ads

------------------------------------------------------------------------------------------------

Translate

Slider[Style1]

Style3(OneLeft)

Style3[OneLeft]

Style3[OneRight]

Style4

Style5

La “cura del ferro” parte da Porto Marghera


31 gennaio 2017 – Rail Cargo Carrier Italy, la società del gruppo austriaco RCA che opera come impresa ferroviaria nell’area tra Triveneto, Lombardia ed Emilia Romagna ha spostato a Porto Marghera – al Vega - la sede operativa. La scelta di trasferire la sede operativa a Porto Marghera da Novi Ligure (Alessandria) risponde all’esigenza di collocarsi al centro della zona d’azione dei treni trainati dall’impresa che segue lo spostamento a Nord Est della manifattura italiana esportatrice. Venezia diventa così il centro nevralgico della rete ferroviaria usata da Rail Cargo Austria per l’Italia e potrà così continuare a contribuire a quella “cura del ferro” fortemente voluta dal Governo. L’attività di Rai Cargo Austria si viene, peraltro, ad aggiungere a quella di altri operatori che hanno anch’essi aumentato i loro servizi ferroviari da e per il porto di Venezia. E’ così che nel 2016 le nuove linee attivate e l’impegno degli operatori hanno fatto segnare il migliore risultato ferroviario di sempre: dal Porto di Venezia sono infatti stati movimentati circa 90.000 carri segnando un +25% rispetto al 2015, dato raddoppiato rispetto alla media annua del precedente quinquennio. Numeri che si traducono in 2.25 milioni di tonnellate di merce imbarcata su treno, rispetto agli 1,8 milioni del 2015. Le nuove linee, totalmente intermodali, che coniugano ro-ro in arrivo a Fusina e trasporto ferroviario, sfruttano la direttrice che passa per il Brennero collegando la Grecia e il Mediterraneo al Nord Europa in pochi giorni.

Angelo Deiana presidente Confassociazioni


31 gennaio 2017 - “Sono grato agli oltre 466mila soci di CONFASSOCIAZIONI e ai loro delegati per la riconferma, per acclamazione, alla presidenza della nostra Confederazione. E’ anche per questo che la programmazione delle iniziative di CONFASSOCIAZIONI per il 2017 e per i prossimi anni includerà una serie di progetti volti ad azioni concrete e condivise per un futuro di sviluppo e benessere del nostro Paese. Siamo in un momento cruciale in cui non possiamo sottrarci al nostro ruolo di azionisti del nostro Paese”. Lo ha dichiarato Angelo Deiana, Presidente di CONFASSOCIAZIONI, a margine della conferenza stampa che si è svolta stamane a Roma, presso la sede dell’Università Mercatorum nello storico Palazzo Costaguti in piazza Mattei 10. “I numeri della nostra crescita dimostrano che il nostro modello di rete si è dimostrato vincente - ha continuato Deiana - In tre anni e mezzo siamo cresciuti oltre ogni nostra aspettativa. 273 organizzazioni professionali tra soggetti di primo e secondo livello che riuniscono più di 466mila professionisti, circa 122mila imprese (con dimensione media di 4,5 addetti) e rappresentano una parte fondamentale del sistema nervoso dell’economia italiana. Un sistema che genera il 9% del PIL del Paese (il 21% se si considerano le aziende collegate) di cui il 43% è fatto di professioniste donne e il 57% di professionisti maschi. Un universo formato da un 59% di lavoratori dipendenti e da un 41% di Partite IVA di cui il 22% fatto di imprese, più di 122mila con 4,5 dipendenti medi. "Viviamo in un paese che non ha più una scuola alta di politica - ha continuato Deiana - e noi abbiamo dei doveri nei confronti della nostra Italia. Con il progetto Accademia della Politica e della Rappresentanza 4.0 vogliamo formare la nostra dirigenza e soprattutto i giovani con appuntamenti formativi costanti e un confronto aperto, competente e adeguato con gli attori della politica".

Promuovere le biodiversità dei Campi Flegrei


31 gennaio 2016 - Per adesso è inserito nell’elenco dei prodotti tradizionali della Campania. Ma il mandarino dei Campi Flegrei punta ad ottenere la certificazione di origine protetta. Da anni si batte per raggiungere questo obiettivo. L’Immagine del Mito, l’associazione nata con l’intento di promuovere non solo gli aspetti turistici ma anche quelli produttivi dei Campi Flegrei, un’area dove la storia e la cultura hanno lasciato segni indelebili e dove la campagna è resa particolarmente fertile grazie ai minerali vulcanici dissolti nei terreni ed alle condizioni climatiche favorevoli. Fattori che mettono in luce le qualità uniche dei prodotti della coltivazione e dei suoi derivati, esaltandone la biodiversità e creando nuove premesse per uno sviluppo ecosostenibile della zona. A questo sta lavorando L’Immagine del Mito che, appena dopo un anno, ha promosso la seconda edizione della Festa del mandarino dei Campi Flegrei. Un’edizione che si avvale della partnership di numerose aziende agricole e della ristorazione di quel territorio con veri e propri workshop itineranti per promuovere questo frutto e richiedere la certificazione di qualità. Oggi è inserito nell’elenco dei prodotti tradizionali, insieme con il liquore che si ottiene dalla sua spremitura e lavorazione, ma l’attribuzione della Igp potrebbe rappresentare il volano di ulteriore sviluppo di un’area vocata oggi al solo turismo balneare. Prossimo appuntamento all’Hotel Gli Dei di Pozzuoli, dove si farà il punto sull’iniziativa e sulla rassegna.

 Eduardo Cagnazzi

Un Mediterraneo piccolo piccolo


31 gennaio 2017 - Conto alla rovescia per il primo summit italiano sulla Blue Economy. Il 21 febbraio alle 9 e 30 nella sede di Unioncamere in piazza Sallustio a Roma, Blue Vision, Lega Ambiente, Unioncamere e Lifegate si confrontano sulle tematiche relative alla Blue Growth, ovvero alla crescita di un'economia legata alle potenzialità e alla salvaguardia del mare. Il primo focus riguarda "Un Mediterraneo piccolo piccolo" ovvero le conseguenze della crisi geo-politica su alcune attività trainanti come crociere, traffico di traghetti e fruizione delle coste. Interverranno Giorgia Bucchioni, CEO C&G Blue Vision; Giuseppe Cuccurese, Direttore Generale Banco di Sardegna; Gian Enzo Duci, Presidente Federagenti; Ivan Lo Bello, Presidente, Unioncamere; Rossella Muroni, Presidente Legambiente; Vittorio Emanuele Parsi, Direttore Alta Scuola Economia e Relazioni Internazionali; Enea Roveda, Presidente Lifegate; Damiano Toselli, Presidente Aipsa.

Serracchiani incontra InRail, progetti per Udine e Trieste


31 gennaio 2017 - La Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani ha ricevuto venerdì scorso 27 gennaio, nel Palazzo della Regione a Trieste, il Presidente e il Direttore Commerciale di InRail, Guido Porta e Lucio Gentile, i quali hanno illustrato i progetti futuri dell’impresa ferroviaria. In particolare, gli imprenditori hanno presentato alla Presidente la trattativa avviata con FerServizi per l'acquisizione delle officine site in via Buttrio a Udine. L'area, attualmente dismessa, verrebbe riqualificata da InRail e utilizzata per provvedere alla manutenzione e alle eventuali riparazioni dei locomotori, con una previsione di nuovi inserimenti di personale ad alta specializzazione fino a una ventina di addetti nell'arco di tre anni. A questo proposito Serracchiani ha auspicato che il buon esito della trattativa possa - oltre che ai benefici occupazionali - dare vigore a una zona del capoluogo friulano piuttosto abbandonata. Durante l'incontro, inoltre, ampio spazio è stato dedicato al Porto di Trieste, il cui rilancio creerà secondo Serracchiani ingenti opportunità per il settore dei trasporti. Porta e Gentile hanno quindi reso noto che proprio da lunedì InRail avvierà i primi traffici con lo scalo triestino, un primo punto di partenza che anche l'Impresa ferroviaria con sede legale a Genova e una sede operativa a Udine giudica importante rispetto alle grandi prospettive che si annunciano per il Porto giuliano.

DDL lavoro accessorio: l’audizione ANCE alla Camera dei Deputati

30 Gennaio 2017 - Si è svolta il 26 gennaio scorso l’audizione informale dell’ANCE presso la Commissione Lavoro della Camera dei Deputati, nell’ambito dell’esame, in prima lettura, in sede referente, delle proposte di legge abbinate in materia di lavoro accessorio (DDL 584/C ed abb.). La delegazione associativa ha evidenziato, in via preliminare, di condividere l’intento dei disegni di legge volti a regolamentare il ricorso al lavoro accessorio che, nel corso degli ultimi anni, ha interessato settori e lavorazioni che mal si conciliano con la natura di tale tipologia contrattuale. Appare, infatti, condivisibile la volontà di “monitorare con rigore” l’utilizzo dei “voucher” per pagare prestazioni di lavoro, anche al fine di contrastare fenomeni di elusione che, oltre ad alterare la leale concorrenza tra le imprese, generano distorsioni nel mercato e sono a discapito della sicurezza dei lavoratori.

Al riguardo, l’Ance, unitamente a tutte le parti sociali dell’edilizia, ha da sempre richiesto azioni mirate ed orientate al controllo e alla garanzia di un lavoro regolare, qualificato e in sicurezza. E’, infatti, imprescindibile, garantire il rispetto di tutte le normative in materia di lavoro e di sicurezza dei lavoratori nonché, per ciò che attiene il settore dell’edilizia, favorire un attento monitoraggio del personale impegnato nei cantieri e che non può essere impiegato attraverso forme “atipiche” di lavoro.

 Ciò anche considerazione che il settore delle costruzioni si caratterizza per l’elevata rischiosità delle lavorazioni e dei conseguenti eventi infortunistici che, seppur in costante diminuzione nel corso degli ultimi anni, continuano a inserire tale settore nel novero di quelli a rischio. Entrando nel merito dei contenuti delle singole proposte di legge all’esame della Commissione, l’Associazione ha, quindi, rilevato la necessità di alcuni correttivi nell’ottica di garantire l’espressa esclusione di tutti i lavori edili dall’ambito di applicazione della normativa introdotta dai provvedimenti.

Milano - Affitti, arriva il calcolo online del canone concordato


30 gennaio 2017 - In aumento i canoni medi cittadini dei bilocali (+1,9% in sei mesi) e, soprattutto, dei negozi in vie commerciali (+6,0% in sei mesi), trainati dal significativo incremento di quest’ultima tipologia nel Centro (+10,3%). Sono questi alcuni dei dati che emergono dalla 49° “Rilevazione dei prezzi degli Immobili della Città Metropolitana di Milano”, presentata a luglio sul primo semestre 2016 realizzata dalla Camera di commercio di Milano attraverso la sua società partecipata TeMA, Territori, Mercati e Ambiente S.c.p.a., in collaborazione con gli agenti rilevatori FIMAA Milano Monza & Brianza. Arriva “Self service online” per il calcolo del canone concordato in poche mosse.

 È l’unico strumento a Milano, aperto a tutti gratuitamente, per calcolare, secondo i parametri stabiliti nell'accordo territoriale per la città di Milano, il valore della locazione dell’immobile con le informazioni sulla casa a portata di mano. Un modo per incentivare i proprietari ad utilizzare il canone concordato e offrire alle famiglie locazioni a costi sostenibili. Sulla home page del sito di Milano Abitare - www.milanoabitare.org - previa registrazione si accedere al: "Self service calcolo canone concordato".

 Da questa pagina è possibile accedere direttamente alla "Mappa Interattiva", messa a disposizione dal Comune di Milano, dove digitando l'indirizzo di interesse, la mappa restituisce le informazioni sulla Zona urbana omogenea di appartenenza e i valori minimi e massimi delle tre relative sub-fasce. L’Agenzia è stata inaugurata a settembre 2015 e ha sede negli spazi di Villa Scheibler a Quarto Oggiaro.

È gestita dalla Fondazione Welfare Ambrosiano, che ha come soci fondatori Comune di Milano, Città Metropolitana, Camera di commercio e le locali CGIL, CISL e UIL. Si occupa delle locazioni con l’obiettivo di diffondere il canone concordato come strumento nuovo, equo e conveniente sia per i proprietari sia per gli inquilini, creando una terza via tra l'edilizia pubblica e privata L’Agenzia ha a disposizione risorse provenienti da Regione Lombardia, Comune di Milano e Governo, destinate ad attivare strumenti diversi, tra cui il Fondo salvasfratti, il Fondo di garanzia, il Contributo ai proprietari.

NAUTICA ITALIANA sulla Sentenza della Corte Costituzionale


30 gennaio 2017 - La Corte Costituzionale ha emesso nella giornata di venerdì 27 gennaio, la sentenza sull’aumento retroattivo dei canoni demaniali per i Porti turistici. La sentenza dichiara non fondata la questione di legittimità costituzionale della norma. I Porti dovranno, quindi, pagare, ma la Corte Costituzionale esclude anche chiaramente che i nuovi valori tabellari possano essere applicati ai Porti turistici così come successivamente realizzati dal concessionario.

La Corte Costituzionale precisa, infatti, che i suddetti valori tabellari devono essere applicati alle consistenze oggetto dell’atto di concessione, cioè all’area e allo specchio acqueo nelle misure ivi indicate. Proprio in riferimento ai valori tabellari da applicare, NAUTICA ITALIANA - l'Associazione affiliata a Fondazione Altagamma che rappresenta l’eccellenza del Made in Italy nautico nei settori Industria, Servizi a Territori - esprime soddisfazione sia perché sono state accolte le posizioni di suoi associati, sia perché si fa un concreto passo in avanti in termini di equità del calcolo, dando maggiore certezza all’operatore che ha investito in Marina turistici.

 Infatti l’Associazione con il Manifesto della Nautica Italiana, ha fin dall’inizio evidenziato la necessità del mantenimento dei patti contrattuali dello Stato per le concessioni (Pacta sunt servanda) per impedire che l’applicazione di canoni maggiori rispetto a quelli concordati e già messi a bilancio dagli operatori, si traducessero in un problema irrisolvibile.

Nella sentenza, infatti, la Corte pur avendo dichiarato inammissibile il principio sollevato di incostituzionalità della norma, ha fornito una chiarissima indicazione in merito all’applicazione dei nuovi parametri tabellari, che mostra di tenere conto delle difese delle parti private, che da anni si battono per correggere una distorta interpretazione della norma contenuta nella legge Finanziaria per il 2017, portando avanti un contenzioso decennale in diverse sedi civili e amministrative.

Versalis: accordo con SONATRACH per studi di fattibilità in Algeria

30 gennaio 2017 – Versalis (Eni) e SONATRACH hanno siglato nei giorni scorsi ad Algeri un Protocollo di Intenti allo scopo di effettuare congiuntamente studi di fattibilità per la realizzazione, in Algeria, di un complesso petrolchimico integrato. L’accordo fa seguito all’intesa di cooperazione sottoscritta nel novembre scorso tra Eni e SONATRACH e prevede i termini di uno studio finalizzato a valorizzare idrocarburi attraverso prodotti petrolchimici a maggior valore aggiunto, con lo sviluppo in Algeria di uno o più impianti petrolchimici world-scale. Questo accordo rappresenta per Versalis un’opportunità di collaborazione con un gruppo petrolifero integrato, a cui la Società offrirà la propria esperienza industriale nella gestione di grandi impianti petrolchimici e le proprie tecnologie, in un quadro di progetti congiunti di rilevanza strategica.

Consolato Russo a Napoli, cena con 700 aziende campane


29 gennaio 2017 - Una cena per consolidare i rapporti di amicizia e gli scambi commerciali tra la Campania e la Federazione Russa, creando nuove opportunità di relazione, non solo economica. E’ quanto accaduto a Villa Domi, venerdì 27 gennaio, dove circa 700 imprese campane si sono incontrate con i rappresentanti della Federazione Russa.
«E’ per me un orgoglio rappresentare in Campania un grande paese come la Russia - ha osservato Vincenzo Schiavo, console onorario della Federazione Russa in Napoli - e la presenza in questa occasione di così tanti imprenditori del nostro territorio testimonia la voglia che c’è di intensificare i rapporti con la Federazione Russa.
Le 700 aziende rappresentate questa sera fanno parte di quelle 1600 della nostra regione che hanno già avviato rapporti commerciali con la Russia. Siamo pronti per sviluppare ulteriormente l’economia con questo grande paese, rispondendo alle aspettative della Federazione Russa nei confronti del nostro territorio. La Russia guarda al nostro territorio con grande interesse, soprattutto per ciò che riguarda il settore alimentare e turismo. I russi hanno voglia di Campania.
Noi come consolato stiamo cercando di favorire queste relazioni. Quello russo è un mercato enorme che va ascoltato e servito. Non ci fermiamo mai, tant’è che tra due mesi ospiteremo 36 tour operator della Federazione Russa». Sul tema anche Vitaly Fadeev, consigliere d’Ambasciata Russa in Roma: «Non posso nascondere che gli scambi con l’Italia negli ultimi anni sono molto diminuiti, a causa della caduta del prezzi degli idrocarburi e la conseguente caduta del rublo. Ciò nonostante tra i due Paesi rimane un partnerariato strategico e, cosa ancor più importante, resiste una grande amicizia e sintonia tra popoli. La presenza di 700 imprenditori questa sera conferma la reciprocità della nostra volontà di commerciare con la Campania. L’augurio è quello che i rapporti tra la Federazione Russa e il territorio campana sia sempre più saldi e intensi».

Crociere: nasce Norwegian Cruise Co.


29 gennaio 2017 - Nel 2019 una nuova compagnia, la Norwegian Cruise Company, con sede in Norvegia, entrerà nel mercato delle crociere nel settore superlusso con una nave da 180 passeggeri appositamente costruita. Ulf Henrick Wynnsdale, CEO della società, ha dichiarato che la pianificazione del progetto è iniziata lo scorso anno, dopo un approfondito studio sulle navi da crociera di piccole dimensioni.

Nei piani della neonata compagnia sono in programma la costruzione di nuove unità tra il 2019 e il 2020. E’ prevista la costruzione di sei navi tra il 2019 e il 2020, che dovrebbero essere impegnate su itinerari nelle regioni polari. Le unità della compagnia Norwegian Cruise Company disporranno di 90 suite da 36 metri quadrati ed avranno come concorrente principale Scenic Eclipse della compagnia australiana Scenic, attualmente in costruzione presso il cantiere croato Scoglio Ulivi (Uljanik) di Pola ed attesa per il suo viaggio inaugurale nell’estate 2018.

Fatturato e ordinativi dell’industria


29 gennaio 2017 - Secondo l’Istat a novembre dello scorso anno, rispetto ad ottobre sempre del 2016, nell'industria si rileva un aumento significativo sia del fatturato (+2,4%), sia degli ordinativi (+1,5%). L'incremento del fatturato è maggiore sul mercato interno (+3,1%) rispetto a quanto rilevato sul mercato estero (+0,9%). Gli ordinativi, invece, registrano incrementi maggiori sul mercato estero (+2,4%) rispetto all'interno (+1,0%).

Servizi portuali


29 gennaio 2017 - Il 23 gennaio scorso il Consiglio dell’Ue ha adottato formalmente una nuova serie di norme per aumentare la trasparenza finanziaria dei porti e creare condizioni chiare ed eque per l'accesso al mercato dei servizi portuali in tutta Europa. Il regolamento faciliterà l'accesso al mercato a nuovi fornitori di determinati servizi portuali. Creerà una maggiore parità di condizioni e ridurrà le incertezze giuridiche per i porti, i fornitori di servizi portuali e gli investitori.

Questo dovrebbe incoraggiare gli investimenti nei porti, migliorare la qualità dei servizi forniti agli utenti dei porti e persino contribuire a ridurre i prezzi. Le nuove norme assicureranno la trasparenza dei diritti portuali e dei finanziamenti pubblici dei porti, il che porterà a un miglior utilizzo dei fondi pubblici e a un'applicazione efficace ed equa delle norme dell'UE in materia di concorrenza nei porti.

 Al tempo stesso le nuove norme sono concepite in modo tale da tenere conto della diversità del settore a livello europeo. La votazione finale del Consiglio conclude la procedura in prima lettura. Il PE ha votato il 14 dicembre 2016. L'atto giuridico verrà firmato da entrambe le istituzioni a metà febbraio ed entrerà in vigore 20 giorni dopo la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Ue.

Logistica dell’alimentare, garantire la qualità dal produttore al consumatore


28 gennaio 2017 - La qualità dell’agroalimentare italiano è il selling point per mantenere la propria competitività. Il segmento “logistico” di questa ricerca della qualità si traduce nella conservazione del prodotto dalla produzione fino alla tavola del consumatore e nella qualità del servizio, dalla consegna nei tempi previsti e ai costi pattuiti e con tutta la documentazione necessaria alla lavorazione o commercializzazione del prodotto. Coordinati da Giuseppe Guzzardi, Direttore, Vie&Trasporti, ne parleranno a Shipping, Forwarding&Logistics meet Industry (Milano 2-3 Febbraio) Clara Ricozzi, Presidente, Osservatorio Interdisciplinare Trasporto Alimenti; Oliviero Gregorelli, Presidente Vicario, Mercati Associati; Edoardo Vanni, Purchasing and Supply Chain Excellence Function European Logistic Purchasing – Packed Solution Manager, Solvay; Irene Rizzoli, Amministratore Delegato, Delicius Rizzoli; Carlo Licciardi, Presidente, Anacer; Pierluigi Zamboni, Direttore Logistica, Zerbinati; Nicola Zaffra, Responsabile Ufficio qualità e sicurezza, So.Ge.Mi.

Modena: Sindacati, si conferma degrado settore logistica


28 gennaio 2017 - “I fatti di Modena ancora una volta evidenziano le distorsioni presenti nel settore della logistica che versa in uno stato di degrado”. E’ quanto denunciano unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti in merito agli arresti per estorsione di due esponenti nazionali del sindacato SI Cobas ai danni di un gruppo industriale del Modenese, attivo nel settore della lavorazione delle carni aggiungendo che “sui fatti sarà compito della Magistratura fare piena luce e attribuire le eventuali responsabilità penali che, se confermate dalle indagini, rappresentano una palese distorsione del diritto di sciopero per scopi strumentali, a danno della democrazia sindacale e da rigettare con forza”.

 “Sono in atto dinamiche distorte - sottolineano le tre organizzazioni sindacali - che denunciamo da anni e che inquinano l’intero settore e danneggiano i diritti e le condizioni dei lavoratori. Con l’istituzione del 'Tavolo della Legalità' del 2014 abbiamo chiesto un intervento strutturato del Governo per ripristinare regole e modalità trasparenti nonché attivare misure di contrasto ad ogni forma di illegalità. Di concerto con i Ministeri competenti degli Interni, del Lavoro e dello Sviluppo Economico va garantita la continuità operativa nella legalità e - chiedono Filt, Fit e Uiltrasporti - serve l’istituzione di una sede permanente di confronto che affronti queste problematiche in modo concreto, garantendo ai lavoratori del settore regole, diritti, continuità occupazionale, sicurezza e legalità”.

 “Nel percorso di rinnovo del Contratto Nazionale della Logistica, Trasporto Merci e Spedizione siamo impegnati - concludono le tre organizzazioni sindacali dei trasporti - ad introdurre strumenti e regole condivise stringenti per la tutela della legalità e del lavoro nella catena degli appalti che costituisce il tema centrale di questo settore”.

Open day in Accademia Navale


28 gennaio 2017 - Sabato 4 febbraio l'Accademia Navale di Livorno aprirà a tutti coloro che vorranno conoscere da vicino la vita degli allievi ufficiali della Marina Militare, offrendo l'opportunità di visitare l'Istituto di formazione nel pieno della sua attività. L'ingresso dal Varco di San Jacopo rappresenta l'inizio di un percorso affascinante che si articola lungo il Viale dei Pini passando per il complesso di Palazzo Allievi con il suo piazzale e lo storico Brigantino, Palazzo Studi con il simulatore di "plancia", le aree dedicate alle scienze nautiche e le strutture sportive di Villa Chayes.

In questa occasione, gli allievi e gli Ufficiali dell'Accademia Navale risponderanno direttamente a domande e curiosità. Restano ancora pochi giorni per provare ad intraprendere la carriera di Ufficiale della Marina Militare e presentare la domanda. Il bando di concorso, pubblicato con la Gazzetta Ufficiale nr. 2 del 10 gennaio 2017 – 4ª Serie Speciale, terminerà il 9 febbraio. Potranno presentare la domanda tutti i giovani di età compresa tra i 17 ed i 22 anni non ancora compiuti, in possesso di cittadinanza italiana, di un diploma di Scuola Media Superiore, oppure in procinto di conseguirlo alla fine del corrente anno scolastico.

Per l'anno 2017 sono 115 i posti a concorso per l'accesso alla 1^ classe dei corsi Normali dell'Accademia Navale di Livorno, l'Università del Mare che, con sette diversi corsi di laurea magistrale e svariati indirizzi professionali, offre un'opportunità formativa unica per ragazzi e ragazze che vogliono investire sul proprio futuro per diventare professionisti del mare. Ogni allievo avrà la possibilità di frequentare i corsi di laurea scienze marittime e navali, in scienze del governo e dell'amministrazione del mare, ingegneria delle telecomunicazioni, ingegneria navale, ingegneria civile ed ambientale, giurisprudenza, medicina e chirurgia.

Propeller Club Napoli per il Museo del Mare


28 gennaio 2017 – E’ stato presentato ieri presso la Lega Navale sezione di Napoli il progetto “Magazzini Generali: Museo del Mare e dell’Emigrazione” Il progetto ideato e elaborato da un Comitato Promotore costituito da 38 soci tra cui il Propeller Club di Napoli, è stato al centro di un dibattito pre dalla presentazione dell’ingegnere Filippo Cavuoto e dall’architetto Gennaro Matacena; in seguito hanno preso la parola l’armatore Giuseppe D’Amato, presidente del Comitato, il Soprintendente Luciano Garella, l’assessore regionale alle attività produttive Amedeo Lepore, l’assessore comunale Daniela Villani, il Presidente dell’AdSP, Pietro Spirito, il comandante del Compartimento Marittimo della Campania Ammiraglio Arturo Faraone e il Comandante del Comando Logistico della Marina Militare Raffaele Caruso. L’incontro è stato moderato da Umberto Masucci,

 Presidente del Propoller Club di Napoli. Dalle parole degli intervenuti si è potuto cogliere una comune e condivisa volontà di “fare sul serio” cogliendo l’opportunità di concretizzare un vecchissimo progetto grazie ad un contesto favorevole determinato dalla disponibilità delle istituzioni: Regione, Comune, Soprintendenza, Autorità Portuale ed Autorità Marittima fino al Governo Centrale passando per le Università.

Il nodo da sciogliere è quello dei finanziamenti, circa 40 milioni stimati per la realizzazione del progetto dentro l’edificio dei Magazzini Generali, realizzato dall’Architetto Marcellino Canino, su una superficie totale di circa 9mila mq, e i finanziamenti poi per la vita operativa del Museo che dovranno per forza di cose essere garantiti da privati e da una adeguata “commercializzazione” del prodotto a livello nazionale e internazionale, considerando, come è stato sottolineato, il fatto che ci sono pochi musei del mare in Italia ed in Europa ma nessuno di questi può attingere ad un bacino storico, culturale ed archeologico antico di 2.500 anni.

Reati economici ed efficienza della giustizia


28 gennaio 2017 - Si terrà a Napoli, il 6 febbraio 2017 presso il Banco di Napoli, Sala delle Assemblee - Via Toledo 177, il Convegno di SRM su Credito e Giustizia dal titolo Reati economici ed efficienza della giustizia: Impatti sul rischio di credito.

Dopo gli indirizzo di saluto da parte di Maurizio Barracca - Presidente, Banco di Napoli, di Paolo Scuderi - Presidente, SRM e di Ettore Ferrara - Presidente del Tribunale di Napoli, seguirà la relazione “Il peso dell’illegalità e del sommerso sul sistema economico: alcuni dati e incidenza sul rischio di credito” tenuta da Salvio Capasso - Responsabile Economia delle Imprese, SRM e Coordinatore Rassegna Economica.

Dopo inizierà la Tavola rotonda introdotta da Massimo Deandreis - Direttore Generale, SRM. Ne prenderanno parte: Giuseppe Boccuzzi - Direttore Generale, Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi; Liana Esposito - Sostituto Procuratore della Repubblica, DDA di Napoli; Francesco Guido - Direttore Generale, Banco di Napoli; Giuseppe La Sorda - Responsabile Direzione Antiriciclaggio, Intesa Sanpaolo; Antonio Ricciardi - Ordinario Economia Aziendale Univ. della Calabria e Segretario Generale, IPE; Maurizio Vallone - Direttore Serv. Controllo del Territorio, D. C. Anticrimine, Polizia di Stato. L’intervento conclusivo sarà affidato a Franco Gabrielli - Capo della Polizia, Direttore Generale della Pubblica Sicurezza. Durante il convegno saranno premiati i ricercatori vincitori del PREMIO RASSEGNA ECONOMICA.

Numero record di partecipanti al programma Erasmus+

27 gennaio 2017 - Secondo i nuovi dati pubblicati ieri dalla Commissione europea il programma dell'UE per l'istruzione e la formazione, di cui si celebra quest'anno il 30º anniversario, è più popolare e aperto che mai. Nel 2015 il programma Erasmus+ ha permesso a 678.000 europei, un numero mai raggiunto prima, di studiare, formarsi, lavorare e fare volontariato all'estero. Nello stesso anno l'UE ha investito 2,1 miliardi di EUR in oltre 19.600 progetti, a cui hanno partecipato 69.000 organizzazioni. Questi sono i principali risultati presentati nella relazione annuale del programma Erasmus+ per il 2015, pubblicata oggi dalla Commissione europea.

I risultati indicano inoltre che il programma è sulla buona strada per conseguire l'obiettivo di sostenere 4 milioni di persone tra il 2014 e il 2020. Jyrki Katainen, Vicepresidente responsabile per l'Occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività, ed ex studente Erasmus presso l'Università di Leicester (Regno Unito), ha dichiarato:
"L'istruzione è essenziale perché dota le persone delle conoscenze, competenze, abilità e capacità necessarie per mettere a frutto il loro potenziale e le opportunità che si presentano. La mobilità amplia gli orizzonti e ci rende più forti. Il programma Erasmus può offrirci tutto questo.
In quanto ex studente Erasmus, ho vissuto tutto ciò in prima persona. Incoraggio anche altri studenti e in particolare gli insegnanti, i formatori, gli animatori giovanili e gli studenti dell'istruzione e formazione professionale ad avvalersi delle possibilità offerte nell'ambito del programma Erasmus+."
 Tibor Navraciscs, Commissario per l'Istruzione, la cultura, la gioventù e lo sport, ha dichiarato: "Da tre decenni il programma Erasmus offre ai giovani occasioni che consentono loro di sviluppare competenze fondamentali, tra cui quelle sociali e interculturali, e promuove la cittadinanza attiva. Creando collegamenti tra le persone e aiutandole a lavorare insieme, il programma svolge un ruolo essenziale nel dare ai giovani la possibilità di costruire una società migliore. Questa è la solidarietà di cui l'Europa ha bisogno, oggi più che mai. Intendo far sì che in futuro Erasmus+ sostenga un numero ancora più elevato di persone provenienti dai contesti più disparati."

Fincantieri: consegnata ad Ancona “Viking Sky”


27 gennaio 2017 – È stata consegnata ieri, presso lo stabilimento Fincantieri di Ancona, “Viking Sky”, la terza di una serie di sei navi da crociera che la società armatrice Viking Ocean Cruises ha ordinato a Fincantieri. “Viking Sky”, come le unità gemelle, si posiziona nel segmento di mercato di unità di piccole dimensioni. Ha infatti una stazza lorda di circa 47.800 tonnellate, è dotata di 465 cabine e può ospitare a bordo 930 passeggeri, con una capacità di accoglienza totale di oltre 1.400 persone, compreso l’equipaggio. La nave è stata progettata da architetti e ingegneri navali di grande esperienza, tra cui un team di interior design della Smc Design di Londra, e dello studio Rottet di Los Angeles, che hanno voluto trasferire su “Viking Sky” un design moderno di ispirazione scandinava, caratterizzato da un’eleganza sofisticata e al tempo stesso funzionale. Oltre alle cabine, dotate ognuna di balcone privato, la nave presenta anche spaziose suite con ampie viste, due piscine, di cui una a sfioro posizionata a poppa della nave, nonché un’area wellness progettata secondo la filosofia del benessere tipico dei paesi nordici, con sauna e grotta di neve. La prima della serie, “Viking Star” è stata realizzata e consegnata nella primavera del 2015 dal cantiere di Marghera, la seconda, “Viking Sea” ha preso il mare dal cantiere di Ancona nei primi mesi del 2016, mentre “Viking Sun”, la quarta unità varata un mese fa nello stesso stabilimento, entrerà in servizio nell’autunno del 2017. Le ultime due navi, invece, verranno consegnate rispettivamente nel 2018 e nel 2019.

Una start-up arena anche a Seatec 2017


27 Gennaio 2017 - A calendario dal 29 al 31 Marzo Seatec - Rassegna Internazionale di Tecnologie Subfornitura e Design per Imbarcazioni, Yacht e Navi, evento organizzato da CarraraFiere ed unica fiera italiana dedicata alla fornitura per la cantieristica nautica e navale.

 Il ricco programma di appuntamenti Business-to-Business pianificati per coinvolgere le aziende partecipanti, rappresenta per i professionisti del settore un’ottima occasione per allacciare nuovi e interessanti rapporti. Particolare attenzione sarà rivolta alla Startup Arena un’area dedicata al business e all’innovazione per la presentazione di start-up innovative con nuove, interessanti proposte; si tratta di un format espositivo già implementato quest’anno da CarraraFiere durante Carrara Marmotec - Fiera internazionale del marmo e in occasione di SAIE Bologna; l’iniziativa, che ha riscontrato un grande successo di pubblico e della stampa, sarà riproposta anche nel contesto di Seatec.

La Startup Arena coinvolge le aziende più giovani che si affacciano sul mercato della nautica, riservando loro uno spazio espositivo dove presentare i propri prodotti e servizi, con la possibilità di istaurare rapporti B2B al pari degli altri espositori e di partecipare all’Elevator Pitch finale, competendo con le altre start-up sotto lo sguardo attento di una commissione di esperti che proclamerà la start-up più innovativa dell’arena; un’occasione preziosa di visibilità per farsi conoscere tra i colossi della nautica.

Trieste si conferma primo porto d’Italia nel 2016


27 gennaio 2017 - Un porto che cresce, con un trend complessivo che sfiora il 4%. E’ questo quanto emerge guardando i dati statistici annuali dello scalo giuliano, che si conferma primo porto d’Italia anche nel 2016. Complessivamente, il traffico delle merci movimentate nell’anno appena terminato è stato pari a 59.237.293 tonnellate, con una variazione positiva del 3,68%. Da quest’anno inoltre il primato raddoppia, con un nuovo “dato storico” come l’ha definito il presidente dell’AdSP, Zeno D’Agostino: con 7631 treni movimentati e un aumento del 27,61% sul 2015,

Trieste è diventato il primo porto ferroviario del nostro Paese, non solo per numero di treni, ma anche per destinazione su scala estera. “Siamo l’unico porto italiano con treni diretti e frequenti su percorrenza internazionale (Austria, Germania, Lussemburgo, Ungheria, Rep. Ceca, Slovacchia) e il nuovo collegamento verso Kiel, conferma questa tendenza”. Analizzando nel dettaglio le diverse categorie, emerge una crescita per tutte le merceologie.

 Le rinfuse liquide sono aumentate del 3,56% rispetto al 2015, con 42.756.341 tonnellate. Ottimo dato con variazione positiva a due cifre, +22,45%, per le rinfuse solide con 1.967.984 tonnellate. Anche le merci varie (RO-RO e container) crescono dell’1,92%, attestandosi a 14.512.968 tonnellate. Andando a guardare i traffici legati alle “Autostrade del mare” si registra una sostanziale stabilità del settore: 302.366 mezzi transitati nel 2016, con un + 0,29% rispetto all’anno precedente.

Per il settore container si rileva una flessione del 2,94% con 486.507 TEU, a cui fa da contraltare un aumento del 6,49% dei “contenitori pieni”, vera garanzia della stabilità dei traffici, con 437.129 TEU. Già nel mese di dicembre 2016 si registra però un’ inversione di tendenza rispetto al 2015: 38.984 TEU movimentati, con una variazione positiva pari a +1,87%, e un +20,42% dei TEU pieni. Inoltre, sommando la movimentazione dei container con i semirimorchi e le casse mobili (espressi in TEU equivalenti) lavorati complessivamente nel corso dell’anno, si arriva anche nel 2016 a superare il milione di TEU movimentati: 1.157.805.

Consolato russo a Napoli, serata con istituzioni e aziende campane


26 gennaio 2017 - I rapporti tra Italia e Russia, e in particolare tra la Campania e la Federazione Russa, sono ottimi. In questo senso il Consolato onorario della Federazione Russa in Napoli ha organizzato una cena inaugurale per tutte le imprese campane animate dalla vocazione all’internazionalizzazione verso il paese Russia. L’evento si terrà venerdì 27 gennaio, presso Villa Domi, alle 20.30. Oltre al Console onorario russo in Napoli, Vincenzo Schiavo, sarà presente l’Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario della Federazione Russa in Italia Sergey Sergeevich Razov. Attesi anche il Governatore della Campania Vincenzo De Luca, il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, il Prefetto di Napoli Gerarda Pantalone, il Questore di Napoli Guido Marino ed esponenti della Giunta e del Comune di Napoli. Saranno infine presenti i rappresentanti più importanti della compagine imprenditoriale napoletana e campana. La cena, appuntamento consueto di inizio anno, ha in animo di essere un momento di confronto per la crescita e lo sviluppo dei rapporti commerciali tra l'Italia e la Federazione Russa. Inoltre sarà l’occasione per rinsaldare i rapporti, proficui, tra le aziende campane con quelle russe e per rinnovare le relazioni positive tra l’ambasciata e le Istituzioni campane.

Rinnovata la partnership Grimaldi Lines-Findomestic


26 gennaio 2017 - Per tutti i collegamenti marittimi Grimaldi Lines è possibile usufruire del servizio di pagamento in 5 o 10 rate a tasso zero. Prosegue la partnership tra Grimaldi Lines e Findomestic, che nel corso del 2016 ha garantito all’utenza un comodo servizio di pagamento rateizzato a tasso zero su tutte le destinazioni servite dalla Compagnia di navigazione nel Mar Mediterraneo. Anche per la stagione 2017, i clienti di Grimaldi Lines potranno dunque scegliere il pagamento in 5 o 10 rate a tasso zero su importi uguali o superiori a 300 euro. Inoltre per tutti gli acquisti effettuati entro il 18 aprile 2017 il pagamento della prima rata è posticipato dopo Pasqua. “Nel corso del 2016 il mercato ha mostrato di apprezzare il servizio di pagamento rateizzato che nasce dalla partnership con Findomestic - ha dichiarato Francesca Marino, Passenger Department Manager di Grimaldi Lines – Abbiamo dunque scelto di rinnovarlo anche per la prossima stagione, nell’ottica di una politica tariffaria improntata al low-cost e sempre più attenta alle esigenze della clientela e alle istanze del mercato”. Il servizio di pagamento rateizzato a tasso zero è applicabile su tutte le destinazioni servite da Grimaldi Lines – Sardegna, Sicilia, Spagna, Grecia, Tunisia e Marocco – ed è valido esclusivamente per acquisti effettuati online sul sito www.grimaldilines. Inoltre, per poter usufruire della rateizzazione, è necessario prenotare il viaggio con un anticipo minimo di 15 giorni dalla data di partenza.

Shipping, Forwarding&Logistics meet Industry


26 gennaio 2017 - Sono oltre 500 gli ospiti previsti alla I edizione di “Shipping, Forwarding&Logistics meet Industry“, la manifestazione promossa da The International Propeller Clubs, Federazione del Mare, Alsea, Assologistica, e Assolombarda e organizzato da ClickutilityTeam.

Il Forum, a cadenza annuale, si svolgerà il 2 e 3 febbraio presso la sede di Assolombarda e offrirà due giorni d’incontro fra le eccellenze italiane dello shipping, della logistica, delle spedizioni e i settori strategici del “Sistema Italia”. In apertura, una sessione istituzionale in cui saranno presentati i punti di forza e le direttrici di sviluppo del cluster logistico nazionale evidenziandone il contributo essenziale alla crescita competitiva del sistema industriale italiano cui parteciperanno: Rosario Bifulco, Vice Presidente Competitività Territoriale, Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza; Umberto Masucci, Presidente Nazionale, The International Propeller Clubs; Carlo Silva, Presidente, Clickutility Team; Alessandro Sorte, Assessore Infrastrutture e mobilità, Regione Lombardia; Paolo D’Amico, Presidente, Federazione del Mare; Riccardo Fuochi, Presidente, Propeller Club Port of Milan; Andrea Gentile, Presidente, Assologistica; Betty Schiavoni, Presidente, ALSEA - Associazione Lombarda Spedizionieri e Autotrasportatori; Luca Manzoni, Responsabile Corporate, Banco BPM; Gian Enzo Duci, Presidente, Federagenti; Roberto Alberti, Presidente, Fedespedi; Nereo Marcucci, Presidente, Confetra; Marco Granelli, Assessore alla Mobilità, Comune di Milano. In entrambe le giornate verranno trattati temi trasversali dedicati alle eccellenze del cluster logistico e marittimo con focus su Industry 4.0: il valore della digitalizzazione nelle imprese di manifatturiere e di servizio, sulla La logistica sostenibile: motore di innovazione e sviluppo e, in particolare, si segnala sullo Sviluppo del sistema infrastrutturale italiano che vedrà coinvolti, tra gli altri: Lorenzo Greco, Area Sales Leader, HPE ES Italia; Antonio Ascari, Central Mediterranean Sales Director, Maersk Line; Zeno D’Agostino, Presidente, Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale; Paolo Emilio Signorini, Presidente, Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale; Gianmaria Gianni Congregalli, Finanza di Progetto e Asset Loan, Banco BPM; Nik Delmeire, Secretary General, ESC – European Shippers’ Council; Oliviero Baccelli, Direttore del master universitario in Economia e Management dei Trasporti, della Logistica e delle Infrastrutture, Università Bocconi ; Iolanda Romano, Commissario straordinario di Governo Terzo Valico dei Giovi , Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Antonio Tajani alla presidenza del parlamento europeo

25 gennaio 2017 - Il Presidente Guido Grimaldi, a nome di tutti gli associati A.L.I.S. – Associazione Logistica dell’Intermodalità Sostenibile, ha espresso apprezzamento e soddisfazione per l’elezione dell’On. Antonio Tajani alla Presidenza del Parlamento Europeo.
 “A nome mio e dell’ intera Associazione che presiedo, porgo all’on. Tajani le più vive congratulazioni per la sua recente nomina, avvenuta in seduta plenaria con ampissimo consenso – ha dichiarato Guido Grimaldi – Con questa elezione, gli Eurodeputati hanno mostrato di riconoscere il valore di un uomo che da sempre agisce per la salvaguardia della democrazia europea”. Ed ha concluso: “Sono certo che questo prestigioso incarico internazionale – che ci rende tutti orgogliosi, in quanto riporta all’Italia la Presidenza del Parlamento Europeo dopo oltre quarant’anni – sia il coronamento dell’instancabile impegno umano e politico dell’On. Antonio Tajani”.

La Logistica per i Trasporti Intermodali all’Interporto Sud Europa


25 gennaio 2017 - Presso l’Interporto Sud Europa di Maddaloni-Marcianise nella sede dell’ITS per la Mobilità Sostenibile si è svolto, lunedì 23 gennaio, il Workshop "La Logistica per i Trasporti Intermodali: mare, ferro, gomma".

 Grazie alla collaborazione tra l’Interporto e la Fondazione ITS è stato possibile realizzare il seminario, rivolto a circa 130 studenti, tra interni dell’ITS ed esterni provenienti dagli Istituti Tecnico industriali Giordani di Caserta e Falco di Capua, ha avuto due obiettivi, il primo di dar vita ad un approfondimento didattico sulla logistica in generale mentre il secondo è stato quello di sensibilizzare i giovani diplomandi a percorsi formativi alternativi ai classici corsi di laurea.

Il workshop si è aperto con i saluti del presidente della fondazione ITS Vincenzo Torrieri che ha incoraggiato gli studenti, ospiti per la giornata, a guardare a questa seconda parte del loro percorso didattico come opportunità per accedere al settore del trasporto e della logistica con livelli di preparazione tecnica certificati. La fondazione ITS ospite dell’Interporto Sud Europa, ha continuato Torrieri, aprirà tra poco il bando per l’accesso al corso di Operatore per la Logistica che prepara a ricevere stoccare e mettere in circolazione le merci utilizzando il trasporto multimodale. Il partner principale del corso è l’Interporto Sud Europa ed alcune aziende che vi risiedono daranno ospitalità per gli stage nella fase finale del corso. Il corso ha una durata di due anni ed oltre alle materie tecniche è fortemente orientato alla lingua inglese ed all’informatica.

Di seguito ha preso la parola il presidente dell’Interporto Sud Europa Salvatore Antonio De Biasio che ha posto l’accento su quanto, se pur invisibile nella quotidianità, sia importante la logistica per tutti noi. Dalla produzione industriale fino alla distribuzione per il consumo qualsiasi bene o alimento fa uso della catena logistica multimodale che ha come scopo ultimo quello di movimentare oggetti ed alimenti nel minor tempo possibile al minor costo possibile.


Concetti che hanno trovato grande attenzione da parte degli studenti e che introducevano l’approfondimento del consigliere delegato alla logistica della ISE Servizi, Antonio Zuccaro.

 ISE Servizi è la società, costola di ISE Spa, che gestisce sia il terminal multimodale dell’interporto sia le manovre ferroviarie nel terminal e nel porto di Napoli, con mezzi e personale proprio. Il consigliere d’amministrazione Antonio Zuccaro ha accompagnato la platea in un viaggio virtuale di un container dal luogo di produzione delle merci spedite alla destinazione finale soffermandosi sugli aspetti tecnico pratici di tutto il percorso multimodale.

 “L’ISE è da sempre impegnato nel settore della formazione fornendo supporto, talvolta anche didattico, all’ITS che con orgoglio ospitiamo nelle nostre strutture.” Ha dichiarato a margine del seminario il presidente dell’Interporto Sud Europa Salvatore Antonio De Biasio. “E’ fondamentale per i ragazzi che finisco la prima fase di studi avere un panorama concreto ed attuale del marcato del lavoro che li attende soprattutto nei segmenti di iperspecializzazione. Le figure tecniche sono sempre più richieste dal mondo industriale e le eccellenze formative ed innovative come l’ITS per la mobilità sostenibile che ospitiamo hanno un’invidiabile performance del 70/80% di ragazzi assunti a fine corso.” Conclude De Biasio.

Il porto di Trieste si presenta agli operatori austriaci


25 gennaio 2017 - Trieste e Vienna, un legame storico-culturale ma soprattutto economico da rilanciare e rafforzare. Ne è convinto il presidente dell’Authority Zeno D'Agostino, che ha fortemente voluto un evento ad hoc per presentare le nuove opportunità che il porto di Trieste può offrire al mercato austriaco. L’incontro, patrocinato della Regione Friuli Venezia Giulia e organizzato in collaborazione con la Camera di Commercio Italo-Tedesca, si svolgerà domani giovedì 26 gennaio alle ore 17 nella prestigiosa cornice di Palazzo Metternich, sede dell'Ambasciata d'Italia a Vienna. I lavori saranno aperti dall'ambasciatore d’Italia in Austria, Giorgio Marrapodi, dalla presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani e da Alessandro Marino, segretario della Camera di Commercio Italo-Tedesca. A seguire la presentazione dello scalo giuliano a cura del presidente dell’Authority, Zeno D’Agostino. Infine gli interventi di Erik Regter (Rail Cargo Austria Group), Frederik Wexel (MSC Austria) e i saluti finali di Oliver Wagner (Associazione Austriaca degli Spedizionieri, Vienna) e di un rappresentante del Dipartimento Trasporti della Camera dell’Economia Austriaca di Vienna. “Con questa presentazione vogliamo far vedere quanto è stato fatto negli ultimi anni e quale potenziale di crescita può avere il porto per il mercato austriaco – ha dichiarato il presidente dell’Authority, Zeno D’Agostino. Oltre al ruolo chiave svolto dal Gruppo TAL/SIOT con l'oleodotto transalpino, da sempre strategico per l’approvvigionamento energetico dell’Austria, Trieste offre molti altri vantaggi, finora non promossi a sufficienza”. Il porto sta puntando infatti sulla multisettorialità dei traffici, sui collegamenti intermodali e sui vantaggi del regime di punto franco, rivisto in chiave nuova rispetto al passato. Investimenti di grandi player del settore privato stanno dando inoltre notevole impulso allo sviluppo dello scalo e al sistema logistico-retroportuale collegato, rendendo il porto più efficiente e aumentandone visibilmente le performance, anche grazie all’introduzione di un innovativo modello di gestione del lavoro portuale.

U.N. Ro-Ro acquires Ulusoy RoRo


January 25, 2017 - U.N. Ro-Ro İşletmeleri A.Ş., carrying out intermodal transport between Turkey and Europe with its fleet of 12 modern ships and a capacity of 322 thousand heavy goods vehicles (HGV) per year, is signing off on a significant development and acquiring Ulusoy Shipping Group’s Ro-Ro operations. U.N. Ro-Ro, has completed in signing a share purchase agreement with Ulusoy Shipping Group regarding this acquisition, realizes one of the most important investments in the shipping sector with the enterprise value of 215 million Euros. With this investment, U.N. Ro-Ro reaffirms its confidence in the Turkish and European economies, also demonstrating its conviction to continue creating value for the interests of Turkish exports and shippers. The acquisition of Ulusoy RoRo by U.N. Ro-Ro, will contribute to increases in the volume of Turkey's trade with Europe, while also providing shippers the flexibility to export from the Çeşme port that serves the Aegean region in addition to the current ports of U.N. Ro-Ro in Pendik, Ambarlı and Mersin. Thus, Turkish export products will be able to be shipped to Europe faster and with more competitive prices. The frequency of sailings from Çeşme to Trieste will be increased and there will be an opportunity to open new lines to destinations in Europe such as Bari and Lavrio. U.N. Ro-Ro, offering value added services to the customers of international land route companies in intermodal shipping, will be supporting the increase of Turkish trade volume with Europe by acquiring Ulusoy Ro-Ro.

Eni rafforza la cooperazione nel settore dell’energia in Nigeria


24 Gennaio 2017 – Il Ministro di Stato per le Risorse Petrolifere e Presidente del Board della Nigerian National Petroleum Corporation (NNPC), Dr. Emmanuel Ibe Kachikwu, e l’AD di Eni, Claudio Descalzi, si sono incontrati ieri a Roma per rinforzare ulteriormente la lunga e fruttuosa partnership in Nigeria. NNPC e Eni, attraverso le controllate Nigerian Agip Oil Company (NAOC) e Nigerian Agip Exploration (NAE), hanno siglato un accordo di cooperazione (Memorandum of Understanding, MoU) che promuove nuove attività in grado di contribuire in misura significativa allo sviluppo economico e sociale in Nigeria. Riguardo al settore upstream, le operazioni di produzione oil e gas verranno intensificate con un maggiore focus alle attività di sviluppo e esplorazione nelle zone di operazione onshore, offshore e Ultra Deep Water. Riguardo al settore raffinazione, le parti hanno definito i termini della cooperazione per la ristrutturazione e l’ampliamento della raffineria di Port Harcourt. Riguardo alla generazione di energia, l’accesso all’energia verrà ulteriormente ampliato dal raddoppio della capacità di generazione di Okpai IPP tramite lo sviluppo accelerato della Fase II, che la renderà una delle più grandi centrali a ciclo combinato di tutta l’Africa. Infine, il MoU pone le basi per la valutazione dell’affidabilità della rete elettrica nazionale, e per la stima dei progetti di energia rinnovabile più efficienti, in modo da assicurare l’accesso all’energia anche nelle zone più remote del Paese.

Nuovo treno sulla direttrice Kiel-Göteborg da Trieste


24 gennaio 2017 - Il porto di Trieste espande ulteriormente il proprio bacino di mercato: al via da mercoledì 25 gennaio, il primo treno intermodale programmato a lunga percorrenza sulla direttrice Kiel-Göteborg, per il trasporto di contenitori, semirimorchi e casse mobili, in arrivo e partenza via mare dalla Turchia/Grecia avente come origine/destinazione il mercato dell’area baltica. Il treno partirà alle 11 da Trieste e raggiungerà Kiel in Germania, alle 13 del giorno successivo. Da qui il carico proseguirà via mare per arrivare alla destinazione svedese di Göteborg, nella mattinata di venerdì. Il servizio rappresenta il primo collegamento operativo lungo il corridoio TEN-T Adriatico-Baltico. “Questo progetto conferma la grande vocazione ferroviaria di Trieste” – ha affermato il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale, Zeno D’Agostino. “Non solo consolidiamo il ruolo del porto quale gate di accesso preferenziale al mercato del Centro-Est Europa, ma possiamo espandere il nostro bacino di mercato fino al versante Nord del continente, arrivando alla Danimarca, Svezia, Norvegia e Finlandia”. L’iniziativa è stata avviata su richiesta della EKOL, operatore logistico che da tempo utilizza il Terminal EMT del Molo VI e che di recente ne ha acquisito la partecipazione di maggioranza. Alla realizzazione del prodotto intermodale collaborano TX Logistik AG e Mercitalia Rail S.r.l. per la trazione ferroviaria, Alpe Adria S.p.A. e la stessa TX Logistik AG in qualità di MTO, e Stena Line che cura la prosecuzione marittima fino a Göteborg. La distanza ferroviaria coperta tra Trieste e Kiel è pari a 1.360 Km, a cui si aggiungono 234 miglia marine per la destinazione finale di Göteborg, con un transit time ferroviario di 26 ore e di 14 ore via ferry per la tratta marittima.

Premio a giovani artisti per i 100 anni dell’Unione Industriali


24 gennaio 2017 - In occasione del suo Centenario (1917-2017), l’Unione Industriali istituisce un Premio riservato ai giovani artisti: il Premio “100 anni di Imprese – Unione Industriali Napoli – 1917-2017”. Lo scopo è di selezionare un’immagine per i 100 anni dell’Unione. Possono partecipare al Premio artisti, italiani e stranieri, residenti in Campania, di età tra i 18 e i 35 anni. Con il suo Centenario l’Unione Industriali intende valorizzare il rapporto fra Napoli e le sue imprese, la loro storia e il loro valore per il futuro della città. L’opera dovrà quindi rappresentare il senso di questa relazione. Potranno essere adoperate le seguenti tecniche: Pittura Fotografia, Elaborazioni digitali e Light Box. Le opere dovranno essere consegnate entro le ore 12 di venerdì 27 gennaio 2017. Al prescelto andranno cinquemila euro. Le opere degli altri nove finalisti, assieme a quella vincitrice, saranno esposte a Palazzo Partanna, sede dell’Unione Industriali, nel mese di giugno. In quel mese, la sede sarà aperta alla città e a tutte le imprese del territorio. Per qualsiasi informazione sul Premio “100 Anni di Imprese - Unione Industriali Napoli – 1917 - 2017” sarà possibile rivolgersi a: Unione Industriali Napoli – Referente: Dott. Nicola Campoli - e-mail: campoli@unindustria.na.it.

Azimut Yachts accelera la crescita: +15% nei primi 4 mesi dell’anno


23 gennaio 2017 - La divisione del Gruppo Azimut Benetti, focalizzata sulle imbarcazioni a motore dai 12 ai 35 metri, ha raccolto ordini per oltre 221 milioni di euro. Il brand sta crescendo a doppia cifra rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+15% a valore) e cresce a velocità doppia rispetto al mercato (stima crescita mercato: +8% a valore) aumentando la propria market share a livello globale. Sul fronte delle strategie produttive, l’azienda punta in modo sistematico sull’impiego estensivo del carbon-tech sfruttando un know-how che in questi anni ha richiesto importanti investimenti sia in progettazione sia in ingegneria di processo. Nel corso di una conferenza stampa, svoltasi ieri 22 gennaio al Boote Dusseldorf, Giovanna Vitelli Vice Presidente del Gruppo Azimut Benetti e Marco Valle, Managing Director Azimut Yachts, hanno presentato i dati ufficiali relativi all'andamento del mercato per il cantiere, gli sviluppi tecnici e prossimi modelli che verranno lanciati sul mercato. La stagione nautica si prospetta decisamente positiva per Azimut Yachts, il brand del Gruppo Azimut Benetti che quest’anno, secondo il Global Order Book 2017, si è classificato per la 17° volta primo produttore mondiale di yacht di lusso sopra i 24 metri, con 2.594 metri di yacht prodotti. La divisione Azimut Yachts, che è focalizzata sulle imbarcazioni dai 12 ai 35 metri e che sviluppa circa il 50% del totale fatturato del Gruppo, nei primi quattro mesi dell’anno nautico (Settembre – Dicembre 2016) ha viaggiato, infatti, a velocità doppia rispetto al mercato registrando una raccolta ordini di oltre 221 milioni di euro. Al Düsseldorf Boat Show, in scena dal 21 al 29 gennaio 2017, il cantiere italiano esibirà ben 7 modelli, a coprire quasi tutte le collezioni Azimut Yachts: dal 14 metri Atlantis 43 – dalla classe indiscutibile, sportivo ma con stile – al 24 metri 77S – caratterizzato dall’eleganza sportiva, aggressivo e di classe allo stesso tempo.

Centro Servizi per il Mare


23 gennaio 2017 - Il 12 gennaio a Bruxelles, è stato inaugurato il Centro servizi per il mare (CS Mare), frutto di un protocollo d'intesa tra soggetti pubblici e privati nell'ambito dell'economia blu, delle politiche marittime integrate e del trasporto intermodale, con l’obiettivo di promuovere gli interessi del settore marittimo presso le istituzioni Ue, ma anche creare scambi e sinergie fra il sistema italiano e quello europeo, fra il pubblico e il privato. Oggi il CS Mare conta una ventina di realtà, comprese associazioni, università e autorità portuali. Fatto il punto su una serie di attività e progetti già in corso di realizzazione, per un totale di oltre €.100 mln, l'8 febbraio si svolgerà al PE un dibattito sul settore marittimo.

Riciclaggio delle navi


23 gennaio 2017 - La prima lista di cantieri autorizzati al riciclaggio delle navi di recente pubblicata dalla Commissione europea comprende solo 18 cantieri europei e raggiunge meno del 30% dell’obiettivo di capacità fissato dall’Ue. Secondo l’Ecsa, anche se l'elenco dell'Ue può servire ad elevare gli standard di riciclaggio delle navi in tutto il mondo e rispondere alla domanda di riciclaggio, emerge chiaramente l’esigenza di includere cantieri navali di paesi terzi e in particolare di quelli che già soddisfano gli standard internazionali stabiliti dalla Convenzione di Hong Kong sul riciclaggio delle navi sicuro e compatibile con l'ambiente. L’Ecsa sottolinea che le domande di ammissione presentate da cantieri di paesi terzi sono ancora all'esame delle autorità europee e che nel corso del 2017 saranno effettuate ispezioni per verificare le loro credenziali. Secondo l’Ecsa, considerando le navi portacontenitori, delle circa 150 unità inviate alla demolizione nel 2016, solo 16 navi di piccole dimensioni potrebbero essere demolite in uno dei cantieri della lista Ue tenuto conto dei limiti di tali impianti in termini di lunghezza e pescaggio delle navi. Per questo l’Ecsa sollecita con forza la Commissione ad ampliare al più presto l'elenco a strutture extra-europee.

Varato il nuovo superyacht di 74 metri di CRN


22 gennaio 2017 - Si è tenuto ieri 21 gennaio ad Ancona il varo del superyacht 74 metri custom costruito da CRN, CLOUD 9. Spettacolare e imponente combinazione di competenza ingegneristica e design innovativo, CLOUD 9 è il frutto della stretta collaborazione tra il cantiere CRN, Zuccon International Project e Winch Design. Destinata a un armatore di superyacht di lungo corso, l’imbarcazione verrà consegnata ad aprile 2017.

Gli aspetti tecnici del progetto sono stati sviluppati dall’ufficio tecnico di CRN in collaborazione con lo studio Zuccon International Project, che si è occupato del design delle linee esterne, mentre Winch Design ha curato le zone ospiti esterne, la livrea dello yacht, l’interior decòr e specifiche richieste dall'armatore. Il risultato finale sono oltre 1000 mq di elementi di design che arredano magnificamente tutti i ponti dello yacht. Alberto Galassi, Presidente di CRN e CEO del Gruppo Ferretti, ha affermato:
"È davvero entusiasmante per noi aver partecipato alla costruzione di questo straordinario yacht, che ha rappresentato per CRN una nuova, emozionante sfida. Questo incredibile 74 metri rafforzerà ulteriormente le competenze tecniche di CRN e la sua grande flessibilità nel lavorare su un concetto completamente nuovo al fine di trasformare in realtà la visione di un armatore. Il risultato finale è uno yacht all’avanguardia che unisce armoniosamente in sé tecnologie avanzatissime, un design sartoriale e le migliori peculiarità di CRN”.
 “È stato un grande piacere lavorare con Zuccon" ha commentato Andrew Winch di Winch Design. “Ho sempre ammirato i profili esterni ideati dall'Architetto Zuccon e operare fianco a fianco con lui e CRN su questo progetto è stato davvero emozionante. Il nostro studio aveva già in passato progettato un motor yacht da 60 metri per gli stessi Clienti, ai quali mi lega una forte amicizia, il che ha reso questo progetto ancor più piacevole. È un piacere lavorare ancora una volta con loro e sono profondamente grato della fiducia che mi hanno dimostrato”.

Eni Global 100 Most Sustainable Corporations in the World


22 gennaio 2017 – Eni è stata confermata nell’indice Global 100 Most Sustainable Corporations in the World. L’annuncio è stato dato durante il World Economic Forum di Davos. L’indice, lanciato nel 2005 da Corporate Knights, società canadese di informazione finanziaria, media e ricerca dedicata a quantificare e divulgare i drivers del capitalismo “sostenibile”, elegge ogni anno le 100 aziende più sostenibili tra le più grandi società al mondo. Corporate Knights analizza le compagnie con una capitalizzazione superiore a 2 miliardi di dollari secondo 14 KPI (Key Performance Indicator), sulla base di dati pubblici e seguendo una metodologia trasparente. I KPI riguardano la gestione delle risorse, dei dipendenti e delle finanze, i fornitori e le emissioni inquinanti. Questo risultato conferma ancora una volta l'attenzione che Eni rivolge costantemente allo sviluppo sostenibile e alla gestione responsabile del proprio business.

A maggio 2017 il primo Versilia Yachting Rendez-Vous.


22 gennaio 2017 - Un evento nautico di respiro internazionale, che esprima l’alto di gamma della nautica mondiale, glamour e con un innovativo format trasversale che coinvolgerà il territorio e valorizzerà il meglio del Made in Italy non solo nautico. E’ questo, in sintesi, il primo Versilia Yachting Rendez-vous, che si svolgerà dall’11 al 14 maggio 2017 a Viareggio, con un ricco programma di eventi nelle più rinomate località della Versilia, quali Pietrasanta e Forte dei Marmi.

L’evento, ideato e fortemente voluto da Nautica Italiana, vedrà impegnata nell'organizzazione Fiera Milano e potrà inoltra contare sulla collaborazione, sul campo, del Distretto Tecnologico per la Nautica e la Portualità Toscana, di Regione Toscana, del Comune di Viareggio, dei Comuni della Versilia e di altri soggetti locali, con l’intento di coinvolgere tutto il comparto e le associazioni di settore nazionali ed internazionali.

 Il Versilia Yachting Rendez-vous nasce per dare nuovo risalto alle potenzialità dell’industria nautica d’eccellenza, che in Toscana ha un forte insediamento, in cui la progettualità e la tecnologia, unite alla qualità artigianale, si coniugano perfettamente in un territorio, quello toscano, riconosciuto nel mondo per la bellezza, l’arte, l’accoglienza e lo stile di vita italiano. Fondazione Altagamma, a cui Nautica Italiana è affiliata, sarà coinvolta nella costruzione del programma e degli eventi collaterali in qualità di organismo rappresentativo dell’alta industria culturale e creativa del Paese.

 Fiera Milano, con il coinvolgimento operativo del Distretto, si occuperà di tutte quelle attività necessarie all’organizzazione dell’iniziativa negli specchi d’acqua del porto di Viareggio. Dal commerciale, alla promozione e marketing dell’evento.

La società espositiva milanese, che vanta un’assoluta esperienza nell’organizzazione e nella gestione dei grandi eventi fieristici, sarà l’interfaccia operativa degli espositori, assistendoli a 360 gradi nello svolgimento di tutte le azioni necessarie alla loro presenza al Versilia Yachting Rendez-vous. Il progetto e il programma del Versilia Yachting Rendez-vous verrà presentato da organizzatori e promotori nel corso di una conferenza stampa che sarà annunciata nei prossimi giorni.

Michael Thamm responsabile di Carnival Corporation in Cina e in Asia


21 gennaio 2017 – Carnival Corporation & plc ha annunciato ieri oggi che il ruolo di Michael Thamm, CEO del Gruppo Costa, è stato ampliato con la nomina a CEO di Carnival Asia. Con la nuova nomina Thamm avrà la responsabilità di dirigere le operazioni in Cina e nel continente asiatico dei brand di Carnival Corporation presenti nella regione. Questo annuncio conferma l’importanza che riveste per Carnival Corporation il mercato cinese, prossimo a diventare uno dei pilastri del suo business globale.
“Essendo la più grande compagnia di crociere in Cina, Carnival Corporation è entusiasta di prendere parte al boom asiatico, soprattutto in Cina, dove l’economia in rapida crescita sta fortemente alimentando la domanda dei consumatori. Tutto ciò è anche in linea con l’obiettivo del governo cinese, che ha dichiarato di voler passare da un’economia basata sugli investimenti a una trainata dai consumi. Stiamo lavorando per accelerare la crescita del settore crocieristico in Cina, coerentemente con l’attuale piano quinquennale del governo”, dichiara Arnold Donald, CEO di Carnival Corporation & plc. “Michael Thamm saprà sfruttare il forte slancio attuale e la posizione dominante di Carnival Corporation nel mercato, mettendo a frutto le sue comprovate doti di leadership e le sue eccezionali competenze nel settore.” Tra le nuove mansioni di Thamm figurano anche la promozione della cooperazione strategica con il governo cinese e altri partner commerciali locali, nonché lo sviluppo di un settore crocieristico cinese duraturo e sostenibile. “Guardo con entusiasmo al mio nuovo ruolo e sono pronto a promuovere la crescita della nostra azienda e la sua leadership di settore nella regione. Collaboreremo con i partner locali per costruire e sviluppare un robusto ecosistema in grado di sostenere la crescita del settore crocieristico in Cina, aiutando il Paese a diventare uno dei protagonisti sul mercato globale”, ha dichiarato Michael Thamm.

Isa Yachts svela il nuovo progetto 141 super sportivo


21 gennaio 2017 - ISA YACHTS ha svelato i nuovi dettagli del secondo modello della nuova linea ISA Super Sport, annunciata durante l’ultimo Monaco Yacht Show 2016. Questa gamma, disegnata da Marco Casali, è composta da due modelli (121 e 141) realizzati in materiali compositi e concepita come una naturale evoluzione della fortunata gamma ISA SPORT.

Una linea che mette in risalto la sua natura sportiva e fonde le line inconfondibili con uno stile ispirato alle ultime tendenze del mondo automotive. Allo stesso tempo mantiene inalterate le caratteristiche di abitabilità del modello originale. Il progetto 141 Super Sportivo spicca per un profilo dinamico e al contempo elegante, mantenendo lo stile e la classe propri del cantiere.

Con volumi maggiori rispetto a quelli della sorella minore, il 141 ha il suo cuore pulsante nell’ampio e largamente equipaggiato flying bridge con un T-top ispirato allo storico design ISA. Il pozzetto è concepito su più livelli, così da regalare all’armatore e ai suoi ospiti differenti modalità di approccio al mare, con un particolare accento sul design delle scale, che riporta alla mente l’architettura barocca italiana.

Una scala con tre aree prendisole, vasca idromassaggio, divani e tavolo da pranzo, oltre a un American bar collegato direttamente al pozzetto. Il tutto è servito da numerose aree di stivaggio. Una caratteristica unica di questo yacht è la scala che collega direttamente il ponte inferiore con la beach-area. I gradini si trovano sotto il fondo vetrato della piscina: una soluzione che regala uno spettacolare gioco di luci sul ponte inferiore, interrompendo il corridoio e trasformandolo in un luogo di pura emozione. La beach-area prodiera può essere totalmente riparata con tende da sole e – grazie alle sue generose dimensioni - consente all’equipaggio di servire il pranzo o la colazione agli ospiti senza dover attraversare il salone. Numerose le possibilità di personalizzazione della cabina armatoriale, che può ospitare una piattaforma privata abbattibile, creando così un accesso diretto al mare e regalando un panorama unico anche la notte, grazie alla possibilità di avere una porta scorrevole interamente in cristallo.

Lavoro al porto di Trieste: 225 i nuovi assunti dal 2015 ad oggi

21 gennaio 2017 - Bilancio estremamente positivo nel settore del lavoro allo scalo giuliano. Dal 2015 ad oggi, 225 sono state le nuove assunzioni dirette in totale, tra contratti a tempo determinato e indeterminato. Una vera accelerazione nel settore della portualità triestina, che ha creato stabilità produttiva e occupazionale.

 L’iniziativa rientra in un piano di riorganizzazione dello scalo e dello sviluppo di nuovi servizi, che motivano e sostengono economicamente tale aumento occupazionale, sia sul fronte della macchina amministrativa dell’Authority, sia delle partecipate, includendo la gestione operativa del lavoro in porto. Nel dettaglio, l’operazione ha portato all’assunzione di 26 nuove risorse negli uffici della Torre del Lloyd, di cui 15 frutto di un concorso pubblico in corso di svolgimento, in collaborazione con l’Agenzia regionale per il Lavoro della Regione Friuli Venezia Giulia.

Altrettanto incoraggianti i dati dal fronte delle società partecipate: la Porto di Trieste Servizi, multiutility in-house dell’Autorità, è passata da 15 a 40 dipendenti nell’ultimo biennio. Mentre Adriafer, società che si occupa di gestire la manovra ferroviaria in porto ha assunto 40 nuove risorse, segno tangibile che i servizi ferroviari sono un asset dello scalo.

Oltre all’iniezione di nuova linfa nel settore delle risorse umane, la grande sfida è stata l’adozione di un innovativo modello di gestione del lavoro, che ha visto la costituzione dell’ALPT, l’agenzia per il lavoro portuale, nata un anno fa su impulso dell’Authority giuliana, che ha portato alla stabilizzazione a tempo indeterminato di 134 persone.

 Una svolta nella gestione dello scalo, voluta dal presidente dell’AdSP, Zeno D’Agostino e dal segretario generale, Mario Sommariva. Anche se i traffici registrano un buon aumento complessivo, l’obiettivo costante del management rimane la valorizzazione del lavoro e l’ottimizzazione delle infrastrutture esistenti specie quelle ferroviarie, che rendono Trieste unico scalo a vocazione internazionale nel panorama portuale italiano, permettendole di servire, con collegamenti diretti e giornalieri, il cuore del Centro Est Europa. “Il nostro punto di forza – commenta D’Agostino – è aver colto il cambiamento in corso nel mondo della portualità ed aver adottato un sistema di business sostenibile, senza progetti faraonici da promuovere, ma dando valore alle risorse umane e garanzie tangibili agli investitori privati.”

OPEN 2016, bando per progetti innovativi per l'audience engagement


21 gennaio 2017 - Sono partiti e stanno dando riscontri e risultati positivi i progetti vincitori del bando OPEN, promosso dalla Compagnia di San Paolo. OPEN sostiene le iniziative che mirano ad ampliare e diversificare la domanda culturale da parte dei cittadini attraverso la sperimentazione di nuove forme di coinvolgimento attivo del pubblico ed è alla sua seconda edizione. Già a partire dal 2015 con il bando OPEN la Compagnia di San Paolo ha deciso di lavorare su nuovi modelli di relazione tra istituzioni culturali e spettatori individuando nella centralità del pubblico una possibile leva di crescita individuale e territoriale.La Compagnia si è rivolta a enti pubblici, enti privati non profit, imprese sociali, associazioni, cooperative sociali e dello spettacolo, dell’informazione e del tempo libero, alla ricerca di progetti innovativi che favoriscano l’allargamento della domanda culturale - in particolare sul territorio di riferimento della Compagnia (Piemonte, Liguria e Valle D’Aosta) – per produrre ricadute durevoli nel tempo. Il bando ha ricevuto una risposta massiccia in entrambe le edizioni con un totale di 315 progetti prevenuti nell’arco di apertura delle due call. Il Comitato di Gestione della Compagnia di San Paolo ha premiato complessivamente 31 progetti, di cui 13 nel 2015 e 18 nel 2016, per un impegno complessivo di € 465.000 per il 2015, incrementato del 30% nella seconda edizione arrivando a un contributo di € 609.000 per i progetti vincitori del 2016 (totale nel biennio: € 1.074.000). Come emerso dall’Osservatorio Culturale del Piemonte durante il Convegno conclusivo degli Stati generali della cultura tenutosi lo scorso 14 dicembre, il Piemonte sta continuando nel suo percorso di sviluppo del settore museale e dei beni culturali. Ma, prendendo in considerazione una lettura comprensiva dell’intero territorio italiano, se l’offerta resta considerevole, la domanda e la partecipazione rimangono essenzialmente immutate quando non ridotte rispetto al passato. In questo ambito si inserisce l’intervento della Compagnia di San Paolo, fondazione sempre più attiva nella ricerca e nel sostegno in tema di innovazione culturale, che ha considerato l’audience engagement tema prioritario in quanto forza propulsiva volta alla costruzione di una risposta concreta alle necessità culturali del territorio.

2016 record year for Valletta Cruise Port


January 21, 2017 - According to figures published by the National Statistics Office (NSO), 2016 was yet another record year for cruiseline passengers visiting Malta. A total of 682,222 passenger movements were recorded, meaning an increase of 2% on 2015. As per NSO statistics, which exclude embarking passengers, the 2016 landed passengers amounted to 626,082. The Minister for Tourism Hon. Dr. Edward Zammit Lewis welcomed these positive figures for the local cruise line sector.

The Minister noted that according to a study commissioned by the Valletta Cruise Port, it is estimated that in 2015 the cruiseline industry contributed around €90 million through direct expenditure into the Maltese Economy.
‘’Moreover, the multiplier effect increases this contribution and creates even further economic benefits,’’ explained Minister Dr. Zammit Lewis. Minister Zammit Lewis stated that the sister island of Gozo is also reaping extensive economic benefits from the success generated by the cruise sector. In 2016, according to figures produced by Transport Malta, 19 cruise port calls were registered in Gozo, and that carried nearly 7,000 passengers. ‘’This number of passengers is actually double that recorded in 2012,’’ continued the Minister for Tourism. 
The Minister noted that Malta is strategically positioned in the middle of the Mediterranean and also enjoys a resilient level of security while this industry is serving as an important incentive for regeneration projects and investment particularly within the Grand Harbour region.

Fincantieri: two ships for Carnival Corporation


January 20, 2017 – Fincantieri has signed a memorandum of agreement with Carnival Corporation & plc for the construction of two new cruise ships of an overall value exceeding 1 billion euros. These ships will be built for Holland America Line (HAL) and Princess Cruises. The final contracts, subject to several conditions, including satisfactory shipowner financing, are expected to be executed in early 2017. Holland America Line’s new ship will be built at Fincantieri’s yard in Marghera, with an expected delivery in 2021. She will be a 99,500 ton and 2,660-guest ship and the third “Pinnacle” class vessel, after ms Koningsdam, delivered in March 2016, and Nieuw Statendam, scheduled for delivery in 2018, both from Marghera shipyard.

 The ship will feature several of the innovative venues that were already introduced on this class. The new Princess Cruises ship will be about 145,000-tons, carrying 3,660 passengers, and will include the signature elements that have become synonymous with the Princess guest experience. She will be built in Monfalcone with an expected delivery in 2022, and will be the sixth "Royal" class vessel, featuring the successful design platform used on “Royal Princess”, delivered in 2013, “Regal Princess”, delivered in 2014, and “Majestic Princess”, the world’s first ship designed specifically for the Chinese market and scheduled for delivery at the end of March 2017, as well as its sister ships – the two yet-to-be-named vessels also under construction by Fincantieri scheduled for delivery in 2019 and 2020. Each of these new ships will be specifically designed and developed for each brand and the guests and markets it will serve.
“We are extremely pleased to formally announce these two new ships and build on the success and popularity of their sister ships already sailing guests around the globe”, said Arnold Donald, CEO of Carnival Corporation. 
“Our goal is to exceed expectations of the 11.5 million guests who sail with us each year, and these new ships will offer more opportunities for our guests to create lifelong vacation memories while generating added excitement around the fast-growing global demand for cruise vacations”.
 Donald added: “Using our strategic fleet enhancement plan to introduce new ships is an important part of our measured capacity growth strategy, which includes replacing less efficient ships with newer, larger and more efficien

Top