet monitoring. In development and in operational trials for the last nine months, it is already supporting pilot clients in Asia and Europe daily with data quality and performance alerts, performance reviews, and ad-hoc investigations into performance issues and claims cases, among others. In addition to machine-learning systems, dedicated DNV GL performance managers verify the validity of performance alerts before they are being send to customers.

They also look at why performance is different between vessels of the same fleet and propose actions.  “We are very glad to have partnered with DNV GL. It is of great value to us when performance experts provide a ‘second pair of eyes‘ on our fleet and give us real-time warnings if vessels are not being operated in the most efficient manner,”
 said Christian Rychly, managing director of the German shipping company Leonhardt & Blumberg, during the opening and ribbon cutting ceremony of the new fleet centre in Hamburg.
“To mitigate the market pressure, we exactly need those tools which enhance our efficiency and help us to comply with the ever more challenging environmental regulations,” he added. 
 “The fleet performance centres are just one of the ways we are working to use digitalization to help our customers enhance their competitiveness through improved efficiency, greater safety, and increased margins,” said Knut Ørbeck-Nilssen, CEO of DNV GL – Maritime. 
“Without the valuable contribution of pilot customers such as Leonhardt & Blumberg, we wouldn’t have been able to develop this innovative solution.” 

La rappresentanza doganale: condizioni, modalità e responsabilità



19 giugno 2017 – Domani 20 Giugno presso la CCIAA di Livorno si terrà il seminario “La rappresentanza doganale: condizioni, modalità e responsabilità”. In continuità con le precedenti occasioni di studio del contesto normativo doganale alla luce del CODICE DOGANALE DELL’UNIONE, il seminario propone un approfondimento in tema di RAPPRESENTANZA DOGANALE.

Nel concreto si andrà a verificare ed esplorare come tale istituto è stato rinnovato dal CDU per comprendere: chi è oggi il rappresentante doganale; il contenuto della sua attività; le modalità e le condizioni d’esercizio; le responsabilità e le forme di tutela; il mandando e gli strumenti operativi; il nesso con le autorizzazioni e le semplificazioni.

Il seminario sarà quindi occasione per presentare il QUADERNO promosso dalla Sezione Doganale e realizzato in collaborazione con il C-TRADE dal titolo: “La rappresentanza doganale e il mandato”. I relatori saranno: Domenico De Crescenzo, Presidente Sezione Doganale Fedespedi - Presidente Consiglio Territoriale Spedizionieri Doganali di Napoli; Alberto Siniscalchi, Responsabile area Procedure e Controlli settore dogane della Direzione Interregionale per Toscana, Sardegna e Umbria. Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Lucia Iannuzzi e Paolo Massari.

Nor-Shipping celebrates ‘most important’ event week


June 19, 2017 - Nor-Shipping believes that its 2017 outing marked a watershed moment for the leading global maritime event week, with strong visitor numbers, more international participants than ever before, and a speaker programme that will help set the industry agenda for years to come. Nor-Shipping 2017, which took place across a series of venues in Oslo and Lillestrøm from 30 May to 2 June, held more events than ever (220), gathered a greater number of speakers than past programmes (150), and welcomed exhibitors from some 48 countries.

Despite on-going tough market conditions, overall visitor numbers were maintained, with people from some 75 nations making the trip to Norway. However, as Nor-Shipping Director Birgit Liodden explains, the figures only tell part of the story. “It goes without saying that we’re happy to attract strong visitor, delegate and exhibitor numbers,” Liodden states, “but what we’re most proud of is the depth of content, insight and innovation on show throughout the week. “From the revolutionary transport system of Hyperloop Transportation Technologies, to clean energy pioneers and planners, to major league shipowners, equipment and service suppliers, regulators, governments, cargo owners, and tech trailblazers, Nor-Shipping 2017 was the meeting place for the people that matter to maritime.

“Our conferences tackled the big industry issues – such as promoting diversity, sustainable shipping success, and the opportunities, and challenges, of increased digitization – while our podiums delivered unique insights on the key hotspots of Africa, Asia and Brazil. From the exhibition floors to the networking opportunities down by the water in Oslo, there really was something for everyone – and something of lasting value.” Liodden sees many highlights from the week, with the decision to dedicate the whole of Hall A to the new industry concept of Disruptive Sustainability as a standout.

Lo Shipping si mobilita ancora una volta a favore della ricerca.


19 giugno 2017 - Martedì 13 Giugno 2017 si è svolta presso il Circolo Golf e Tennis di Rapallo la tredicesima edizione della Invitational Shipping Pro-Am di Golf in favore della Fondazione Malattie Renali del Bambino (FMRB), che ha visto scendere sul green imprenditori, manager e professionisti del mondo dello shipping e dell’economia nonché noti volti sportivi. La manifestazione è nata nel 2005 dall'idea di un gruppo di armatori, aderenti a Confitarma (Confederazione Italiana Armatori), per finanziare e sostenere i progetti di ricerca della Fondazione.

 Grazie alla passione e all’impegno comune di organizzatori e di generosi Sponsor, oltre 1,3 milioni di Euro sono stati raccolti in questi anni solo tramite la Invitational Shipping Pro-Am (110.000€ soltanto nella tredicesima edizione) e sono stati interamente devoluti alla Fondazione contribuendo a far diventare il Reparto di Nefrolologia e il suo Laboratorio un Centro d’Eccellenza a livello Internazionale.

 La Fondazione Malattie Renali del Bambino quest’anno festeggia con grande orgoglio i suoi quarant’anni di attività benefica: le sue origini risalgono infatti al 1977 quando venne ideata dalla Prof.ssa Rosanna Gusmano, allora primario del reparto di Nefrologia dell'Istituto Giannina Gaslini.

Riconoscimento rotariano alle Capitanerie di Porto


Nella foto: il Dott. Pasquale Di Pietro consegna il riconoscimento all’Amm. Pettorino.
19 giugno 2017 - Lo scorso 12 giugno, al Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia costiera è stato conferito il “Paul Harris Fellow“, la massima onorificenza rotariana da parte del Rotary Club Genova Golfo Paradiso. A ritirare il prestigioso riconoscimento nella suggestiva cornice di Camogli, per conto del Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, il Comandante Regionale della Guardia Costiera della Liguria e Comandante del porto di Genova, Ammiraglio Ispettore Giovanni Pettorino. Con il premio è stato riconosciuto alla Guardia Costiera l’impegno quotidianamente profuso a tutela della salvaguardia della vita umana in mare, nell’adempimento dei propri compiti istituzionali.

330 milioni per autostrada viaggiante sulla Prato-Bologna


17 giugno 2017 - Saranno investiti 330 milioni per realizzare una autostrada viaggiante sulla tratta ferroviaria Prato-Bologna e rafforzare i flussi di traffico tra i porti della Toscana e il Centro-Nord Europa. La notizia è emersa ieri in occasione di un convegno organizzato al centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato cui hanno preso parte l’assessore regionale alle infrastrutture, Vincenzo Ceccarelli, il vice ministro delle Infrastrutture, Riccardo Nencini; il presidente dell’Autorità di Sistema del Mar Tirreno Settentrionale, Stefano Corsini e l’assessore regionale al Turismo, Stefano Ciuoffo. Nell’ottica del potenziamento del Corridoio Scandinavo-Mediterraneo, verranno risagomate le gallerie ferroviarie della tratta Prato-Bologna per migliorare gli standard attuali relativi al flusso dei traffici. Per il momento siamo ancora nella fase progettuale. Presto si aprirà un tavolo tecnico che coinvolgerà la Regione Toscana, la Regione Emilia Romagna e RFI per cominciare a discutere dell'opera. I finanziamenti sono in buona parte già stanziati. L'obiettivo è quello di iniziare i lavori di ammodernamento nel 2018 (con una previsione di ultimazione nel 2021). "La Prato-Bologna è fondamentale per il sistema portuale dell'Alto Tirreno - ha dichiarato a margine del convegno Stefano Corsini - attraverso questa importante opera, e grazie alla trasversale Firenze-Pisa, Livorno e Piombino possono raggiungere il corridoio del Brennero e puntare diritto ai mercati dell'Europa Centro Orientale".

Apre in Campania la più importante scuola italiana per gemmologi


17 giugno 2017 - Nel 2016 oltre 350 studenti in tutta Italia hanno conseguito almeno un certificato o diploma in gemmologia, una tendenza che è in rialzo nel 2017. Lo ha annunciato a Marcianise il presidente dell'IGI International Gemological Institute Italy, Paolo Minieri, in occasione della presentazione del nuovo soggetto che rappresenterà l'IGI (International Gemological Institute, l'ente certificatore privato di gemme più grande al mondo) in Italia per quanto attiene il campo della formazione.
“Negli ultimi anni – ha aggiunto Minieri - sono stati conseguiti diverse migliaia di titoli, ponendo IGI International Gemological Institute Italy in cima per importanza, per volume d'affari e per numero di studenti diplomati in tutta Italia”.
 Durante l’appuntamento organizzato ad Oromare ad a cui ha partecipato Deborah Pienica, Chief Operating Officer dell’istituto di Anversa, Minieri ha spiegato che i giovani che approcciano l'IGI al di fuori dell'area del business delle gemme e della gioielleria rappresentano il 20% circa delle unità formate.
“Molte di queste new entries costituiscono un necessario apporto di ripopolamento del settore attraverso energie, storie e background diversi – ha evidenziato - Il tasso di inserimento è molto alto, poiché i titoli dell'IGI sono riconosciuti in tutto il mondo e le competenze acquisite in Campania sono le stesse che si acquisiscono ad Anversa, a Dubai o a New York”. 
Molto importante è il processo di consolidamento e di arricchimento tecnologico per coloro che invece frequentano i corsi dell'IGI continuando l'attività di famiglia.
“Molti ragazzi che non avevano trovato una risposta nella bottega tradizionale, ormai un po' invecchiata, hanno trovato tramite l'IGI gli strumenti tecnologici e le abilità per potersi qualificare.
I corsi dell'IGI, quindi, in qualche maniera contribuiscono a trattenere in aziende storiche le risorse più giovani offrendo un inserimento e un aggiornamento a livello internazionale”. 
Da Anversa a Marcianise: oltre la sede IGI in Campania, i corsi vengono svolti anche dai distretti territoriali di Ascoli Piceno, Cavalese (TN), Roma e Trecastagni (CT).

Zone Economiche Speciali


17 giugno 2017- Il Governo riapra il tavolo sulle Zone Economiche Speciali (ZES) coinvolgendo anche le Zone Franche e lo faccia partendo da quella di Venezia: l’approdo finale della “Nuova Via della Seta”, su cui la Cina ha in programma di investire circa 60 miliardi di dollari e l’hub logistico dell’Italia per l’Oriente e il Nord Europa. Queste alcune delle richieste della Camera di Commercio di Venezia Rovigo Delta – Lagunare che ha chiesto ufficialmente al Governo di riaprire il Tavolo Interministeriale sull’allargamento della Zona Franca di Marghera e per l’istituzione di una Zona Economica Speciale (ZES) a Venezia, nell’ambito delle politiche di costituzione delle ZES in Italia (per ora previste dal governo nel solo Mezzogiorno). “La storia recente ci insegna che dobbiamo smettere di concepire le politiche per il Mezzogiorno come slegate dal resto del Paese, occorre cominciare a progettare politiche per il Sistema Italia. Un sistema di Zone Economiche Speciali (ZES) nei porti del sud Italia è un segnale importante, ma denota una visione miope se non è in grado di operare in sinergia con gli snodi strategici del commercio internazionale italiano come il Porto di Venezia, l’approdo finale della “Nuova Via della Seta”. Queste le parole di Damaso Zanardo, rappresentante di Confindustria presso la Camera di Commercio di Venezia Rovigo Delta – Lagunare, che da tempo si batte per l’istituzione della ZES a Venezia. Zanardo e il Presidente della CCIAA Giuseppe Fadalto hanno incontrato il Sottosegretario all’Economia Pierpaolo Baretta e il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con Delega agli Affari Europei Sandro Gozi per consegnare l’appello volto alla creazione di una Zona Economica Speciale nel Porto di Venezia, sottoscritto dal sistema imprenditoriale veneziano e per chiedere al Governo di convocare urgentemente un tavolo interministeriale (le categorie economiche, gli ordini professionali, le organizzazioni sindacali e il sistema camerale con il supporto dell’autorità portuale veneziana). Una foto del rappresentante di Confindustria Venezia presso la Camera di Commercio di Venezia Rovigo Delta – Lagunare Damaso Zanardo con il Sottosegretario all’Economia Pierpaolo Baretta e il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con Delega agli Affari Europei Sandro Gozi

Grimaldi Lines, prezzi pazzi per la Sicilia tutto l’anno


16 giugno 2017 - La Sicilia, con tutto il suo immenso patrimonio culturale, paesaggi unici e mare cristallino diventa una destinazione sempre più attraente grazie alla nuova promozione di Grimaldi Lines. Con Super Speciale Sicilia, infatti, prenotando nei tre giorni del week-end, si potrà raggiungere l’isola più grande del Mediterraneo in ogni periodo dell’anno a prezzi particolarmente convenienti.

L’offerta, che cumula un nuovo sconto del 20% - diritti fissi esclusi - con quello dell’advanced booking, è valida per prenotazioni effettuate tra il 16 e il 18 giugno prossimi sulle linee Livorno-Palermo e Salerno-Palermo, e viceversa, ed è applicabile a tutte le partenze di sola andata - o andata e ritorno - da effettuarsi entro il 31 dicembre 2017.

La promozione è valida per tutte le tipologie di sistemazione, non è soggetta a limitazione posti ed è cumulabile con le altre tariffe speciali, gli sconti e le convenzioni attive al momento della prenotazione; non è invece cumulabile con la tariffa speciale Siciliani Doc, dedicata ai passeggeri nativi e/o residenti in Sicilia, a cui viene garantito tutto l’anno un prezzo non solo conveniente, ma anche flessibile in termini di cambi e cancellazioni.

Porto sostenibile: un nuovo capitolo di sviluppo


16 giugno 2017 – Il porto di Trieste, da sempre attento alla sostenibilità ambientale, ha terminato il progetto di modifica dell’impianto fotovoltaico presente nello scalo, grazie al supporto del Gestore dei Servizi Energetici, società controllata dal Ministero dell'Economia e delle Finanze con un ruolo centrale nella promozione dello sviluppo sostenibile in Italia.

Con la modifica progettuale individuata, e in seguito alla valutazione tecnica effettuata dal GSE, i pannelli fotovoltaici posti sulla copertura del magazzino n. 50 sul molo V potranno essere ricollocati su altri magazzini del porto, garantendo il mantenimento in esercizio dell’impianto e il rispetto delle condizioni per l’accesso agli incentivi. La vicenda dei pannelli fotovoltaici era sorta quando la Samer & Co. Shipping aveva chiesto all’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale la demolizione del magazzino n. 50, sul quale erano installati sin dall’anno 2012 i pannelli dell’impianto gestito dalla Meridian Parco Energia srl. Obiettivo della Samer Co Shipping è l’acquisizione di nuove aree scoperte all’interno del molo V al fine di ricavare nuovi spazi operativi per il terminal intermodale attualmente in costruzione.

Ripresa debole in Campania positivi turismo ed export


16 giugno 2017 - Crescono le famiglie in povertà assoluta, solo turismo ed export fanno da traino alla ripresa, con la manifattura che arranca e si contraggono le costruzioni dopo l’espansione del 2015. In leggera ripresa i consumi ed i servizi. Le criticità non si attenuano per l’economia della Campania: il tessuto economico e produttivo resta debole e fragile, con un Pil che nel 2016 è inferiore di circa il 14% rispetto a quello del 2007 (fonte Prometeia) e con un’incidenza dei prestiti deteriorati delle imprese che è la più elevata in Italia.

E ancora, un giovane su due non lavora, solo un terzo di chi ha perso il lavoro lo ritrova, con i livelli di attività produttive ancora distanti da quelli prima della crisi. E, come se non bastasse, stenta a partire la programmazione comunitaria, con il settore delle costruzioni che non riesce ad uscire dalla recessione. Senza una vera svolta, la Campania sarà ancora in caduta libera. Se infatti nel 2016, tranne turismo ed export, sono in rosso i principali indicatori economici, per il 2017 segnali positivi si intravedono solo a macchia di leopardo, con un tasso di occupazione che dovrebbe aumentare del 3,5%. Soprattutto nei servizi, trainati dal turismo.

Ma aumenterà del 22,4% anche quello di disoccupazione. Segno che la crisi è profonda, in mancanza di una politica industriale nazionale e locale. E che il perdurante calo degli investimenti sarà ancora un freno alla crescita reale del territorio, ripercuotendosi sia sul tessuto produttivo che sull’occupazione. Lo confermano i dati sull’economia regionale elaborati dalla Divisione Analisi e Ricerca economica territoriale di Bankitalia. Secondo gli analisti di via Cervantes, nei primi tre mesi del 2017 l’economia locale continuerà a dare segnali di un lento cammino, ma senza una ripresa degli investimenti in opere pubbliche e nella manifattura, che peraltro beneficiano degli incentivi fiscali, non aumenterà né l’occupazione né la crescita complessiva.

A dare segnali di speranza è l’export che nel 2016 è aumentato del 2,9% rispetto all’anno precedente (bene l’agroalimentare, gli apparecchi elettrici, i prodotti farmaceutici, della siderurgia e dell’automotive) le startup innovative (431 a fine dicembre 2016, seppure al di sotto della media nazionale e del Mezzogiorno) ed il turismo che beneficia delle criticità che si riscontrano in alcuni Paesi del Mediterraneo.

“Trasportiamo l’Italia. La strada della sostenibilità”


16 giugno 2017 - “L’interesse manifestato dal Ministro Delrio, che al termine dell’incontro ha voluto visionare personalmente i nostri mezzi IVECO Stralis di ultima generazione a carburante alternativo LNG, è un segnale importante per tutto il settore trasporti. Sottolinea infatti, ancora una volta, la centralità dell’intermodalità e della logistica per il Sistema Paese e per lo sviluppo di un modello condiviso in grado di generare sostenibilità ambientale, sicurezza e migliore competitività economica”.

È quanto dichiarato da Domenico De Rosa, Amministratore Delegato del Gruppo SMET, a margine dell’incontro Trasportiamo l’Italia. La strada della sostenibilità, che si è svolto lunedì 12 giugno presso la Sala Presidenziale della Stazione di Roma Ostiense e che ha visto la partecipazione del Ministro Graziano Delrio.

La sostenibilità sociale, ambientale ed economica, la mobilità connessa e le smart roads sono stati gli argomenti dei tavoli di confronto. Ai tavoli ha preso parte anche il Gruppo SMET, azienda leader a livello europeo nella logistica integrata e nell’intermodalità, ripetutamente premiata per l’introduzione di sistemi di trasporto su strada fortemente ecologici, innovativi, economici ed efficienti.
 “Il rispetto per l’ambiente che ci circonda è da sempre una nostra priorità – ha concluso Domenico De Rosa – Per questo motivo nel 2015, in partnership con IVECO, abbiamo deciso di ampliare la nostra flotta grazie a un numero sempre maggiore di mezzi Eco Truck LNG di ultima generazione, che consentono una riduzione delle emissioni di CO2 pari al 15% rispetto a un veicolo alimentato a diesel per un totale di 440 tonnellate di anidride carbonica risparmiate in un anno”.

Il nuovo logotipo delle Autorità di sistema portuale


15 giugno 2017 - Ieri nella sede dell’Associazione dei Porti Italiani, il Presidente Zeno D’Agostino ha premiato il vincitore del concorso di idee per la realizzazione del logotipo delle neo-istituite Autorità di Sistema Portuale. Proveniente dall’Accademia delle Belle Arti di Cuneo, il giovane studente Cristian Giordano ha ricevuto una lettera di congratulazioni per la qualità e l’originalità del suo progetto, oltre al premio in denaro di 1.000 euro.

 Il concorso aveva la finalità di procedere alla realizzazione del logo/marchio delle Autorità di Sistema Portuale per la propria comunicazione istituzionale. Il logo/marchio è stato valutato, secondo una griglia di assegnazione del punteggio, da una commissione di dipendenti delle Autorità stesse, nominati dai propri Presidenti, che hanno stilato una graduatoria dei migliori 3 progetti sui 30 pervenuti in maniera anonima in Associazione attraverso il sito internet. Il progetto vincitore è un logo che può essere personalizzato e che si è distinto anche per l’illustrazione che lo studente ha presentato.
A margine della premiazione D’Agostino ha detto: “La necessità di presentare la portualità italiana con un simbolo comune ci ha portato a indire il concorso tra gli studenti delle Accademie delle Belle Arti. Adesso le Autorità hanno tutti uno strumento in più che li unisce, un simbolo grafico che può essere affiancato da altri marchi di tipo commerciale e/o storico portuale. In Assoporti ci era stata fatta presente l’esigenza di trovare uno strumento di comunicazione comune e abbiamo pensato di coinvolgere i giovani”.

Industria chimica leva di sostenibilità e sviluppo


15 giugno 2017 - Imprese chimiche responsabili sul territorio, in grado di garantire la crescita economica nel rispetto delle persone e dell’ambiente: la 15a Conferenza dei Coordinatori di Responsible Care, tenutasi ieri a Grosseto, ha evidenziato ancora una volta il ruolo fondamentale dell’industria chimica per lo sviluppo sostenibile, anche a livello locale. Responsible Care è il Programma volontario per la tutela di salute sicurezza e ambiente, coordinato in Italia da Federchimica (Federazione nazionale Industria chimica).
“Responsible Care è un’eccellenza nel panorama industriale; perché è un modo unico, etico e sostenibile di lavorare delle imprese e crea cultura d’impresa” ha commentato Cosimo Franco, Presidente del Programma Responsible Care. “Grazie a Responsible Care, fin dal 1992 abbiamo intrapreso un percorso che ci ha permesso di diventare un settore d’eccellenza nella responsabilità sociale d’impresa” ha continuato Cosimo Franco. 
 La conferenza, promossa da Federchimica in collaborazione con Confindustria Toscana Sud, è stata l’occasione per parlare sostenibilità e sviluppo del territorio; la chimica in Maremma conferma la sua volontà di guardare avanti in maniera responsabile perseguendo lo sviluppo sostenibile.
 “La sviluppo economico, sociale ed ambientale è un priorità per le imprese chimiche maremmane, ed in particolare per quelle del polo di Scarlino dove, imprese, lavoratori e loro rappresentanti sono uniti e seriamente impegnati nella responsabilità sociale anche attraverso la promozione del Programma Responsible Care. I risultati sono evidenti: dal 2009 registriamo zero infortuni ai dipendenti diretti, un dato concreto che testimonia la nostra massima attenzione alla sicurezza dei lavoratori” ha affermato Luigi Mansi, Vice Presidente Federchimica.

Piero Formenti confermato Presidente di EBI


14 giugno 2017 - Il Vice Presidente di UCINA Confindustria Nautica, Piero Formenti è stato confermato Presidente di EBI(European Boating Industry) , l’Associazione che rappresenta l’industria nautica in Europa, nel corso dell’Assemblea Generale che si è tenuta ieri a Bruxelles. Formenti resterà in carica per i prossimi due anni. Riconfermati nella carica di Vicepresidenti i rappresentanti della Polonia (POLBOAT) Piotr Jasionowski e della Francia (FIN) Jean-Pierre Goudant. Rimane in Consiglio Robert Marx, dell'associazione tedesca BVWW, già Presidente di EBI, ed entra a far parte del Consiglio dell’Associazione il rappresentante spagnolo (ANEM) Carlos Sanlorenzo. Ad EBI, con base a Bruxelles a stretto contatto con le istituzioni europee, aderiscono ad oggi quattordici nazioni. Tramite i suoi membri la Federazione opera a diretto contatto con più di 7.000 aziende legate al settore della nautica in Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Germania, Finlandia, Francia, Grecia, Italia, Olanda, Norvegia, Polonia, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera e Regno Unito. Piero Formenti, Vice Presidente UCINA in carica fino al 2018, è dal 1979 titolare di Zar Formenti, azienda da lui stesso fondata e specializzata nella costruzione di unità pneumatiche.

Fincantieri acquires a stake in Isselnord


June 14, 2017 – Fincantieri, through its subsidiary company Delfi, signed an agreement for the acquisition of a stake in Isselnord, an Italian company operating in all Defense-related sectors and in the main industrial branches in the civil sector, specialized in logistic support engineering, maintenance and information technologies. The initial transaction is for a majority stake in the company, with full takeover to be completed within a pre-determined time frame. The agreement falls within the development of the Naval Services business, also through the offer of life cycle management services of complex systems, from the beginning to final stage. The acquisition is of dual importance. On one hand, access to a qualified pool of expertise which can be immediately put to use, is a solution to the strong workload growth of the Naval Services sector, related to the renewal of the Italian Navy’s fleet assigned to Fincantieri and to the other recent orders acquired by the Group in the naval segment. On the other hand, thanks to the commercial partnerships of Isselnord in varied industrial contexts, it will allow the strengthening of business relations in the Defense segment, even outside Fincantieri’s traditional perimeter, with specific reference to the Aerospace segment, combat, control and command systems, and dedicated software products, also with the aim of providing high value-added services to the Group’s other business segments.

Top